In bianco e nero..... continuo - capitolo II - Pagina 54
Mercati reagiscono dopo shock Omicron, paura virus passerà presto? A Piazza Affari bene ENI, giù Intesa
I mercati riprendono parzialmente vigore dopo il violento sell-off di venerdì scorso. A riportare un cauto ottimismo è la speranza che la nuova variante Omicron si caratterizzi per sintomi più …
Falso allarme o spauracchio globale: i quattro scenari di Goldman su effetti della variante Omicron sull’economia
Venerdì scorso, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha designato Omicron come una variante Covid preoccupante. L'emergere di questa nuova incognita ha destabilizzato i mercati e altre attività di rischio in …
Buy di Citi e maxi-fornitura litio non scaldano Stellantis, titolo alle prese con preoccupante inversione grafica ribassista
Stellantis fa il pieno di litio grazie all’accordo con Vulcan Energy, ma a Piazza Affari emerge una certa cautela sul titolo la cui impostazione grafica desta qualche preoccupazione. Il titolo, …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #531
    L'avatar di diagonale
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    31,175
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    8203 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Roberto Raviola, in arte Magnus, fumettista bolognese.



    Nella prima parte della sua carriera è divenuto famoso per saper sciogliere le sfumature che dettano le profondità dimensionali in due sole tonalità: bianco e nero. Anzi, più decisamente, sapeva convertire la raffigurazione al dominio di un nero, prepotente e profondo, ove i barlumi di luminosità rimasti in sottofondo potevano fornire solo un sommesso commento. Indiscusso protagonista rimaneva un nero tenebroso, una pece senza sfumature né esitazioni, che sottolineava la cupezza d’animo dei personaggi e spesso l’enfasi nell’esibizione di una sessualità ancora torbida al sentire comune, che non poteva andare disgiunta dall’idea di male e peccato.







    Erano i famosi neri: Kriminal, Satanik; poi vennero la sexy astronauta Gesebel e l’agente segreto Dennis Cobb. Il nero, dominante nella tavola, consentiva all’artista di formare le scene con la velocità richiesta da una produzione poco sensibile a velleità artistiche. Grazie all’uso sapiente di bui privi di sfumature, Magnus riuscì a realizzare, contemperando esigenze produttive e piacevolezze estetiche, atmosfere fortemente evocative e non usuali, che suggestionarono grandemente i lettori del tempo.

    (dal web)





    Ultima modifica di diagonale; 07-10-21 alle 09:37

  2. #532
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,713
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    699 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Coco Chanel e Igor Stravinsky
    Il film perfetto per chi sogna in bianco e nero.
    Il gusto per gli interni della stilista era elegante e sofisticato quanto lo era il suo stile personale. In questo film, gli interni in black & white sono emblematici del suo rapporto tutto o niente con il compositore russo.
    Il film ambientato nei primi anni venti ha un’estetica composta e molto forte che evoca lo spirito e lo stile del periodo. Ma ancora di più celebra il design sorprendente, altamente individuale e innovativo di Coco Chanel. La casa di campagna di Coco , Villa Bel Respiro a Garches, ricostruita per il film, ha un grande senso dei dettagli e dell’atmosfera. L’arredamento è progettato da Marie-Heleme Sulmoni, con pezzi di design snelli, mentre i materiali sono lussuosi e ricchi di texture. Un tocco di glamour che evoca cineserie in alcuni oggetti, conferisce allo schema personalità e spicco. Gli abiti indossati dall’attrice Anna Mougaglis, che interpreta elegantemente il ruolo di Coco Chanel, sono un’estensione naturale dell’arredamento.







  3. #533
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,713
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    699 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Piú tardi cominciarono i grandi freddi. Branchi di lupi calavano
    nei paesi e nella città. Tutti si barricavano in casa. Era già nevicato.
    Un bianco indescrivibile aveva ricoperto i tetti, gli alberi, la memoria,
    come per pietà, per assoluzione – come quel velo che vi dicevo –
    e dietro si distingueva tutto il nero, indiviso, anodino, calmo.

    Ghiannis Ritsos






  4. #534
    L'avatar di diagonale
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    31,175
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    8203 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    La danza Cueca è diffusa in Cile, Argentina e Bolivia, declinata nelle sue varie sfumature, e si pensa sia derivata per mescolanza dalla cultura indigena sud americana, la cui radice si è formata in Perù con il nome di Zamacueca. Ha un'origine zoomorfa, che interpreta il corteggiamento rituale tra il gallo e una gallina. Il maschio ha un modo di fare aggressivo ed energico, mentre la donna ha un atteggiamento sfuggente, pudico e difensivo.





    Entrambi sventolano un fazzoletto bianco. L'uomo si avvicina alla donna e offre il suo braccio, la donna lo accompagna camminando, poi uno di fronte all'altro tendono in aria il loro fazzoletto bianco e cominciano a ballare. Non si toccano mai, ma mantengono ancora il contatto attraverso le espressioni facciali e movimenti.




    L'abbigliamento indossato durante il ballo è composto da vestiti tradizionali cileni: costumi neri o abiti. Gli uomini indossano il cappello del huaso, camicie, poncho di flanella, pantaloni da equitazione, stivali, giacca corta e speroni. Le donne solitamente vestono abiti fioriti.





  5. #535
    L'avatar di diagonale
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    31,175
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    8203 Post(s)
    Potenza rep
    42949680



  6. #536
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,713
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    699 Post(s)
    Potenza rep
    42949689


    (...) La più grande innovazione tra le fantasie di moda anni '60 è rappresentata dai disegni optical bianchi e neri,
    ... bianco e nero appunto, presentavano diverse linee, dallo zigzag ai cerchi concentrici, fino a schemi più arditi









  7. #537
    L'avatar di diagonale
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    31,175
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    8203 Post(s)
    Potenza rep
    42949680


    Peraltro almeno una zebra a pois esiste veramente, è stata avvistata un paio d'anni fa in Kenya, nel parco Masai Mara.







    L'animale ha, infatti, macchie e striature bianche sul manto nero, invertiti rispetto al solito. E' stata battezzata Tira, dal cognome della guida Masai che l'ha scoperta.
    Ultima modifica di diagonale; 26-10-21 alle 10:14

  8. #538
    L'avatar di diagonale
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    31,175
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    8203 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    L'accaduto non è unico nel suo genere, soprattutto nella possibilità di incrocio del genitore zebra con animali della stessa famiglia, come il cavallo o l'asino, dando vita agli Zebroidi.





    Un caso di "Zonkey" si è veirficato anche a Firenze nel 2013, in un vivaio dove viveva Marty, il papà zebra, sequestrato in uno zoo



    e il piccoletto è stato chiamato Hippo.


    Qualche anno fa - ricorda la riserva Mara - c'è stato un altro caso di una zebra a colori invertiti, che ha mantenuto anche in età adulta quel peculiare manto e la coda a pennello, ma senza l'effetto "pois".

  9. #539
    L'avatar di diagonale
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    31,175
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    8203 Post(s)
    Potenza rep
    42949680



    "Non t'amo come se fossi rosa di sale, topazio
    o freccia di garofani che propagano il fuoco:
    t'amo come si amano certe cose oscure,
    segretamente, tra l'ombra e l'anima.

    T'amo come la pianta che non fiorisce e reca
    dentro di sé, nascosta, la luce di quei fiori
    ;
    grazie al tuo amore vive oscuro nel mio corpo
    il concentrato aroma che ascese dalla terra.

    T'amo senza sapere come, né quando, né da dove,
    t'amo direttamente senza problemi né orgoglio:
    così ti amo perché non so amare altrimenti

    che così, in questo modo in cui non sono e non sei,
    così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
    così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno."


    (P. Neruda)




  10. #540
    L'avatar di diagonale
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    31,175
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    8203 Post(s)
    Potenza rep
    42949680

Accedi