Lo STATO paga quasi interamente le facciate?
Dividendi 2020 da record: ben 8 titoli del Ftse Mib con rendimenti oltre il 5%, banche al top
L’assaggio di dividendi arrivato a inizio settimana, con i ricchi acconti cedola staccati da Enel e Snam, ha acceso i riflettori sulle interessanti opportunità di rendimento offerte dai titoli di …
I tre scenari per lo spread dopo test Emilia. Ing: elezioni anticipate un bene per i Btp (nel lungo periodo)
Il conto alla rovescia in vista delle elezioni regionali in Emilia Romagna è ormai prossimo alla fine e lunedì mattina, risultati alla mano, i mercati daranno il loro giudizio. Una …
Piazza Affari raddrizza la settimana: +1,1% con chiusura sui massimi di sempre per Enel, Terna ed Hera
Colpo di reni a fine ottava per Piazza Affari che ritrova il sorriso dopo che le precedenti 4 sedute erano state avare di soddisfazioni complici principalmente i timori legati al …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    73
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    30 Post(s)
    Potenza rep
    4

    Lo STATO paga quasi interamente le facciate?

    In un'Italia piene di buche (e rimborsi miliardari per danni), ponti e gallerie che crollano e non ci sono fondi per sistemare questo, come per il dissesto di tutto il territorio, mi sembra di aver sentito che si stanno predisponendo misure per rimborsare il 90% delle spese di facciate, coibentazioni e altro. Ma chi paga poi Pantalone? Mi sembra scorretto oltretutto scaricare ai posteri dopo un anno e per dieci lunghi anni una spesa enorme sul bilancio statale. Sono io che traviso o tutto ciò sembra una maniera furba per dire di fare ma rimettere ad altri il conto?
    Ba/St

  2. #2
    L'avatar di diagonale
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    26,206
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    5758 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    I due termini della tua comparazione risultano piuttosto disomogenei.

    Riparazione buche , ponti etc attengono alla viabilità generale e fanno carico necessariamente all'Ente PUBBLICO territorialmente competente. Perchè se ragioniamo in logica di puro mercato, la strada da Mi a TO (ad es.) non la uso da 10 anni e non voglio tirare fuori un euro per aggiustarla, mentre c'è gente che ci passa ogni giorno. Quindi le risorse provengono dalla fiscalità generale, contribuiamo tutti con una fettina della nostra imposta sul reddito.

    Diversa è la situazione afferente le facciate. Bonus ristrutturazioni esiste da anni . Qui la valutazione benefici/costi è completamente INDIVIDUALE, acquisto e pago lavori di riparazione o miglioria in base a valutazioni di quanto mi serve / in che misura mi piacerà esteticamente il risultato che avrò, in relazione alla mia disponibilità finanziaria alta o meno. La detrazione da te menzionata risponde al distinto fine di far emergere il sommerso, per contrastare l'evasione fiscale, soprattutto dell'iva, creando un conflitto d'interessi fra impresa fornitrice e privato acquirente dell'opera
    Ultima modifica di diagonale; 17-01-20 alle 10:09

  3. #3

    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    73
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    30 Post(s)
    Potenza rep
    4

    Problematiche solo apparentemente discoste

    Grazie "Diagonale", tutto verissimo. Purtroppo io ragiono un tanto al chilo e mi stavo solo chiedendo se è giusto che lo Stato si accolli il 90% della spesa anche se dilazionata e soprattutto questa dilazione non peserà sui bilanci dei governi che verranno?
    Tutto qui, le buche fanno arrabbiare e in questi giorni morire (sono di Firenze) e io la vedo semplicemente e ignorantemente come una mancanza del Settore Pubblico sempre a corto di risorse.
    Saluti

Accedi