In attesa della prima batteria a ossigeno e idrogeno del mondo - Pagina 5
Flop mercati emergenti: nel 2019 surclassati dall’MSCI World, il maggior rischio non premia neanche a 5 e 10 anni 
È proseguita, nel terzo trimestre 2019, la fase di turbolenza dei mercati emergenti, che faticano a seguire il rally delle maggiori Borse mondiali. La serie di tagli dei tassi della …
Tassi bassi cambiano le regole del risparmio: investire ‘di più e prima’ per non perdere battaglia dei rendimenti
Quando allochiamo i nostri soldi in investimenti a basso rischio o nei conti correnti, che hanno aiutato la generazione precedente alla nostra a risparmiare per la pensione, i rendimenti che …
Dividendi d’autunno, gli stacchi sul Ftse Mib del 18 novembre. Nel 2020 attese cedole maxi da Unicredit e FCA
Spicca la novità di Poste Italiane tra le società di Piazza Affari che sono abituate a dare in pasto ai loro azionisti l’acconto dividendo nella stagione autunnale. In tutto lunedì …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #41
    L'avatar di thaitanium
    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    945
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    313 Post(s)
    Potenza rep
    31566966
    Inizia la fase di messa in servizio per la Microrete in Australia

    Parigi-Milano, 19 gennaio 2017 – Electro Power Systems S.A. (“EPS”) leader tecnologico nei sistemi di stoccaggio di energia e microreti quotato sul mercato regolamentato Euronext di Parigi (EPS:FP), ha annunciato l’avvenuta spedizione a Coober Pedy, nell’Australia meridionale, del sistema di accumulo asservito alla microrete del Coober Pedy Renewable Hybrid Power Project. L’arrivo a destinazione, previsto per fine febbraio, rappresenterà l’avvio ufficiale della fase di installazione e messa in servizio del progetto, assegnato ad una società del gruppo Toshiba e realizzato in partnership con EPS. La spedizione del sistema è avvenuta a valle del FAT (Factory Acceptance Test) completato nella seconda metà di dicembre 2016 presso il sito produttivo di EPS a Delebio (Sondrio).

  2. #42
    L'avatar di ricciotto
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    5,684
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    364 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Bene

    ... credo molto in questa azienda .. speriamo bene.
    Quantomeno mi sembra possa contare su un management serio

  3. #43
    L'avatar di thaitanium
    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    945
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    313 Post(s)
    Potenza rep
    31566966
    Citazione Originariamente Scritto da ricciotto Visualizza Messaggio
    Bene

    ... credo molto in questa azienda .. speriamo bene.
    Quantomeno mi sembra possa contare su un management serio
    Esatto,anch'io mi fido del managment e del progetto aziendale,penso che il tempo ci darà ragione.

  4. #44
    L'avatar di thaitanium
    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    945
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    313 Post(s)
    Potenza rep
    31566966
    ELECTRO POWER SYSTEMS +2,8% Al WEF di Davos si è parlato della sua tecnologia 26/01/2017 09:27 - WS

    Electro Power Systems (EPS.PAR) balza in avanti del 2,8% a 6,17 euro.
    È arrivata una nuova prova dell'ottima reputation della società torinese quotata alla Borsa di Parigi, dotata di tecnologia leader nei sistemi di stoccaggio di energia e nelle microreti. Benedict Sobotka, Ceo di Eurasian Resources Group (nella foto), uno dei più grandi miner al mondo con oltre 75mila dipendenti principalmente in Africa, intervistato da CNBC al World Economic Forum di Davos ha parlato della collaborazione tra la sua società ed Electro Power Systems.

    "L'energia è da sempre la più grande delle sfide in Africa, ed in tale settore si devono concentrare i più grandi sviluppi", ha detto il top manager, "Tuttavia, non ha più senso investire in centrali idroelettriche o a carbone, ma sono necessarie moltissime fonti di energia distribuita. Ci sono molte valide startups in questo settore, ad esempio noi lavoriamo con EPS, una società straordinariamente smart che lavora nel settore delle smart grid e micro-reti per distributed energy, perché il continente non ha certo il tempo per essere coperto da una grande infrastruttura di rete tradizionale".

    I risultati dei primi 9 mesi del 2016 di Electro Power Systems hanno visto:

    1) ricavi pari a 4 milioni di euro, portafoglio ordini in crescita a 5,8 milioni di euro;

    2) forte crescita della pipeline e dimensione media dei potenziali progetti a 5 milioni di euro;

    3) nuova linea di credito da Banca Sella che porta i finanziamenti del 2016 a 10 milioni di euro;

    4) messa in servizio della prima microrete alle Maldive da 4 megawatt; entro il primo semestre 2017 saranno operative microreti per 33 megawatt di potenza installata.

    La solidità operativa e la crescita degli ordini hanno consentito al gruppo di aggiornare la stime sui ricavi consolidati 2016, che sale nel range di 6,5 - 6,9 milioni di euro, rispetto ai 6,1 - 6,7 milioni di euro comunicati durante la presentazione al mercato dei risultati al 30 giugno 2016.

    La posizione finanziaria netta del gruppo al 30 settembre 2016 era pari ad 2,3 milioni di euro.

    Homepage Websim
    Consulenza small cap, bond, certificates, analisi fondamentale

  5. #45
    L'avatar di thaitanium
    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    945
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    313 Post(s)
    Potenza rep
    31566966
    EPS - Da startup a player globale dell’Energy storage. Ora fa gola a molti
    31/01/2017 08:54 WS
    Nella sede milanese della Bovisa i contabili stanno verificando gli ultimi numeri dell'esercizio 2016. I dati piovono sull'iPad del Ceo Carlalberto Guglielminotti e gli innescano sorrisi di godimento, uno dopo l'altro. Ormai non ci sono dubbi: Electro Power Systems (EPS.PAR), la startup nata da uno spinoff dei Politecnici di Torino e Milano e quotata alla Borsa di Parigi quando era poco più che un'idea, ha vinto la scommessa.

    La società si è data una mission molto concreta: trasformare le fonti rinnovabili intermittenti in una vera e propria fonte di energia stabile, attraverso innovativi sistemi di stoccaggio e microreti, in grado di accoppiare l'idrogeno per eliminare la generazione a gasolio.

    Il piano industriale che era stato illustrato agli investitori due anni fa, in occasione della quotazione sul mercato, è stato rispettato passo dopo passo. La società è oggi una realtà accreditata a livello internazionale, un punto di riferimento anche per i giganti del settore che osservano attentamente l'eccellenza tecnologica di questa azienda, che vanta 125 brevetti. Metà degli 85 dipendenti di Eps sono ingegneri, e la metà di loro vanta un Phd.

    "Oggi lavoriamo con clienti come General Electric, Enel, Terna e Toshiba" dice Guglielminotti. E aggiunge: "I numeri sono molto soddisfacenti, ma danno solo una pallida idea delle potenzialità enormi di questo business: il fatturato 2016 sarà nella parte alta del range che avevamo indicato in autunno, fra 6,4 e 6,9 milioni di euro, con un gross margin in linea con la semestrale". L'anno prima i ricavi avevano superato di poco 1 milione di euro.

    Al convegno di McKinsey "Utility of the Future" a Singapore, l'ottobre scorso, l'Energy Storage e l'intelligenza artificiale (A.I.) sono stati indicati come i due megatrend tecnologici più importanti del 2017 ed Eps è stata la success story selezionata per l'evento.

    Il concetto di fondo è che grazie agli enormi sviluppi delle fonti rinnovabili, tutto il mondo si sta interrogando se non valga la pena cambiare il modo di produrre energia elettrica. I grandi impianti termici a carbone, gasolio e gas sono superati sul piano della convenienza dalle pale eoliche e dai pannelli fotovoltaici, che però hanno un limite, quello dell'intermittenza della produzione. Ed è qui che entrano in gioco i sistemi di stoccaggio di energia, in grado di rendere stabile la produzione da rinnovabili.

    "Nell'Energy storage abbiamo la tecnologia più efficiente, più affidabile e meno costosa - dice Guglielminotti (nella foto) -. I primi a rendersene conto sono state Enel e Terna che sono oggi nostri partner".

    Nei Paesi ad economia più avanzata, fortemente penetrati da fonti rinnovabili, EPS offre insieme ai suoi partner sistemi di stoccaggio di energia per dare stabilità alle reti (grid support) a costi inferiori rispetto al gas e al carbone.

    Nei Paesi emergenti, invece, il business è quello delle microreti connesse a impianti locali di produzione da rinnovabili abbinati ai generatori a gasolio. In Africa, dove vive il 15% della popolazione mondiale e viene prodotto solo il 2% dell'elettricità, non c'è più nessuno che progetti l'elettrificazione del Continente partendo da megacentrali. Il focus è sullo sviluppo di microreti: i progetti sono orientati verso impianti distribuiti, dove la generazione a gasolio esistente viene ibridata con rinnovabili, rese stabili da sistemi di storage.

    A meno di due anni dalla quotazione Eps ha installato e ha in corso di messa in servizio 36 progetti di grande taglia, tra i quali sistemi ibridi off-grid alimentati in microrete da rinnovabili e stoccaggio di energia per una capacita` totale di 47 MWh e 25 MW di sistemi in 21 Paesi in Europa, America Latina, Asia e Africa, dando energia ad oltre 160.000 persone ogni giorno.

    A inizio 2017, spiega Guglielminotti, Eps ha una pipeline di progetti da oltre 100 milioni di euro, di cui 40 milioni in "hard pipeline", che vuole dire che i progetti sono nella fase finale della negoziazione o della gara, oppure dove il cliente finale sta strutturando il finanziamento dell'operazione.

    L'amministratore delegato conferma una previsione di ricavi per il 2017 in linea con il consensus degli analisti, compresa fra 15 e 20 milioni. I mezzi finanziari per raggiungere questi obiettivi non mancano e la società gode del supporto dei principali istituti finanziari italiani: in prima linea c'è Intesa Sanpaolo, ufficialmente house bank di riferimento di Eps.

    Detto questo, è lecito domandarsi se una società così piccola possa affrontare da sola il mercato mondiale dell'Energy storage. Risponde Guglielminotti: "Stiamo valutando il piano futuro di investimenti. Fra le diverse opzioni c'è quella di collaborare intensamente con un partner industriale di rilievo. Abbiamo dialoghi in corso con alcuni grandi player mondiali. Vedremo…"

    Oggi il principale azionista di Eps con il 29% del capitale è il fondo di investimento 360 Capital Partners. La banca d'investimento torinese Ersel ha una quota del 19% e il management ha complessivamente il 6%.

    Al prezzo attuale di 6,10 euro, Eps capitalizza poco meno di 50 milioni di euro. Tutti e tre i broker che seguono il titolo, Cantor Fitzgerald, Société Générale e la francese Invest Securities, hanno raccomandazione Buy con target price fra 8,20 euro e 10,50 euro.

    Homepage Websim

  6. #46

  7. #47
    L'avatar di Implacabile
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    6,665
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    1051 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Davvero molto interessante. Complimenti a chi è dentro questa grande avventura Italiana.

  8. #48
    L'avatar di thaitanium
    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    945
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    313 Post(s)
    Potenza rep
    31566966
    Citazione Originariamente Scritto da Implacabile Visualizza Messaggio
    Davvero molto interessante. Complimenti a chi è dentro questa grande avventura Italiana.
    Io sono dentro,ma penso che sia il momento buono per entrare per chi ancora è fuori,la presentazione dei preliminari del bilancio 2016 saranno comunicati il 28.02 e saranno approvati il 16.03.Secondo me è un titolo che può dare soddisfazioni nel medio/lungo termine.

  9. #49
    L'avatar di Implacabile
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    6,665
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    1051 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da thaitanium Visualizza Messaggio
    Io sono dentro,ma penso che sia il momento buono per entrare per chi ancora è fuori,la presentazione dei preliminari del bilancio 2016 saranno comunicati il 28.02 e saranno approvati il 16.03.Secondo me è un titolo che può dare soddisfazioni nel medio/lungo termine.
    Io sono un investitore di lungo termine; sono abituato ad aspettare diversi lustri; appena libero un po' di liquidità penso di entrare, in ottica 3/5 anni.
    Se scatta l'accordo con un grosso partner industriale, bisognerà allacciare le cinture di sicurezza.

  10. #50
    L'avatar di thaitanium
    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    945
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    313 Post(s)
    Potenza rep
    31566966
    In questo momento sono sospese per eccesso di rialzo a €6,60...molto bene direi...secondo me c'è odore di accordi con qualche big del settore...

Accedi