Mario Merz
Asset managers di Piazza Affari erodono quote alle banche più piccole, Goldman spiega come e chi ne trae più vantaggio
Pur riconoscendo che il contesto politico in Italia è incerto, gli analisti di Goldman Sachs rivalutano le loro stime per alcuni importanti leader del risparmio gestito nell’ultimo trimestre del 2020. …
Al via LeasysGO!, primo carsharing a emissioni zero con le nuove Fiat 500 elettriche. Funzionamento e tariffe
Il carsharing va sempre più nella direzione della mobilità 100% sostenibile. Da Torino, per poi diffondersi anche a Milano e Roma, parte il primo servizio di car sharing sostenibile che …
Gli Italian Certificate Awards 2020 raddoppiano: tra sessione educational e serata di premiazione
Sarà tutta online la nuova edizione degli ICA 2020 in programma mercoledì 20 gennaio. Con una novità: la sessione del mattino per fare il punto sul settore dei certificati. Dalle …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,902
    Mentioned
    192 Post(s)
    Quoted
    7245 Post(s)
    Potenza rep
    42949684

    Mario Merz

    Oggi sarebbe stato il compleanno di Mario Merz
    nato il 01 gennaio del 1925.

    Strano che nel FOL non ci sia un 3D a Lui dedicato, quindi rimedio con il suo ben noto profilo
    che osserva l'installazione con i numeri di fibonacci nel 1971

    foto del noto Gianfranco Gorgoni
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Mario Merz-133683844_10219521681056097_1351680974105252001_o.jpg  

  2. #2
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,902
    Mentioned
    192 Post(s)
    Quoted
    7245 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Secondo la definizione del suo grande estimatore (e similmente anarchico) Harald Szeemann:

    «appartenente all’ultima generazione di visionari, solitari e nomadi che crea dal caos, considerando la pulsione interiore come criterio primario»


    Nel vortice che investe il mondo culturale a metà degli anni ‘60, Mario Merz è l’autore più anziano e una delle figure di spicco della koinè dei poveristi (prendo a prestito una felice definizione di Bruno Corà).

    Merz arriva a Torino da Milano per studiare medicina ed entra nel gruppo antifascista Giustizia e Libertà nel 1945, alimentando la sua visione politica attraverso la lettura di Gramsci e Marx: partigiano, verrà condannato a un anno di detenzione nelle Carceri Nuove, un evento che segnerà un momento cruciale nella la sua esperienza artistica.

    Lì incontrerà Luciano Pistoi (che aprirà poi la galleria Notizie) e sfrutterà la parentesi carceraria per sperimentare disegni con la tecnica del tratto continuo, già approcciati durante la prima giovinezza. Si forma da autodidatta, concentrandosi in prima battuta sul disegno e aprendosi alla pittura anche grazie al confronto con Mattia Moreni e Luigi Spazzapan, due “outsider” della scena artistica dell’epoca, guardando poi all’informale, a Jackson Pollock, ma anche a Jean Dubuffet e Jean Fautrier.

    La sua pratica artistica è segnata da una visione critica della società consumistica contemporanea, ed è influenzata dal Situazionismo, presente nell’area torinese nella figura carismatica di Pinot Gallizio, ma anche dalla tradizione pittorica.


    Merz, using himself as a sensitive needle, tries to draw a map in which the archetypes of the individual’s feeling and living solidify as they move through differentiated territories.” (Germano Celant, Mario Merz, catalogo della mostra, Solomon R. Guggenheim Museum,


    Fonte : Mario Merz. Igloos | Doppiozero
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Mario Merz-a22.jpg  

  3. #3
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,393
    Mentioned
    208 Post(s)
    Quoted
    1409 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Colgo l'occasione per riproporre il messaggio #235 Lettura di un'opera
    Ciao!!

  4. #4
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,902
    Mentioned
    192 Post(s)
    Quoted
    7245 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Antipole Visualizza Messaggio
    Colgo l'occasione per riproporre il messaggio #235 Lettura di un'opera
    Ciao!!
    grazie
    Immagini Allegate Immagini Allegate Mario Merz-a24.jpg Mario Merz-a25.jpg 

  5. #5
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,902
    Mentioned
    192 Post(s)
    Quoted
    7245 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Se le parole prendono la forma di frasi o di domande, i numeri invece fanno invece sempre riferimento alla cosiddetta “serie di Fibonacci”, a cui Merz si appassionò alla fine degli anni ’60 leggendo i testi del filosofo naturalista toscano Leonardo Fibonacci.

    Quest’ultimo, all’inizio del 1200, per studiare come evolveva la popolazione di una colonia di conigli, aveva individuato una sequenza matematica nella quale ogni numero è dato dalla somma dei due precedenti (1,2,3,5,8…). Fino al XIX secolo a questa successione non fu attribuita alcuna importanza, finché si scoprì che poteva essere applicata, per esempio, nel calcolo delle probabilità, nella sezione aurea e anche nella natura, per esempio nella disposizione delle foglie di un albero. Insomma, una serie numerica che sta alla base della nostra realtà.

    A partire dal 1970, Merz inizia ad introdurre la sequenza di Fibonacci all’interno di molte sue opere (ad esempio su alcuni igloo, o direttamente sulle pareti, in relazione ad animali o oggetti della vita quotidiana che compongono le sue opere). I numeri di Fibonacci rappresentano i processi di crescita del mondo naturale e rimandano anche a un’idea di continua trasformazione ed evoluzione, una sorta di successione potenzialmente infinita.
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Mario Merz-a23.jpg  

  6. #6
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,902
    Mentioned
    192 Post(s)
    Quoted
    7245 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Una somma reale è una somma di gente del 1972


    Le fotografie ritraggono artisti e mercanti d'arte che cenano al ristorante Ponte delle Gabelle a Milano.

    Presso
    ‘Untitled (A Real Sum is a Sum of People)’, Mario Merz, 1972 | Tate
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Mario Merz-a24.jpg   Mario Merz-a26.jpg  
    Immagini Allegate Immagini Allegate Mario Merz-a25.jpg 

  7. #7
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,902
    Mentioned
    192 Post(s)
    Quoted
    7245 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Spazio, tempo, materia, gesto e comportamento sono gli elementi che avvicinano Mario Merz a Lucio Fontana, in un dialogo ideale sulle potenzialità dell’arte nella tarda modernità che ha contribuito in maniera determinante a ridefinire i caratteri della cultura artistica contemporanea.

    Sebbene attraverso percorsi molto diversi, entrambi hanno ridefinito i concetti di spazio e tempo in relazione alla posizione dell’uomo
    rispetto alla natura.

    Vi è un passaggio nel Primo Manifesto dello Spazialismo, redatto da Fontana e da altri nel 1947, in cui si legge “L'arte è eterna, ma non può essere immortale. È eterna in quanto un suo gesto, come qualunque altro gesto compiuto, non può non continuare a permanere nello spirito dell'uomo come razza perpetuata. [...] Ma l'essere eterna non significa per nulla che sia immortale. Anzi essa non è mai immortale. Potrà vivere un anno o millenni, ma l'ora verrà sempre, della sua distruzione materiale. Rimarrà eterna come gesto, ma morrà come materia”.

    Alcuni decenni più tardi, Merz realizzerà un’opera con una scritta al neon che recita “Se la forma scompare la sua radice è eterna”.
    (verso del poeta persiano Rumi)
    Immagini Allegate Immagini Allegate Mario Merz-a37.jpg Mario Merz-a36.jpg 

  8. #8
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,902
    Mentioned
    192 Post(s)
    Quoted
    7245 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Forse non tutti sanno che una delle poche opere (igloos) ad avere al suo interno anche oggetti di uso comune è “Is space bent or straight?”, dove dalle pareti in vetro di un suo igloos si vede una macchina da scrivere.

    L’oggetto presente è andato in scena all’interno di una performance eseguita da Merz insieme a Emilio Prini, nella quale i due leggevano, scrivevano e parlavano seduti all’interno dell’igloo, che diventava a tutti gli effetti un luogo abitabile e di relazione.
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Mario Merz-a33.jpg   Mario Merz-a34.jpg  

  9. #9
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,393
    Mentioned
    208 Post(s)
    Quoted
    1409 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Merz era affascinato dalla serie di numeri di Fibonacci, questo sistema (originariamente applicato alla comprensione della riproduzione nei conigli) si estende all'infinito, quindi si può vedere che corrisponde alla proliferazione in natura.

    I numeri aumentano sommando ciascuna coppia precedente, ad esempio 1 + 1 = 2 + 1 = 3 + 2 = 5.

    Qui immagini di tavoli sempre più grandi sono collegati in una spirale, numeri al neon su ciascuno secondo il sistema Fibonacci, con bicchieri disegnati su ogni tavolo corrispondenti a questi numeri, suggerendo un numero infinitamente crescente di commensali.

    Mario Merz-img-20210102-wa0001.jpg

  10. #10
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    2,164
    Mentioned
    56 Post(s)
    Quoted
    926 Post(s)
    Potenza rep
    39133048
    @Antipole lavoro splendido!

Accedi