Televendite V+I - Pagina 183
Immobiliare: prospettive su prezzi per il secondo semestre, cambiano anche le preferenze
Il mercato immobiliare paga dazio davanti alla crisi Covid con la pandemia che ha provocato un vero e proprio stop del mattone fino a metà maggio. La ripartenza adesso parte …
Un mercato ideale per l?azzardo morale, i market mover dell’estate con 3 grandi insidie sotto l’ombrellone
Anno bisesto, anno funesto recita un antico adagio popolare. E in effetti dal 2008 in poi, ogni 4 anni è successo sempre qualche evento raro ed imprevedibile che ha inciso …
Crollo Atlantia non ferma Piazza Affari. Leonardo, TIM ed ENI trainano il Ftse Mib oltre 20mila
Incipit di ottava con ottimismo predominante sui mercati. Il Ftse Mib ha chiuso a 20.003 punti, in rialzo dell’1,19%, in linea con il balzo del DAX nonostante il freno rappresentato …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1821

    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    2,511
    Mentioned
    33 Post(s)
    Quoted
    366 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da Axelart Visualizza Messaggio
    Secondo me il fatto che il tale dipinto di Giorgio De Chirico sia proposto in una televendita piuttosto che in una galleria non cambia un granchè. Rimane sempre un dipinto di Giorgio De Chirico della serie dei gladiatori ed ha anche una buona datazione.
    Che poi piaccia o meno è puro gusto personale. Come è già stato ricordato un grande dipinto dei gladiatori è al museo del Novecento. Ricordo un grande dipinto dei gladiatori anche nella collezione Boschi Di Stefano a Milano. Ne è passato tempo fa anche uno in asta da Phillips (visibile al link: Giorgio de Chirico - Gladiateurs au Repos, 1928-29 | Phillips).
    Vorrei ricordare che tanti ma tanti anni fa un altro Giorgio De Chirico, un bel grande dipinto fine anni venti, non erano gladiatori però, passò sempre in una televendita (se non ricordo male lo presentava proprio Boni), successivamente una galleria d'arte, pubblicò mi pare anche l'opera in qualche rivista d'arte, e tale dipinto è stato esposto in tante mostre museali.
    Ma quello venduto da Phillips è di un’altro pianeta nulla a che fare con quello che tentano di vendere gli Orler che pare senza profondità e con dei colori scialbi....

  2. #1822
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    8,980
    Blog Entries
    15
    Mentioned
    133 Post(s)
    Quoted
    3917 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Perdonatemi, ma io vedo che qui si parla di un'opera giudicandola in base ad un contesto, tra l'altro con una visione sempre preconcetta del medesimo contesto.

    Personalmente la mia opinione è la medesima sia che l'opera sia da Sotheby's o Christie's o MeetingArt o Orler o Tornabuoni: è un'opera museale di de Chirico del 1929, di uno dei suoi soggetti più noti e rappresentativi.

    Davanti ad un capolavoro di questa rarità ed importanza, mi sarei aspettato sinceramente un "caspita avete visto cosa sono riusciti a proporre in televendita"?

    Ma la cosa che maggiormente mi stupisce è che in molti - secondo me in buona parte per questo preceoncetto - non sono nemmeno entrati in un ragionamento comparativo in termini di qualità.

    E' chiaro che l'opera da Phillips è più importante, ma parliamo di un'opera di due metri, piena di figure eccetera, ma è un'opera da 4 milioni di dollari che può essere messa in una sala principale del MOMA.
    Questa è un'opera di formato contenuto, ma in termini di qualità, siamo esattamente ai medesimi livelli.
    Tra l'altro per me i volti dell'opera da Orler anche in paragone a quella di Phillips ( e del già citato dipinto del Museo del Novecento a Milano), sono addirittura più belli.
    I volti di questi personaggi sono in ogni caso sempre tendenti al grottesco e alla maschera, e sono volutamente spersonalizzati, basta vedere tutte le opere di questo ciclo per vedere che è una delle caratteristiche ricorrenti.
    I Gladiatori sono questi e sono fatti così. Quelli belli.

    Ora ho scritto tutto quello che penso e non interverrò più su quest'opera, che per me è una delle più belle ed importanti che personalmente ho visto sul mercato da anni, e che è esattamente il massimo in termini di qualità che si possa avere di de Chirico in questo soggetto.
    Si può trovare in formato maggiore e a figura intera? Magari ogni tot anni ne esce una e chi ha 4 milioni da spendere beato lui.
    Ma trovare sul mercato un'opera di questo genere, soggetto e importanza è una rarità assoluta. E sinceramente, beato chi se l'è portata a casa.

    Poi, se non piacciono i Gladiatori, o li si vuole più grandi o si preferisce una Piazza del 1916 o del 1960, o non piace de Chirico, ova benissimo.

    Ma una volta tanto, quando passa in una televendita un'opera a cui si possano accostare i termini "capolavoro" e "museale", niente, inveci di essere stupefatti si riesce a criticare pure quella, perchè, nonostante la partecipazione a due mostre museali "eh, è in una televendita, fosse stato davvero un capolavoro sarebbe stato altrove". Vabbè.

    PS. ma voi che cosa avete a casa, Les Demoiselles d'Avignon? Beati voi...

  3. #1823

    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    2,511
    Mentioned
    33 Post(s)
    Quoted
    366 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Quando si discute della bellezza o meno di un opera se permettete è sempre un discorso di lana caprina, della serie “non è bello ciò che è bello, ma che bello che bello che bello” per cui tutti i punti di vista sono accettabili così come parlare dell’importanza o meno di un’opera: sono tutti discorsi soggettivi ed ognuno può sostenere liberamente ciò che pensa ma nessuno può dire di avere ragione nel merito, proprio perché si tratta di argomenti estremamente soggettivi e non bastano due esposizioni in due musei a dare ad un’opera il lustro che vorremmo far credere, perché tutti sappiamo che il mondo è pieno di musei da quelli di piccoli paesi fino al Louvre ed i quali sono tutti pieni di opere da brutte a bellissime, da false ad autentiche e quindi ce ne per tutti i gusti per cui sicuramente essere esposti in un museo non definisce in automatico quell’opera come un capolavoro...

  4. #1824
    L'avatar di smw85
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    1,823
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    750 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da Klee Visualizza Messaggio
    Perche ' un ' opera del genere , se e ' tanto importante ... va a finire in due televendite ? Seppur Orler abbia avuto anche pezzi molto costosi e validi di diversi artisti , il passaggio da Boni a Orler dovrebbe far riflettere , forse il proprietario deve venderlo al più presto ; ma perché non metterlo in asta ?
    Chi parla di capolavoro è evidente che non ha mai aperto un catalogo su GdC o visto una sua mostra. La differenza tra il quadro passato da phillips e quello di orler è abissale.
    Non a caso uno ha fatto 4 milioni in asta internazionale e l'altro passa tra le televendite italiane. A @Biagio.tv suggerisco bonariamente di non fare sermoni anche su artisti di cui ha una scarsa conoscenza...abbi un pò di pietà per le orecchie di chi magari di GdC ne sa un pò più di te. Valuti i quadri di GdC a numero di figure rappresentate? Spero tu stia scherzando. Te la faccio semplice, nel quadro di orler manca la componente metafisica che in quello di phillips e nell'altro che hai postato è ben presente...di qui scaturisce una valutazione ed un interesse del mercato completamente differente. Dai su, parliamo d'altro...

  5. #1825

    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    2,603
    Mentioned
    103 Post(s)
    Quoted
    1114 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da arteok Visualizza Messaggio
    Quando si discute della bellezza o meno di un opera se permettete è sempre un discorso di lana caprina, della serie “non è bello ciò che è bello, ma che bello che bello che bello” per cui tutti i punti di vista sono accettabili così come parlare dell’importanza o meno di un’opera: sono tutti discorsi soggettivi ed ognuno può sostenere liberamente ciò che pensa ma nessuno può dire di avere ragione nel merito, proprio perché si tratta di argomenti estremamente soggettivi e non bastano due esposizioni in due musei a dare ad un’opera il lustro che vorremmo far credere, perché tutti sappiamo che il mondo è pieno di musei da quelli di piccoli paesi fino al Louvre ed i quali sono tutti pieni di opere da brutte a bellissime, da false ad autentiche e quindi ce ne per tutti i gusti per cui sicuramente essere esposti in un museo non definisce in automatico quell’opera come un capolavoro...

    Sono assolutamente d'accordo con te, per stabilire se un'opera è un capolavoro o meno va equiparata alle opere più belle di quel ciclo che l'Artista ha realizzato, a mio giudizio la differenza tra questa opera ed i veri capolavori di quel genere è notevole. Questi lavori per me sono notevoli quando rappresentano una visione più maestosa e completa di una lotta, quando gli strumenti di battaglia sembrano muoversi come gli stessi gladiatori, in questa opera sono statici e l'unico elemento ben visibile sembra essere un punteruolo che un gladiatore appoggia sul capo dell'altro. Opera proprio normale come composizione, infatti non hanno avuto il coraggio nemmeno di metterla all'incanto….

  6. #1826
    L'avatar di arte povera
    Data Registrazione
    May 2014
    Messaggi
    1,936
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    575 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    cerco di evitare quando possibile le disquisizioni da forum, ad ogni buon conto di ogni artista bisogna sempre avere la prontezza di un certo numero significativo di opere, per farsi poi successivamente un'idea....

  7. #1827
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    8,980
    Blog Entries
    15
    Mentioned
    133 Post(s)
    Quoted
    3917 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da smw85 Visualizza Messaggio
    Chi parla di capolavoro è evidente che non ha mai aperto un catalogo su GdC o visto una sua mostra. La differenza tra il quadro passato da phillips e quello di orler è abissale.
    Non a caso uno ha fatto 4 milioni in asta internazionale e l'altro passa tra le televendite italiane. A @Biagio.tv suggerisco bonariamente di non fare sermoni anche su artisti di cui ha una scarsa conoscenza...abbi un pò di pietà per le orecchie di chi magari di GdC ne sa un pò più di te. Valuti i quadri di GdC a numero di figure rappresentate? Spero tu stia scherzando. Te la faccio semplice, nel quadro di orler manca la componente metafisica che in quello di phillips e nell'altro che hai postato è ben presente...di qui scaturisce una valutazione ed un interesse del mercato completamente differente. Dai su, parliamo d'altro...
    Scusa smw85, lasciamo stare il fatto che io non ho valutato l'importanza in base al numero di figure ma semplicemente evidenziato alcune differenze palesi.
    Lasciamo stare che continui a giudicare un'opera non per quella che è ma perchè è in TV piuttosto che da Phillips: come se un'opera cambi di importanza in base al luogo dove viene esposta.
    Lasciamo stare anche il fatto che non si sa bene in base a cosa tu basi pensi di conoscere de Chirico meglio di me... e stenderei un velo pietoso su espressioni tipo "è evidente che non ha mai aperto un catalogo su GdC ", perchè potrei allora dire che questo si addice a te, ma sarebbe veramente portare il confronto su livelli...
    Idem per "sermone", "pietà per le orecchie". Ma dico, un cofronto normale ed educato non è possibile? Ma che modo è?
    In ogni caso, lasciamo stare tutto questo.

    Io non sono nessuno, e neppure tu sei nessuno, come nessuno sono i partecipanti al forum rispetto a de Chirico, non avendo nessuno qui dentro curato una retrospettiva nè scritto delle pubblicazioni sull'artista.
    Quel quadro di de Chirico è stato scelto per due delle più importanti mostre, ossia Palazzo Forti a Verona e Palazzo Reale a Milano.
    Mostre curate da Luca Massimo Barbero in collaborazione con Fondazione Giorgio e Isa de Chirico.


    Quella è la linea di demarcazione. Tutto il resto è materia di gusti personali, di conoscenza di un autore o di ignoranza, di supponenza, di preconcetti, e chiacchiere da forum.

    Il fatto OGGETTIVO - non le opinioni di "Biagio" o di "Smw" - è che quell'opera sia stata selezionata per due esposizioni di massimo livello.
    Quindi il CURATORE e la FONDAZIONE DE CHIRICO, hanno ritenuto quell'opera meritoria di essere inserita in quelle mostre.

    Qualche quadruccio l'avranno visto e qualche libercolo lo avranno sfogliato e l'artista l'avranno leggermente studiato ehhh

    Ora, forse un po' di modestia ogni tanto non guasterebbe. Altro che "non ha mai aperto un catalogo su GdC o visto una sua mostra"...: Luca Massimo Barbero e Fondazione de Chirico.
    Che dici, avranno qualche leggerissima maggiore competenza rispetto a te, a me o a chiunque altro qui sul forum?

    Cmq a ognuno le sue opinioni.
    Certo che se uno pensa di conoscere de Chirico non meglio di chi ne cura le mostre... ecco questo si che è metafisico.

  8. #1828
    L'avatar di smw85
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    1,823
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    750 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    biagio entrambi siamo nessuno però da quello che scrivi è evidente che tu abbia una conoscenza lacunosa di GdC e del suo mercato...non offenderti perchè è la stessa cosa che dici tu agli altri quando si parla di boetti o christo. Scrivere un papiro un pò vuoto se non per rimandi a cataloghi o mostre non avvalora la tua tesi perchè il criterio di scelta dei quadri per una mostra non è per forza la qualità assoluta. Qui nessuno dice che l'opera è brutta e mai lo dirò. E' un'opera tipica di un buon periodo e ciclo ma non è un capolavoro. Tu sostieni a spada tratta e nel torto che sia un capolavoro...non è un capolavoro, te ne dovrai fare una ragione e lo potrai fare solo studiando l'artista.

  9. #1829
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    8,980
    Blog Entries
    15
    Mentioned
    133 Post(s)
    Quoted
    3917 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da smw85 Visualizza Messaggio
    biagio entrambi siamo nessuno però da quello che scrivi è evidente che tu abbia una conoscenza lacunosa di GdC e del suo mercato...non offenderti perchè è la stessa cosa che dici tu agli altri quando si parla di boetti o christo. Scrivere un papiro un pò vuoto se non per rimandi a cataloghi o mostre non avvalora la tua tesi perchè il criterio di scelta dei quadri per una mostra non è per forza la qualità assoluta. Qui nessuno dice che l'opera è brutta e mai lo dirò. E' un'opera tipica di un buon periodo e ciclo ma non è un capolavoro. Tu sostieni a spada tratta e nel torto che sia un capolavoro...non è un capolavoro, te ne dovrai fare una ragione e lo potrai fare solo studiando l'artista.
    Mah, sai, con questo tipo di argomentiazioni, io potrei ribattere allo stesso modo dicendo pari pari "quando avrai studiato de Chirico capirai che è un capolavoro e te ne dovrai fare una ragione".

    Io sono convinto, e lo ribadisco con convinzione, che quello sia un Capolavoro di de Chirico. Lo avrei detto vedendolo al MOMA, da Orler o in una soffitta. Non lo scrivo certo per "far bella" una televendita. Ma per opposto rilevo che sia una occasione del tutto eccezionale poter vedere un'opera di quel livello presentata in TV, rispetto a quelli che invece non battono ciglio, come fosse normale vedere in TV un De Chirico del 1929.
    Fosse stato pure orribile sarebbe stato degno di menzione. Il fatto che invece fosse un'opera museale evidentemente per tanti è come acqua fresca.
    Evidentemente avete tutti degli standard tipo MOMA a casa... beati voi!

    Il mio giudizio su quest'opera è perfettamente allineato con quello di Luca Massimo Barbero e dalla Fondazione de Chirico.
    Non è certo il mio giudizio cha vale, quello loro direi invece proprio di si.

    Poi, se a te non bastano due mostre di importanza museale curate da Barbero e dalla Fondazione de Chirico, per confermare la qualità di un'opera, e la sua importanza, che ti devo dire: visto che tu pensi di essere l'esperto, il Petronius Arbiter dei capolavori di de Chirico, aspetto che sia tu a curare la prossima mostra di de Chirico!

  10. #1830
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    6,077
    Mentioned
    278 Post(s)
    Quoted
    2805 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    smw85 devi studiare, devi raggiungere l'apice, devi fartene una ragione.

Accedi