A world of love - Pagina 22
Certificate Journal Day: voce agli esperti sul 2022, tra scenari di mercato e strumenti da preferire
Appuntamento giovedì 20 gennaio alle ore 10.30 con il Certificate Journal Day “L’anno che verrà”. Un format inedito curato dal Certificate Journal, il prodotto editoriale interamente dedicato al mondo dei …
E? crisi per TIM in Borsa, -10% in tre sedute. Ecco cosa preoccupa gli investitori
Anche oggi brutta performance a Piazza Affari per Tim, peggior titolo del Ftse Mib con un calo del 3,19 % a quota 0,4097 euro. Il mercato non ha apprezzato le …
BNP Paribas lancia i nuovi Premi Fissi Cash Collect su panieri settoriali di azioni italiane ed estere
BNP Paribas annuncia l?emissione di una nuova serie di certificati Premi Fissi Cash Collect su panieri di azioni con scadenza biennale. I nuovi strumenti offrono premi fissi trimestrali tra l?1,5% …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #211
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,906
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    713 Post(s)
    Potenza rep
    42949689





    Un giorno un uomo ricco consegnò un cesto di spazzatura ad un uomo povero,
    l'uomo povero gli sorrise e se ne andò con il cesto,
    lo svuotò e lo lavò,
    e poi lo riempì di fiori bellissimi,
    ritornò dall'uomo ricco e glielo diede;
    l'uomo ricco si stupì e gli domandò:
    "Perché mi hai dato fiori bellissimi se io ti ho dato spazzatura?"
    ...e l'uomo povero rispose:
    "Ogni persona da ciò che ha nel cuore". (Anonimo)
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate A world of love-img-nick-knight_160219636191_jpg_gallery_max.jpg  

  2. #212

    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    713
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da [email protected] Visualizza Messaggio





    Un giorno un uomo ricco consegnò un cesto di spazzatura ad un uomo povero,
    l'uomo povero gli sorrise e se ne andò con il cesto,
    lo svuotò e lo lavò,
    e poi lo riempì di fiori bellissimi,
    ritornò dall'uomo ricco e glielo diede;
    l'uomo ricco si stupì e gli domandò:
    "Perché mi hai dato fiori bellissimi se io ti ho dato spazzatura?"
    ...e l'uomo povero rispose:
    "Ogni persona da ciò che ha nel cuore". (Anonimo)

  3. #213
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,906
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    713 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Ci sono stati sorrisi,
    parole, talvolta monosillabi, che hanno
    regalato immensa gioia al mio cuore,
    più di un regalo costoso.
    Ognuno offre quello che può,
    ma ogni cosa, seppur piccola,
    se ha una traccia del nostro cuore
    diventa preziosa
    peccato che l'uomo sia avaro anche di piccoli gesti!

    Mafalda
    Immagini Allegate Immagini Allegate A world of love-20-uova-di-pasqua-bambino.jpg 

  4. #214
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,906
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    713 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    «Non so nemmeno io come ho fatto a sopportare il dolore che avete
    intuito in quelle foto. Comincio a rendermene conto solo adesso.
    Ma mi sento di dire che la vita è meravigliosa, mi sta andando tutto bene,
    un giorno più bello dell'altro.
    Non so nemmeno io perchè mi succede questo. Ma so che è fantastico

    ...Oggi ringrazio il mio viso: è frutto di fatica e tenacia».

    LUCIA ANNIBALI
    Immagini Allegate Immagini Allegate A world of love-2062456-lucia_an.jpg A world of love-lucia-annibali-incontra-284228.jpg 

  5. #215
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,906
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    713 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Le ferite sul volto stanno guarendo. Quelle del cuore ci sono ancora, ma Lucia Annibali non le mostra.
    ‘'Mi sento viva più di prima....La forza è dentro di me assieme
    al desiderio di riconquistare quello che qualcuno voleva sottrarmi'‘.


    L'incubo di Lucia Annibali, 36 anni, avvocato, delle Marche, è cominciato l' aprile dello scorso anno, quando nell'androne di casa sua è stata sfregiata al volto con l'acido da due sicari assoldati dal suo ex compagno.

    'Spero che la mia esperienza possa aiutare le donne a trovare il coraggio
    per ribellarsi a un destino avverso. Quando si ha paura, si ha bisogno di
    essere aiutati. È importante dunque che una donna si senta sicura quando
    decide di denunciare. .... tante persone si sono occupate di me, ma non per tutti è così'‘.
    Immagini Allegate Immagini Allegate A world of love-tumblr_mubpv4knwc1r7q7tuo1_500.jpg 

  6. #216
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,906
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    713 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Certe giornate ....è come se tu ti
    vedessi in uno specchio, e non sempre hai il coraggio di vederti
    . Ci sono
    delle volte che vorresti che non avessero mai inventato lo specchio, perché
    quell'immagine sei tu, sono i tuoi figli, è tua madre. Ognuna di queste
    immagini è il ritratto mio, come se avessi fotografato me stesso. Non ho
    niente contro i vecchi o contro l'ospizio. Solo contro il tempo, questo
    presente che non esiste mai, già il momento in cui parliamo è fatto un
    pò di prima, un pò di dopo, di passato e di futuro
    . Là dentro lo senti ancora
    di più, come un coltello puntato contro il tuo cuore, ogni cosa ti concerne
    e ti ferisce. A volte hai il coraggio di fotografare e a volte no
    . Come a
    Lourdes, le fotografie che ho fatte non so neanch'io come le ho fatte.
    Una volta stavo a vedere una bambina, non so che male aveva, la tenevano
    in quattro o cinque, e lei cercava di morderli, e loro la lasciavano e poi la
    rincorrevano. Io ho messo giù la macchina sul muretto di quella scalinata,
    e sentivo le lacrime, non so come si piange, però scendevano come da un
    rubinetto. Quell'immagine là ho sempre davanti agli occhi, questi miei occhi
    hanno saputo piangere ma non hanno saputo guardare attraverso la
    macchina. E la macchina è stata abbastanza onesta per non forzarmi.
    Apposta voglio tenere questa, che ho sempre avuto, è come se avesse la
    mia stessa sensibilità, niente di diverso dal mio carattere. Non vuole cose
    difficili perché non voglio case difficili, la posso lasciare dove voglio, l' ho
    lasciata anche nei campi e l'ho ritrovata, a molti sembra forse un oggetto
    buttato via. Ma sono cose che è meglio non spiegare.

    (MARIO GIACOMELLI)
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate A world of love-tumblr_mlrclcatxq1r60zrho9_1280.jpg   A world of love-p1020517222222222.jpg  

  7. #217
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,906
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    713 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Ricordi sbocciavan le viole
    con le nostre parole
    "Non ci lasceremo mai, mai e poi mai",

    vorrei dirti ora le stesse cose
    ma come fan presto, amore, ad appassire le rose
    così per noi

    l'amore che strappa i capelli è perduto ormai,
    non resta che qualche svogliata carezza
    e un po' di tenerezza.

    E quando ti troverai in mano
    quei fiori appassiti al sole
    di un aprile ormai lontano,
    li rimpiangerai

    ma sarà la prima che incontri per strada
    che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato,
    per un amore nuovo.

    E sarà la prima che incontri per strada
    che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato,
    per un amore nuovo.






    "Quante volte abbiamo respirato questa sera? Nessun respiro era più bello dell'altro e tutti insieme sono la vita. Ma un'altra fotografia che sento è questa: perchè c'è qualche cosa che ha ancora il sapore di vivo, ma qualche cosa d'altro che è già come decomposto, deformato. Da qui a qui è passato il tempo, qui riesci a decifrare, qui c'è solo una macchia, solo polvere, si è già impastato tutto, perso tutto. E da dietro, invece, viene una luce. Per un attimo lo sento, questo. Non è una bella fotografia, è tutta sbagliata, ma c'è la mia rabbia di chiedere: "perché essere vivo ? perchè la morte è così vicina? "Io ho sessant'anni, ed è come avere sessant'anni di morte sulle spalle, più morte addosso che vita. Sono queste idee che si impastano con le figure. Come anche in questa dove si baciano, due amanti, lui gli prende le mani, gli fa una carezza. Nessun amore può avere più dolcezza che questo vecchio con questa vecchia. Io faccio queste immagini perché vorrei che gli altri, dal momento in cui le vedono, vivessero diversamente. Che la carezza che questi ancora cercano da vecchi, da giovani l'avessero saputa fare. Quanta gente vive e non sa carezzare? Quante donne muoiono senza aver mai provato l'orgasmo? Quando io mostro questi vecchi, mostro me stesso, le cose che non ho capito, che avrei voluto fare in un'altra maniera, che vorrei ricominciare. Ma l'immagine è solo una minima parte di quelle che sento, è per questo che se ne fanno tante.
    ...La fotografia non è solo quello che tu vedi, ma anche quello che tu aggiungi. Un altro vede magari un'altra cosa, io ho forse visto un'altra cosa. Ma che importanza ha che una veda una cosa o l'altra? Forse l'importante è il contatto tra uomo e uomo, il fatto che parliamo degli alberi che perdono le foglie, delle cose che si calpestano senza accorgersene, di questa casa che muore così, piano piano, il proprietario l'ha abbandonata, eppure magari è nato lì, ha pianto lì, ha riso lì. In questa casa si apre una frattura, piano piano, e un giorno o l'altro la casa cade, e mi dispiacerebbe che morisse senza che io me ne accorga"

    MARIO GIACOMELLI
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate A world of love-tumblr_ls8kjgq5vh1qb9cz3o1_1280.jpg   A world of love-bb36cd669d1c8085f96a3f13ab8e4ab3eee8ed.jpg   A world of love-verrai-la-morte-e-avrai-i-tuoi-occhi-1966-68-n_28-bn-39-1x2.jpg  
    Immagini Allegate Immagini Allegate A world of love-mario_giacomelli_011.jpg A world of love-foto2_gallery.jpg 

  8. #218
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,906
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    713 Post(s)
    Potenza rep
    42949689





    Se vivessi almeno un giorno,
    se potessi vivere,
    se io vivo,
    non saprò mai se era vero
    chiuderò gli occhi
    e mi vedranno morire,
    non ci sarà né prima né dopo,
    lascerò la mia porzione
    in un chiuso giardino di sogni
    e in tutti i posti,
    in tutte le vie,
    staranno a raccontare
    il rovescio della mia vita
    dove muore la morte

    non sapranno mai se era vero.


    Mario Giacomelli
    Immagini Allegate Immagini Allegate A world of love-giostra.jpg A world of love-mario.jpg 

  9. #219
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,906
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    713 Post(s)
    Potenza rep
    42949689



    "La vita è un esile spazio, il cielo è così vicino… tutto è fradicio qui,
    un filo di nebbia ci tiene uniti. La terra è un paravento, piccolo cimitero
    di clown, materia vuota e pagata. Dio non vorrei lamentarmi, tu forse non
    sai, quaggiù, ferendo e rimarginando, passano i giorni. Saresti stanco
    anche tu"

    MARIO GIACOMELLI
    Immagini Allegate Immagini Allegate A world of love-le-foto-di-mario-giacomelli-roma-attorno-me-19551.jpg 

  10. #220
    L'avatar di maf@lda
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    32,906
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    713 Post(s)
    Potenza rep
    42949689




    IL CRISTO DEGLI ABISSI - Baia di San Fruttuoso
    La storia del Cristo degli Abissi ha inizio nell'agosto 1947, quando Dario
    Gonzatti perse la vita nei fondali del promontorio di Portofino, durante
    un'immersione con l'autorespiratore ad ossigeno. Il suo amico e compagno
    di immersione, Duilio Marcante, durante il funerale si allontanò per andare
    a immergersi e a meditare sott'acqua, dove ha potuto ripensare alle tante
    immersioni compiute con Dario, favorito dalla quiete del mondo sottomarino.
    Mentre pregava gli è venuta l'idea che tanta pace poteva essere in qualche
    modo sfruttata, creando un luogo adatto al raccoglimento e alla preghiera,
    collocando una statua del Cristo in mare.




    In pochi giorni l'idea cominciò a prendere forma: entrato in contatto con
    l'armatore Dr. Giacomo Costa si capì che il progetto era di interesse assai
    più vasto, per il coinvolgimento di tutte le persone che rischiano la vita sul mare, come i pescatori, i marinai e i subacquei. Si formarono così un comitato
    d'onore, con vari enti e personalità, e un comitato esecutivo che
    comprendeva: l'Ansaldo, la soc. di navigazione Italia; il prof. Luigi Ferraro,
    il comando dei presidii militari e dell'Aeronautica. Il Cardinale Siri informò
    anche il Papa Pio XII il quale, non solo diede il benestare, ma volle dare anche
    un simbolico contributo inviando un medaglione con impressa la propria
    effige, che venne murato sul basamento e dove si trova ancora oggi. Per
    la realizzazione della statua si raccolse il bronzo da eliche di navi, tra cui
    quelle della U.S. Navy, e da frammenti provenienti da tutto il mondo,
    da medaglie olimpiche a medaglie al valore. Conclusa la raccolta, il metallo
    venne consegnato a Guido Galletti, che diede forma a una statua alta 2,50
    mt. con le braccia protese verso l'alto in segno d'invocazione, con
    l'espressione dolce del volto inclinato e il busto leggermente avvitato
    che conferisce al Cristo un leggero effetto di movimento. La data inizialmente
    prescelta per la posa fu il 22 agosto 1954. Tuttavia a causa delle pessime
    condizioni del mare si fu costretti a rinviare la messa in mare del Cristo al 29.
    In quel giorno intervennero quattro navi della Marina Militare e altri mezzi
    nautici tra cui la Guardia di Finanza, i Vigili del Fuoco, i Carabinieri, la
    Capitaneria di Porto e i relativi corpi specializzati sommozzatori. Presero parte
    alla manifestazione anche molti sportivi e personaggi importanti come Egidio
    Cressi, Lino Pellegrini e Luigi Ferraro.
    Da un pontone da 100 tonnellate di portata, una gru con quattro cavi d'acciaio
    fissati alla piattaforma calò nella baia la statua del Cristo, che venne adagiata
    sul fondale a 17 metri di profondità.
    La sacra
    immagine che, in armonioso gesto di accogliente abbraccio vuol richiamare
    la protezione divina su quanti operano intrepidi nelle profondità marine, ha
    preso il nome di "Cristo degli Abissi". … non solo benedice i nostri morti sul
    mare, ma guarderà pure ai vivi. … di porre sotto la Protezione Divina
    l'immenso continente abissale…
    "




    Italia Sub - Parco Marino di portofino
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate A world of love-tumblr_mt59lgpm3y1qb5yhxo1_1280.jpg  

Accedi