Robert Barry - Pagina 7
UBI boccia l’OPS di Intesa: non è conveniente per 6 motivi. Messina medita sul rilancio
L’ops lanciata da Intesa Sanpaolo non è conveniente. E’ il responso del cda odierno di UBI Banca, che conferma le attese della vigilia e apre le strade a due possibili …
BTP Futura, Mef alza velo su tassi cedolari minimi. Tesoro chiama investitori retail, la tentazione del premio fedeltà
ll Mef ha finalmente comunicato i tassi cedolari minimi garantiti della prima emissione del BTP Futura, il titolo di stato italiano offerto interamente agli investitori retail. L'emissione partirà lunedì 6 …
Tesla, c’è chi scommette su titolo a $2000. Elon Musk gongola e prende in giro Sec e short sellers
Il fenomeno Tesla continua, grazie all’assist che arriva anche dai fondamentali dell’azienda. Ieri, il produttore di auto elettriche fondato e capitanato da Elon Musk, ha reso noti i dati sulle …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #61

    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    675
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    274 Post(s)
    Potenza rep
    17893513
    Citazione Originariamente Scritto da ol€g the picker Visualizza Messaggio
    ....più che di un' "idea capolavoro" io la chiamerei semplicemente "trovata pubblicitaria" ripresa furbescamente dal gallerista da un'iniziativa artistica di quasi 10 anni prima.....

    ......Siamo nel 1960 ed un gruppo di giovani artisti di avanguardia ( anche se di matrice "tradizionale" ) , il Gruppo N di Padova, ha l'idea di organizzare una mostra "a porte chiuse"...

    Allegato 2697539


    Galleria Allegra Ravizza - Gruppo N
    Mha, il gallerista qui centra ben poco. In realtà si tratta di un progetto di Barry che coinvolse oltre sperone anche art&project ed Eugenia Butler.
    Il tutto e noto come closed gallery series:
    Gallery Closed Series - Specific Object

    Possible qualcuno abbia fatto qualcosa di simile, come fontana non è stato il primo a bucare il supporto.
    Tutto dipende dal significato e dall'idea che ci sta dietro.
    Questi tre pezzi erano inviti destinati ai collezionisti e di quelle 'mostre' annunciate sono l'unica cosa mai esistita.

    Per approfondire:
    Robert Barry, INVITATION PROJECT, 1972–1973 – AdA Invitations

    Questi pezzetti di carta sono nelle collezioni di alcuni musei, tra cui il Moma.
    Ultima modifica di toni77; 27-06-20 alle 11:54

  2. #62
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    8,963
    Blog Entries
    15
    Mentioned
    133 Post(s)
    Quoted
    3904 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    per Biagio,

    va bene che abbiano usato i colori ma il concettuale è un antitesi con l'estetica.

    non farmi fare un'altra pappardella sennò mi bannano
    Visto che l’argomento è molto più ampio, ho risposto qui: Un’Arte Concettuale con colore ed estetica

    Attendo con piacere una contro-pappardella!
    E ovviamente altri contributi!

  3. #63
    L'avatar di techne
    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    943
    Mentioned
    52 Post(s)
    Quoted
    309 Post(s)
    Potenza rep
    16820704
    Citazione Originariamente Scritto da Antipole Visualizza Messaggio
    Proviamo forzando qualche passaggio...

    Nell'antichità il quadro nello spazio e nel tempo della tela narrava attraverso la figurazione un racconto.

    I modi per farlo erano strettamente regolamentati dal punto di vista tecnico: punto di fuga, proporzioni degli arti delle figure ecc. (Vedi sotto) ed estetico, ogni personaggio doveva essere rappresentato in un certo modo con determinati abiti e oggetti.
    Lo spazio creativo del pittore era esiguo tanto che veniva considerato un artigiano.

    In quel poco margine l'artista si distingueva mettendo la sua personalità e il suo pensiero (concetto) che in alcuni casi sfociava nella creazione di regole nuove (ad es. la prospettiva) che una volta accettate venivano da tutti seguite.



    Annunciazione oroporzione aurea dell'angelo rispetto alla sua distanza dalla Vergine

    Allegato 2697533

    Uomo Vitruviano e serie aurea.

    Allegato 2697532

    Grazie ancora. Riprendo una frase riportata da Alessandro in qualche intervento sopra:

    Il motore propulsivo dell’arte concettuale è la posizione per cui è l’idea veicolata nella nostra esperienza da un’opera d’arte a contare, al di là di qualsiasi contenuto emotivo o rappresentazionale che l’opera può avere.

    E' il metodo di approccio che non mi è funzionale. Io l'elio di Barry (per fare l'esempio che ho in testa) l'ho letto (perché l'ho letto) esattamente al contrario rispetto al metodo cui invita l'arte concettuale. Ma se tento l'approccio proposto dal metodo non ho bei risultati. Un affaccio a scendere. Anche con Duchamp eh. Non vado al di là di una storia e dello studio di un significato da collocare nella storia. Brevemente, e spero di non essermi capita da sola.

    Edit: e poi rimuovo. Tanto è vero che ogni volta che "ritorna" un discorso sull'arte concettuale mi incarto come fosse la prima volta

  4. #64
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    29,870
    Mentioned
    175 Post(s)
    Quoted
    6803 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Segnalo questo libro da Finarte
    AA.VV., Siegelaub, Seth (0New York 1942 - Basilea 2013), Carl Andre - Robert Barry - Douglas Huebler - Joseph Kosuth - Sol Lewitt - Robert Morris - Lawrence Weiner (Xerox book)

    Volume edito da Seth Siegelaub e co-finanziato dal collezionista John (“Jack”) Wendler, comunemente chiamato “Xerox Book” per il tipo di stampa scelto inizialmente da Siegelaub, poi sostituita in corso d’opera da una normale stampa offset meno dispendiosa di quella ottenuta con una macchina Xerox, raccoglie i lavori dei sette artisti menzionati nel titolo ognuno dei quali contribuì alla realizzazione dell’opera inviando 25 disegni in bianco e nero fotocopiati, in totale oltre 175 illustrazioni. Tiratura di 1.000 esemplari. Edizione originale.

    AA.VV., Siegelaub, Seth - Carl Andre - Robert Barry - Douglas Huebler - Joseph Kosuth - Sol Lewitt - Robert Morris - Lawrence Weiner (Xerox book)New York, Seth Siegelaub / John W. Wender, 1968, 27x20,5 cm., brossura, pp. [370] / Testimonials: books and documents of Modern and Contemporary Art – Finarte

  5. #65

    Data Registrazione
    Mar 2000
    Messaggi
    4,906
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    130 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Citazione Originariamente Scritto da toni77 Visualizza Messaggio
    Mha, il gallerista qui centra ben poco. In realtà si tratta di un progetto di Barry che coinvolse oltre sperone anche art&project ed Eugenia Butler.
    Il tutto e noto come closed gallery series:
    Gallery Closed Series - Specific Object

    Possible qualcuno abbia fatto qualcosa di simile, come fontana non è stato il primo a bucare il supporto.
    Tutto dipende dal significato e dall'idea che ci sta dietro.
    Questi tre pezzi erano inviti destinati ai collezionisti e di quelle 'mostre' annunciate sono l'unica cosa mai esistita.

    Per approfondire:
    Robert Barry, INVITATION PROJECT, 1972–1973 – AdA Invitations

    Questi pezzetti di carta sono nelle collezioni di alcuni musei, tra cui il Moma.

    bella raccolta
    lo potevi prendere per qualche centinaio di $

    ma ei fu
    come le palle lanciate in aria di John che a Bologna acquistavi a 150€ ed adesso vedi quanto fanno in asta

  6. #66

    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    675
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    274 Post(s)
    Potenza rep
    17893513
    Citazione Originariamente Scritto da rothko Visualizza Messaggio

    bella raccolta
    lo potevi prendere per qualche centinaio di $

    ma ei fu
    come le palle lanciate in aria di John che a Bologna acquistavi a 150€ ed adesso vedi quanto fanno in asta
    Si, ora sono molto molto difficili da trovare, tutti e tre poi quasi impossibile. Io presi anni fa quello di sperone perché lo trovavo interessante.
    Tali inviti non sono firmati ma sono cio che resta di quelle esibizioni (di fatto lopera) e sono molto rari oltre che interessanti, secondo me. Non so oggi quanto valgano, comunque credo non molto perché seppur rari sono per un collezionismo di nicchia.
    Ultima modifica di toni77; 28-06-20 alle 11:32

Accedi