Alighiero Boetti III - Pagina 40
‘Il grande crollo è iniziato, S&P 500 andrà giù del 45%’. Jeremy Grantham non ha dubbi ed elenca tutti i sintomi della super bolla
Jeremy Grantham, investitore celebre per le chiamate delle scoppio di bolle di mercato,  ieri ha affermato che lo storico crollo delle azioni che aveva previsto un anno fa è in …
Partita Generali, ‘Consob ostaggio di Paolo Savona’? Lui non ci sta: ‘sono io sotto scacco’
Partita Generali e Consob: su Twitter spunta un post di Paolo Savona, numero uno dell’Autorità di Borsa, ex ministro degli Affari europei del governo M5S-Lega, pomo della discordia tra la …
Netflix, tempi d’oro dei lockdown da Covid finiti? Titolo crolla -20% post trimestrale, bruciati $45 miliardi valore mercato
Per Netflix, i tempi d'oro vissuti nel periodo più buio del Covid, sembrano ormai lontani, come era d'altronde prevedibile. Il colosso dello streaming si è confermato tra i vincitori della …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #391
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,612
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    167 Post(s)
    Quoted
    4643 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    tutto il mercato è legato a ciò che più tira in un determinato periodo.

    quando arriverà il momento di Kounellis se non di Paolini (per rimanere in ambito di arte povera) ci troveremo i cataloghi pieni di essi.

    Inutile nasconderci dietro un dito, suvvia

    Del resto il mercato è sempre la "Ricostruzione di (un) dinosauro"
    rif. Pino Pascali che ci osserva alla GNAM
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    invece fai bene a contraddirmi, mica possiamo pensarla tutti allo stesso modo, eh.

    non proseguo con lunghi pipponi biageschi ma nemmeno Penone (sempre ed ancora in tema arte povera)
    è decorativo ed estetico (tutt'altro) eppure fa delle bombe in asta.

    In sostanza il mio intervento voleva intendere che dietro i sipari di queste operazioni cicliche del mercato ci sta sempre un nutrito nucleo di soggetti
    che spingono a manetta il sistema, dagli archivi (molto bravi a sapersi muovere) ai galleristi.

    In assenza di tali presupposti il teatro del mercato non regge
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    certamente Cris

    ma prima che si arrivi alla solita conclusione della favola in cui sono i collezionisti a decidere le sorti del mercato
    mi preme sottolineare il peso dei fondi d’investimento, che considerano questo settore palesemente "illiquido".

    Non peraltro il più famoso dei fondi è forse quello lanciato nell’ormai lontano 2000 dal guru Philip Hoffman, già chief financial officer di Christie’s. ma va?

    Tanto per anticipare quelli che pensano siano i collezionisti a fare i bonifici milionari perchè adorano un specchio di Pistoletto, una mappa di Boetti o sette tagli di Fontana
    Ale, ti manca la comprensione di un banalissimo elemento: non esiste nessun mercato se non ci sono compratori.
    Nel caso del mercato dell'arte i compratori sono i collezionisti.
    Tu parli sempre come se esistesse unicamente il lato dell'offerta, come se questa potesse imporsi rispetto alla domanda, cosa che non funziona in nessun mercato al mondo.

    Ho capito che nella tua immaginazione ci sia la convinzione che il mercato degli artisti che a te non piacciono sia popolato di pseudo-collezionisti rintronati, ignorantoni e polli, ma forse nella realtà è vero l'esatto contrario.

    Ovviamente un mercato per essere messo in grado di funzionare necessita di players di qualità, ossia buone gallerie che sappiano fare un lavoro di valorizzazione e archivi/fondazioni ben gestiti. Ci mancherebbe altro...

    I collezionisti comperano ciò che conoscono, e che vedono e di cui si appassionano.
    Il desiderio di acquisto aumenta certamente quando questi artisti vengono valorizzati da gallerie importanti e ospitati in contesti internazionali di primo piano.

    Ma alla base bisogna che ci sia il peso dell'artista, altrimenti il soufflè dopo un paio d'anni si smonta.
    Ed è da mettere in conto che anche il mercato di artisti di peso possa smontarsi o non decollare mai. Non necessariamente per gestioni non ottimali, semplicemente perchè a un certo punto può accadere che i collezionisti non comperino più.

    In ogni caso, gli artisti che citi, ossia Kounellis, Penone e Paolini, sono già presenti nei contesti più importanti internazionali, ossia in tutte le "vetrine" migliori, che si tratti di gallerie e fiere o esposizioni museali. E ovviamente anche nelle aste.
    Non certo da oggi, da decenni. Con andamenti di vario tipo, ma nelle vetrine ci sono, poi dipende dagli acquirenti.

    Io di problemi ad ogni modo davvero non ne vedo. Non capisco se ti dia fastidio che un artista piuttosto che un altro abbia successo in termini di mercato, o se ti dà fastidio che altri non lo abbiano.
    Sembri tanto convinto che dietro agli acquisti di una Mappa di Boetti o uno Specchio di Pistoletto o un "7 Tagli" di Fontana ci siano solo dei matti, piuttosto che grandi collezionisti o che sia tutto un immenso complotto.
    Poi però sono le opere che si vedono nei musei e nelle grandi collezioni.

  2. #392
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,612
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    167 Post(s)
    Quoted
    4643 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    vero che il collezionismo abbia il suo peso
    ma altrettanto vero che l'archivio Boetti e i galleristi di riferimento sanno fanno il loro lavoro
    in maniera impeccabile.

    Se molto dipendesse dal collezionismo uno come Bruno Munari lo vedremmo in Sotheby's ... per esempio
    invece i riflettori guardano altrove.

    Bruno Munari (1944) Bruce McLean (1971) Didier Faustino (2009)
    Le case d'asta propongono in asta ciò che sanno di poter vendere. E vendere bene.
    Evidentemente certi artisti, anche significativi, si vendono invece con difficoltà.
    Per questo non si vedono in certi contesti.
    Non è che chissà quali misteri ci siano: hanno un collezionismo limitato o che non è disposto a spendere determinate cifre.

  3. #393
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,612
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    167 Post(s)
    Quoted
    4643 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    Certamente sono opere "significative" ma personalmente mi gratifica pari a ZERO quanto possano chiedere i galleristi.

    ........

    In una qualsiasi anche prestigiosissima galleria entra chi può permettersi di acquistare mentre in un prestigioso museo entra chi ama l'arte, a prescindere dal mercato.

    E la differenza non è sottile

    per il resto c'è mastercard e a ottobre si può sempre spendere qui
    ARAZZO DI ALIGHIERO BOETTI - Asta ASTA 225 OTTOBRE 2021 - ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA - I - Casa d'Aste Babuino

    Alighiero Boetti III-boetti-i-fregi.jpg
    Come già detto, non è che comperare arte / collezionare sia in contrapposizione rispetto ad andare a vedere mostre in gallerie e musei. Anzi.
    Nè che avere un buon mercato sia cosa alternativa alla presenza nei musei. Anzi.

    Ad ogni modo, mi dicono che questo bell'arazzino dal Babuino ieri abbia fatto 40.000 euro + diritti (quindi circa 50.000 finito).
    Sul sito non vedo ancora i risultati, quindi magari avremo conferma quando escono o se qualcuno qui ha seguito l'asta.

    L'avrà comperato il solito alieno di passaggio...

  4. #394
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,612
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    167 Post(s)
    Quoted
    4643 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da mmt Visualizza Messaggio
    kounellis ha un potenziale superiore a Boetti, tutto dipenderà da come lavorerà l'archivio.
    Nemmeno io sono d'accordo, ma del resto, che importa, mica è una gara.
    Non è che cambi qualcosa se Fontana costa più di Burri o Manzoni di Boetti o Kounellis di Penone ecc... dipende in termini di collezionismo cosa uno ha, cosa gli piace, cosa vorrebbe avere o cosa possa ambire ad avere.
    Più artisti validi ottengono riconoscimenti anche di mercato, e più è un bene per l'arte italiana.

    In ogni caso, le opere importanti di Kounellis costano già centinaia di migliaia di euro e a volte milioni.

  5. #395
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,893
    Mentioned
    204 Post(s)
    Quoted
    8238 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Biagio.tv Visualizza Messaggio
    Ale, ti manca la comprensione di un banalissimo elemento: non esiste nessun mercato se non ci sono compratori.
    Nel caso del mercato dell'arte i compratori sono i collezionisti.
    .
    in estrema sintesi

    mi piacciono i collezionisti che si chiamano fondi di investimento

    INVESTIRE NELL’ARTE: GLI “ART INVESTMENT FUNDS” di Pierluigi Farina – studio legale farina

    chissà se incorniceranno le opere con i grafici ed i fogli elettronici
    Ultima modifica di Alessandro Celli; 20-10-21 alle 18:09

  6. #396

    Data Registrazione
    Dec 2020
    Messaggi
    304
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    144 Post(s)
    Potenza rep
    13151348
    Caspita ! 4 post tutti di fila!! In ogni caso, rimenare fino allo sfinimento la stessa identica polemica…ha rotto le b…Trovatevi in trattoria e fatevela fuori tra di voi!

    Ps. Inutile dire che posso fare a meno di leggere…siete dovunque!

  7. #397
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,612
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    167 Post(s)
    Quoted
    4643 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    in estrema sintesi

    mi piacciono i collezionisti che si chiamano fondi di investimento

    INVESTIRE NELL’ARTE: GLI “ART INVESTMENT FUNDS” di Pierluigi Farina – studio legale farina

    chissà se incorniceranno le opere con i grafici ed i fogli elettronici
    Le persone - gli esseri umani - comperano ciò che preferiscono, e che più li gratifica, ognuno in base ai propri gusti, sensibilità, visioni.
    Questo determina nel suo insieme la gran parte del mercato dell'arte, non capisco perchè questo tanto ti angusti o disturbi quotidianamente il tuo animo.

    Tu comperi ciò che ti piace in base al tuo budget, altri fanno altrettanto con il loro. Dovrebbe essere normale. Dovrebbe.

    Ci saranno sicuramente anche fondi di investimento che compreranno arte, esattamente come comprano qualunque altro bene che pensano possa rivalutarsi, tra cui anche immobili, quindi che fai, vendi la casa e vai in una capanna di paglia un remoto angolo del globo?
    O ti iscrivi alla sezione del forum dedicata all'immobiliare a protestare se per caso la tua casa si rivaluta?
    Se uno è interessato ai "fondi", compererà delle quote o delle azioni, come per qualsiasi operazione di tipo azionario. E saranno pure affari suoi...

    Alla fine invece nel mondo del collezionismo il tutto si riduce al fatto che in un dato momento "hic et nunc" qualsiasi artista abbia le sue quotazioni.
    Se a uno piace e lo vuole comperare, lo paga, mentre se non gli piace o non può permetterselo, non lo compra, o magari lo vende.

    Trasposto su Boetti (ma vale per qualunque artista, inclusi Prini e Paolini ovviamente):
    - se oggi un collezionista ad esempio desidera un ricamo, lo comprerà pagandolo 30-40-50.000 euro (o più)
    - se non gli piace non lo compera
    - se gli piace ma non può spendere queste cifre non lo compera
    - se ne ha uno in collezione e per i più disparati motivi pensa di realizzare, lo vende

    Pensa quante stranezze questo mercato dell'arte...

  8. #398
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,893
    Mentioned
    204 Post(s)
    Quoted
    8238 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    leiris ha perfettamente ragione

    Abbiamo rotto pesantemente le b_________ e chiedo scusa.

    Interverrò in questo 3D SOLO per trattare della storia di Alighiero, che adoro come artista.

    Ringrazio leiris

  9. #399

    Data Registrazione
    Aug 2020
    Messaggi
    369
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    174 Post(s)
    Potenza rep
    8190492
    certo che se non si può criticare un artista perché ci sono gli ULTRAS.
    vi meritate di comprare gli arazzini a 50000 ml EURO.

  10. #400
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,612
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    167 Post(s)
    Quoted
    4643 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da e già Visualizza Messaggio
    certo che se non si può criticare un artista perché ci sono gli ULTRAS.
    vi meritate di comprare gli arazzini a 50000 ml EURO.
    Certo che si può criticare un artista.
    Ma fondamentalmente, chi frequenta il 3D dedicato ad un artista (qualunque artista) lo fa in linea di massima perchè è appassionato di quell'artista oppure perchè vorrebbe saperne di più sull'artista o sul suo mercato.

    Se tu entrassi nel 3D di Schifano, ci entreresti prima di tutto se ti interessa Schifano, e non certo per leggere gli interventi di uno che invece contesta Schifano (perchè non gli piace, o perchè non lo capisce, o perchè gli hanno bocciato delle opere ecc).

    Poi, ovviamente ognuno di noi ha gusti diversi, sensibilità diverse, opinioni varie / contrapposte, punti di vista diversi anche in termini di mercato. E ci sta.

    Ma anche in questo caso, se uno pensa che l'investimento in arte sia una chimera, lasci stare questo argomento.
    Se un artista poi non piace, lasci stare direttamente l'artista: non fa per lui e va benissimo così!!!

    Tornando nello specifico, su Boetti: 50.000 euro per un arazzino per qualcuno saranno troppi, per altri equi e per altri in prospettiva pochi.
    Per molti era già fuori mercato a 10.000 e poi a 20.000 e profetizzavano crolli e mode.
    Dovessero arrivare a 100.000 euro, come li si valuterebbe poi rispetto ai 50k odierni?

    Di certo in tantissimi hanno perso un treno, e ora il biglietto costa 50.000 euro, e non è più un biglietto alla portata di tutti.
    Capisco anche che a tanti questo dia un qualche fastidio, ma non dovrebbe, perchè se un'opera non piaceva a 10k ora a 50k è la stessa opera di prima e non dovrebbe piacere nemmeno adesso: se uno pensa di comperare un artista solo perchè forse aumenterà di valore, lasci stare il collezionismo.

Accedi