Realtà e fantasia nel mercato dell'arte
Wall Street e MSCI World corrono a perdifiato, non Piazza Affari. Effetto Draghi finito? Per Credit Suisse l’Italia è al momento ‘ora o mai più’
Nuovi record per Wall Street. La Borsa di New York ha chiuso in bellezza una settimana improntata al rialzo. L’S&P 500 e il Dow Jones hanno raggiunto nuovamente i record …
Posizioni nette corte: Saipem il titolo con più posizioni ribassiste aperte, Maire e Banca Mps nella top 3 dei più shortati
Dall?ultimo aggiornamento disponibile di Consob sulle posizioni nette corte (PNC) si apprende che il titolo più shortato a Piazza Affari è Bio-On con 2 posizioni short aperte per una quota pari …
Forza relativa e momentum: la rotazione degli indici settoriali europei. I migliori e peggiori
I migliori: banche, assicurazioni, viaggi e tempo libero e automotive in spolvero, bussa alla porta il settore edilizia e materiali Vediamo insieme rispetto alla scorsa settimana quali sono i settoriali …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    9,774
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    152 Post(s)
    Quoted
    4276 Post(s)
    Potenza rep
    42949680

    Realtà e fantasia nel mercato dell'arte

    Un post che nasce dagli interventi di questi ultimi giorni.

    A me sembra che, nonostante la frequentazione del mercato dell'arte di svariati anni da parte di quasi tutti i partecipanti, a molti per qualche motivo piace l'idea di crogiolarsi in un ipotetico "mercato dell'arte cristallino, etico, trasparente" e altre bellissime poesie di questo tipo.

    Mi spiace darvi un brusco risveglio, ma questo mondo ipotetico esiste solo nella fantasia.

    Poi ci sono quelli che in tutta normalità cercano di dire qualcosa di concreto come "il mercato è questo, e con questo tocca confrontarsi", e allora vengono tacciati di difesa delle case d'aste (???), o attaccatti per presunti "interessi da difendere" (???), dietrologie assurde di vario genere e altre fantasiose amenità.
    Tornate nei vostri corpi, perchè non c'è nulla di tutto ciò, se non nelle menti di chi pensa di saper "unire i puntini" perchè si crede furbissimo ma non ne azzecca una.

    C'è semplicemente qualcuno che prende atto della reale "fotografia" e cerca di rappresentarla, e chi invece pensa di poter salvare il mondo criticando le politiche di una casa d'aste per poi finire ad analizzare i lotti nella sessione successiva. (Perchè, parliamoci chiaro, dopo tante parole al vento è a questo che si tornerà...).

    Cari collezionisti e appassionati, mi spiace, ma il mercato dell'arte è quello che avete sotto i vostri occhi e non cambierà perchè una manciata di persone lo vorrebbero diverso.
    Poi, come ho scritto, se qualcuno ha voglia di fare la rivoluzione, può certamente provare a farla, o anche fare degli esposti o delle cause (visto che qui spesso si parla di temi interessantissimi sotto il profilo legale, ma fin'ora non si è assistito al minimo sbocco o iniziativa).

    Uno può anche addentrarsi in una giungla con dei mocassini o tacchi a spillo e protestare per il terreno accidentato, o lamentarsi che i rettili non siano tutti a sinistra e gli aracnidi sulla destra, o pretendere che a metà percorso ci possa essere un punto ristoro gestito da Carlo Cracco. Ma purtroppissimo ciò non farà cambiare la giungla in nessuno modo.

    Se non piace, se uno pensa di poter pretendere che le componenti del mercato si adattino ai suoi desideri, mi spiace, ma il mercato resta comunque questo.

    Tutti noi singolarmente possiamo ovviamente cercare di difenderci dalle distorsioni e dai trabocchetti con degli strumenti auto-costruiti, ma è una difesa individuale, non è che si arriva a cambiare le regole del gioco, ed è normale che sia così, come è normale come ogni azienda del settore giustamente entro il sistema della legalità cerchi di tutelare se stessa, come succede in tutti i campi, a volte anche con metodi borderline o non da tutti condivisi sotto il profilo etico o delle policy.

    Nell'attesa di vedere queste marce rivoluzionarie (che non si vedranno), il mercato con cui confrontarsi nel frattempo è quello di ieri, dell'altro ieri e di oggi.
    Quindi, non c'è nessuna difesa del mercato, delle case d'asta, ecc ecc, ma semplicemente una fotografia di ciò che è: è una presa d'atto della realtà.

    Personalmente vedo solo alcune strade concrete: chi vuole collezionare deve essere lui a crearsi una consapevolezza di quello che è il mercato, oppure chi ne sta fuori.
    Se non gli sta bene (ed è lecito), può anche pensare di fare la rivoluzione modificando le aziende degli altri. Io penso che risultati non ce ne saranno, ma se uno vuole tentare è liberissimo di provare.
    Diversamente, ci si attrezza per la comprensione dei meccanismi, se ne prende atto, si cerca di parare i colpi e si partecipa come si è sempre partecipato.

    Collezionare arte significa entrare in una dimensione differente da qualsiasi altro settore. Senza passione, studio e approfondimento degli artisti e del loro mercato non si va molto avanti.
    E se uno vuole in astratto considerare questo settore ANCHE per le potenzialità di investimento, l'approfondimento deve essere doppio, triplo. Il che ad esempio include il non fidarsi ciecamente nè dei risultati d'asta, nè dei database, se non a soli fini statistici e di medio-lungo periodo.

    "Eh, ma il comunicato stampa", "eh, ma l'articolo con il 100% di venduto", "eh, ma il virgolettato", "eh, ma gli invenduti che spariscono", "eh, ma le basi d'asta finte", "eh, ma le aggiudicazioni pompate o non credibili", "eh, ma se è così non voglio pagare i diritti d'asta", "eh ma allora pago per un database senza certezza di risultati"... Eh, ecco appunto.

    I meccanismi con i quali ci dobbiamo confrontare sono quelli esistenti nella realtà, non quelli che ipoteticamente ci piacerebbero.
    E questi meccanismi sono i medesimi per tutti, il che vuol dire che anche gli strumenti di conoscenza dei meccanismi e delle informazioni sono i medesimi per tutti, poi ognuno li calibra in base alle proprie considerazioni.

    Quindi, nell'attesa che qualcuno faccia la rivoluzione e trasformi il mercato dell'arte in trasparente e cristallino: bello il lavoro, bella la boiserie ma caro Aronne Piperno il mercato è quello che c'è nella realtà non quello che vorremmo ma esiste solo nella fantasia.

    Poi, dopo la rivoluzione, quando ci sarà il fatidico mercato trasparente e cristallino, saremo tutti lietissimi di adattarci ai nuovi standard cui tutti tendiamo.
    Ecco, quel giorno gentilmente qualcuno mi svegli per tempo, grazie.

  2. #2
    L'avatar di smw85
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    1,969
    Mentioned
    64 Post(s)
    Quoted
    901 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Grazie biagio per averci riportato alla realtà e per aver ripetuto per la centocinquantamilionesima volta la stessa cosa.
    Il thread mi pare non utile e non rilevante, puoi anche chiuderlo. Grazie.

  3. #3
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    9,774
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    152 Post(s)
    Quoted
    4276 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da smw85 Visualizza Messaggio
    Grazie biagio per averci riportato alla realtà e per aver ripetuto per la centocinquantamilionesima volta la stessa cosa.
    Il thread mi pare non utile e non rilevante, puoi anche chiuderlo. Grazie.
    Se non è interessante per te, magari lo sarà per altri, sennò scenderà e sparirà da solo oppure decidi tu se aprire o chiudere un 3D per tutti in base al tuo interesse?
    Apri tu un 3D interessante!

  4. #4
    L'avatar di gabriban
    Data Registrazione
    May 2011
    Messaggi
    1,485
    Mentioned
    54 Post(s)
    Quoted
    466 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Caro Biagio non credo che dovremmo attendere così tanti anni.

    Mi permetto di segnalarti che il segreto bancario elvetico é caduto in poco tempo.

    Gli interessi in gioco sono altissimi e gli Stati hanno fame di soldi.

  5. #5
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    9,774
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    152 Post(s)
    Quoted
    4276 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da gabriban Visualizza Messaggio
    Caro Biagio non credo che dovremmo attendere così tanti anni.

    Mi permetto di segnalarti che il segreto bancario elvetico é caduto in poco tempo.

    Gli interessi in gioco sono altissimi e gli Stati hanno fame di soldi.
    Può anche essere Gabri. Benvenga. Il punto è: concretamente nel frattempo che fai, aspetti quel giorno o intanto fai i conti con quello che c'è sul tavolo?
    La vita ahimè non è infinita.

  6. #6
    L'avatar di gabriban
    Data Registrazione
    May 2011
    Messaggi
    1,485
    Mentioned
    54 Post(s)
    Quoted
    466 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Biagio, io continuerò ad acquistare al prezzo che ritengo corretto, anche in asta.

    Non é questo il punto però.

    Questo é un forum di collezionisti e si dovrebbe gridarlo questo problema e non accettarlo come prassi, perché tanto non cambia.

    A me interessa sapere se la crescita avuta da alcuni artisti da me seguiti sia vera o meno.

    Se dovesse emergere che ci sono delle false aggiudicazioni, per me non cambierebbe molto, i valori scenderebbero e ciò mi permetterebbe di comprare a dei prezzi corretti.

    Faccio un esempio.

    Per un'opera per la quale ho partecipato sono stato superato (o meglio dire asfaltato), perché magari (dico magari) é stata oggetto di una puntata farlocca del venditore o magari di un nullatenente messo lì come uomo paglia, che poi non paga.

    Questa opera la trovo poi nuovamente in asta dopo qualche tempo.

    Questa opera viene poi venduta a meno della prima aggiudicazione, ma sempre di più del prezzo che secondo me sarebbe stato corretto.

    Non potrei essere incavolato, considerato che in un mercato regolare quest'opera avrei dovuto prenderla io con la prima tornata?

    Io sono un acquirente, non un venditore.
    Ultima modifica di gabriban; 15-02-21 alle 12:02

  7. #7
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    31,444
    Mentioned
    197 Post(s)
    Quoted
    7528 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    riporto quanto citato da smw85 in altro 3D

    "Le aste sono pubbliche ergo i risultati debbono esser pubblici altrimenti si tratta di private sales e li vale tutto. Ogni tentativo di non far figurare gli invenduti o di aggiudicazioni farlocche denota la scarsa serietà della casa d'asta. Questo è palese inutile continuare ad insistere."

  8. #8
    L'avatar di blackcity
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    4,140
    Mentioned
    107 Post(s)
    Quoted
    1938 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Chi nasconde i dati potrà anche non commettere illeciti, ma qui li segnaliamo in tempo zero e non ci fanno bella figura.
    Altrimenti fate vendite a trattativa privata e lì nessuno vi verrà a chieder conto di nulla.

  9. #9
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    31,444
    Mentioned
    197 Post(s)
    Quoted
    7528 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Biagio.tv Visualizza Messaggio
    Un post che nasce dagli interventi di questi ultimi giorni.

    A me sembra che, nonostante la frequentazione del mercato dell'arte di svariati anni da parte di quasi tutti i partecipanti, a molti per qualche motivo piace l'idea di crogiolarsi in un ipotetico "mercato dell'arte cristallino, etico, trasparente" e altre bellissime poesie di questo tipo.

    Mi spiace darvi un brusco risveglio, ma questo mondo ipotetico esiste solo nella fantasia.


    Poi, dopo la rivoluzione, quando ci sarà il fatidico mercato trasparente e cristallino, saremo tutti lietissimi di adattarci ai nuovi standard cui tutti tendiamo.
    Ecco, quel giorno gentilmente qualcuno mi svegli per tempo, grazie.


    Ma ovvio che noi altri non possiamo fare la rivoluzione, ma il silenzio ci fa diventare complici di tale schifo, non credi?

    Tratto da Come è profondo il mare di Lucio Dalla, pubblicato nel 1977:

    Siamo noi, siamo in tanti
    Ci nascondiamo di notte
    Per paura degli automobilisti, dei linotipisti
    Siamo i gatti neri, siamo pessimisti
    Siamo i cattivi pensieri
    Intanto un mistico, forse un'aviatore
    Inventò la commozione
    Che rimise d'accordo tutti
    I belli con i brutti
    Con qualche danno per i brutti
    Che si videro consegnare
    Un pezzo di specchio
    Così da potersi guardare
    Immagini Allegate Immagini Allegate -a1.jpg 

  10. #10
    L'avatar di Loryred
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    4,613
    Mentioned
    97 Post(s)
    Quoted
    2415 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Prima del letargo a cui mi accomoderò almeno temporaneamente chiedo se non sia il caso di accorpare parte di discussione del 3D Christie's e questo ad es. nel j'accuse che già era generalista evitando il proliferare di doppioni.

    Ritorno all'origine, mercato poco trasparente = vero, stigmatizzare distorsioni e prassi scorrette/elusive = giusto un warning, è nella funzione "pedagogica" e di terzietà del Forum in particolare per i neofiti.
    La situazione può cambiare? forse con una normazione più stringente e non senza una presa di posizione forte dei collezionisti.
    Questi ultimi assumendo il doppio ruolo di venditori e di acquirenti hanno un reale interesse alla "moralizzazione" o contano anch'essi sull'ambiguità a seconda della convenienza e della parte giocata in commedia, un pò come avviene quando si parla di prezzi.
    Questo doppiopesismo/ipocrisia era l'oggetto, almeno così ho interpretato, dei commenti puntuti di Acci.

Accedi