Con te partiro'... - Pagina 4
A ruba il primo bond Twitter, rendimento ricco fa cinguettare gli investitori
Twitter debutta sul mercato obbligazionario. La società americana, conosciuta in tutto il mondo per i suoi ?tweet”, ha collocato le sue prime obbligazioni a un tasso di interesse inferiore a …
Payrolls dicono che economia Usa scoppia di salute, rally dei mercati e dollaro superstar
Segnali di forza dal mercato del lavoro negli Stati Uniti con le payrolls andate ben oltre le attese a novembre. Lo scorso mese sono stati creati negli Stati Uniti 266mila nuovi posti …
I mega yatch Sanlorenzo riescono nell’attracco in Borsa, da martedì sullo Star
Sanlorenzo conclude con successo l’Ipo riuscendo lì dove Ferretti Group ha fallito.  E’ l’Ipo più importante di questa parte finale d’anno dopo che l’altro gruppo degli yacht, Ferretti Group, non ha ricevuto …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #31
    L'avatar di violett@
    Data Registrazione
    Oct 2015
    Messaggi
    6,468
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    861 Post(s)
    Potenza rep
    42949677

  2. #32
    L'avatar di violett@
    Data Registrazione
    Oct 2015
    Messaggi
    6,468
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    861 Post(s)
    Potenza rep
    42949677

  3. #33
    L'avatar di violett@
    Data Registrazione
    Oct 2015
    Messaggi
    6,468
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    861 Post(s)
    Potenza rep
    42949677

  4. #34
    L'avatar di odett
    Data Registrazione
    Mar 2017
    Messaggi
    1,670
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    178 Post(s)
    Potenza rep
    42949675


    I'll take you where you've never been
    And I will show you the wonders of the world
    and when the time comes when you will go
    you, you will lead
    you will teach it to another
    another like you
    ............................
    Io ti porterò dove non sei stato mai
    E ti mostrerò le meraviglie del mondo.............


  5. #35
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    30,016
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    491 Post(s)
    Potenza rep
    42949687



    (...) Sul traghetto, accanto all'autobus, c'è una grossa limousine nera con un autista in livrea di cotone bianco.
    Sì, è proprio la grossa auto lugubre che appare nei miei libri, la Morris Léon-Bollet. La Lancia nera dell'ambasciata francese
    a Calcutta non ha ancora fatto il suo ingresso nella letteratura.C'è ancora il vetro scorrevole tra l'autista e il padrone.
    Ci sono ancora gli strapuntini. È ancora grande come un salotto. Dalla limousine un elegantissimo signore mi guarda.
    Non è un bianco, ma è vestito all'europea, con il completo di tussor chiaro che indossano i banchieri di Saigon. Mi guarda.
    (...) Il signore elegante è sceso dalla limousine, fuma una sigaretta inglese, guarda la ragazza con il cappello da uomo e le
    scarpe d'oro, le si avvicina lentamente. È palesemente intimidito. Non sorride subito, prima le offre una sigaretta. Gli trema la mano.



    Trema perché non è bianco, e c'è la diversità razziale da superare. Lei gli dice che, grazie, non fuma, non aggiunge altro, non dice
    mi lasci in pace, allora lui si rassicura, le dice che vedendola ha creduto di sognare, lei non risponde,non val la pena di rispondere,
    non saprebbe che cosa rispondere. Aspetta. Allora lui le chiede: ma da dove viene? Lei risponde di esser la figlia della maestra della
    scuola femminile di Sadec. Lui riflette e poi dice di aver sentito parlare di quella signora, di sua madre, della sfortuna che ha avuto
    ad acquistare quella concessione in Cambogia, perché si tratta di lei, no? Sì, proprio così.
    Ripete che è veramente sorprendente vederla su quel traghetto. Di mattina presto, una bella ragazza come lei, capisce, non me lo
    sarei aspettato, una ragazza bianca su un autobus indigeno. Le dice che quel cappello le sta bene, benissimo, che è... originale...
    un cappello da uomo, perché no?Carina com'è, può permettersi tutto. Lei lo guarda, poi gli chiede chi è. Lui risponde che torna da
    Parigi, dov'era andato a studiare, che abita anche lui a Sadec, proprio sul fiume, la grande casa che ha le terrazze con le balaustre
    di ceramica azzurra. Lei gli chiede di che nazionalità è. Risponde di essere cinese, la sua famiglia viene dalla Cina settentrionale,
    da Fou Chouen. Permette che l'accompagni a Saigon, a casa? Lei accetta.

    Marguerite Duras “L’Amante”




    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Con te partiro'...-saigon-ho-chi-minh-city-vietnam-5c489f50c9e77c000112d22b.jpg  

  6. #36
    L'avatar di diagonale
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    25,815
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    5618 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da [email protected] Visualizza Messaggio
    «Ogni posto è una miniera. Basta lasciarcisi andare, darsi tempo, stare seduti in una casa da tè
    a osservare la gente che passa, mettersi in un angolo del mercato, andare a farsi i capelli e poi
    seguire il bandolo di una matassa che può cominciare con una parola, con un incontro, con l’amico
    di un amico di una persona che si è appena incontrata e il posto più scialbo, più insignificante della
    terra diventa uno specchio del mondo, una finestra sulla vita, un teatro di umanità dinanzi al quale
    ci si potrebbe fermare senza più il bisogno di andare altrove. La miniera è esattamente là dove si è:
    basta scavare».

    Tiziano Terzani





    Terzani meriterebbe un 3ad intero, una vita davvero avventurosa sui sentieri della sua curiosità .

    Innamoratosi dell'indocina quando vi lavorava per Der Spiegel, la sua dimora più nota è probabilmente la Casa della Tartaruga, tra il 1990 e il 1994 a Bangkok, un angolo antico a due passi dalla caotica Sukumvit.







    «Ci installammo a Bangkok nella casa più bella e fatata in cui abbiamo mai vissuto, un’oasi di vecchio Siam in mezzo all’orrore del cemento.
    Turtle House era splendida la notte. I grattacieli che ci crescevano attorno ci toglievano ogni giorno più sole, ma quando calava la sera e Kamsing, il giardiniere, accendeva le lampade nascoste fra gli alberi, le fiaccole attorno allo stagno e le lucine a olio ai piedi delle statue di Ganesh e di Buddha nel giardino, la casa tornava ad avere quella calda, quieta magia tropicale».




    Ultima modifica di diagonale; 30-04-19 alle 11:04

  7. #37
    L'avatar di diagonale
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    25,815
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    5618 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Un caro saluto a Mafalda

  8. #38
    L'avatar di diagonale
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    25,815
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    5618 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Si chiama Krung Thep (Thai: กรุงเทพมหานคร, กรุงเทพฯ ), Bangkok per noi farang.

    Il nome completo è un pochino più lungo : Krung Thep Mahanakhon Amon Rattanakosin Mahinthara Yuthaya Mahadilok Phop Noppharat Ratchathani Burirom Udomratchaniwet Mahastan Amon Phiman Awatan Sathit Sakkathattiya Witsanukam Prasit



    che significa

    «Città degli angeli, la grande città, la città della gioia eterna, la città impenetrabile del dio Indra, la magnifica capitale del mondo dotata di gemme preziose, la città felice, che abbonda nel colossale Palazzo Reale, il quale è simile alla casa divina dove regnano gli dei reincarnati, una città benedetta da Indra e costruita per Vishnukam»


    Costruita poco più di duecento anni fa su un'ansa del Chao Praya river, ha iniziato il moderno sviluppo durante la guerra del vietnam, sino a tendere, a partire dagli anni '90, alla configurazione delle più evolute metropoli.





    Skytrain nei quartieri degli affari





    Rickshaw nei quartieri popolari
    Ultima modifica di diagonale; 30-04-19 alle 13:03

  9. #39
    L'avatar di diagonale
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    25,815
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    5618 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Ai primi decenni della monarchia Thai a Bangkok (Rama 4°) è dedicato il film



    Se dalla capitale prendete il treno in direzione ovest, arrivate a Kanchanaburi , dove si trova il Kwai Bridge



    che ha ispirato il libro, e poi un altro film :

    Citazione Originariamente Scritto da [email protected] Visualizza Messaggio


    Questo ponte fu progettato e costruito da soldati dell'esercito britannico – Febbraio-Maggio 1943
    Tenente Colonnello L. Nicholson [Dalla targa appesa sul ponte da Nicholson stesso al termine dei lavori]

    IL PONTE SUL FIUME KWAI: William Holden e Alec Guinness sono i protagonisti di questo kolossal del 1957, diretto da David Lean.Nella giungla birmana alcuni ufficiali e soldati inglesi sono prigionieri dei giapponesi. Questi ultimi impongono agli inglesi di costruire un ponte, essenziale per i loro trasporti di guerra. I prigionieri si rifiutano di farlo. Ma in un secondo tempo, il colonnello comandante degli inglesi Nicholson, per dimostrare la propria superiorità, si dedica con i suoi alla costruzione di un ponte imponente, mettendosi per così dire in competizione con gli avversari in una specie di paradossale fanatismo patriottico.

    "Ma purtroppo, a un certo punto ci si accorge d'essere più vicini alla fine che al principio e allora...
    uno si chiede... a che cosa è servita la propria vita, quale traccia resterà sulla terra della propria
    esistenza e se ne resterà traccia, specie pensando a quello che hanno raggiunto gli altri.
    Certo non sono pensieri molto allegri ma a volte mi vengono e non riesco più a scacciarli..." (Colonnello Nicholson)


    Sette Oscar: miglior film, regia, Alec Guinness non protagonista, fotografia, montaggio, musica (l'arrangiamento della marcetta "Colonel Bogey" divenne celeberrima) e sceneggiatura

    Il ponte sul quale si girò il film, con una delle colonne sonore più fischiettate della storia, è in Thailandia ed era il punto chiave della “Ferrovia della Morte” che collegava la Thailandia con il Myanmar e fu costruito con l’intenzione di fornire una linea di collegamento a disposizione per le truppe giapponesi. Il ponte rimase seriamente danneggiato dagli attacchi aerei degli Alleati tra il 1944 e il 1945, ma diverse arcate in ferro rimasero in buone condizioni ed è per questa ragione che venne riparato dopo la guerra.

    Colonnello Saito: È bello.
    Colonnello Nicholson: Sì, è bello. Molto bello. Non credevo che venisse così.
    Colonnello Saito: Ah... sì... è una bella opera!



    Ultima modifica di diagonale; 30-04-19 alle 11:23

  10. #40
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    30,016
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    491 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da diagonale Visualizza Messaggio
    Un caro saluto a Mafalda
    Ma grazie Diago...ti sei buttato a capofitto nello spirito del thread, per come lo intendo io...
    un caro saluto anche a te...vagabondo!






    Hotel California - Eagles

    Hotel California è un singolo estratto dall'omonimo album degli Eagles
    Il testo della canzone descrive l'Hotel California come una struttura di gran lusso dove «You can check out any time you like but you can never leave»
    («puoi lasciare libera la stanza quando vuoi ma non potrai andartene mai»).
    La canzone generalmente è interpretata come un'allegoria dell'edonismo e dell'auto-distruzione dell'industria musicale della California del sud nella
    fine degli anni settanta; Don Henley l'ha definita «la nostra interpretazione della bella vita a Los Angeles» e, in un'intervista del 2007, aggiunse
    «è essenzialmente una canzone sull'oscura vulnerabilità del sogno americano, che è qualcosa che conosciamo bene».
    In particolare, in quel periodo gli Eagles erano preda di alcol e droga e dichiararono che si trattava di una metafora della schiavitù da stupefacenti.








    Ultima modifica di [email protected]; 30-04-19 alle 11:26

Accedi