"La Russia guadagna dalle sanzioni" - veritÃ*, propaganda, entrambi? - Pagina 6
La migliore protezione contro la recessione? E’ Beyonce. Parola della CIO di Goldman
Mentre l?inflazione continua a correre e la Federal Reserve tenta di correre ai ripari tra i timori di una recessione all’orizzonte, gli investitori di tutto il mondo stanno cercando di …
Premier Olanda perentorio sullo spread Btp-Bund: tocca all’Italia creare condizioni per ridurlo
Il primo ministro olandese, Mark Rutte, non usa giri di parole per far capire all’Italia che dovrebbe farsi carico della gestione del costo del suo debito pubblico nei mercati finanziari. …
Re Rebaudengo (Elettricità Futura): “Rinnovabili sono strada maestra per indipendenza energetica e bollette più leggere”
L’invasione della Russia in Ucraina ha esacerbato la crisi energetica, facendo lievitare ulteriormente il costo del gas. Un’emergenza che ha visto subito una risposta concreta dell’Unione Europea che ha varato …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #51
    L'avatar di Pangolino
    Data Registrazione
    Jun 2021
    Messaggi
    443
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    365 Post(s)
    Potenza rep
    16358807
    Citazione Originariamente Scritto da freetimenow Visualizza Messaggio
    Mah .. avendo viaggiato in Russia in effetti la storia che hanno il PIL della Spagna è difficile da credere. Secondo me c’è un quantitativo di nero da quelle parti da spavento e sicuramente sottostimato da tutte le statistiche ufficiali.
    Il fatto è che il PIL nominale non tiene conto degli effetti distorsivi introdotti dalle monete stesse in cui il PIL viene espresso.
    Se correggi il PIL usando il potere di acquisto probabilmente ottieni risultati più in linea con l'impressione che ottieni quando visiti il paese e ne consideri la dimensione.
    Per esempio se correggi i PIL in questo modo, ottieni una classifica della ricchezza prodotta piuttosto diversa.
    Secondo stime dell'IMF per il 2022 la classifica sarebbe questa:

    Cina 30.18
    US 25.35
    India 11.75
    Giappone 6.11
    Germania 5.27
    Russia 4.37
    Indonesia 4.00
    UK 3.75
    Brasile 3.68
    Francia 3.68
    Turchia 3.21
    Italia 2.97
    Messico 2.89
    Corea (Sud) 2.74
    Canada 2.24
    Spagna 2.21

    I valori sono espressi in trillioni di Dollari Internazionali. Una valuta ipotetica funzionale al calcolo.
    In questa lista la Russia è al 6° posto. La Spagna al 16°. Con una ricchezza russa prodotta pari al doppio di quella spagnola.
    Nonostane questa correzione la Russia rimane una nazione arretrata: per esempio ha un PIL un po' inferiore a quello della Germania, ma la Russia ha una popolazione molto maggiore.
    Tuttavia questi calcoli probabilmente fanno maggiore giustizia rispetto alle macroscopiche distorsioni dei PIL nominali.
    In particolare se uno vuole guardare al potenziale bellico in termini produttivi il PIL dovrebbe ulteriormente essere corretto.
    E in questo caso probabilmente la Russia scalerebbe la classifica ponendosi sicuramente prima della Germania e del Giappone.
    Prima di scatenare l'offensiva contro l'URSS, i tedeschi facevano i discorsi riduttivi che oggi sento fare nei confronti della Russia.
    L'Unione Sovietica veniva ritenuta anche giustamente un paese arretrato e che non avrebbe retto l'urto della Wehrmacht. E' finita con i sovietici a Berlino.
    Il fatto è che l'arrettratezza dettata da certi canoni non sempre corrisponde con un'inferiorità in termini di potenziale bellico.
    Oggi le comparazioni con i PIL nominali sono ancora più distorsivi perchè i PIL occidentali sono gonfiati di produzioni assolutamente irrilevanti ai fini della guerra. L'occidente per autocelebrazione e arroganza rischia di fare la fine della Germania nazista.
    O magari anche peggio.
    Poi se veramente ci fosse una prospettiva di guerra secondo me la NATO si sfalderebbe senza neanche combattere.
    Vorrei vedere in occidente chi vuole mettersi gli stivali sulla base delle scelte "strategiche" dei rispettivi politici.
    Un popolo arretrato e di slavi come gli ucraini può anche essere disposto a morire per la Patria e per Zelensky.
    Pur avendo gli italiani tanti difetti, dubito che siano così stupidi da essere disposti a morire per Draghi, un vecchio cameriere degli americani, e per Di Maio, l'assistente cameriere di belle speranze.

  2. #52

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    13,654
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    1518 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da Maestr Visualizza Messaggio
    A mio parere solo in malafede si può pensare che la russia guadagnerà qualcosa dalle sanzioni e dalla guerra.
    direi che in gran parte la propaganda è fatta da persone in malafede, sanno che mentono

    quanto e come le sanzioni avranno un impatto e quanto rapidamente è invece tema di discussione

  3. #53

    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    6,973
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    571 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Pangolino Visualizza Messaggio
    Il fatto è che il PIL nominale non tiene conto degli effetti distorsivi introdotti dalle monete stesse in cui il PIL viene espresso.
    Se correggi il PIL usando il potere di acquisto probabilmente ottieni risultati più in linea con l'impressione che ottieni quando visiti il paese e ne consideri la dimensione.
    Per esempio se correggi i PIL in questo modo, ottieni una classifica della ricchezza prodotta piuttosto diversa.
    Secondo stime dell'IMF per il 2022 la classifica sarebbe questa:

    Cina 30.18
    US 25.35
    India 11.75
    Giappone 6.11
    Germania 5.27
    Russia 4.37
    Indonesia 4.00
    UK 3.75
    Brasile 3.68
    Francia 3.68
    Turchia 3.21
    Italia 2.97
    Messico 2.89
    Corea (Sud) 2.74
    Canada 2.24
    Spagna 2.21

    I valori sono espressi in trillioni di Dollari Internazionali. Una valuta ipotetica funzionale al calcolo.
    In questa lista la Russia è al 6° posto. La Spagna al 16°. Con una ricchezza russa prodotta pari al doppio di quella spagnola.
    Nonostane questa correzione la Russia rimane una nazione arretrata: per esempio ha un PIL un po' inferiore a quello della Germania, ma la Russia ha una popolazione molto maggiore.
    Tuttavia questi calcoli probabilmente fanno maggiore giustizia rispetto alle macroscopiche distorsioni dei PIL nominali.
    In particolare se uno vuole guardare al potenziale bellico in termini produttivi il PIL dovrebbe ulteriormente essere corretto.
    E in questo caso probabilmente la Russia scalerebbe la classifica ponendosi sicuramente prima della Germania e del Giappone.
    Prima di scatenare l'offensiva contro l'URSS, i tedeschi facevano i discorsi riduttivi che oggi sento fare nei confronti della Russia.
    L'Unione Sovietica veniva ritenuta anche giustamente un paese arretrato e che non avrebbe retto l'urto della Wehrmacht. E' finita con i sovietici a Berlino.
    Il fatto è che l'arrettratezza dettata da certi canoni non sempre corrisponde con un'inferiorità in termini di potenziale bellico.
    Oggi le comparazioni con i PIL nominali sono ancora più distorsivi perchè i PIL occidentali sono gonfiati di produzioni assolutamente irrilevanti ai fini della guerra. L'occidente per autocelebrazione e arroganza rischia di fare la fine della Germania nazista.
    O magari anche peggio.
    Poi se veramente ci fosse una prospettiva di guerra secondo me la NATO si sfalderebbe senza neanche combattere.
    Vorrei vedere in occidente chi vuole mettersi gli stivali sulla base delle scelte "strategiche" dei rispettivi politici.
    Un popolo arretrato e di slavi come gli ucraini può anche essere disposto a morire per la Patria e per Zelensky.
    Pur avendo gli italiani tanti difetti, dubito che siano così stupidi da essere disposti a morire per Draghi, un vecchio cameriere degli americani, e per Di Maio, l'assistente cameriere di belle speranze.
    Ma infatti.

    Come si può credere che questo bordello sia prodotto da una nazione che ha il peso economico della Spagna?

    Eppure...

    Comunque, una cosa in comune Spagna e Russia ce l'hanno: l'elevato livello di disuguaglianze.

    Entrambi sono degli ex imperi. Non è un caso.

  4. #54

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    13,654
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    1518 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da San Siro Visualizza Messaggio
    Ma infatti.

    Come si può credere che questo bordello sia prodotto da una nazione che ha il peso economico della Spagna?

    Eppure...

    Comunque, una cosa in comune Spagna e Russia ce l'hanno: l'elevato livello di disuguaglianze.

    Entrambi sono degli ex imperi. Non è un caso.
    io mi son limitato a segnalare che dire che il pil russo è (circa) quello spagnolo non è una vulgata, ma un dato.

    Poi chi non ama quel dato può segnalare che preferisce altri dati, ad esempio il pil procapite, il pil procapite a pari potere d'acquisto, il pil a pari potere d'acquisto, o l'aspettativa di vita alla nascita od altro ancora. Vi son dati per ogni gusto e preferenza

  5. #55
    L'avatar di Pangolino
    Data Registrazione
    Jun 2021
    Messaggi
    443
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    365 Post(s)
    Potenza rep
    16358807
    Citazione Originariamente Scritto da piof Visualizza Messaggio
    io mi son limitato a segnalare che dire che il pil russo è (circa) quello spagnolo non è una vulgata, ma un dato.

    Poi chi non ama quel dato può segnalare che preferisce altri dati, ad esempio il pil procapite, il pil procapite a pari potere d'acquisto, il pil a pari potere d'acquisto, o l'aspettativa di vita alla nascita od altro ancora. Vi son dati per ogni gusto e preferenza
    Infatti ci sono diverse misurazioni. In un certo contesto una misurazione è più adatta di altre. Il PIL rettificato in base al potere di acquisto è più utile nel misurare le reali capacità produttive di un certo paese. Il PIL nominale è ancora meno utile se cerchi di valutare le capacità di sostenere le necessità produttive di una guerra.
    L'uso improprio del PIL nominale è utile proprio ai propagandisti (che tu citi) per far sembrare il problema russo inferiore a quello che è realmente. Siamo in un contesto in cui la propaganda americana deve convincere gli ucraini a morire per Zelensky e per un concetto di patria. La vilificazione delle potenizalità dell'avversario è funzionale a questo.
    Incidentalmente questa propaganda è rivolta anche agli europei che si sono fatti abbindolare come gli ucraini. Gli europei finora pagano solo conseguenze economiche. Ma il prossimo passo mettere gli stivali sul campo, no? Lo sento dire sempre più da personaggi eccitati da questo clima.
    Vedi per esempio il tipo che diceva che bisogna sparare al lupo.
    Il problema di molti europei è che non si accorgono di essere manovrati dagli americani in modo deleterio e distruttivo.
    Se non ci sarà una nuova consapevolezza e un cambio di atteggiamento ci saranno solo macerie.
    Sicuramente una svolta di questo tipo non è da attendersi da Draghi che veramente è un cameriere di Biden. Ha pure lo standing e l'aspetto del cameriere.

  6. #56
    L'avatar di Paolo1956
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    6,298
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1723 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da San Siro Visualizza Messaggio
    Ma infatti.

    Come si può credere che questo bordello sia prodotto da una nazione che ha il peso economico della Spagna?

    Eppure...
    Beh, se la Spagna spendesse l'8 / 10% del suo PIL in armamenti, magari li autoproducesse anche, e conservasse ancora i carri e la artiglierie vecchie di 80 anni e magari costruisse anche una ventina di bombe atomiche l'anno, sarebbe una potenza militare, anche se la sua popolazione starebbe molto peggio.

  7. #57

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    13,654
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    1518 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    parte consistente del pil russo è legato a materie prime-produzioni agricole; non so se è molto convincente l'idea di valutare la produzione russa preferendo il pil a pari potere d'acquisto, non direi.
    E' un paese povero, con il pil della Spagna, esporta materie prime, accumula significative riserve in valuta estera; la ricchezza è assai concentrata; la spesa per armi/esercito è molto elevata. Normale che larga parte della popolazione sia povera o poverissima.
    L'aspettativa di vita alla nascita è infatti da paese povero, simile a quella di Moldavia, Bhutan, Iraq...ed Ucraina.
    Vorrei far notare che l'esercito russo, questo esercito così potente, fatica a conquistare qualche centinaio di km ai confini della Russia in un territorio del tutto favorevole all'attacco, una pianura, e che in parte già controllavano.
    La propaganda russa si è scontrata con la realtà, cose che capitano

  8. #58
    L'avatar di Pangolino
    Data Registrazione
    Jun 2021
    Messaggi
    443
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    365 Post(s)
    Potenza rep
    16358807
    Citazione Originariamente Scritto da piof Visualizza Messaggio
    parte consistente del pil russo è legato a materie prime-produzioni agricole; non so se è molto convincente l'idea di valutare la produzione russa preferendo il pil a pari potere d'acquisto, non direi.
    E' un paese povero, con il pil della Spagna, esporta materie prime, accumula significative riserve in valuta estera; la ricchezza è assai concentrata; la spesa per armi/esercito è molto elevata. Normale che larga parte della popolazione sia povera o poverissima.
    L'aspettativa di vita alla nascita è infatti da paese povero, simile a quella di Moldavia, Bhutan, Iraq...ed Ucraina.
    Vorrei far notare che l'esercito russo, questo esercito così potente, fatica a conquistare qualche centinaio di km ai confini della Russia in un territorio del tutto favorevole all'attacco, una pianura, e che in parte già controllavano.
    La propaganda russa si è scontrata con la realtà, cose che capitano
    Speriamo allora che nel frattempo l'esercito ucraino non collassi, così da poterci grogiolare ancora in questo meraviglioso senso di superiorità occidentale. Tu in particolare dovresti correre ad iscriverti nelle file dell'esercito ucraino in modo da non mancare sul podio della vittoria.
    Sento dire che stranamente ci sono molte posizioni vacanti.

  9. #59

    Data Registrazione
    Oct 2019
    Messaggi
    1,221
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1050 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da piof Visualizza Messaggio
    parte consistente del pil russo è legato a materie prime-produzioni agricole; non so se è molto convincente l'idea di valutare la produzione russa preferendo il pil a pari potere d'acquisto, non direi.
    E' un paese povero, con il pil della Spagna, esporta materie prime, accumula significative riserve in valuta estera; la ricchezza è assai concentrata; la spesa per armi/esercito è molto elevata. Normale che larga parte della popolazione sia povera o poverissima.
    L'aspettativa di vita alla nascita è infatti da paese povero, simile a quella di Moldavia, Bhutan, Iraq...ed Ucraina.
    Vorrei far notare che l'esercito russo, questo esercito così potente, fatica a conquistare qualche centinaio di km ai confini della Russia in un territorio del tutto favorevole all'attacco, una pianura, e che in parte già controllavano.
    La propaganda russa si è scontrata con la realtà, cose che capitano
    Ma veramente il mito della grande potenza militare russa mi sembra piu' una cosa fabbricata in occidente per giustificare certe spese militari. Per chi ne capiva qualcosa era chiaro da sempre che l'idea che (armi nucleari a parte) i russi potessero seriamente minacciare un grande stato europeo era risibile.

    Il problema e' che, avranno pure il PIL della Spagna, ma se le sanzioni non sono fatte in maniera intelligente possono destabilizzare economicamente il mondo in quanto producono circa il 15% del petrolio che si consuma nel mondo, oltre la meta' del gas che abbisogniamo in Europa e sono anche i primi esportatori di grano al mondo.

    Se i politici europei, che ormai assomigliano sempre piu a degli "influencer" invece che a Statisti, sparano annunci a raffica di sanzioni sull'Oil&Gas che poi saranno effettivamente applicate non si sa quando e non si sa come e con che possibilita' effettive di controllo, il risultato pratico e' che questi prodotti aumentano di prezzo OGGI e che Putin incassa di piu' OGGI. Questo e' ovvio e banale. Se fossero Statisti avrebbero fatto zero annunci e una serie di azioni pratiche per rompere il cartello OPEC+, risparmiare energia per quanto possibile, sburocratizzare l'utilizzo dei giacimenti interni e delle rinnovabili ecc... Insomma tanto lavoro e poche chiacchiere.

Accedi