L'isterismo della politica estera americana - Pagina 4
Investire in Cam.TV, la piattaforma social per guadagnare condividendo le proprie passioni e competenze
Una piattaforma dove chiunque può portare la propria attività online e monetizzare le proprie passioni e competenze
Fineco, crescita costante nel post-Covid: consulenza accelera grazie al maggior interesse degli italiani
C’è il maggiore interesse degli italiani per gli investimenti dietro la crescita degli utili da record realizzzata da Fineco, una banca che si è ormai calata appieno nel new normal del post-Covid e che procede spedita verso il proprio futuro. Si potrebbe …
Big Tech, come affrontare il rischio normativo nell?azionario
Le normative, si sa, sono mutevoli e rappresentano sempre un fattore di rischio importante per le aziende. Perché designano l’ecosistema e i limiti entro cui le società possono lecitamente operare, …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #31
    L'avatar di Pangolino
    Data Registrazione
    Jun 2021
    Messaggi
    130
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    120 Post(s)
    Potenza rep
    5728832
    Citazione Originariamente Scritto da Boba Fett Visualizza Messaggio
    Ma insomma, non è mai stata presa a esempio di democrazia da nessuno, e penso pochi sognino di vivere in una dittatura orwelliana come in Cina.

    Poi mettici hong kong e il covid ed ecco che i rapporti si sono deteriorati. Ma direi che la Cina si è fatta molti più nemici oltre agli USA in questo ultimo anno e mezzo
    Certe volte penso che il concetto di democrazia andrebbe meglio definito.
    Personalmente preferisco quei pochi paesi in cui si realizza una democrazia diretta come la Svizzera. Anche la Germania è un buon esempio
    probabilmente grazie al proporzionale puro.
    Quindi la Cina è abbastanza lontana dal mio ideale.
    Ma fra Cina e Stati Uniti non saprei chi è peggio. In questa fase storica probabilmente gli Stati Uniti.
    In paesi come gli Stati Uniti le elezioni sono una farsa. A Washington dettano legge lobby e gruppi ristretti di potere.
    I rappresentanti (eletti e non) governano con le loro agende: i rappresentati (gli elettori) sono sudditi a cui è consentito
    il solo momento catartico delle elezioni.
    In Cina invece c'è un partito unico che coincide con la classe dirigente politica. Non c'è alternanza se non all'interno del partito unico.
    Il sistema cinese è meno farsesco di quello statunitense ma fondamentalmente è abbastanza simile.
    Anche in Cina c'è una classe consolidata di rappresentanti che governa i rappresentati.
    In entrambi i casi i governanti devono badare a non scontentare troppo i sudditi. Il sistema cinese in questo non è da meno di quello americano.
    Anzi sotto un certo punto di vista i governanti cinesi devono stare più attenti degli omologhi americani. La farsa delle elezioni "democratiche"
    americane è pur sempre una valvola di sfogo che placa per un certo tempo tensioni e scontenti.
    La distopia orwelliana che tu citi se non è di casa negli Stati Uniti, non so dove altro lo sia.

    Dico che probabilmente gli Stati Uniti sono peggio della Cina perchè secondo me la sua classe dirigente è fuori controllo.
    Il problema è che gli americani temono la crescita economica cinese. Il GDP cinese nominale è non molto distante da quello americano. Il GDP PPP
    cinese (che sotto certi aspetti può anche essere più significativo di quello nominale) è già ben oltre quello americano.
    Il primo partner commerciale dell'UE è oggi la Cina. 1400 milioni di cinesi; 330 milioni di americani. Per non parlare del fatto che statisticamente
    il cinese tende ad avere un IQ più elevato dell'americano. In questo scenario gli americani rischiano veramente di perdere il loro primato.
    Gli americani dalla fine sella seconda guerra mondiale hanno continuato ad aprire conflitti con la giustificazione dell'interesse nazionale.
    Da quando l'Unione Sovietica è crollata, l'ONU è diventata una farsa. E gli Stati Uniti hanno preso l'abitudine di invadere paesi
    sulla base di casus belli spesso inesistenti o risibili. Grazie alla loro politica estera gli Stati Uniti sono detestati da arabi, iraniani, turchi,
    russi e da molti paesi dell'america latina. E adesso anche i cinesi cominciano ad avere una forte intolleranza nei loro confronti.

    Per questi motivi gli americani mi preoccupano molto più di quanto non faccia una Cina che al confronto risulta molto più pacifica.
    Il film di Kubrik sul tema è sfortunatamente molto attuale.
    Io penso che a Washington i più moderati vogliano uno scenario senza scontri diretti, simile a quello che si è verificato
    di recente con la Russia: uno scenario in cui Washington spinge gli alleati a perdere commercio estero e punti di PIL pur di danneggiare
    il nemico di turno, mentre allo stesso tempo i governanti americani cercano di trarre vantaggi economici dalla situazione conflittuale.
    Facendo di solito recitare agli europei la parte degli stupidi.
    Ma il problema è che questi giochini gli americani li fanno con la pelle degli altri.
    Inoltre il rischio che la situazione degeneri esiste; questa possibilità è forse anche auspicata da alcuni.

  2. #32
    L'avatar di Boba Fett
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Messaggi
    10,631
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    2406 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da Pangolino Visualizza Messaggio
    Scusa, ma tu credi che i rapporti con la Cina si siano deteriorati per Hong Kong e il Covid?
    Per caso stai ancora cercando le armi di distruzioni di massa di Saddam?
    ovviamente erano già freddi da prima, vedi la guerra commerciale di Trump, ma c'è stato un deciso peggioramento dall'autunno del 2019

    poi il discorso di Xi per i 100 anni del PCC con le minacce neanche tanto velate a Taiwan

  3. #33

    Data Registrazione
    Jun 2017
    Messaggi
    210
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    119 Post(s)
    Potenza rep
    4906343
    Citazione Originariamente Scritto da Pangolino Visualizza Messaggio
    Sei sicuro che agli italiani convengano gli americani?
    Non ne sono tanto sicuro. Economicamente gli americani assorbono risorse dai loro "alleati" senza dare praticamente nulla in
    cambio salvo una sorta di paternalistica protezione. E questo vale in particolare per i paesi europei.
    Quindi se io fossi integrato nel tessuto sociale del paese Italia preferirei di gran lunga tedeschi, francesi o cinesi.
    A te piace il mafioso a cui paghi il pizzo?
    Non è questione di cosa "convenga" o meno.
    Non diamo per scontato che l'Italia così come altri paesi abbiano una reale facoltà di scelta.
    Fino a prova contraria, è l'america che ha le atomiche e l'esercito parcheggiati a casa nostra e non il contrario...

  4. #34

    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    10,085
    Mentioned
    14 Post(s)
    Quoted
    5351 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Boba Fett Visualizza Messaggio
    Ma insomma, non è mai stata presa a esempio di democrazia da nessuno, e penso pochi sognino di vivere in una dittatura orwelliana come in Cina.

    Poi mettici hong kong e il covid ed ecco che i rapporti si sono deteriorati. Ma direi che la Cina si è fatta molti più nemici oltre agli USA in questo ultimo anno e mezzo
    Esatto, il covid è e deve essere uno spartiacque per capire quali sono le nazioni veramente pericolose per la sicurezza globale.

Accedi