Italia 2050: 16 milioni di abitanti in meno - Pagina 3
Matteo Arpe sale su monopattini ed e-bike di Helbiz. E Palella torna a lavorare all’Ipo
Matteo Arpe con la sua Tinaba si allea con Helbiz, società americana fondata dall?italiano Salvatore Palella e che opera nella mobilità sostenibile. Helbiz e Tinaba avviano una strategia di co-branding nata …
Tesla vale più di 100 mld$: sorpasso a Volkswagen (che vende 30 volte più auto)
Adesso solo Toyota è davanti. Tesla in avvio di giornata a Wall Street ha infranto per la prima volta il muro dei 100 miliardi di dollari di capitalizzazione, superando Volkswagen …
Banca IMI lancia 30 nuovi Bonus Cap su azioni italiane, europee e americane
Debutto sul SeDeX di Borsa Italiana per 30 nuovi Bonus Cap Certificate emessi da Banca IMI. Le nuove proposte offrono la possibilità di investire su ampia serie di diversi sottostanti, …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21

    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    1,283
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    986 Post(s)
    Potenza rep
    34763187
    Citazione Originariamente Scritto da Aristo Visualizza Messaggio
    Rimodulo: "quante femmine, under 43, conosci, e quante di queste hanno 1,2 o 3+ figli?"
    Dovresti prendere le donne che hanno già completato l'intero ciclo riproduttivo, ovvero la coorte dei quelle che hanno già 43 anni, se ti guardi intorno da prospettive più basse otterrai sempre numeri minori ma non rappresentativi.

    Infatti io essendo un pò più "vecchio" di Mirtosardo (coorte 1982) guardandomi intorno tra amici e conoscenti arrivo a circa 1:1 (1 figlio per donna circa, alcune con 2, altre con un figlio, altre con un figlio ma in programma il secondo, altre ancora senza ma che lo vorrebbero o vorranno e infine donne che non ne vogliono sapere), scommetti che se lo chiedi ad un 45enne quest'ultimo ti darà una risposta ancora più elevata e vicina a quella statistica di 1.32?

    Ora rispondi ai miei quesiti...

  2. #22

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    5,907
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    4015 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da 123abc Visualizza Messaggio
    Dovresti prendere le donne che hanno già completato l'intero ciclo riproduttivo, ovvero la coorte dei quelle che hanno già 43 anni, se ti guardi intorno da prospettive più basse otterrai sempre numeri minori ma non rappresentativi.

    Infatti io essendo un pò più "vecchio" di Mirtosardo (coorte 1982) guardandomi intorno tra amici e conoscenti arrivo a circa 1:1 (1 figlio per donna circa, alcune con 2, altre con un figlio, altre con un figlio ma in programma il secondo, altre ancora senza ma che lo vorrebbero o vorranno e infine donne che non ne vogliono sapere), scommetti che se lo chiedi ad un 45enne quest'ultimo ti darà una risposta ancora più elevata e vicina a quella statistica di 1.32?

    Ora rispondi ai miei quesiti...
    Uno piu' giovane di te dice 0,35, tu dici 1 e un 45enne 1,32. A meno di prevedere un cambio culturale, mi pare che da questo piccolo campione il tasso di fertilita' stia calando. E' vero che le giovani hanno ancora tempo per cambiare idea, ma non mi sembra stia accadendo cio', anzi.

    Quali quesiti?
    Ultima modifica di Aristo; 27-03-19 alle 12:50

  3. #23

    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    1,283
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    986 Post(s)
    Potenza rep
    34763187
    Questo articolo del Sole di qualche mese fa è molto interessante per l'argomento "natalità":

    Demografia: la fine delle famiglie numerose (in Italia) - Info Data

    Cosa dice?

    1. Le donne mediamente hanno il primo figlio in modo molto simile da decenni (si parte da donne nate nel 1934), infatti si è passati da tassi di fecondità specifica di 861/1000 delle donne nate nel 1934 a circa 780/1000 delle donne nate nel 1977. Il calo è stato di circa il 10% nel lunghissimo periodo, ma non è sostanziale.
    2. Ciò che si è ridotto in modo drastico è il secondo figlio (da 686/1000 a 504/1000), -27%, ma ancora di più il terzo figlio e ordini superiori (da 765/1000 a 151/1000), -80%. Ecco da dove deriva il calo forte della natalità.
    3. Tale calo è sostanzialmente stabilizzato da una ventina d'anni a questa parte, anche se c'è maggior polarizzazione, meno donne hanno figli, ma quelle che li hanno arrivano più di prima al terzo o più figli. In questo ha giocato sicuramente un ruolo l'immigrazione.

  4. #24
    L'avatar di Paolo1956
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    5,273
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1177 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Aristo Visualizza Messaggio
    Tutto condivisibile.

    E ti domando: tale soluzione (immigrazione "di bassa qualita'") e' una soluzione migliore o peggiore del blocco all'immigrazione.

    E ancora ti domando: soluzioni alternative?
    La risposta è: non lo so.........

    Quello che voglio dire però è che non siamo nell'unione sovietica degli anni 30 o nella cina della rivoluzione culturale, dove puoi prendere milioni di persone e spostarle dove fa comodo e tutti zitti, qualunque soluzione deve trovare il consenso sociale

  5. #25

    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    1,283
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    986 Post(s)
    Potenza rep
    34763187
    Citazione Originariamente Scritto da Aristo Visualizza Messaggio
    Uno piu' giovane di te dice 0,35, tu dici 1 e un 45enne 1,32. A meno di prevedere un cambio culturale, mi pare che da questo piccolo campione il tasso stia calando. E' vero che le giovani hanno ancora tempo per cambiare idea, ma non mi sembra stia accadendo cio', anzi.

    Quali quesiti?
    No, non hai compreso che il dato corretto è quello del 45enne, il giovane ti da risposte più basse solo perchè conosce una situazione ancora in via di evoluzione appartenendo ad una coorte il cui dato è ancora in divenire. Se gli facessi la stessa domanda tra 5/7 anni anche lui ti risponderà un valore di un intorno di 1:1.

  6. #26

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    5,907
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    4015 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da 123abc Visualizza Messaggio
    Questo articolo del Sole di qualche mese fa è molto interessante per l'argomento "natalità":

    Demografia: la fine delle famiglie numerose (in Italia) - Info Data

    Cosa dice?

    1. Le donne mediamente hanno il primo figlio in modo molto simile da decenni (si parte da donne nate nel 1934), infatti si è passati da tassi di fecondità specifica di 861/1000 delle donne nate nel 1934 a circa 780/1000 delle donne nate nel 1977.
    Articolo molto interessante, ma "vecchio": considera le femmine nate fino al 1977. Analizziamo quelle nate 10 anni dopo ... quanti figli hanno fatto e la loro propensione a farli finche' la fertilita' glielo consente.

  7. #27

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    5,907
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    4015 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da 123abc Visualizza Messaggio
    No, non hai compreso che il dato corretto è quello del 45enne, il giovane ti da risposte più basse solo perchè conosce una situazione ancora in via di evoluzione appartenendo ad una coorte il cui dato è ancora in divenire.
    Ho compreso benissimo.

  8. #28

    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    1,283
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    986 Post(s)
    Potenza rep
    34763187
    Citazione Originariamente Scritto da Aristo Visualizza Messaggio
    Articolo molto interessante, ma "vecchio": considera le femmine nate fino al 1977. Analizziamo quelle nate 10 anni dopo ... quanti figli hanno fatto e la loro propensione a farli finche' la fertilita' glielo consente.
    Non è vecchio, le analisi storiche sulla natalità si possono fare solo terminato il periodo fertile della donna, non ha senso parlare di natalità fino a 30/32 anni. L'Istat comunque fa una stima sul futuro e, trattandosi di un indicatore molto lento nel lungo periodo, è di sicuro attendibile come lo sono tutti gli indicatori demografici di tipo naturale (nascite e morti).

  9. #29

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    5,907
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    4015 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da Paolo1956 Visualizza Messaggio
    La risposta è: non lo so.........

    Quello che voglio dire però è che non siamo nell'unione sovietica degli anni 30 o nella cina della rivoluzione culturale, dove puoi prendere milioni di persone e spostarle dove fa comodo e tutti zitti, qualunque soluzione deve trovare il consenso sociale
    .
    Immagini Allegate Immagini Allegate Italia 2050:  16 milioni di abitanti in meno-gif.gif 

  10. #30

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    5,907
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    4015 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da 123abc Visualizza Messaggio
    Non è vecchio, le analisi storiche sulla natalità si possono fare solo terminato il periodo fertile della donna, non ha senso parlare di natalità fino a 30/32 anni. L'Istat comunque fa una stima sul futuro e, trattandosi di un indicatore molto lento nel lungo periodo, è di sicuro attendibile come lo sono tutti gli indicatori demografici di tipo naturale (nascite e morti).
    Le stime sul numero dei morti sono molto attendibili (una certezza se non viene scoperto l'elisir di lunga vita), le stime sulle nascite lo sono molto meno.

Accedi