Inflazione-livello dei prezzi-banche centrali - Pagina 17
Titoli FAANG e i tanti rischi non riflessi nei prezzi, solo uno è ‘invincibile’ nel lungo periodo
Amazon questa settimana è entrata nel gotha dei titoli da 1,5 trilioni di dollari e non si è fermata con il balzo ieri fino a 1,6 trilioni, tallonando Apple (1,66 …
Programma Biden incombe su Wall Street, rischio listini giù fino a -20%. Gli scenari con lui alla Casa Bianca
Entra nel vivo la campagna elettorale per le presidenziali 2020 negli Stati Uniti con l?annuncio da parte del candidato democratico, l’ex vicepresidente Joe Biden, delle misure da adottare per far …
BTP Futura troppo avaro e complesso per essere amato dagli italiani bramosi di rendimenti. I motivi del mancato boom del bond anti-MES
Gli italiani non hanno fatto la fila per accaparrarsi il nuovo BTP Futura, destinato ai soli risparmiatori retail e che sarà interamente destinato a finanziare misure quali il rafforzamento del …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #161
    L'avatar di fdg86
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    17,290
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    6653 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da piof Visualizza Messaggio
    vorrei sottolineare questioni già accennate in altri messaggi

    nello scenario di tassi già a zero (o quasi a seconda dei paesi) e non più tagliabili in maniera significativa, le scelte che tentano di sostituire il taglio dei tassi a sostegno dell'economia sono l'erogazione straordinaria di soldi, talvolta a fondo perduto (con però dei politici che decidono a chi e come erogare); un maggior ingresso dei politici e dei loro parenti ed amici nelle aziende ed in generale una maggior statalizzazione dell'economia. Magari la nascita di una nuova iri, in italia; e possiamo esser certi che diverrebbe un carrozzone con migliaia di dipendenti, raccomandati, amici di, parenti di...

    In alcuni paesi magari questo scenario di maggior statalizzazione non sarà grave, la cosa potrebbe anzi esser ben gestita, ma in un paese come l'italia è difficile credere che tutto ciò non abbia effetti assolutamente pessimi. L'influenza di asini e corrotti nella gestione delle aziende rischia di aumentare notevolmente.

    Ecco che tassi largamente negativi potrebbero esser considerati l'unica alternativa per evitare questo scenario in cui il politico di turno decide a chi elargire fondi e prestiti in cambio di favori personali o politici. Naturalmente pare ora molto complicato arrivare a tassi largamente negativi, ma lo scenario sopra descritto potrebbe prolungarsi in paesi come l'italia per anni o decenni e mi pare talmente grave che mi sembra valga la pena di valutare ogni altra strada
    Scusa ma i tassi negativi (deep negative) non tenderebbero a pietrificare di fatto l'economia reale?

  2. #162

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    12,702
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    1142 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    non credo, perchè dovrebbero?

  3. #163
    L'avatar di Tom Smith
    Data Registrazione
    Sep 2018
    Messaggi
    84
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    48 Post(s)
    Potenza rep
    1017128
    Credo si riferisse alla tendenza dei paesi con popolazione che invecchia e un debito che si innalza costantemente anche con interessi negativi ad avere crescita nulla. Me ne viene in mente uno in particolare che ha fatto da apripista a questa tendenza.

  4. #164

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    12,702
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    1142 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    certo, i problemi della Danimarca NON sono essenzialmente monetari...ops, volevo scrivere Italia, non Danimarca

    In ogni caso, ho appena scoperto che i tassi negativi sono questione largamente dibattuta, chi vuole può scaricare ad esempio questo documento: https://www.imf.org/en/Publications/...-A-Guide-46598

  5. #165
    L'avatar di havokiano
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    36,463
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    5301 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    interessantissimo questo topic.
    Sinceramente ero straconvinto che quest'anno e i prossimi 2 3 anni avremmo avuto una inflazione galoppante, dovuta a settore turismo, ristorazione e così via che aumenta i prezzi per tamponare costi covid e mesi chiusi.. ma c'è da dire che in realtà è aumentata anche la disoccupazione e sono diminuiti gli stipendi per molti, quindi questi aumenti potrebbero essere temporanei o incentivare fallimenti.. poi vai a leggere il rapporto sui conti correnti e in italia i depositi sono aumentati di 16miliardi anzichè i soli 2/3miliardi.. Quindi anche questa cosa non torna, tutti piangono miseria ma in realtà la maggior parte ha più soldi in banca rispetto a 2 3 mesi fa e solo in pochi sono stati colpiti veramente.
    La cosa più giusta da fare è quindi una patrimoniale mirata agli aumenti dei conti correnti di marzo aprile e maggio.
    avevi che ne so, 20mila a fine febbraio e 25mila a fine maggio. Patrimoniale al 10% su quei 5mila.
    Vi sembra una scemenza?

  6. #166
    L'avatar di Tom Smith
    Data Registrazione
    Sep 2018
    Messaggi
    84
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    48 Post(s)
    Potenza rep
    1017128
    Veramente mi riferivo più al Giappone. Interessante che quello studio comunque parla di usare gli interessi negativi "to end recessions within a short time." non in periodi prolungati. Tralasciando i miei forti dubbi che gli interessi negativi possano essere di qualche utilità per combattere una recessione, non capisco questa fissazione con essi. E' intuibile che sono uno strumento che presenta ben pochi vantaggi rispetto agli svantaggi. Già gli interessi artificialmente bassi degli ultimi anni sono una forzatura che porta grandi squilibri nella struttura economica.
    Ultima modifica di Tom Smith; 26-05-20 alle 21:07

  7. #167

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    12,702
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    1142 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Tom Smith Visualizza Messaggio
    Tralasciando i miei forti dubbi che gli interessi negativi possano essere di qualche utilità per combattere una recessione, non capisco questa fissazione con essi. E' intuibile che sono uno strumento che presenta ben pochi vantaggi rispetto agli svantaggi
    forse hai ragione, ma penso che tassi negativi potrebbero essere utili proprio per evitare tante scelte ricche di effetti collaterali (qe, bc che acquistano azioni e bond, sovvenzioni statali a pioggia...)

  8. #168
    L'avatar di fdg86
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    17,290
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    6653 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da piof Visualizza Messaggio
    non credo, perchè dovrebbero?
    Molto banalmente perchè prendendo a prestito e attendendo senza fare nulla hai un ritorno positivo garantito. Mentre prendendo a prestito e mettendoti a fare qualcosa in regime deflattivo (perchè è questo il regime collegato ai tassi negativi) hai a parità di condizioni un rischio di default maggiore rispetto al regime inflattivo dato lo sfasamento temporale (finanziario) tra il sostenimento dei costi e l'incasso dei ricavi.

    Quindi ci sarà una frazione X di chi avrebbe investito in tempi "normali" che tenderà ad attendere. Questo attendismo farà piano piano rallentare ancora di più l'economia e questa frazione X tenderà a salire. Nel frattempo le banche centrali continuerebbero con i tassi deep negative per evitare i fallimenti di massa delle ditte già finanziate. E così si alimenterebbe una spirale negativa.

  9. #169

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    12,702
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    1142 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da fdg86 Visualizza Messaggio
    Molto banalmente perchè prendendo a prestito e attendendo senza fare nulla hai un ritorno positivo garantito.
    e come? Prendendo in prestito e ammassando banconote? Vi sarebbero tassi negativi anche sui depositi bancari. Se poi si rendesse impossibile realizzare un utile tramite l'accumulo di banconote, la questione sarebbe risolta, e probabilmente i metodi vi sono

    Citazione Originariamente Scritto da fdg86 Visualizza Messaggio
    Mentre prendendo a prestito e mettendoti a fare qualcosa in regime deflattivo (perchè è questo il regime collegato ai tassi negativi) hai a parità di condizioni un rischio di default maggiore rispetto al regime inflattivo dato lo sfasamento temporale (finanziario) tra il sostenimento dei costi e l'incasso dei ricavi.
    Ma con tassi negativi (realizzati magari appunto nel caso di deflazione o crisi profonda )potresti realizzare un utile reale anche con una perdita nominale, anche se questi termini andrebbero rivisti. Lo sfasamento temporale fa sì che più passa il tempo e meno devi restituire alla banca. Mi indebito di 100 con la banca; dovrò restituire 90 tra un anno. Nel frattempo produco bici, mi basta incassare 91 per esser in utile

    Il problema di cui scrivi vi sarebbe con deflazione e tassi maggiori o uguali a zero: deflazione (-2%) e banca che mi presta allo 0,1%. Certo che questo è un problema... Ma se hai deflazione -2%, ecco che tagliando i tassi a meno 2,5%, sani proprio quel problema di cui parli e che continui a descrivere sotto:

    Citazione Originariamente Scritto da fdg86 Visualizza Messaggio
    Quindi ci sarà una frazione X di chi avrebbe investito in tempi "normali" che tenderà ad attendere. Questo attendismo farà piano piano rallentare ancora di più l'economia e questa frazione X tenderà a salire. Nel frattempo le banche centrali continuerebbero con i tassi deep negative per evitare i fallimenti di massa delle ditte già finanziate. E così si alimenterebbe una spirale negativa.

  10. #170
    L'avatar di havokiano
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    36,463
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    5301 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da piof Visualizza Messaggio
    e come? Prendendo in prestito e ammassando banconote? Vi sarebbero tassi negativi anche sui depositi bancari. Se poi si rendesse impossibile realizzare un utile tramite l'accumulo di banconote, la questione sarebbe risolta, e probabilmente i metodi vi sono



    Ma con tassi negativi (realizzati magari appunto nel caso di deflazione o crisi profonda )potresti realizzare un utile reale anche con una perdita nominale, anche se questi termini andrebbero rivisti. Lo sfasamento temporale fa sì che più passa il tempo e meno devi restituire alla banca. Mi indebito di 100 con la banca; dovrò restituire 90 tra un anno. Nel frattempo produco bici, mi basta incassare 91 per esser in utile

    Il problema di cui scrivi vi sarebbe con deflazione e tassi maggiori o uguali a zero: deflazione (-2%) e banca che mi presta allo 0,1%. Certo che questo è un problema... Ma se hai deflazione -2%, ecco che tagliando i tassi a meno 2,5%, sani proprio quel problema di cui parli e che continui a descrivere sotto:
    Perchè produrre? Mi indebito di 100. Restituisco 90. Fine. Disincentivano il lavoro.
    È un castello di carte che non sta in piedi

Accedi