Ἀνέκδοτα - Aneddoto
Apple punta i 2 trilioni $ e fa felice Buffett. Ma il peso record delle Mega Cap è un’insidia per tutta Wall Street
Era agosto 2018 quando Apple infranse per la prima volta il muro del trilione di dollari di capitalizzazione. Adesso a distanza di due anni esatti il colosso di Cupertino appare …
Chiusura Piazza Affari: Telecom e Unicredit tra i migliori sul Ftse Mib, CNH (+4%) grazie a scatto Nikola
La settimana di Ferragosto si è aperta con segno più per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib ha chiuso a 19.651 punti (+0,69%). Venerdì l’indice aveva chiuso in progresso grazie all’assist …
Triboo cede ShinyStat e avvia partnership con SevenData (gruppo Kompass)
Triboo cede ShinyStat a SevenData e contestualmente avvia una partnership con la società facente capo al Gruppo Kompass, permettendo lo sviluppo dell'offerta di ShinyStat a livello internazionale. Il gruppo attivo …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Animondo
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    91 Post(s)
    Potenza rep
    10634310

    Ἀνέκδοτα - Aneddoto

    Particolare curioso, non conosciuto, riguardante la vita di personaggi o eventi raccontato per il divertimento di chi ascolta.

    In origine la parola voleva indicare INEDITO, mai pubblicato, non ancora conosciuto.

    Qui parleremo di Aneddoti, storie divertenti, sconosciute, inedite...

    Un pó come già fatto del 3D:

    Domine Dirige Nos: alla scoperta della City of London Corporation

    Gli antichi greci le chiamavano Ἀνέκδοτα oggi va più di moda chiamarle teorie complottiste
    Ultima modifica di Animondo; 13-05-17 alle 08:15

  2. #2
    L'avatar di Animondo
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    91 Post(s)
    Potenza rep
    10634310
    Iniziamo con l’ Ἀνέκδοτα più famoso, quello su:

    Giustiniano I il Grande

    Augusto dell'Impero romano d'Oriente fu imperatore bizantino dal 527 al 565, l’ultimo di lingua e cultura latine, è considerato uno dei più grandi sovrani del tardo impero.

    Il suo governo coincise con un periodo d'oro dell'Impero d'Oriente, sia dal punto di vista civile che economico e militare.

    Nella Restaurazione dell’Impero le campagne dei generali Belisario e Narsete permisero il ricongiungimento all'Impero di parte dei territori d'Occidente.

    In quel periodo si ebbe un’ edilizia civile che ha lasciato opere eccezionali, la cultura ricevette nuova linfa con celebri storici e letterati, fra cui Procopio di Cesarea, Agazia, Giovanni Lido e Paolo Silenziario.

    La più grande eredità che Giustiniano ha lasciato ai posteri sono le sue norme, conosciute come Corpus iuris civilis: una stesura organica delle leggi romane che è tutt'oggi la base del diritto civile di tutto il mondo.

    L’epoca di splendore fù però spezzata dalla peste che colpì l'intero mondo mediterraneo.
    Ultima modifica di Animondo; 15-05-17 alle 15:24

  3. #3
    L'avatar di Animondo
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    91 Post(s)
    Potenza rep
    10634310
    Questo, in breve, è quello che ci racconta la storia ufficiale…

    Ma esiste un’altra storia “La Storia segreta”.

    Perché ogni medaglia ha il suo rovescio.

    L'Ἀνέκδοτα per antonomasia

    Ἀνέκδοτα - Aneddoto-aneddoti.jpg
    Ultima modifica di Animondo; 12-05-17 alle 18:54

  4. #4
    L'avatar di Animondo
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    91 Post(s)
    Potenza rep
    10634310
    Procopio di Cesarea a.d. 550, era un avvocato nominato consigliere e segretario di Belisario che lo seguì in battaglia.

    Nel 551 scrisse una Storia delle guerre in sette libri il "De Bellis" (quelle di cui fu testimone).

    Su richiesta dell'Imperatore Giustiniano scrisse anche Sugli Edifici, un encomio alle opere edificate durante il suo regno.
    Ultima modifica di Animondo; 15-05-17 alle 15:25

  5. #5
    L'avatar di Animondo
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    91 Post(s)
    Potenza rep
    10634310
    Molti non sanno però che Procopio scrisse anche una Storia segreta:

    Ἀνέκδοτα

    Nell’opera, pubblicata postuma, lo storico bizantino afferma di averla scritta perché le iniquità di Giustiniano non venissero dimenticate dalle generazioni future.

    Tutte le iniquità che dovette tacere nella Storia delle guerre per paura di essere ucciso da sicari di Giustiniano.

  6. #6
    L'avatar di Animondo
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    91 Post(s)
    Potenza rep
    10634310
    Nel testo, Procopio accusa Giustiniano di aver dilapidato le casse statali, lasciate piene da Anastasio, con guerre di conquista e attività edilizie e, una volta svuotate, di aver oppresso i sudditi facendosi erede di ricchi senatori con falsi testamenti; confiscando con futili pretesti le ricchezze di diversi senatori e tassando i poveri.

    Elargendo il denaro accumulato ai Barbari, sotto forma di tributi, aveva inoltre reso l'Impero loro suddito…
    Ultima modifica di Animondo; 17-05-17 alle 16:19

  7. #7
    L'avatar di Animondo
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    91 Post(s)
    Potenza rep
    10634310
    Quindi l’accusa era di aver rovinato deliberatamente l'Impero romano, facendo di tutto per opprimere e impoverire i sudditi con l'aumento delle tasse, con l'aumento della corruzione, con innovazioni che portarono solo rovina, garantendo l'immunità alla fazione degli Azzurri*, con la confisca di beni ai senatori, con le guerre di conquista che causarono la morte di milioni di persone, ecc.

    * fazione del Circo dei grandi proprietari terrieri e dell'antica nobiltà; erano detti anche Veneti -a questi Giustiniano inizialmente consentì ogni crimine, arrivando fino a punire i magistrati che li accusavano.
    Ultima modifica di Animondo; 17-05-17 alle 16:26

  8. #8
    L'avatar di Animondo
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    91 Post(s)
    Potenza rep
    10634310
    Poi ad un certo punto il suo racconto prende una piega inattesa e... "qui viene il bello" ...si perde il confine tra realtà e finzione:

    Procopio fu l'antesignano dei complottisti moderni.

    Quelli dalla fantasia più sfrenata...
    Ultima modifica di Animondo; 17-05-17 alle 16:28

  9. #9
    L'avatar di Animondo
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    91 Post(s)
    Potenza rep
    10634310
    Procopio, nella sua opera, afferma che Giustiniano non sarebbe un essere umano.

    In realtà sarebbe il principe dei demoni incarnatosi in un imperatore per rovinare l'Impero.

    Per avvalorare queste affermazioni riporta alcune dicerie (Aneddoti, appunto):

    - Giustiniano sarebbe stato visto girare di notte senza testa
    - sul suo trono, qualcuno avrebbe visto il demonio in persona mentre poco prima c'era Giustiniano
    - la moglie, Teodora, da giovane avrebbe raccontato di aver sognato che sarebbe andata in sposa al principe dei demoni

    Con questi aneddoti, Procopio attribuì a Giustiniano anche la peste, i terremoti e le inondazioni che afflissero l'Impero sotto il suo regno e lo portarono al tracollo.
    Ultima modifica di Animondo; 12-05-17 alle 19:30

  10. #10
    L'avatar di Animondo
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    91 Post(s)
    Potenza rep
    10634310
    La Storia Segreta viene inoltre conclusa da Procopio in questo modo:

    « Sono state avanzate varie ipotesi su che fine abbiano fatto le ricchezze dei Romani.
    Alcuni sostengono che sono finite nelle mani dei barbari, altri ritengono che l'Imperatore le tenga custodite in molte stanze del tesoro.
    Quando Giustiniano morirà, sempre che sia umano, o quando rinuncerà alla sua esistenza incarnata nel caso sia il principe dei demoni, i superstiti scopriranno la verità»

    (Storia Segreta, 30)

Accedi