Armi da fuoco, bianche, contundenti, di difesa, etc. Etc.... - Pagina 45
Variante Omicron destabilizza i mercati, ma secondo Jp Morgan non è una cattiva notizia, anzi…
Niente panico. Tra le grandi case d’affari statunitensi l’arrivo inatteso della variante Omicron e la reazione decisamente nervosa dei mercati nell’ultima settimana non devono portare a una fuga dal rischio. …
Spread e tassi BTP, è Draghi Effect vs Bce? Da Le Monde fiducia totale nel premier: il giusto elettroshock per l’Italia
L’inflazione non divora solo il potere di acquisto ma, nel caso dell’Italia, anche quello che è stato battezzato come Draghi Effect sui tassi dei BTP e dunque sullo spread BTP-Bund. …
Alert su domanda per iPhone 13 manda in tilt Stm (-5%)
Seduta in balia delle vendite per il comparto tecnologico europeo, con lo Stoxx Europe 600 Technology che cede oltre tre punti percentuali. Vendite che investono anche l'italo-francese STMicrolectronics (STM) che, …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #441
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,739
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    702 Post(s)
    Potenza rep
    42949689


    Nel 1937 la scrittrice neozelandese Ngaio Marsh si servì di un’enorme bottiglia di Champagne come arma del delitto
    per il suo romanzo Vintage Murder, uscito nel 1937.
    Forse non è particolarmente bizzarra ma è difficile da dimenticare, anche per via delle copertine che mostrano
    sempre un’enorme bottiglia pronta a cadere addosso a chi guarda



  2. #442
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,739
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    702 Post(s)
    Potenza rep
    42949689


    Il tenente Sheridan, correttamente Ezechiele "Ezzy" Sheridan, è un personaggio di finzione televisivo interpretato dall'attore Ubaldo Lay e ideato intorno al 1959 dagli sceneggiatori Mario Casacci, Alberto Ciambricco e Giuseppe Aldo Rossi.

    È stato protagonista di diverse serie televisive di produzione italiana messe in onda dall'allora Programma Nazionale RAI in tre stagioni fra il 1959 ed il 1961 nella serie Giallo club. Invito al poliziesco e a metà degli anni sessanta nelle serie derivate Ritorna il tenente Sheridan e Sheridan, squadra omicidi, oltre che in altre miniserie.

    Tutto era finito però con Sheridan colpito a morte dalla pallottola di un bandito.
    Anni dopo, appunto nell’84, l’idea di riportarlo in vita e affidargli una “Indagine sui sentimenti”. Si partiva così da Ubaldo-Ezechiele: che racconta come sia sopravvissuto a quell’agguato e poi spiega di essere diventato un private-eye, un investigatore a gettone per chi avesse qualcosa da risolvere.






  3. #443
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,739
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    702 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Il successo di Gomorra è strettamente legato alla sua colonna sonora e alle mille sfaccettature
    della musica napoletana: dai neomelodici ai rapper e all'elettronica.

    Testo Nuje Vulimme ‘na Speranza – NTO’ & Lucariello

    Asciut ajere ‘a vita accummeng’ mo’
    aret ‘o 600 scarpe ianc nove
    io lla’ nun ce torno pecchè stanotte nun ce dorm
    e penz chiu’ ‘a na’ Benz o na Range Rover
    faccio vencere ‘a sfortuna tutt”e frat mij perdut
    facev part’ re cunt nun è pe nnuje ma p”e criatur
    nuje vulimme na speranz’ ‘e campa’ senza chesta ansia
    quand tornano ra’ scol quand stann abbasci ‘o bar
    ‘e mettn mman ‘e pistole e a droga e tutt’ ll’ati storie
    atterran”e camion ch’e scorie e ce purtamm pur ‘e sciur
    ‘o penzamm tutt’ quant ma nun ‘o ddice mai nisciuno
    nuje tenimm na’ domand ma chi giudica a chi giudica?
    è oggi ca se fa ‘o riman è logic’ ca si riman inerme
    nun cagna niente tien’e pier fridd a viern
    nuje guardamm’ ‘a dint”o binocolo sti bastard comm’ jiocano
    senza ‘o rischio ‘e ij carcerat proprio comme dint’o monopoli

    Nuje vulimm’ na speranza pe campa’ riman’
    Man aizate chesta cca’ va’ sul pe cchi rimman’

    Nun saccio manc chi song se
    stracc l’anema a tuorn’cca’
    straccio p”e tutt”e juorn
    cca’ spaccio quand nun duorm
    guard nfacc’ quand te sfong
    p’arraggia m’abboffo ‘e bomb
    ch”e plancie aizano ‘e suonn’ mi
    magie ca te fann’ omm
    ‘a vita facile nun te nfraceta te squaglia rint all’acid
    ‘e vote nun me capacita ‘e vote nun trovo pace
    voglio n’ata prospettiva prosperità attiva
    guardo ‘a figliemo ‘a matin’
    pront’ p”e n’atu destin’
    mastin’ ma astip astip è castig
    stirpe nova dint’o festin’ te stira
    istiga ‘a rivoluzione r’ogni person
    voglio benessere dint ‘a stu cess’
    nun voglio comprensione
    vutt’t e futt’t bbuon’ ‘o brutt’ fa tutt’ rummor’
    ‘o llutt’ t’anghiutt è tumor’ me sfrutt me sfrutt e nun mor’
    faccia dura ra’ speranza cu”e criatur dint a panz
    pozz’ sulo guarda’ annanz’ aret’ car rint’ ‘o vacant’

    Nuje vulimm’ na speranza pe campa’ riman’
    Man aizate chesta cca’ va’ sul pe cchi rimman’

    Basta ch’ ‘e file ch’ ‘e prezz’ e l’affitt’
    rammell”e merd agg’ ritt’ ma basta che è vita
    ‘e cose nun cagnano e nuje alluccamm’
    sulo quand ‘e guaje ce stann’ tuccann’
    ‘o stato t’appoia l’ecoballe ncap’
    tu scinn’ e te sball’ comm ‘a chi nun sap
    pecche’ nun vuo’ sape’ frate”e rinunciat?
    tien ‘e juorn comm”e sord rint a sacc’ cuntat’
    Munnezz!




    Nuje Vulimme ‘na Speranza Traduzione

    Uscito ieri la vita inizia adesso dietro un ‘600 scarpe bianche nuove li non ci torno perche stasera non ci dormiró e penso piu ad una Benz che ad una Range Rover Faccio vincere la sfortuna tutti i miei fratelli perduti facevo parte dei conti non è per noi ma per i bambini noi vogliamo una speranza di vivere senza questa ansia Quando tornano dalla scuola quando sono al bar Gli mettono in mano le pistole la droga e tutte le altre storie scaricano i camion con le scorie e gli portiamo anche i fiori lo pensiamo tutti ma non lo dice mai nessuno noi abbiamo una domanda “Chi giudica chi giudica?” É oggi che si costruisce il domani è logico che resti inerme non cambia niente hai i piedi freddi in inverno Noi guardiamo dal binocolo questi ******** come giocano senza il rischio di andare in galera proprio come nel monopoli

    Noi vogliamo una speranza per vivere domani x3 Mani alzate, Questa va solo per chi rimane

    Non so neanche chi sono si strappa l’anima attorno per la strage di tutti i giorni dove spacci quando non dormi ti guardo in faccia quando ti sfondi per la rabbia mi faccio di “bombe” Con i chili alzano i sogni minacciano che ti fanno diventare uomini la vita facile ti fa marcire ti squaglia nell’acido a volte non capisco a volte non trovo pace voglio un altra prospettiva prosperitâ attiva guardare mio figlio di mattina pronto per un altro destino mastino, ma conservo in stiva e castigo stirpe nova al festino ti stende istigare la rivoluzione d ogni persona voglio benessere in questo cesso non voglio comprensione buttati e fotti bene il buono fa solo rumore il lutto ti inghiotte è tumore mi sfrutti mi insulti e non muoio la faccia dura della speranza di chi ha i bambini in pancia posso solo guardare avanti dietro cadi nel vuoto.

    Noi vogliamo una speranza per vivere domani x3 Mani alzate, Questa va solo per chi rimane

    Basta con le file per i prezzi degli affitti “Dammela pessima ti ho detto basta che sia vita” Le cose non cambiamo ma noi gridiamo solo quando i guai ci stanno toccando Lo stato ti appoggia le ecoballe in testa tu scendi e ti sballi come chi non sa perchè non vuoi sapere “fratello hai rinunciato?” hai giorni come i soldi in tasca: contati.



  4. #444
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,739
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    702 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    L'amore è un pugnale. È un'arma che può essere impiegata da lontano o da vicino.
    Puoi vederci la tua immagine. È bellissimo finché non ti fa sanguinare.
    Ma alla fine quando cerchi di raggiungerlo...non è reale.

    3° episodio - Loki



  5. #445
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,739
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    702 Post(s)
    Potenza rep
    42949689


    Il mio contatto alla sinagoga mi procurò la mia prima mitraglietta UZI fatta in Israele.
    La prima volta che vendi un'arma è molto simile alla prima volta che fai sesso:
    non hai idea di quello che stai facendo, ma è eccitante, e in un modo o nell'altro, finisce troppo presto.

    (Yuri Orlov
    )



  6. #446
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,739
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    702 Post(s)
    Potenza rep
    42949689


    Alfred Jarry non si separava mai dalla sua grossa pistola, pronto a brandirla su chi gli chiedeva un’indicazione stradale, o più semplicemente lo annoiava. […]
    Jarry lasciò il suo revolver a Picasso che si divertiva a sparare in aria nelle lunghe notti di Montmartre.
    Quel genio di Jarry. Beveva. Sparava nei ristoranti. Si presentava nei salotti in ciabatte. Anticipò le avanguardie



  7. #447
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,739
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    702 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    “E’ un giovane straordinario, molto corrotto”, aveva osservato Wilde “e i suoi scritti hanno talvolta
    l’oscenità di Rabelais, talvolta lo spirito di Molière, e sempre qualcosa di strano che gli è proprio”.
    Poi aveva aggiunto: “E’ molto attraente: ha tutto l’aspetto di una marchetta
    ”.

    Ma più spesso Alfred Jarry era visibilmente sporco e si presentava nei salotti letterari con le dita dei piedi che uscivano da miserabili pantofole. Vari biografi fanno risalire l’alcolismo e le eccentricità di Jarry a un’omosessualità repressa.

    “Io avanzo mascherato alla ricerca di un altro me stesso che avevo perso o da cui ero sfuggito sotto uno pseudonimo”.

    I poli della vita di questo singolare personaggio, che interpretava lucidamente la parte del pazzo, erano tre: l’alcol, la bicicletta e la pistola. Detestava l’acqua “che è un veleno talmente corrosivo che l’hanno scelta tra tutte le sostanze per le abluzioni e i lavaggi e che una goccia versata in un liquido puro, per esempio l’assenzio, lo inquina”.
    Alfred seguiva una rigida dieta alcolica.
    Iniziava all’alba con due litri di vino bianco, cui seguivano, tra le dieci e le dodici, tre dosi di assenzio. Mangiava pochissimo, spesso pesci da lui pescati nella Senna, ma non lesinava sui bianchi e rossi alternati all’assenzio. Un caffè pesantemente corretto col brandy lo predisponeva agli innumerevoli Pernod. A cena vuotava ogni giorno due bottiglie di vino di bassa qualità.
    Prima di coricarsi beveva un singolare cocktail: assenzio, aceto e uno spruzzo di inchiostro. Dopo avere scoperto che “bere a stomaco vuoto è meglio”, aveva eliminato il cibo grazie a un semplice calcolo: due bicchieri di assenzio valevano una bistecca, uno una libbra di pane.
    Girava sempre in bicicletta, una costosa Clément Luxe 96 che non aveva mai pagato e in casa l’appendeva al muro per salvare le gomme dai topi.



    Non si separava mai da una sua grossa pistola pronto a brandirla su chi gli chiedeva un’indicazione stradale o, più semplicemente, lo annoiava. Spesso l’arma era caricata a salve, ma nessuno lo sapeva finché non faceva fuoco su chi gli stava antipatico.
    A volte nei ristoranti sparava al soffitto, facendosi mettere alla porta. Un giorno, durante un’improvvisata a un’amica, la scrittrice Rachilde, irritato dal fatto che lei volesse finire l’articolo che stava leggendo, aveva sparato sul giornale. Un’altra volta, in campagna, quando la padrona di casa si era lamentata perché, tirando agli uccellini, rischiava di ferire i suoi figli, aveva risposto: “Madame, se dovesse succedere una disgrazia, gliene faremo degli altri”.
    Combatteva a colpi di revolver contro i ragni che infestavano la sua lurida casa, dove la pulizia era affidata al vento. Ma teneva le ragnatele, che trovava decorative. Il soffitto era talmente basso che solo lui riusciva a stare dritto, mentre gli ospiti preoccupati fissavano i due gufi che abitavano nel camino.



  8. #448
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,739
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    702 Post(s)
    Potenza rep
    42949689


    Controllai che nel cassetto della scrivania ci fosse la Luger.
    Era lì, bella come un quadro. Di nudo.

    (Charles Bukowski)



  9. #449
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,739
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    702 Post(s)
    Potenza rep
    42949689


    „Togliamo a Cesare quello che non è di Cesare.
    Meglio. "Diamo a Cesare quello che è di Cesare. Ventitré pugnalate."“

    Marcello Marchesi comico, sceneggiatore e regista italiano 1912 - 1978



  10. #450
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,739
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    702 Post(s)
    Potenza rep
    42949689


    Il ricordo del desiderio era il più terribile. Il corpo sembrava aver dimenticato con facilità crudele,
    ma il cervello continuava ad aggrapparsi ad ogni carezza, disperatamente.
    Fuori era l’alba, un raggio di sole fendeva il cielo quasi fosse un pugnale.
    Non capiva come qualcosa di così proibito potesse dare una tale felicità e poi di colpo un dolore intollerabile.”

    [Nino Haratischwili, L’ottava vita]



Accedi