Collezionismo d'elite - Pagina 6
Poste Italiane immune dal diktat Bce sui dividendi, la spiegazione è nella natura sui generis di BancoPosta
Anche gli azionisti dei colossi del risparmio gestito dovranno attendere, almeno fino a ottobre, per sapere se ci sarà o meno spazio per la distribuzione del dividendo. Le raccomandazioni Bce …
Il fondo del mercato orso più veloce della storia è stato toccato o no? Risponde Goldman Sachs
Bottom ovvero fondo: nei corridoi di Wall Street, è questo termine che assilla da un po’ di giorni i trader. A confermarlo è il responsabile strategist sull’azionario di Goldman Sachs, …
Borsa Milano: giocare in difesa in tempi di Covid. Mediobanca presenta la sua Top 10
Giocare in difesa: continua a essere questa la raccomandazione che gli analisti di Mediobanca Securities danno agli investitori presentando oggi, nella nota odierna, la TOP 10 delle azioni su cui …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #51

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    8,541
    Mentioned
    109 Post(s)
    Quoted
    2891 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Siamo sempre a girare intorno allo stesso paletto: se uno è milionario da far schifo può beatamente fregarsene se la sua collezione perde o incrementa valore. Ma chi come me è all’interno di una normalità economica, coltiva la sua passione cercando di fare le mosse migliori. Un motivo di soddisfazione è anche l’aver saputo cogliere delle opportunità, grazie a preparazione, competenza e sensibilità, prima degli altri e per questo a condizioni gioco forza più favorevoli. È umano, dai!

  2. #52
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    4,832
    Mentioned
    139 Post(s)
    Quoted
    991 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Collegato al messaggio #44, sono stato lento nella risposta.
    Saluto ugualmente chi mi ha anticipato.


    Bisognerebbe a questo punto capire cosa si intende per élite.
    Un tempo presupponeva un carico di responsabilità anche morali verso se stesso e il prossimo oggi pare sia una corte grata di accedere alla sala degli specchi di Vesailles...
    Sempre a mio parere.


    Il sociologo John Goldthorpe dice che al giorno d’oggi non è più tanto facile distinguere una élite culturale da quelli che si trovano più in basso nella gerarchia culturale sulla base di vecchi indicatori, come ad esempio l’entusiasmo per tutto ciò che è considerato “arte alta” in un determinato momento e l’abitudine di storcere il naso nei confronti di “tutto ciò che piace alla massa."
    Oggi sono come degli “onnivori”: nel repertorio del loro consumo culturale c’è spazio per “l’arte alta” come per la televisione popolare un boccone di qua, un morso di là.

    L’élite culturale è più attiva e appassionata che mai.
    Ma è troppo impegnata a inseguire il gran colpo e altri eventi famosi collegati alla cultura per trovare il tempo di formulare canoni di fede o per convertire a essi gli altri.

    Collezionismo d'elite-gallll.jpg
    Ultima modifica di Antipole; 08-01-20 alle 20:49

  3. #53
    L'avatar di techne
    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    445
    Mentioned
    28 Post(s)
    Quoted
    174 Post(s)
    Potenza rep
    11305717
    Citazione Originariamente Scritto da accipicchia Visualizza Messaggio
    Siamo sempre a girare intorno allo stesso paletto: se uno è milionario da far schifo può beatamente fregarsene se la sua collezione perde o incrementa valore. Ma chi come me è all’interno di una normalità economica, coltiva la sua passione cercando di fare le mosse migliori. Un motivo di soddisfazione è anche l’aver saputo cogliere delle opportunità, grazie a preparazione, competenza e sensibilità, prima degli altri e per questo a condizioni gioco forza più favorevoli. È umano, dai!
    Sapere che sei umano pure tu mi sprona.
    Complimenti, e per parte mia anche grazie. Molti spunti e anche molti punti di vista da cui traggo a piene mani.

  4. #54

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    8,541
    Mentioned
    109 Post(s)
    Quoted
    2891 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Mah, non vorrei che il discorso deragliasse. Per quanto mi riguarda, credo di non aver mai posto la questione in termini di élite economica (anche se è aver qualche soldino da spendere è un requisito indispensabile per poter comprare il superfluo). Ho sempre parlato di élite in termini di prestigio, cultura e ricerca della qualità. Detesto i quadri banali anche più di queli brutti. Cerco solo le opere migliori tra quelle che posso permettermi, ovviamente, e credo che tutti dovrebbero fare così, semplicemente perché conviene. Lasciamo perdere i miei esempi, ma quanti oggi possiedono degli Schifano? Tanti, tantissimi. Ma quanti hanno comprato per tempo, non oggi, uno (UNO non dieci) Schifano di quelli che meritano davvero? Pochi, pochissimi. E allora di cosa stiamo parlando? Elite è anche uno Schifano giusto, che dieci anni fa forse non era proibitivo. Bastava avere le idee chiare per pensarci prima della massa.

  5. #55
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    28,936
    Mentioned
    166 Post(s)
    Quoted
    6276 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da gabriban Visualizza Messaggio
    Alessandro. Non voglio sapere l’artista, ma dimmi se i prezzi di quell’artista erano saliti quando l’elite si e’ disaffezionata?
    nella prima fase ovviamente sì, in quanto catturato da buone gallerie.
    Poi in tanto hanno cercato di cavalcare la speranza di avere incrementi e quindi è iniziato
    il tormentone stucchevole in aste e fiere.

    L'élite però ne è uscita prima

    Quelli esigono una sorte di esclusiva e non certo di massa, indipendentemente dal "valore"

  6. #56
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    1,769
    Mentioned
    49 Post(s)
    Quoted
    740 Post(s)
    Potenza rep
    33423764
    Mi sono venuti in mente due artiste che hanno poco o nullo mercato secondario ma in compenso stanno nei musei... Roni Horn e Haris Epaminonda.

  7. #57
    L'avatar di blackcity
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    3,746
    Mentioned
    94 Post(s)
    Quoted
    1669 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Devo dire che dopo questi ultimi messaggi sto rivalutando l'accipicchia collezionista, tra un po' ci si scambia i contatti whatsapp come due vecchi compagni di scuola ahahah

  8. #58
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    1,769
    Mentioned
    49 Post(s)
    Quoted
    740 Post(s)
    Potenza rep
    33423764
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    nella prima fase ovviamente sì, in quanto catturato da buone gallerie.
    Poi in tanto hanno cercato di cavalcare la speranza di avere incrementi e quindi è iniziato
    il tormentone stucchevole in aste e fiere.

    L'élite però ne è uscita prima

    Quelli esigono una sorte di esclusiva e non certo di massa, indipendentemente dal "valore"
    Così però Alessandro li fai passare come Early Adopters (categoria che si applica nell’ambito tecnologico a quelli per intenderci che non dormono la notte per avere il nuovo melafonino e ne conoscono vita morte e miracoli quasi più degli sviluppatori), ma che si liberano dell’oggetto del desiderio appena arriva il nuovo e il vecchio l’hanno già tutti... vedo un’atteggiamento molto snob più che da élite culturale.
    Ultima modifica di eelle25; 08-01-20 alle 21:19

  9. #59
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    28,936
    Mentioned
    166 Post(s)
    Quoted
    6276 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    vabbè,

    riporto le parole di un certo Gian Enzo Sperone:

    «Il faut cultiver notre jardin» (Candide, Voltaire): A questo punto della mia vita, il superfluo ha la stessa importanza dell’essenziale.

    buona serata a tutti

  10. #60
    L'avatar di Loryred
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    4,274
    Mentioned
    80 Post(s)
    Quoted
    2230 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    I livelli sono molto diversi, se si parla di élite "economiche" non necessariamente si acquista con consapevolezza, può essere anche per puro sfizio perchè si prescinde dal risultato e può diventare solo ostentazione vedi i "rich kids". Le élite "culturali" sono spesso autoreferenti e proiettate su se stesse, controcorrente a tutti i costi come evidenziava Antipole.

    L'Acci-style mi pare un modello di collezionismo attento ed oculato, selettivo e professionale, direi l'arte come "secondo lavoro" fatto con metodo e costanza, acquisti ragionati senza nulla concedere alle emozioni.

    Mi scopro a pensarla sempre più spesso come Black... forse si è convertito sulla via di Spalletti mollando il trash più spinto... non troppo eh! Anche per me si tratta di combinare la ragionevolezza delle scelte con l'idealismo, pesare anche l'investimento non significa essere un ragioniere o non essere appassionato d'arte.

    Che molto giochi la credibilità del collezionista sono convinta da sempre, per un do ut des, il gallerista può contare su nuclei di opere di livello per future mostre e il collezionista guadagna pubblicazioni e perchè credo che in un ambiente tanto ristretto curriculum e contatti abbiano un peso notevole. Se lo studio è solo una componente ed è alla portata di tutti, quello che fa la differenza sono proprio le relazioni di alto livello e quelle informazioni in anteprima che può carpire solo chi ha contatti privilegiati ed è vicino agli addetti ai lavori.

    P.S. Black guarda che Acci queste cose le ha sempre scritte!
    Ultima modifica di Loryred; 08-01-20 alle 21:34

Accedi