Gobekli Tepe rivoluziona la concezione dell'evoluzione umana - Pagina 2
La Cina risponde agli Usa: dazi su 75 mld dollari di prodotti americani. Tonfo di Stm a Piazza Affari
Detto, fatto. La Cina aveva avvisato che avrebbe reagito alle ultime minacce degli Stati Uniti e oggi è passata all’azione. Il ministro delle Finanze cinese ha annunciato l’introduzione di dazi …
Deutsche Bank trasferirà 800 dipendenti divisione prime brokerage in BNP Paribas
Un accordo potrebbe essere finalizzato nelle prossime settimane. Lo scorso mese altre fonti avevano segnalato l'intenzione di Barclays di rilevare una fetta della divisione di prime brokerage di Deutsche Bank.
Barclays: ‘nuovo governo più probabile di elezioni anticipate, fattore Renzi un rischio per intesa M5S-Pd’
Analisti colosso britannico nel report 'Game of Rome': "La decisione del presidente Mattarella di dare più tempo ai partiti politici, affinché arrivino a un accordo di governo ed evitino il …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
12

  1. #11
    L'avatar di frankyone
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    29,057
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    4076 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da prall Visualizza Messaggio
    che fai, mi hai buttato fuori dall'altro thread simile a questo, perché sostenevo la tesi che l'evoluzione umana sia dovuta all'intervento di tipo tecnologico con relativa modifica del dna da parte di esseri provenienti da altre realtà, e poi sposi una tesi assai simile alla mia?
    potevi dirlo che volevi i diritti d'autore in esclusiva.
    Ma che t'inventi...

  2. #12
    L'avatar di frankyone
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    29,057
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    4076 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da pauls640 Visualizza Messaggio
    Non l'ha fatto, ha detto "costruttori decisamente prematuri". Del resto, di Einstein ce n'è uno...
    Appunto. Tzè!

  3. #13

    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    13,676
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    9 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Collegata a Gobekli Tepe, ma particolare in quanto è raffigurato un volto, a differenza delle immagini antropomorfe con testa di animali dei templi , la più antica statua del mondo, ritrovata a una 20ina di km dal sito e datata sempre 12000 anni ca.



    La statua uomo di Urfa è attualmente la statua grande più antica del mondo: è alta due metri ed è stato scoperta nei pressi del lago Balıklıgöl nel 1993, davanti a Sanilurfa, (Urfa). Attualmente si trova nel museo di questa città. Ha circa 12.000 - 11.000 anni.
    E' un ritrovamento straordinario per una serie di motivi.
    In primo luogo, è unica nel suo genere tra le centinaia di sculture trovati a Göbekli Tepe (il sito archeologico presso Urfa).
    I famosi pilastri a T di Gobekli Tepe sono anch'esse figure antropomorfe (hanno non solo braccia e mani umane, ma anche cinghie e ********) ma i loro volti non sono raffigurati, sembrano molto probabilmente correlati a degli esseri considerati soprannaturali certamente presenti a Gobekli Tepe, ma per motivi fino ad ora sconosciuti.

    L'uomo di Urfa è in pietra calcare scolpita, raffigura una figura senza capelli, ha gli occhi ricavati da cristalli di ossidiana nera.
    Descrive un uomo che tiene il suo organo genitale con entrambe le man
    i .

    Göbekli Tepe potrebbe aver svolto un ruolo in alcuni miti tra i più antichi della nostra storia conosciuta. La tradizione sumera sostiene che la conoscenza dell'agricoltura, zootecnia e tessitura sono stati portati al genere umano dalla montagna sacra "Du-Ku", che era abitato dagli dei Anunna. L'archeologo tedesco Klaus Schmidt, che per primo ha capito l'importanza del sito, sostiene che Göbekli Tepe può essere stata l'origine di questi miti. Si trattava ovviamente di un sito religioso o cerimoniale. Le sculture e molte statue potrebbero aver rappresentato figure mitiche. E 'difficile associare una religione articolata in dèi a Göbekli Tepe - questo appare molto più tardi nella cultura sumera con l'evidenza di templi, palazzi e santuari. Ma è possibile che i Sumeri abbiano ricordato Göbekli e le zone intorno ad esso come fonte della loro conoscenza e abbiano reso omaggio ad antiche divinità.
    Immagini Allegate Immagini Allegate Gobekli Tepe rivoluziona la concezione dell'evoluzione umana-urfa.jpg 

  4. #14
    L'avatar di tonga9000
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    27,611
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    bel 3ad
    interessante e misterioso allo stesso tempo
    voto la stella

  5. #15

    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    13,676
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    9 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da tonga9000 Visualizza Messaggio
    bel 3ad
    interessante e misterioso allo stesso tempo
    voto la stella
    l'argomento è affascinante e poco conosciuto, perchè affettivamente poco si sa.... sono scavi in corso e la parte portata alla luce dovrebbe essere del 10% circa del totale, per cui è un work in progess e ci lavorano per motivi atmosferici solo 3-4 mesi l'anno.....
    inoltre in italiano o tradotto si trova veramente molto poco.


    Nella zona ci sono anche altri scavi collegati, un po' meno antichi di Gobekli Tepe, ma sempre oltre il limite finora considerato per le abilità tecniche attribuite all'uomo dell'epoca , si parla del IX/X millennio a.c. -

    NEVALI CORI ; Si trova attualmente sott'acqua nel lago artificiale creato con la costruzione della diga Ataturk . Per la datazione assoluta, lo strato II di Nevalı Çori ha restituito oggetti datati mediante radiocarbonio nella seconda metà del IX millennio a.C., che corrisponde alle più antiche date anche nel sito di Çayönü e con la fase IVA del sito di Mureybet. Lo strato IV sarebbe invece datato nel X millennio a.C. e, se questa datazione è corretta, questo indicherebbe una comparsa molto precoce di neolitico preceramico B a Nevalı Çori.
    Abitazioni[modifica | modifica sorgente]
    L'insediamento aveva cinque livelli architettonici. I resti scavati appartenevano a 23 case rettangolari allungate, contenenti da due a tre file parallele di stanze, interpretate come magazzini, adiacenti ad una struttura rettangolare con ante suddivisa da proiezioni di muri, che è stata ritenuta la parte residenziale.
    Le strutture presentano spesse fondazioni a più livelli, costruite con ciottoli e macigni angolari, con gli interstizi riempiti da pietre più piccole. Ogni 1/1,5 m le fondazioni sono interrotte da canalizzazioni sotterranee, con andamento ad angolo retto rispetto all'asse principale della costruzione, coperti da lastre in pietra, ma aperti sui lati, che possono essere stati utilizzati come drenaggio o aerazione.
    Un'area nella parte nord-occidentale del villaggio sembra essere stata di particolare importanza: nelle pendici vi era stato scavato un complesso cultuale, nel quale sono state riconosciute tre successive fasi architettoniche, che appartengono agli strati I-III del sito. Come a Göbekli Tepe erano presenti piloni monolitici che formavano la struttura di muri innalzati a secco e all'interno dell'ambiente si elevavano due pilastri di 3 m di altezza, che probabilmente sostenevano un soffitto piano in materiale leggero
    Il calcare locale è stato scolpito per ricavarne grandi statue, compresa una testa umana maggiore del vero, con un serpente o un ciuffo di capelli sul capo, una scultura raffigurante un uccello e diverse statue antropomorfe a tutto tondo, che sono le più antiche sculture a grandezza naturale conosciute. Materiali simili sono stati rinvenuti a Göbekli Tepe.
    Sono inoltre state rinvenute diverse centinaia di figurine di terracotta (circa 5 cm), la maggior parte delle quali raffigurano figure umane, interpretate come offerte votive. Furono cotte a temperature tra i 500 e i 600 °C, suggerendo che la tecnologia per realizzare la ceramica fosse stata sviluppata prima dell'introduzione della ceramica stessa.

    Neval

    e poi più recenti in ordine temporale e già terminati gli scavi .... Cayonu e Catalhoyuk , 8200 ac al 5000 a,c., prima vera città, con porte d'entrata sui soffitti, usanze funerarie e religiose molto sinistre e strane per noi ...... sempre nella zona,,,,,,,

    posterò ... o postate
    Immagini Allegate Immagini Allegate Gobekli Tepe rivoluziona la concezione dell'evoluzione umana-nevali-cori-head.jpg Gobekli Tepe rivoluziona la concezione dell'evoluzione umana-nevali_cori-01.jpg Gobekli Tepe rivoluziona la concezione dell'evoluzione umana-nevali_cori-04.jpg Gobekli Tepe rivoluziona la concezione dell'evoluzione umana-neval.jpeg Gobekli Tepe rivoluziona la concezione dell'evoluzione umana-neva.gif 
    Ultima modifica di carlasca; 24-10-13 alle 16:53

  6. #16

    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    13,676
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    9 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Prefazione di roberto Maggi all'edizione italiana di "Costruirono i primi templi" dell'archelogo scopritore dl sito Klaus Schmidt.... con un interessante teoria sul (temporaneo? ) decadimento della civiltà esistente con la scoperta dell'agricoltura, ossia l'esatto contrario di quanto si presuppone

    .........



    Forse non è necessario agglomerarsi in città per elaborare sistemi sociali complessi ed efficienti: come era l’Internet del Paleolitico? Dobbiamo rileggere l’archeologia del Paleolitico Superiore? Göbekli Tepe demolisce, forse irrevocabilmente l’approccio cosiddetto “primitivista” alla spiegazione del passato … certifica che gruppi sparsi su decine di migliaia di chilometri quadrati erano organizzati in modo da individuare un “centro” in cui costruire “il tempio”, forse riconoscendosi come nazione, quanto meno sul piano che oggi chiameremo spirituale. Il fantastico mondo “animalista” di Göbleki Tepe si decompone con l’origine dell’agricoltura.
    Gli spazi rituali delle prime comunità agricole sono poca cosa al confronto.

    Per altri versi sappiamo della “gracilizzazione” dei Neolitici, dell’insorgenza di nuove malattie, dell’aumento del carico di lavoro. Benché tutto questo sia ampiamente bilanciato dal successo quantitativo della specie in termini di aumento della popolazione, tuttavia si può – ironicamente ma non troppo – rilevare che l’origine dell’agricoltura è il più antico caso osservabile in cui all’aumento del PIL non corrisponde un miglioramento della qualità della vita.
    La meraviglia (l’incredulità) destata dal fatto che “semplici” raccoglitori cacciatori possano aver eretto un monumento di alcuni ettari e migliaia di tonnellate di mura e stele…….…

  7. #17

    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    13,676
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    9 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    a conferma di ciò sarebbe la perizia utilizzata per le sculture, che man mano scadeva col tempo...... fino a che fu volutamente seppellito nell' 8000 ac. Volutamente seppellito perchè il suolo attorno alle pietre è stato pressato, dimostrando così che Gobekli fu ricoperto deliberatamente e con una certa cura, cosa che lo ha preservato.

    Un po' di foto nuove
    Immagini Allegate Immagini Allegate Gobekli Tepe rivoluziona la concezione dell'evoluzione umana-gobekli-tepe-.jpg Gobekli Tepe rivoluziona la concezione dell'evoluzione umana-gobekli-000.jpg Gobekli Tepe rivoluziona la concezione dell'evoluzione umana-gobejki.jpg Gobekli Tepe rivoluziona la concezione dell'evoluzione umana-gobeklitotembirthcloser3.jpg Gobekli Tepe rivoluziona la concezione dell'evoluzione umana-gobbekli.jpg 

  8. #18

    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    13,676
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    9 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    ogni tanto mi informo..... peccato che in italiano non c'è molto--- questa è del 2014 Quotidiano di storia e archeologia: Archeologia. Göbekli Tepe: scoperta la più antica raffigurazione erotica maschile.


    Jens Notroff, portavoce del Deutsches Archäologisches Institut, l’ente che sta curando gli scavi nella zona, ha affermato che l’immagine è “senza dubbio di un uomo con un **** in erezione”. Figure di nudi femminili così antiche erano già conosciute, questa sarebbe quindi la prima riguardante un maschio: la caratterizzazione fallica indicherebbe fertilità, dunque prosperità ed abbondanza, come si riscontra esplicitamente nella cultura greca e romana, ma con una piccola differenza. L’uomo del bassorilievo, infatti, è privo del capo. “La testa dell’uomo risulta mancante – continua Notroff – Essa era vista come sede dell’anima, dunque un’immagine che ne è priva vuol rappresentare che egli è morto e trapassato nell’aldilà”. A questo vanno ad aggiungersi le figure di contorno – più grandi di quella maschile – un volatile ed uno scorpione, in linea con un inusuale disco, forse il sole. Comprenderne il senso, dunque, diviene ancora più difficoltoso.
    Klaus Schmidt, direttore della missione tedesca, illustra epigraficamente quale sia l’insormontabile problema che deve affrontare chi cerca di gettare luce su un apparato iconografico così remoto: “Questa era un’epoca in cui la scrittura non esisteva, quindi i nomi non potevano essere trascritti”, e dunque tramandati attraverso i millenni. Basti pensare all’Egitto: senza geroglifici, non sapremmo che quello che le fonti classiche ci dicono di loro, ed è ben poco. Ma, senza Stele di Rosetta, anche la scrittura geroglifica risulterebbe del tutto inutile. Non basta, infatti, il segno: bisogna anche interpretarlo. “Ad essere onesti – spiega Notroff – stiamo ancora cercando di capire il senso delle immagini: vediamo le figure, ma non ne comprendiamo il significato. È come se si scavasse una chiesa cristiana ritrovando la croce e tutti gli altri simboli, senza alcun indizio su cosa essi significhino. Sappiamo che queste immagini hanno valenza religiosa, ma di tutto il resto non abbiamo alcuna idea”. Dunque il dubbio rimane, e forte, a meno che non intervengano altre insospettabili scoperte a gettare nuova luce, qui a Göbekli Tepe, santuario di oltre tredicimila anni fa.

  9. #19

    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    13,676
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    9 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da carlasca Visualizza Messaggio
    Il fantastico mondo “animalista” di Göbleki Tepe si decompone con l’origine dell’agricoltura.
    Gli spazi rituali delle prime comunità agricole sono poca cosa al confronto.

    Per altri versi sappiamo della “gracilizzazione” dei Neolitici, dell’insorgenza di nuove malattie, dell’aumento del carico di lavoro. Benché tutto questo sia ampiamente bilanciato dal successo quantitativo della specie in termini di aumento della popolazione, tuttavia si può – ironicamente ma non troppo – rilevare che l’origine dell’agricoltura è il più antico caso osservabile in cui all’aumento del PIL non corrisponde un miglioramento della qualità della vita.
    La meraviglia (l’incredulità) destata dal fatto che “semplici” raccoglitori cacciatori possano aver eretto un monumento di alcuni ettari e migliaia di tonnellate di mura e stele…….…
    interessantissimo e recente articolo , purtroppo solo in inglese sull'argomento How Farming Almost Destroyed Ancient Human Civilization

Accedi