La Fine è Vicina! - Pagina 133
Immobiliare: prospettive su prezzi per il secondo semestre, cambiano anche le preferenze
Il mercato immobiliare paga dazio davanti alla crisi Covid con la pandemia che ha provocato un vero e proprio stop del mattone fino a metà maggio. La ripartenza adesso parte …
Un mercato ideale per l?azzardo morale, i market mover dell’estate con 3 grandi insidie sotto l’ombrellone
Anno bisesto, anno funesto recita un antico adagio popolare. E in effetti dal 2008 in poi, ogni 4 anni è successo sempre qualche evento raro ed imprevedibile che ha inciso …
Crollo Atlantia non ferma Piazza Affari. Leonardo, TIM ed ENI trainano il Ftse Mib oltre 20mila
Incipit di ottava con ottimismo predominante sui mercati. Il Ftse Mib ha chiuso a 20.003 punti, in rialzo dell’1,19%, in linea con il balzo del DAX nonostante il freno rappresentato …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1321
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    13,816
    Mentioned
    534 Post(s)
    Quoted
    7244 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da PGiulia Visualizza Messaggio
    No, no, i falliti tornano a casa da mammina. Parola di scout!
    Statistiche non c'e ne sono,e se tornano a casa non sono falliti,sono soggetti che volevano scoprire lamerica e capiscono che lamerica sta qui:

    . i peperoni ripieni
    . le sarde al beccafico
    . i cannoli e le cassate
    . o sole mio
    . la pesca delle vongole con la nassa
    . il rumore del mare e la luna piena

    ...compresi

    In conglusione mai generalizzare, con i migliori ed i peggiori.

  2. #1322

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    645
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    679 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da mander Visualizza Messaggio
    Non fidarsi di quello che dicono le statistiche è un altro vezzo degli ITALIANI .

    816. mila è la cifra totale ripartita in

    . 300 mila europa
    . il resto Australia,Canada Americhe e resto del creato.

    Lo dice l'ISTAT.
    Non ho capito la puntualizzazione tra Europa e fuori Europa, fuori Europa non è estero?

  3. #1323
    L'avatar di PGiulia
    Data Registrazione
    Nov 2000
    Messaggi
    10,541
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    18 Post(s)
    Quoted
    1966 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da mander Visualizza Messaggio
    Statistiche non c'e ne sono,e se tornano a casa non sono falliti,sono soggetti che volevano scoprire lamerica e capiscono che lamerica sta qui:

    . i peperoni ripieni
    . le sarde al beccafico
    . i cannoli e le cassate
    . o sole mio
    . la pesca delle vongole con la nassa
    . il rumore del mare e la luna piena

    ...compresi

    In conglusione mai generalizzare, con i migliori ed i peggiori.
    In conglusione, meglio pizza, mare e mandolino che vivere in un posto SANO!!!

    Ma non sarà forse perché ci sei nato tu, lo senti speciale, e ne vuoi vedere solo i lati positivi?
    Magari come ogni bravo nazionalista da strapazzo nel mondo?
    Provincialotti da quattro soldi, questo siamo; pizza, mare e putipù. E più vai a sud peggio è!

    A casa tornano i falliti. Tornano a grattarsi la pancia da mammina.
    I migliori fanno fortuna, e la fanno facile, forse perché sono stati abituati a muoversi da piccoli in un ... "ambiente ostile", e ritrovarsi in una società funzionante appare quasi come un miracolo.

  4. #1324
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    13,816
    Mentioned
    534 Post(s)
    Quoted
    7244 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Itachi Visualizza Messaggio
    Non ho capito la puntualizzazione tra Europa e fuori Europa, fuori Europa non è estero?
    Dentro l'europa è la casa grande e si parlava di emigrazione infraeuropea e della ripartenza greca dopo il doppio default.

  5. #1325
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    13,816
    Mentioned
    534 Post(s)
    Quoted
    7244 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da PGiulia Visualizza Messaggio
    In conglusione, meglio pizza, mare e mandolino che vivere in un posto SANO!!!

    Ma non sarà forse perché ci sei nato tu, lo senti speciale, e ne vuoi vedere solo i lati positivi?
    Magari come ogni bravo nazionalista da strapazzo nel mondo?
    Provincialotti da quattro soldi, questo siamo; pizza, mare e putipù. E più vai a sud peggio è!

    A casa tornano i falliti. Tornano a grattarsi la pancia da mammina.
    I migliori fanno fortuna, e la fanno facile, forse perché sono stati abituati a muoversi da piccoli in un ... "ambiente ostile", e ritrovarsi in una società funzionante appare quasi come un miracolo.
    Non devi porre la questione in questo modo.

    Un conto è partire per necessità altra cosa è x libera scelta.Il primo caso è largamente prevalente sul secondo.A parità di condizioni meglio il paesello natio o la citta al posto della megalopoli.

    Senza contare che se sei fra i migliori puoi usare le tue qualita' al servizio della comunità nell'ambito delle professioni o del servizio sociale per migliorare la comunità.

    La vita ognuna la vive a modo suo,eredità di affetti compresa.

    Infine dice l'art 3 della costituzione:

    Articolo 3. Tutti i cittadini hanno pari dignità e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

    Intendo dire chi parte è costretto a partire, non parte perchè nasce nel posto sbagliato,parte per mancanza di opportunità,e qui torniamo all'Italia diseguale.

    Come vedi fare distinzioni fra migliori e peggiori, fra provinciali e urbanizzati,fra liberi e coatti non è per nulla semplice e risolutivo.

  6. #1326

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    645
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    679 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da mander Visualizza Messaggio
    Non devi porre la questione in questo modo.

    Un conto è partire per necessità altra cosa è x libera scelta.Il primo caso è largamente prevalente sul secondo.A parità di condizioni meglio il paesello natio o la citta al posto della megalopoli.

    Senza contare che se sei fra i migliori puoi usare le tue qualita' al servizio della comunità nell'ambito delle professioni o del servizio sociale per migliorare la comunità.

    La vita ognuna la vive a modo suo,eredità di affetti compresa.

    Infine dice l'art 3 della costituzione:

    Articolo 3. Tutti i cittadini hanno pari dignità e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

    Intendo dire chi parte è costretto a partire, non parte perchè nasce nel posto sbagliato,parte per mancanza di opportunità,e qui torniamo all'Italia diseguale.

    Come vedi fare distinzioni fra migliori e peggiori, fra provinciali e urbanizzati,fra liberi e coatti non è per nulla semplice e risolutivo.
    Citazione Originariamente Scritto da PGiulia Visualizza Messaggio
    In conglusione, meglio pizza, mare e mandolino che vivere in un posto SANO!!!

    Ma non sarà forse perché ci sei nato tu, lo senti speciale, e ne vuoi vedere solo i lati positivi?
    Magari come ogni bravo nazionalista da strapazzo nel mondo?
    Provincialotti da quattro soldi, questo siamo; pizza, mare e putipù. E più vai a sud peggio è!

    A casa tornano i falliti. Tornano a grattarsi la pancia da mammina.
    I migliori fanno fortuna, e la fanno facile, forse perché sono stati abituati a muoversi da piccoli in un ... "ambiente ostile", e ritrovarsi in una società funzionante appare quasi come un miracolo.
    Io vivo fuori da 4-5 anni e su 2 piedi posso dire che:

    -non ho ancora toccato una singola pratica burocratica. La dichiarazione delle tasse la fa in automatico il governo dandogli l'accesso in lettura al conto.
    Le bollette di casa per esempio sono tutte sotto un'unico servizio chiamato hydro che si attiva/disattiva dal sito con un pulsante. Niente firme, niente fogli, niente raccomandate. Come netflix, attivi/disattivi quando vuoi.

    -Non esistono gli stipendi fissi. Quando si fa un colloquio, che sia per un manager o un cameriere, entrambe le parti devono dare un budget e poi si sceglie una via di mezzo. Il solo fatto che tu abbia voce in capitolo sui soldi che prendi è una cosa che tutt'oggi mi sembra fantascientifica, eppure è la normalità.

    -Orari di lavoro più brevi, le 8 ore qui comprendono l'ora di paura pranzo (pagata), quindi si esce alle 5, non alle 6. E la legge ha tolleranza zero sugli straordinari, molti datori di lavoro sono terrorizzati se rimani mezz'ora in più senza comunicarlo perchè il giorno dopo potresti tranquillamente denunciare l'azienda e vincere ( e i processi li risolvi in poche settimane, non è una roba "infinita" come da noi che sai già che non farà nessuno).

    - Uso massiccio della tecnologia. A differenza dei paesi come il nostro frega zero se a qualcuno gli sta "scomodo" imparare qualcosa. Se c'è un nuovo servizio che può far risparmiare 1 centesimo dal giorno dopo viene usato da tutti, per servizi pubblici in modo obbligatorio.

    -La pressione fiscale è effettivamente legata al reddito. Quindi se guadagni poco non devi pagare quasi niente, se guadagni tanto ovviamente paghi tanto (ma comunque meno che da noi). Se apri una piccola attività per conto tuo all'inizio infatti è molto facile perchè hai pochissime spese.

    -Burocrazia inesistente, praticamente l'intero stato si regge su un paio di siti e app e fai tutto da li.

    -I palazzi hanno quasi tutti servizi come palestre e piscine. E l'affitto in proporzione è persino più basso di quello che pagavo in Italia per stare nel palazzotto.

    Ma potrei continuare per ore.

    Personalmente, e lo dico con tutto il rispetto per i miei compaesani, ma frega zero di aiutare gente che continua a fare le stesse caxxate da decenni. Qui in 4-5 anni mi hanno dato una qualità della vita maggiore di quella che avrei potuto raggiungere li in 300 anni, quindi mi spiace per loro ma se la sono cercata.
    Io ho dato decenni della mia vita all'Italia e apposto cosi, il restante ho semplicemente deciso di darlo a un popolo che rispetto perchè guarda al futuro e non ha il medioevo nel dna.
    Ultima modifica di Itachi; 02-06-20 alle 20:30

  7. #1327

    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    4,374
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    2051 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Itachi Visualizza Messaggio
    Io vivo fuori da 4-5 anni e su 2 piedi posso dire che:

    -non ho ancora toccato una singola pratica burocratica. La dichiarazione delle tasse la fa in automatico il governo dandogli l'accesso in lettura al conto.
    Le bollette di casa per esempio sono tutte sotto un'unico servizio chiamato hydro che si attiva/disattiva dal sito con un pulsante. Niente firme, niente fogli, niente raccomandate. Come netflix, attivi/disattivi quando vuoi.

    -Non esistono gli stipendi fissi. Quando si fa un colloquio, che sia per un manager o un cameriere, entrambe le parti devono dare un budget e poi si sceglie una via di mezzo. Il solo fatto che tu abbia voce in capitolo sui soldi che prendi è una cosa che tutt'oggi mi sembra fantascientifica, eppure è la normalità.

    -Orari di lavoro più brevi, le 8 ore qui comprendono l'ora di paura pranzo (pagata), quindi si esce alle 5, non alle 6. E la legge ha tolleranza zero sugli straordinari, molti datori di lavoro sono terrorizzati se rimani mezz'ora in più senza comunicarlo perchè il giorno dopo potresti tranquillamente denunciare l'azienda e vincere ( e i processi li risolvi in poche settimane, non è una roba "infinita" come da noi che sai già che non farà nessuno).

    - Uso massiccio della tecnologia. A differenza dei paesi come il nostro frega zero se a qualcuno gli sta "scomodo" imparare qualcosa. Se c'è un nuovo servizio che può far risparmiare 1 centesimo dal giorno dopo viene usato da tutti, per servizi pubblici in modo obbligatorio.

    -La pressione fiscale è effettivamente legata al reddito. Quindi se guadagni poco non devi pagare quasi niente, se guadagni tanto ovviamente paghi tanto (ma comunque meno che da noi). Se apri una piccola attività per conto tuo all'inizio infatti è molto facile perchè hai pochissime spese.

    -Burocrazia inesistente, praticamente l'intero stato si regge su un paio di siti e app e fai tutto da li.

    -I palazzi hanno quasi tutti servizi come palestre e piscine. E l'affitto in proporzione è persino più basso di quello che pagavo in Italia per stare nel palazzotto.

    Ma potrei continuare per ore.

    Personalmente, e lo dico con tutto il rispetto per i miei compaesani, ma frega zero di aiutare gente che continua a fare le stesse caxxate da decenni. Qui in 4-5 anni mi hanno dato una qualità della vita maggiore di quella che avrei potuto raggiungere li in 300 anni, quindi mi spiace per loro ma se la sono cercata.
    Io ho dato decenni della mia vita all'Italia e apposto cosi, il restante ho semplicemente deciso di darlo a un popolo che rispetto perchè guarda al futuro e non ha il medioevo nel dna.
    Va bene, se hai trovato il paradiso in terra è una fortuna.
    Per il resto sono d accordo con Mander.
    Ti ricordi che diceva Martin Sheen in Wall Street, pgiulia?
    "Sono un uomo che non ha mai giudicato il successo di un altro dai soldi che ha"
    Peraltro, dalle mie parte ci sono un sacco di danesi e svedesi, sono certamente ricchi ma se vengono qui e perché così male non si sta.
    Magari sarà il paesaggio collinare

  8. #1328
    L'avatar di oneone
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    49,902
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    6556 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Un default gourmet insomma

    Poveri noi

  9. #1329

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    645
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    679 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da totuccio2 Visualizza Messaggio
    Va bene, se hai trovato il paradiso in terra è una fortuna.
    Per il resto sono d accordo con Mander.
    Ti ricordi che diceva Martin Sheen in Wall Street, pgiulia?
    "Sono un uomo che non ha mai giudicato il successo di un altro dai soldi che ha"
    Peraltro, dalle mie parte ci sono un sacco di danesi e svedesi, sono certamente ricchi ma se vengono qui e perché così male non si sta.
    Magari sarà il paesaggio collinare
    Non è una questione di soldi o di successo, è qualcosa che faccio sempre fatica a spiegare alle persone li.

    Ogni posto ha i suoi pro e suoi contro e credo che anche elencare cose come ho fatto prima serva a poco.
    Il motivo per cui sono qui è per il cambiamento.
    Qui ogni cosa cambia continuamente. La città cambia, le persone cambiano, la società cambia. Ogni giorno senti che quello che fai ha effettivamente un'impatto sul mondo perché lo vedi evolversi e cambiare davanti a te.
    Vivi la tua vita sapendo che ogni giorno potrebbe essere diverso, che quello che sai oggi potrebbe essere diverso domani.

    Questo è ciò per cui vivo.

    L'Italia è l'esatto contrario di tutto ciò. La nostra intera cultura si basa sul cercare di rimanere più uguali possibile a ieri. Tutto ciò che facciamo si basa sul passato e su quello che avevamo, ogni nostro sforzo ha il preciso scopo di mantenere le cose più ferme e immutabili possibile.
    Vai a dormire sapendo che quello che vedi è quello che vedrai il giorno della tua morte.

    Questo è il motivo per cui io non ero più in grado di vivere lì e per cui a prescindere da quello che qui posso fare di positivo o negativo almeno riesco davvero a "vivere".

    Poi il fatto che siano posti che funzionano meglio è una conseguenza di questo discorso. Perché gli italiani non riescono a capire che l'immobilita è la morte di ogni società. La nostra stessa cultura, quella di cui andiamo tanto fieri, è stata creata da persone che erano considerate gli innovatori dei loro tempi, che pensavano sempre al nuovo e al diverso.
    E da italiano fa veramente male vedere che oggi usiamo il loro lavoro come scusa per affermare l'esatto contrario, cioè che "eh ciabbiamo la cultura, lu sole, quelle diavolerie non ci servono nonna Pina faceva così è campata 100 anni". E che proprio un italiano come me deve andare fuori per poter trovare quello che prima eravamo noi, innovatori.
    Ultima modifica di Itachi; 03-06-20 alle 00:13

  10. #1330

    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    12,062
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    98 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Il Canada è troppo mitizzato, è uno dei paesi più corporativi al mondo, c'è un ordinamento professionale per ogni cosa, procedure per ogni cosa e quindi molta burocrazia, poca concorrenza (quanto costa un pacchetto minuti sms e gb su cellulare? E' vero che si paga il roaming anche se si va in un'altra provincia? e l'assicurazione di un'auto? Ogi provincia ha la sua patente...)

Accedi