Il Debito Pubblico nuovo Covid-19 dell'Italia - Mai più mezzo di consenso elettorale. - Pagina 18
Da Unicredit una nuova emissione di Airbag Cash Collect Worst Of su panieri di azioni italiane e internazionali
È da oggi disponibile sul SeDeX e CertX di Borsa Italiana una nuova serie di 18 Airbag Cash Collect Worst Of Certificate firmata UniCredit che ha come sottostanti panieri di …
Tesla: per la prima volta in più di un anno utili deludono. Fatturato record per Apple, ma mercati vogliono di più
Tesla ed Apple sotto pressione a Wall Street dopo la diffusione dei risultati di bilancio relativi al quarto trimestre del 2020. Per la prima volta in più di un anno, …
Con Orcel UniCredit-Mps Mission ancora più Impossible? Banco BPM un rischio per il Tesoro, che valuta ormai ultime spiagge
Nessun rally di UniCredit dopo l'indicazione del cda sul nuovo AD che, così come da indiscrezioni, sarà Andrea Orcel. Il titolo è sotto pressione a Piazza Affari, vittima anche del …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #171
    L'avatar di Michael Oliver
    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    5,689
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    3625 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da Blue Ray Visualizza Messaggio
    Novità dalla puntata precedente :


    *Il MES, benchè a tassi prossimi allo zero, non viene seriamente considerato ne dall'Italia ne da altri Paesi.

    *Ieri annuncio franco-tedesco di 500 miliardi di sovvenzioni a fondo perduto per i Paesi europei.
    I nostri governanti sottolineano che è una base di partenza molto buona, ma che le trattative devono ancora essere finalizzate.


    Comunque, dato che l'espressione "sovvenzioni a fondo perduto" ora è stata sdoganata e non è più un tabù, nemmeno per la Germania,
    voglio rilanciare un tema che avevo segnalato nei miei primi messaggi :






    Nota A Margine :
    se però fra 3 mesi la Germania applicasse la sentenza della propria Corte Costituzionale, si avrebbe una situazione paradossale
    , per non dire di peggio (uscita della Germania dal Quantitative Easing, eccetera) : quindi massima attenzione all'evoluzione dello Scenario.


    Blue Ray





    Bonus Content : "Olanda"

    Tangenti, conflitti di interesse, rapporti incestuosi tra imprenditori e politici, spartizioni e affari opachi.
    Sembrano le immagini sgranate dell’Italia di Mani pulite, quella del 1992, e invece è l’Olanda di oggi.
    La fotografia riaffiora da un rapporto riservato di una società di intelligence rimasto finora segreto e di cui Il Sole 24 Ore ha copia.

    Il dossier fa a pezzi l’immagine dell’Olanda paese rigorista, modello di economia di mercato, immune da corruzione e malaffare e spalanca le porte a uno scenario del tutto diverso e, soprattutto, finora sconosciuto.
    Dove gli intrecci nebulosi tra economia e politica sono cementati da interessi e rapporti personali, che camminano a braccetto sul tappeto rosso steso alle multinazionali.

    Un’immagine ben diversa, dunque, da quella che gli olandesi presentano nei vertici europei incarnando la figura dei rigoristi dei conti pubblici.



    Il dossier segreto che svela il sistema olandese | Italynews.it (dall'articolo originale di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi, “Il Sole 24 Ore”)
    Certamente il salvataggio delle banche del nord con le nostre sofferenze ORA al 14% degli attivi


  2. #172
    L'avatar di Michael Oliver
    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    5,689
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    3625 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da Nautilus70 Visualizza Messaggio
    Secondo me un governo puo' ottenere il consenso della maggioranza della popolazione solo in due modi: o con i soldi o con la forza.
    Sono una faccia della stessa medaglia

    Soldi = forza
    Forza = Soldi

    È la storia dell'uomo

  3. #173

    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    52,380
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    8168 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Intanto i bot sono di nuovo a tassi negativi...

  4. #174
    L'avatar di Blue  Ray
    Data Registrazione
    Jul 2000
    Messaggi
    591
    Blog Entries
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    21 Post(s)
    Potenza rep
    23010230
    Breve Aggiornamento :

    Terminati oggi gli accordi in sede UE per finanziamenti a fondo perduto + prestiti a condizioni agevolate.
    Le modalità con cui li spenderemo saranno monitorate con attenzione dagli altri Paesi, in particolare dai competitor (sì, "competitor" : è opportuno chiamarli così) come Olanda & c.



    Bene, ma tenendo conto dei soldi che verseremo all'UE nei prossimi anni, e di quelli che riceveremo con questo provvedimento una tantum , ne risulta solo un "aiutino" che non risolve assolutamente il problema di fondo di quella vera rivoluzione nella gestione della spesa pubblica che ci attende, nel prossimo futuro.


    In uno dei miei ultimi messaggi in questo Thread ho suggerito un intervento di ottimizzazione dell'attuale Calendario delle Festività (in questo modo si può ottenere agevolmente circa un +1% di PIL all'anno).

    Un ulteriore intervento di buon senso sicuramente sarebbe una drastica riduzione nel numero delle assunzioni di dipendenti pubblici nei prossimi anni :
    in altre parole, i pensionamenti verrebbero compensati solo in minima parte da nuove assunzioni, grazie ad una profonda revisione ed ottimizzazione dei processi produttivi nel settore Statale.





    Bonus content : recentemente ho letto di un rinnovato interesse verso la costruzione del ponte sullo Stretto di Messina.

    Affinchè il tutto non si risolva nella ennesima boutade estiva destinata a scomparire in pochi giorni, o -peggio- in un colossale spreco di risorse pubbliche (leggi : appalti gonfiati, Ponte che fa la fine di quello di Genova alla prima seria scossa sismica messinese), mi permetto di suggerire una soluzione suggestiva e che finora non è stata mai considerata :

    1) affitto a prezzo simbolico per tot decenni (=numero di decenni da concordare) del suolo demaniale necessario alla costruzione del Ponte,
    2) concessione dei pedaggi affidata gratuitamente per tot decenni (=numero di decenni da concordare) all'Impresa o Ente (italiano o straniero) che si assumerà l'onere di costruire il Ponte
    3) costruzione e manutenzione del Ponte totalmente a carico dell' Impresa o Ente (italiano o straniero) che si assumerà quest'onere.


    Detto questo, lo Stato inserirà nel Contratto delle clausole di buon senso :

    * affinchè i pedaggi imposti dal costruttore non siano vessatori
    * e una serie di condizioni riguardanti l' impatto e la tutela ambientale
    * e il costante Controllo di Qualità nella costruzione e manutenzione dell'Opera (per evitare che qualche furbone costruisca un ponte di qualità mediocre per massimizzare i propri profitti).


    In questo modo lo Stato Italiano non spenderà un solo euro per la costruzione del Ponte , in un periodo assolutamente critico per le finanze pubbliche,
    e l'affitto a prezzo "solo simbolico" del suolo demaniale necessario per il Ponte, verrà AMPIAMENTE compensato dall'impulso al PIL regionale e Nazionale derivante da tale nuova ed importante Infrastruttura.


    (Dulcis in fundo, ne risulterebbero anche ritorni d'immagine estremamente positivi, sia per lo Stato Italiano che per il Costruttore di quello che entrerebbe nella Storia come uno dei più lunghi ponti a campata unica esistenti nel mondo)




    Stato Italiano, può interessare ?



    Blue Ray
    Ultima modifica di Blue Ray; 21-07-20 alle 13:25

  5. #175

    Data Registrazione
    Nov 2013
    Messaggi
    232
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    147 Post(s)
    Potenza rep
    6455559
    Citazione Originariamente Scritto da Blue Ray Visualizza Messaggio
    Breve Aggiornamento :

    Terminati oggi gli accordi in sede UE per finanziamenti a fondo perduto + prestiti a condizioni agevolate.
    Le modalità con cui li spenderemo saranno monitorate con attenzione dagli altri Paesi, in particolare dai competitor (sì, "competitor" : è opportuno chiamarli così) come Olanda & c.



    Bene, ma tenendo conto dei soldi che verseremo all'UE nei prossimi anni, e di quelli che riceveremo con questo provvedimento una tantum , ne risulta solo un "aiutino" che non risolve assolutamente il problema di fondo di quella vera rivoluzione nella gestione della spesa pubblica che ci attende, nel prossimo futuro.


    In uno dei miei ultimi messaggi in questo Thread ho suggerito un intervento di ottimizzazione dell'attuale Calendario delle Festività (in questo modo si può ottenere agevolmente circa un +1% di PIL all'anno).

    Un ulteriore intervento di buon senso sicuramente sarebbe una drastica riduzione nel numero delle assunzioni di dipendenti pubblici nei prossimi anni :
    in altre parole, i pensionamenti verrebbero compensati solo in minima parte da nuove assunzioni, grazie ad una profonda revisione ed ottimizzazione dei processi produttivi nel settore Statale.





    Bonus content : recentemente ho letto di un rinnovato interesse verso la costruzione del ponte sullo Stretto di Messina.

    Affinchè il tutto non si risolva nella ennesima boutade estiva destinata a scomparire in pochi giorni, o -peggio- in un colossale spreco di risorse pubbliche (leggi : appalti gonfiati, Ponte che fa la fine di quello di Genova alla prima seria scossa sismica messinese), mi permetto di suggerire una soluzione suggestiva e che finora non è stata mai considerata :

    1) affitto a prezzo simbolico per tot decenni (=numero di decenni da concordare) del suolo demaniale necessario alla costruzione del Ponte,
    2) concessione dei pedaggi affidata gratuitamente per tot decenni (=numero di decenni da concordare) all'Impresa o Ente (italiano o straniero) che si assumerà l'onere di costruire il Ponte
    3) costruzione e manutenzione del Ponte totalmente a carico dell' Impresa o Ente (italiano o straniero) che si assumerà quest'onere.


    Detto questo, lo Stato inserirà nel Contratto delle clausole di buon senso :

    * affinchè i pedaggi imposti dal costruttore non siano vessatori
    * e una serie di condizioni riguardanti l' impatto e la tutela ambientale
    * e il costante Controllo di Qualità nella costruzione e manutenzione dell'Opera (per evitare che qualche furbone costruisca un ponte di qualità mediocre per massimizzare i propri profitti).



    In questo modo lo Stato Italiano non spenderà un solo euro per la costruzione del Ponte , in un periodo assolutamente critico per le finanze pubbliche,
    e l'affitto a prezzo "solo simbolico" del suolo demaniale necessario per il Ponte, verrà AMPIAMENTE compensato dall'impulso al PIL regionale e Nazionale derivante da tale nuova ed importante Infrastruttura.


    (Dulcis in fundo, ne risulterebbero anche ritorni d'immagine estremamente positivi, sia per lo Stato Italiano che per il Costruttore di quello che entrerebbe nella Storia come uno dei più lunghi ponti a campata unica esistenti nel mondo)




    Stato Italiano, può interessare ?



    Blue Ray
    oggi mi ritrovo produttivo in questa sezione:
    l'Olanda a noi mafiosi, pigri, caz zari e ladri che non siamo altro, ci fa solo un piacere a controllarci.
    il nostro debito pubblico serve per finanziare con mancette e mazzette le varie fasce di popolazione che votano i nostri partiti. RDC, mancia ai pigri che votano 5 stelle, quota 100, mancia ai vecchi che votano lega e via dicendo.
    Visto che stiamo mendicando il minimo che possiamo fare e dare garanzie. Quindi io sono solo contento che ci sia qualcuno che ci controlli.

    Forse non ti è chiaro (l'europa ci vuole schiavi, da quando c'è l'euro siamo diventati più poveri, quote latte ecc) ma a nessuno conviene che l'Italia abbia le pezze al qlo, nemmeno agli olandesi. ci vogliono ricchi per comprare i loro tv philips da 10k o le audi tedesche da 100k. Non lo fanno per dispetto

    sono d'accordo con tutto quello che scrivi in grassetto, l'intervento sulle festività non ho trovato dove lo hai scritto
    e il ponte sullo stretto mi sembra molto inutile.
    il problema italiano è che non produciamo più niente, non facciamo più sesso e siamo sempre più vecchi
    collegare una isola di nulla un'altra regione di nulla, mi dici che benefici può portare? mettere un bel ponte per collegare i cosa nostra con l'ndrangheta.
    La mia proposta sarebbe quella di far diventare la sicilia la nuova silicon valley europea. Visto che gli stipendi in sicilia sono da fame, iniziare a de localizzare aziende informatiche sull'isola, con gravi fiscali ecc. e visto che non è rimasto più un giovane siciliano con uno straccio di diploma sull'isola (ovviamente sono apposta polemico, prima che qualcuno si senta offeso, so che ci sono laureati e gente intelligente pure la), visto che sono tutti fuggiti,investire pesantemente in formazione e in sicurezza informatica.
    Un ponte che collega il nulla, se non c'è una visione di creare lavoro sulle due regioni, mi pare un investimento inutile
    Ultima modifica di orbok; 21-07-20 alle 14:41

  6. #176
    L'avatar di Blue  Ray
    Data Registrazione
    Jul 2000
    Messaggi
    591
    Blog Entries
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    21 Post(s)
    Potenza rep
    23010230
    Citazione Originariamente Scritto da orbok Visualizza Messaggio
    sono d'accordo con tutto quello che scrivi in grassetto , l'intervento sulle festività non ho trovato dove lo hai scritto
    Ciao, Grazie per il tuo interessante intervento.

    Quì la mia proposta di revisione/ottimizzazione dell'attuale calendario delle Festività (messaggio n.169 di questo Thread) :
    Il Debito Pubblico nuovo Covid-19 dell'Italia - Mai più mezzo di consenso elettorale.


    Citazione Originariamente Scritto da orbok Visualizza Messaggio
    e il ponte sullo stretto mi sembra molto inutile.

    collegare una isola di nulla un'altra regione di nulla, mi dici che benefici può portare?
    La mia proposta sarebbe quella di far diventare la sicilia la nuova Silicon Valley europea.

    Visto che gli stipendi in sicilia sono da fame, iniziare a delocalizzare aziende informatiche sull'isola, con sgravi fiscali ecc. e visto che non è rimasto più un giovane siciliano con uno straccio di diploma sull'isola.

    Un ponte che collega il nulla, se non c'è una visione di creare lavoro sulle due regioni, mi pare un investimento inutile.

    Grazie per il contributo, sono d'accordo con il tuo suggerimento di integrare il mero progetto+esecuzione di una nuova infrastruttura, come il Ponte sullo Stretto, con un opportuno "allargamento di visione".

    In questi giorni ad esempio ho letto di un progetto governativo per l'introduzione di una fiscalità di vantaggio per il Sud : se effettivamente eseguito andrebbe nella direzione che giustamente auspichi.


    Blue Ray
    Ultima modifica di Blue Ray; 21-07-20 alle 15:04

  7. #177

    Data Registrazione
    May 2014
    Messaggi
    36,669
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    16829 Post(s)
    Potenza rep
    0
    non produciamo più nulla, siamo schiavi dei cinesi che hanno rovinato l'ultimo settore che non si poteva delocalizzare (difficile spostare spiagge e montagne), ci avviamo verso il -20 di PIl e sento ancora parlare di debito pubblico e ponte sullo stretto?

  8. #178
    L'avatar di edoardofilippo
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    2,294
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    748 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    mi spaventava il 130% ed invece ci possiamo rallegrare del 160%...

  9. #179

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    18,171
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    3530 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da orbok Visualizza Messaggio
    oggi mi ritrovo produttivo in questa sezione:
    l'Olanda a noi mafiosi, pigri, caz zari e ladri che non siamo altro, ci fa solo un piacere a controllarci.
    il nostro debito pubblico serve per finanziare con mancette e mazzette le varie fasce di popolazione che votano i nostri partiti. RDC, mancia ai pigri che votano 5 stelle, quota 100, mancia ai vecchi che votano lega e via dicendo.
    Visto che stiamo mendicando il minimo che possiamo fare e dare garanzie. Quindi io sono solo contento che ci sia qualcuno che ci controlli.

    Forse non ti è chiaro (l'europa ci vuole schiavi, da quando c'è l'euro siamo diventati più poveri, quote latte ecc) ma a nessuno conviene che l'Italia abbia le pezze al qlo, nemmeno agli olandesi. ci vogliono ricchi per comprare i loro tv philips da 10k o le audi tedesche da 100k. Non lo fanno per dispetto

    sono d'accordo con tutto quello che scrivi in grassetto, l'intervento sulle festività non ho trovato dove lo hai scritto
    e il ponte sullo stretto mi sembra molto inutile.
    il problema italiano è che non produciamo più niente, non facciamo più sesso e siamo sempre più vecchi
    collegare una isola di nulla un'altra regione di nulla, mi dici che benefici può portare? mettere un bel ponte per collegare i cosa nostra con l'ndrangheta.
    La mia proposta sarebbe quella di far diventare la sicilia la nuova silicon valley europea. Visto che gli stipendi in sicilia sono da fame, iniziare a de localizzare aziende informatiche sull'isola, con gravi fiscali ecc. e visto che non è rimasto più un giovane siciliano con uno straccio di diploma sull'isola (ovviamente sono apposta polemico, prima che qualcuno si senta offeso, so che ci sono laureati e gente intelligente pure la), visto che sono tutti fuggiti,investire pesantemente in formazione e in sicurezza informatica.
    Un ponte che collega il nulla, se non c'è una visione di creare lavoro sulle due regioni, mi pare un investimento inutile

    posso solo che quotare

    ma quale ponte sullo stretto infatti, l'ennesima cattedrale nel deserto

  10. #180
    L'avatar di l1uk3
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    627
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    176 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Blue Ray Visualizza Messaggio

    Affinchè il tutto non si risolva nella ennesima boutade estiva destinata a scomparire in pochi giorni, o -peggio- in un colossale spreco di risorse pubbliche (leggi : appalti gonfiati, Ponte che fa la fine di quello di Genova alla prima seria scossa sismica messinese), mi permetto di suggerire una soluzione suggestiva e che finora non è stata mai considerata :

    1) affitto a prezzo simbolico per tot decenni (=numero di decenni da concordare) del suolo demaniale necessario alla costruzione del Ponte,
    2) concessione dei pedaggi affidata gratuitamente per tot decenni (=numero di decenni da concordare) all'Impresa o Ente (italiano o straniero) che si assumerà l'onere di costruire il Ponte
    3) costruzione e manutenzione del Ponte totalmente a carico dell' Impresa o Ente (italiano o straniero) che si assumerà quest'onere.
    l'idea della concessione si scontra con due fatti incontrovertibili:
    1) questo governo ha dimostrato di esser un forte sostenitore dell'intervento pubblico e contrario alle concessioni a privati. Il caso di Autostrade è lampante. Come nel tuo esempio, si poteva trovare un accordo affinché fosse il privato a fare investimenti senza un euro di spesa pubblica. Invece ora spenderemo per acquistare l'azienda che dovrà fare comunque quegli investimenti.
    2) nessun privato finanzierebbe o si prenderebbe in concessione il ponte sullo stretto. E' già stato più volte dimostrato (ricordo una bella analisi di Gianfilippo Cuneo tra l'altro fatto ai tempi in cui in pratica non esistevano le low cost) che è un progetto in perdita a prescindere. Solo il pubblico lo finanzierebbe e sarebbe l'ennesimo spreco.

    Purtroppo temo sia una chimera anche la speranza di ridurre i dipendenti pubblici. In questi mesi si è visto proprio il contrario, sia con nuove assunzioni sia con aumenti di stipendi.

    Ho poi letto, non tua, l'idea della Sicilia come Silicon valley. Ecco, scusate ma la trovo un'idea naif anche se già meglio di quando sento qualcuno suggerire che il sud potrebbe prosperare di agricoltura e turismo (detto evidentemente da qualcuno che non ha alcuna base di economia e politica economica).
    Non bastano sussidi o fiscalità agevolata per far nascere un distretto industriale o terziario. Ci vogliono risorse umane (intese come lavoratori ma anche tessuto sociale) e servizi di vario genere. In sti giorni si è molto discusso delle aziende italiane che vanno in Olanda. Ci si è dimenticati di evidenziare che in Olanda hanno la sede legale, non fiscale. Quindi non vanno là per le tasse. Infatti il motivo sono i servizi offerti in particolare l'efficiente burocrazia pubblica e la veloce giustizia civile . Guarda caso burocrazia e giustizia civile sono da anni indicati ai primi due posti tra i motivi per cui le aziende straniere non investono in Italia.

Accedi