Varie ed eventuali... spostate qui.
Luigi Gubitosi e TIM tra innovazione e sostenibilità
Luigi Gubitosi, AD di TIM, conferma l?impegno del gruppo TIM nella digitalizzazione del nostro Paese con ottimi risultati tra innovazione e sostenibilità.
Triboo: 1° semestre 2021 in forte crescita sotto spinta dell’ecommerce, confermata la guidance
Triboo, gruppo attivo nel settore digitale e che controlla questa testata, archivia i primi sei mesi del 2021 con ricavi e marginalità in crescita. I ricavi consolidati del 1° semestre 2021 …
Gli ETF di Ark Invest continuano a scaricare Tesla. La strategia di Cathie Wood con tanto di target price
Ottobre 2020: “Ark Invest di Cathie Wood spiazza tutti, sono cinque i fondi presenti nella top degli ETF del 2020. Di mezzo il miracolo Tesla”. Settembre 2021: dall’inizio del mese …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    7,051
    Mentioned
    322 Post(s)
    Quoted
    3301 Post(s)
    Potenza rep
    42949680

    Varie ed eventuali... spostate qui.

    Citazione Originariamente Scritto da Biagio.tv Visualizza Messaggio
    Per quanto riguarda l’accordo per la rappresentanza di Manzoni tra Fondazione e H&W: io di affermazioni qui ne vedo di ogni tipo, e cangianti da un post all’altro.

    Alcune cose, che per chi frequenta un minimo il mondo dell’arte dovrebbero essere palesi, invece per alcuni pare non lo siano.

    Le GALLERIE sono certamente attività che hanno dei fini commerciali, ma a tutti gli effetti sono considerate come degli OPERATORI CULTURALI in quanto espongono opere d’arte e non ortaggi.
    La storia dell’arte moderna nasce grazie a gallerie e galleristi.
    Quindi un qualsiasi ente che stringe un accordo con una galleria, che sia quella del quartiere o quella mega di una metropoli, fa una sinergia di valorizzazione in termini di visibilità e valorizzazione di un artista.
    Di questo si tratta.
    E tra l’altro, per chi non avesse visto gli spazi e le mostre di gallerie del livello di Hauser & Wirth, si tratta di iniziative di livello museale, cui presenziano i più importanti curatori, storici dell’arte, direttori di musei, artisti, collezionisti di livello altissimo.

    Tra l’altro, le stesse fiere di cui qui qualcuno si “lamenta” sghignazzando, sono anche quelle degli eventi che - pur ovviamente con finalità commerciali - hanno uno standing culturale altissimo e possono competere con tantissime esposizioni ospitate nei musei.
    Non so se chi critica certe manifestazioni di primo piano come Art Basel ci sia mai stato, ma un po’ ne dubito, altrimenti certi commenti non passerebbero nemmeno in mente.
    Art Basel (nelle sue varie location), Frieze & Frieze Masters, l’Armory Show o il Fiac sono manifestazioni che a livello culturale possono rivaleggiare con qualsiasi grande manifestazione non commerciale. Ma vallo a far capire.
    Io non la penso così, per me le gallerie private non sono Operatori Culturali (se lo fossero avrebbero l'IVA agevolata a 4% come gli editori, invece pagano l'IVA al 20%).
    Quindi lo Stato Italiano non li riconosce questo merito.

    Per non parlare delle fiere, come Art Basel, non sono luoghi di scambi culturali, ma di commercio.
    Nessuno si è chiesto mai come mai Art Basel ha una costola a Miami?

  2. #2
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    2,458
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    1046 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Uhmm.. io direi invece che non sia il caso di generalizzare. Anche se personalmente ritengo le gallerie d'arte luogo di cultura a prescindere, si può senza dubbio dire che alcune Gallerie lo siano davvero e sono senza dubbio d'accordo con l'affermazione che "gallerie e galleristi hanno contribuito alla nascita dell'arte moderna e contemporanea".
    Certo sono luoghi in cui le opere si comprano, ma non lo erano forse anche la bottega del Verrocchio o di grandi maestri del passato? E non erano anche quelli luoghi di cultura? Non penserete mica che i grandi del passato, come d'altronde gli artisti moderni, nascano nel vuoto e senza un humus culturale che parzialmente generano e da cui sono parzialmente formati?
    Ultima modifica di eelle25; 15-07-21 alle 15:08

  3. #3
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,280
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    160 Post(s)
    Quoted
    4510 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da eelle25 Visualizza Messaggio
    Uhmm.. io direi invece che non sia il caso di generalizzare. Anche se personalmente ritengo le gallerie d'arte luogo di cultura a prescindere, si può senza dubbio dire che alcune Gallerie lo siano davvero e sono senza dubbio d'accordo con l'affermazione che gallerie e galleristi hanno contribuito alla nascita dell'arte moderna e contemporanea.
    Certo sono senza dubbio luoghi in cui le opere si comprano ma non lo erano forse anche le botteghe del Verrocchio o di grandi maestri del passato? E non erano anche quelli luoghi di cultura? Non penserete mica che i grandi del passato, come d'altronde gli artisti moderni, nascano nel vuoto e senza un humus culturale che parzialmente generano e da cui sono parzialmente formati?
    Sono completamente d’accordo con te!

    Del resto, tutti i grandi movimenti artistici prendono vita nelle gallerie e poi acquisiscono visibilità internazionale anche in certe fiere, non solo quindi presso le varie biennali ecc.

    Pensiamo a Sperone, Stein, Minini, Attico, Tartaruga, Cavallino, Naviglio giusto per dirne alcune: il fatto che siano attività dedicate alla vendita non vuol dire che non fossero spazi culturali, anzi erano proprio dei salotti culturali. Non c’entra un fico secco l’IVA agevolata.

    Idem le fiere: ad Art Basel o Frieze Master ci sono progetti curatoriali di livello assoluto e opere che possono stare nei musei.
    Il fatto che siano in vendita non va in alcun modo a detrimento del valore culturale nè delle opere nè delle presentazioni, che sono a tutti gli effetti delle esposizioni visitabili senza comperare nulla ma guardando gli allestimenti come in un museo.

  4. #4
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    2,458
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    1046 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Varie ed eventuali... spostate qui.-snap11.jpg
    d'altronde questa cos'e'? Un'operazione culturale(!), non certamente una fiera del cavallo.

    Comunque, e poi tutta questa parte dovrebbe essere spostata almeno nel 3D Manzoni anziché Boetti, e' proprio da quando l'aspetto finanziario anziché culturale ha preso sempre più piede che l'arte sie e' involuta ed e' diventata sempre più autoreferenziale.
    Le Gallerie avevano il compito di formare il gusto: sostenere dibattiti, presentare nuove tendenze, etc etc e guardavano meno, molto meno, nelle tasche dei collezionisti. Ora invece rispolverano autori morti e sepolti, scoprono giovani che non valgono nulla, etc etc... perché anziché fare cultura si punta al business (di breve termine).

    Con questo non sto dicendo che le gallerie fossero in passato enti no-profit, ma se in passato ci si poteva accontentare di aver acquistato uno che davvero sovvertiva le regole (sto semplificando molto, eh) anche se forse non avrebbe mai sovvertito il portafoglio di nessuno, ora invece e' questa la richiesta primaria che viene dai collezionisti e che i galleristi (molti, ma non tutti) inseguono.

    ..un circolo vizioso, ahi noi..
    Ultima modifica di eelle25; 15-07-21 alle 16:02

  5. #5
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,212
    Mentioned
    198 Post(s)
    Quoted
    7925 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    ma no che jannis pensava di entrare in un maneggio al coperto, dai
    Immagini Allegate Immagini Allegate Varie ed eventuali... spostate qui.-a23.jpg 

  6. #6
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    7,051
    Mentioned
    322 Post(s)
    Quoted
    3301 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Io non la penso così, per me le gallerie private non sono Operatori Culturali (se lo fossero avrebbero l'IVA agevolata a 4% come gli editori, invece pagano l'IVA al 20%).
    Quindi lo Stato Italiano non li riconosce questo merito.

    Per non parlare delle fiere, come Art Basel, non sono luoghi di scambi culturali, ma di commercio.
    Nessuno si è chiesto mai come mai Art Basel ha una costola a Miami?

  7. #7
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    2,458
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    1046 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da mmt Visualizza Messaggio
    Io non la penso così, per me le gallerie private non sono Operatori Culturali (se lo fossero avrebbero l'IVA agevolata a 4% come gli editori, invece pagano l'IVA al 20%).
    Quindi lo Stato Italiano non li riconosce questo merito.

    Per non parlare delle fiere, come Art Basel, non sono luoghi di scambi culturali, ma di commercio.
    Nessuno si è chiesto mai come mai Art Basel ha una costola a Miami?
    @mmt ma hai copiato e incollato due volte il medesimo messaggio?

  8. #8
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    7,051
    Mentioned
    322 Post(s)
    Quoted
    3301 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    si.
    Non ti genera nessun commento?

  9. #9
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    2,458
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    1046 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da mmt Visualizza Messaggio
    si.
    Non ti genera nessun commento?
    Che ognuno rimarrà sulle proprie idee... buona estate

  10. #10
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    7,051
    Mentioned
    322 Post(s)
    Quoted
    3301 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    anche a te.
    Vado al mare.

Accedi