Mostre ed articoli di interesse IV
Rendimenti reali mai così negativi da era Volcker, mercati (per ora) si fidano della Fed. Fugnoli (Kairos) spiega chi compra Treasury e perchè lo fa
Il tanto atteso dato sull’inflazione americana ha calamitato ieri le attenzioni degli investitori. Ancora di più alla luce del nuovo balzo oltre le attese e al nuovo massimo dal 2008. …
Posizioni nette corte: Saipem il titolo più shortato di Piazza Affari e con più posizioni ribassiste aperte, nella top 4 anche Maire e Banca Mps
Dall?ultimo aggiornamento disponibile di Consob sulle posizioni nette corte (PNC) si apprende che il titolo più shortato a Piazza Affari è Saipem con 5 posizioni short aperte per una quota pari …
Intesa Sanpaolo non è più la preferita indiscussa tra le banche a Piazza Affari, sempre più analisti virano su Unicredit
Giornata opaca oggi per Intesa Sanpaolo (-0,57% a 2,425 euro), peggior performer tra le banche del Ftse Mib. E’ stata una settimana interlocutoria per la maggiore banca italiana che nelle …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,705
    Mentioned
    219 Post(s)
    Quoted
    1486 Post(s)
    Potenza rep
    42949675

    Mostre ed articoli di interesse IV

    Tendenze contemporanee...
    Ciao!!


    Su 48 lotti, la parte della serata dedicata all'arte africana contemporanea, dedicata alle offerte di artisti contemporanei emergenti in tutto il continente, ha realizzato € 463.000 con un premio dell'acquirente, appena sopra la sua stima di € 402.800.
    L'asta ha prodotto un tasso di vendita del 68%.

    Nel mercato, la consapevolezza degli artisti africani contemporanei è aumentata, attirando i principali attori commerciali.
    Questo autunno a Londra, la 1-54 Contemporary African Art Fair ha collaborato con Christie's per ospitare una tappa online dell'edizione londinese del 2020, un segno della crescente importanza della regione nel mercato. L'espansione di Artcurial nella regione segnala un aumento della domanda tra i collezionisti.

    Art Market Monitor — Global Coverage ~ Unique Analysis

  2. #2
    L'avatar di Cris70
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    4,826
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    36 Post(s)
    Quoted
    797 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Il treno degli Africani è oramai andato. Prossime fermate solo per molto, ma molto, danarosi.

    Adesso consiglierei di buttare l'occhio sui Sudamericani, in primis Brasile, e i motivi sono diversi, non ultimo un cambio per noi molto favorevole.

  3. #3
    L'avatar di Cris70
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    4,826
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    36 Post(s)
    Quoted
    797 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da smw85 Visualizza Messaggio
    Moda temporanea, legnate sui denti per chi ha speso certe cifre ingiustificabili, tempo 10-15 anni per la cartina di tornasole. Nessun senso spendere certe cifre per poco più di una buona pittura che riprende temi triti e ritriti senza apportare alcuna innovazione storica all'arte. Quando si acquista la prima domanda è: l'artista ha portato in passato oppure sta portando un contributo all'arte, un concetto nuovo o addirittura una rivoluzione? Qui non vedo niente di tutto cio'. Qui vedo una tendenza speculativa che finirà come tutte le tendenze speculative.
    E invece sono convinto che sono proprio questi paesi che porteranno nuove idee. Faranno delle necessità una virtù, così come peraltro fu per gli americani e gli europei in epoche e situazioni diverse.

    Comunque idee al vento, ognuno ragioni come vuole.
    Ciao

  4. #4
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,705
    Mentioned
    219 Post(s)
    Quoted
    1486 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Tendenze contemporanee bis...

    Gli acronimi...
    Ciao!!

    La Marian Goodman Gallery ha annunciato un'iniziativa a sostegno dei curatori emergenti del BIPOC (neri, indigeni e persone di colore) e in onore del defunto curatore Okwui Enwezor.
    L'iniziativa, ideata dall'artista e regista Steve McQueen, è in collaborazione con Independent Curators International (ICI) e aiuterà i programmi di sviluppo professionale e le borse di ricerca di ICI, con l'obiettivo di responsabilizzare e sostenere una generazione più diversificata di curatori e di forgiare reti di collaborazione tra curatori, artisti e spazi artistici a livello internazionale.

    Enwezor, nato in Nigeria, morto nel 2019 all'età di cinquantacinque anni, era un titano nel mondo dell'arte, ampiamente conosciuto per la sua instancabile difesa dell'arte africana; per sfidare la narrativa artistica eurocentrica consolidata portando il lavoro di artisti africani, asiatici e latinoamericani in istituzioni prevalentemente occidentali; e per abbracciare una prospettiva globale che ha aperto innumerevoli porte a nuove voci e indagini critiche nel campo curatoriale.

    Marian Goodman Gallery and ICI Launch Emerging Curator Initiative Honoring Okwui Enwezor - Artforum International

  5. #5
    L'avatar di smw85
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    1,997
    Mentioned
    66 Post(s)
    Quoted
    925 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da Cris70 Visualizza Messaggio
    E invece sono convinto che sono proprio questi paesi che porteranno nuove idee. Faranno delle necessità una virtù, così come peraltro fu per gli americani e gli europei in epoche e situazioni diverse.

    Comunque idee al vento, ognuno ragioni come vuole.
    Ciao
    Figurati, la mia è un'opinione personale e tale rimane. Pero' io di idee nuove sinceramente non ne vedo a meno che qualcuno qui scriva dov'è la novità. Semplicemente stanno battendo il ferro finchè è caldo. Per l'amor del cielo commercialmente fanno bene ma che non si parli di grande arte internazionale, storicizzazione ed altro perchè ci prendiamo in giro. Penso che chi ha un minimo di abilita' ed intelletto o cavalca l'onda e vende al momento giusto sapendo che si tratta di pura speculazione oppure ne sta fuori. Non fraintendermi, per forza qualcosa finira' in qualche museo ma penso che in 10 anni saranno quadri che passeranno dal piano terra al magazzino.

  6. #6
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,705
    Mentioned
    219 Post(s)
    Quoted
    1486 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Se poi si vuol tentare di rimanere nella storia si possono seguire delle masterclass...

    Qualche anticipazione...
    Ciao!!

    Cos'è l'arte? " Chiede il signor Koons.
    “Pittura? È una scultura? "
    Certo, potresti rispondere, ma sta ancora parlando.
    "L'arte è un veicolo che ci consente di avere un impatto sul mondo esterno e consente anche al mondo esterno di avere un impatto su di noi."

    Il signor Koons è qui come life coach e venditore.
    Vuole che abbiamo successo...

    Per ora, noi studenti-artisti almeno abbiamo il suo caloroso incoraggiamento, che riecheggia dai nostri schermi.
    "Per favore, fallo per le altre persone", dice, "e loro ti saranno molto grate".

    Can Jeff Koons Teach Me to Paint? - The New York Times


  7. #7
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,044
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    156 Post(s)
    Quoted
    4414 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Sull'arte "africana" sono piuttosto d'accordo con @smw , anche io ritengo sia uno di questi fenomeni un po' studiati a tavolino e destinati a durare limitatamente nel tempo.

    Se ci si pensa un po' con un minimo di capacità analitica, "arte africana" in effetti non vuole dire proprio nulla: è come se a un certo punto ci fosse una riscoperta dell' "arte europea" o "arte sudamericana". Non vuole dire nulla. Ovunque ci sono (o ci sono stati) artisti e movimenti significativi e altri del tutto insignificanti.

    Invece pare attualmente pare sia quasi sufficiente avere origini africane, per avere apprezzamento ed un passepartout al mercato.
    L'Africa è un continente con oltre 1 MILIARDO di persone.

    Premesso questo, appunto perchè ci sono oltre 1 miliardo di Africani, è probabile - già a livello statistico - che come dice @Cris da quelle origini possa emergere qualche personalità altamente innovatrice e significativa.

    Certamente la cosa più rivelatrice sarà guardare questi sviluppi "ex post" per capire tra 10 anni o più chi sia sopravvissuto, chi emerso e chi imposto come artista imprescindibile.

    Del resto già si può vedere cosa è successo all' "arte cinese", che per circa un decennio è stata un fenomeno di mercato che credo in molti ricordiamo. Un fenomeno fortemente ridimensionato pur trattandosi di uno dei Paesi con maggiore crescita al mondo, e che ovviamente privilegia il collezionismo dei propri artisti, come tutti i Paesi.
    Ma di quelle centinaia o migliaia di artisti, nonostante il ridimensionamento, sono emerse delle personalità che hanno segnato delle ricerche artistiche e che sicuramente rimarranno nella storia dell'arte internazionale (e specificamente ovviamente con rilevanza maggiore nei luoghi d'origine).
    Ma dopo 20 anni, quanti artisti cinesi sono a tutti gli effetti emersi e rimarranno "fondamentali"? 10? 20?
    Poi certamente in Cina avranno una visione molto più radicata relativamente ai loro artisti, appunto come in ogni Paese.

    Questo per dire che secondo me il soufflè africano a un certo punto si sgonfierà e molti rimarranno in mano con il cerino, ma altri - quelli che hanno ben studiato e approfondito - avranno inserito in collezione artisti di peso (artistico ed economico).

    Per dire, un artista come El Anatsui (di cui dimentico sempre il nome), mi pare che ormai sia assolutamente storicizzato a livello internazionale e riconosciuto come un artista di peso (anche sul mercato) e sarà certamente tra quelli che rimarranno.
    Maggiori riserve le ho sui fenomeni commerciali alla "Boafo", ma con umiltà riconosco che potrei assolutamente sbagliare e sottovalutare ciò che conosco così superficialmente.

    (foto in alto El Anatsui, foto in basso Amoako Boafo)

    Mostre ed articoli di interesse IV-anatsui.jpg

    Mostre ed articoli di interesse IV-boafo2.jpg

  8. #8
    L'avatar di avvoc
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    1,008
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    101 Post(s)
    Potenza rep
    14894002
    Riguardo agli artisti africani aveva attirato la mia attenzione Serge Attukwei Clottey che nel 2019 venne ospitato alla Galleria Lorenzelli.
    Utilizza per le sue opere i gallons che sono dei contenitori per olio o benzina di colore giallo. Vennero portati in Ghana dall’Europa e la popolazione usava questi contenitori per l'acqua.
    Vengono ridotti in tessere dall'artisti e ricomposte con dei fili.
    Non ho idea se resterà nella storia ma l'effetto visivo e le tematiche che stanno alla base delle opere ( compreso l'inquinamento) sono interessanti.
    Penso però che costi già troppo....

  9. #9
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,705
    Mentioned
    219 Post(s)
    Quoted
    1486 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    La tendenza attuale nei musei è quella di togliere gli storicizzati (Braque in origine affiancato alle Mademoiselle D'Avignon ad es al Moma Dal Black Arts Movement al Black Lives Matter. Non solo formalismi, ma nuove narrative sociali per i musei) per far posto alla riscoperta di artisti che rientrano nell'acronimo nominato poco sopra.

    Altri dedicano delle retrospettive Lynette Yiadom-Boakye: Fly In League With The Night – Exhibition at Tate Britain | Tate e altri minori cedono all'asta sempre gli storicizzati per acquistare o colmare delle lacune esplosive (verso la fine del 3D ci sono svariati esempi Mostre ed articoli di interesse - parte III).

    Al di là dei discorsi politici che anche per la complessità ci porterebbero OT, la tendenza è cavalcata dalle gallerie e dalle case d'asta per evidenti interessi commerciali, ogni nuova moda apre possibilità infinite come la caccia all'oro del vecchio west.
    I musei sembra abbiano deciso di fare da raccordo (in molti casi interessato) tra le due posizioni e il sistema per il momento funziona e pare in salute.

    Anch'io sono del parere che molto evaporerà e poco si salverà (come del resto in passato) ma non sono convinto che molto del passato oggi sostituito ritornerà.
    È un momento di cambio radicale (nuovi giovani collezionisti e peso del mercato asiatico) che può essere in grado di incidere permanentemente...
    Ciao!! a tutti.
    Ultima modifica di Antipole; 19-01-21 alle 14:17

  10. #10
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,705
    Mentioned
    219 Post(s)
    Quoted
    1486 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    A proposito di arte e politica (vedi pagina precedente)...
    Ciao!!

    Il governo del Regno Unito potrebbe rendere più difficile per le autorità locali abbattere monumenti pubblici di figure storiche controverse.

    Il segretario di stato per le comunità, Robert Jenrick, ha scritto che i monumenti del Regno Unito sono una parte preziosa della sua storia e che la recente ondata di proteste intorno a certi monumenti cerca di "cancellare" quella storia.

    "È nostro dovere preservare la nostra cultura e il nostro patrimonio per le generazioni future e queste nuove leggi ci aiuteranno a farlo ”, afferma.

    The UK Government Plans to Make It Harder to Remove Public Monuments to Controversial Figures | artnet News

Accedi