La Fine è Vicina! - Pagina 128
Tre titoli best buy del decennio snobbati per anni da analisti Wall Street
Le azioni di Amazon che nel 2006 scambiavano a 32 dollari l’una e tra gli analisti nessuno si scandalizzava. Anzi, la netta maggioranza di loro non consigliava di premere il …
Chiusura Borsa Italiana: Enel aiuta il Ftse Mib a tenere, UBI e Banco KO tra le banche
Piazza Affari in lieve calo nella seconda seduta della settimana. Il Ftse Mib, reduce dal +1,55% della vigilia, è riuscito a mantenersi sopra la soglia dei 20 mila punti chiudendo …
Wall Street meno appetibile, boom nuovi casi COVID in Usa scatena downgrade di BlackRock
“Abbiamo rivisto al ribasso il rating sull’azionario Usa a neutral, a livello tattico, dopo la forte sovraperformance che Wal Street ha riportato nei confronti dell’azionario globale, da quando ha testato …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1271

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    18,034
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    3429 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da sanasi77 Visualizza Messaggio
    Aggrappiamoci all'unica speranza rimasta

    il default e' un punto di ripartenza non un capolinea

  2. #1272

    Data Registrazione
    Apr 2020
    Messaggi
    322
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    248 Post(s)
    Potenza rep
    3085163
    Citazione Originariamente Scritto da PGiulia Visualizza Messaggio
    Studia. E soprattutto impara.

    "Il PIL procapite della Nuova Zelanda negli anni '50 era intorno al terzo posto al mondo, dietro Stati Uniti e Canada. Nel 1984, era precipitato al ventisettesimo posto, insieme a Portogallo e Turchia. La disoccupazione era sopra l'undici percento, si era fatto deficit per 23 anni di fila, a volte fino al 40 percento del PIL, il debito era al 65% del PIL, e il rating del debito stesso continuava ad essere abbassato. Il governo controllava interi settori dell'economia, c'era il controllo sui prezzi di una gran quantità di prodotti, le paghe erano congelate, nessuno poteva pagare o essere pagato più o meno di quanto stabilito dal governo.
    I sussidi all'industria sostenevano molti settori. I giovani emigravano in massa."

    Vi ricorda qualcosa? Beh leggete la seconda parte perchè a questo punto arriva l'uomo nero: L'AUSTERITA' (quella vera, non quella all'italiana):

    "Il dipartimento dei trasporti passò da 5600 a 53 dipendenti. Il corpo forestale da 17.000 a DICIASSETTE." il ministero del lavoro, da cinquantaseimia a uno: il ministro. Ma i posti di lavoro non furono "persi". Vennero privatizzati. Abbiamo venduto Telecomunicazioni, compagnie aeree, compagnie assicurative,banche, ferrovie, hotels, compagnie navali, 35 agenzie governative vennero traformate in aziende e fu loro detto che dovevano sopravvivere con le tariffe, sulle quali pagano tasse, senza alcun sostegno governativo. Costavano un miliardo l'anno, ora producono un miliardo l'anno in tasse sugli utili. I sostegni all'agricoltura sono stati aboliti.L'aliquota massima è passata dal 66 al 33 percento. La più bassa dal 38 al 19 percento. Si è introdotta una tassa di consumo del 10 percento e sono state abolite TUTTE le altre tasse: proprietà, licenze, capital gain, ecc.
    Avevamo progettato il sistema affinchè producesse gli stessi introiti di prima. Ci ritrovammo col 20 percento di surplus. Non avevamo tenuto conto della forte riduzione dell'evasione che ci sarebbe stata."

    Oggi l'indice di libertà economica che negli anni '80 era sui livelli che oggi hanno Ucraina e Pakistan è diventato stabilmente il terzo al mondo, dietro solo ad Hong Kong e Singapore.
    Oggi i giovani italiani emigrano in nuova Zelanda.

    Non cambiate gli occhiali, è la realtà che è sbagliata.

    [cit.]
    Questa NON è l'austerità che la Troika ha fatto in Grecia. In Grecia ha prevalentemente aumentato solo l'imposizione fiscale.

  3. #1273
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    13,768
    Mentioned
    530 Post(s)
    Quoted
    7218 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Da Treccani:

    Default | Treccani, il portale del sapere

    . la locuzione deriva, l’inglese default , letteralmente ‘mancanza, assenza, difetto’
    . se si passa dall’asettico mondo dei bit all’emotivo mondo dell’economia e della finanza, pieno di Borse “nervose” e di titoli “instabili”, la musica cambia e il significato dell’anglicismo pure
    . qui il default è una cosa molto brutta, una vera mina vagante:
    . il termine default, che, al limite e sempre più spesso nel linguaggio dei media, assume il significato estensivo di ‘fallimento’.
    . per i comuni mortali ignari di scienze economico-finanziarie, improvvisa paura c’è anche per gli abitanti del Bel Paese.
    . se il Governo italiano dichiarasse una situazione di insolvenza, tutto ciò avrebbe conseguenze drammatiche sui patrimoni bancari e assicurativi dei maggiori istituti e poi sulle economie d’Italia e d’Europa.
    . la solvibilità, cioè la capacità di far fronte agli impegni economici assunti, non è soltanto una questione di dare e avere, di addizioni, sottrazioni e percentuali.
    . se il Mercato, “perde la fiducia” – nel Governo che ha il compito di fare fronte alla crisi determinata da uno squilibrio incalzante tra Pil (basso ovvero ristagnante) e deficit (crescente), allora si innescano meccanismi che portano alla richiesta di tassi d’interesse più alti, visti come possibile controbilanciamento di un eventuale default.
    . il che può, in una sorta di corto circuito da cane che si morde la coda, aumentare ulteriormente la dimensione del deficit
    . la situazione sempre meno governabile e non soltanto più il Governo ma tutto il Paese rischi il default.


    .


    Altro che ripartenza
    Ultima modifica di mander; 31-05-20 alle 14:44

  4. #1274

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    40
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    34 Post(s)
    Potenza rep
    2
    Troppo catastrofisti... non succederà niente di tutto ciò.. niente haircut, niente default e niente patrimoniale. Relax

  5. #1275

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    18,034
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    3429 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    La Grecia e' ripartita dopo il default

  6. #1276
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    13,768
    Mentioned
    530 Post(s)
    Quoted
    7218 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da zerohedge Visualizza Messaggio
    La Grecia e' ripartita dopo il default
    La... ripartenza della Grecia:

    La crisi greca spiegata in dieci grafici - Guillaume Duval - Internazionale

    . sotto l’effetto delle politiche imposte dalla troika fin dal 2010, quasi tutti gli indicatori economici e sociali sono profondamente peggiorati. Compreso il debito pubblico, anche se l’obiettivo di quelle politiche era riuscire a gestirlo. Questo intervento passerà alla storia come un esempio di ciò che non bisogna assolutamente fare se si vuole aiutare un paese a risollevarsi.

    . dal 2008 la Grecia ha perso più di un milione di abitanti(su 10), che sono andati a vivere e a lavorare in altri paesi, mentre la zona euro ne ha guadagnati più di otto milion
    . sono soprattutto i giovani ad aver lasciato il paese, e tra questi soprattutto i più qualificati. Su dieci milioni di abitanti, la Grecia registra un calo di circa 500mila giovani tra i venti e i trent’anni rispetto al 2008
    . la cura a base di austerità imposta alla Grecia ha provocato la perdita di circa 860mila posti di lavoro tra il 2008 e il 2013, cioè quasi uno su cinque. Da allora ne sono stati recuperati solo 240mila.
    . a causa dell’austerità, la domanda interna in Grecia è diminuita di più del 30 per cento e sta riprendendo lentamente solo in questi ultimi anni. È una diminuzione quasi paragonabile a quella subita recentemente dall’economia in Venezuela.
    . la spesa pubblica è diminuita di più di un quarto. Si sta risollevando piano piano, pagando le conseguenze di un arresto brutale nella manutenzione delle infrastrutture,
    , non si capisce come potrà ripartire l’economia della Grecia viste tutte queste difficoltà. La cosa peggiore è che questa pesante austerità, e in particolare la diminuzione drastica della spesa pubblica, non è servita affatto a limitare l’indebitamento del paese, nonostante l’annullamento parziale del debito nel 2012. Da allora, il debito pubblico è aumentato di 20 punti rispetto al prodotto interno lordo (pil) e non è praticamente diminuito in questi anni
    . quando si continua a tenere un paese intrappolato tra deflazione e recessione, quel paese non può certo liberarsi dai debiti. E riguardo al futuro, nessuno crede davvero che Atene riuscirà a rimborsare il suo debito. Si va di male in peggio.
    . i salari reali dei greci sono diminuiti in media di più di 15 punti percentuali e continuano, al momento, a diminuire
    Ultima modifica di mander; 31-05-20 alle 18:48

  7. #1277

    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    100
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    39 Post(s)
    Potenza rep
    1544534
    Citazione Originariamente Scritto da zerohedge Visualizza Messaggio
    il default e' un punto di ripartenza non un capolinea
    sarebbe la certificazione di 25 anni di politiche assistenzialiste e volte soltanto a raggiungere consenso elettorale per rimanere in sella alla casta.
    Bonomi di confindustria sta dando battaglia al governo proprio su questo; speriamo possa ottenere qualcosa o almeno smuovere qualche coscienza

  8. #1278

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    18,034
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    3429 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da sanasi77 Visualizza Messaggio
    sarebbe la certificazione di 25 anni di politiche assistenzialiste e volte soltanto a raggiungere consenso elettorale per rimanere in sella alla casta.
    Bonomi di confindustria sta dando battaglia al governo proprio su questo; speriamo possa ottenere qualcosa o almeno smuovere qualche coscienza

    si finalmente verra' posta la parola fine a molti sprechi e ruberie, un po' come e' successo in Grecia

    dopo il default vedremo un paese molto piu' povero ma anche piu' sano

    un momento di rinascita

  9. #1279

    Data Registrazione
    Apr 2020
    Messaggi
    322
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    248 Post(s)
    Potenza rep
    3085163
    Citazione Originariamente Scritto da zerohedge Visualizza Messaggio
    La Grecia e' ripartita dopo il default



    Dopo quanto PIL perso?

  10. #1280

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    18,034
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    3429 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Ottolino88 Visualizza Messaggio



    Dopo quanto PIL perso?

    tanto

    colpa loro

    e lo stesso vale per l'Italia


    qual'e' il punto?

Accedi