opere da major o da museo?
Dna bond centrico dell’Italia anche negli ETF. Tutti i numeri record del 2019
Ennesimo anno di forte crescita per l’ETFplus con nuovo record di strumenti quotati in un singolo anno. Il mercato di Borsa Italiana dedicato a ETF, ETC ed ETN chiude il …
Poste Italiane: per analisti il modello diversificato è solido pilastro per crescita futura e dividendi più generosi
Il modello di business diversificato di Poste Italiane consente al gruppo di adattarsi efficacemente alle mutevoli condizioni di mercato, fornire buoni risultati e offrire una politica dei dividendi remunerativa. Gli …
Elezioni Emilia Romagna, fattore Borgonzoni davvero capace di mandare a casa il governo?
Lo tsunami Lucia Borgonzoni ci sarà davvero? Davvero una eventuale vittoria della candidata della Lega di Matteo Salvini potrebbe innescare una crisi di governo? Gli analisti di Barclays presentano due …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    28,413
    Mentioned
    161 Post(s)
    Quoted
    6013 Post(s)
    Potenza rep
    42949683

    opere da major o da museo?

    Da una discussione di ieri con un amico collezionista.

    Io trovo maggior soddisfazione ad avere qualche artista che sta nei musei e in tanti libri di arte contemporanea che non un artista gettonato da sothebys e christies.

    Non è più bello sapere che artisti come Robert Barry tiene un CV da 20 pagine, Dennis Oppenheim ha opere sparse ovunque, quali il Metropolitan Museum, la Tate Modern, il Centre Pompidou, il Museo Reina Sofia…. Dan Graham ha un curriculum fittissimo, ha partecipato a numerose Biennali di Venezia (1976, 2003, 2004, 2005), alle Documenta V, VI, VII, IX, IX e X di Kassel (1972, 1977, 1982, 1992 e 1997), e allo Skulptur Projekte di Münster (1987, 1997).
    (premetto che non sono artisti che colleziono, eh?;))

    e poi nelle aste non li cagano nemmeno.
    E Voi?

    Ne volete aggiungerne Voi e non lasciarmi solo a doverne elencare altri?

    Alle volte mi chiedo se sono più tanti quelli che hanno storia alle spalle immensa che non quelli gettonati dalle aste cool a suon di champagnini
    ... alla fine sono i soliti 20 nomi, che gira e rigira fanno del mercato una grande trottola o una divertente lotteria.

    Qui mi dicono che “osservare l’arte fa bene tanto a pazienti psichiatrici quanto afflitti da malattie fisiche.”

    L'arte fa bene alla salute: i medici possono prescrivere visite al museo. | Artuu

    ma il mercato mi fa soltanto incaZZZZare.

    Vi saluto con una foto del mitico Harald Szeemann
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate opere da major o da museo?-r812713_2011_m_30_b069_f016_001_2000x2000-1-808x1024.jpg  

  2. #2

    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    422
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    144 Post(s)
    Potenza rep
    14695052
    Bel tema di discussione.

    La premessa è che essere nei musei (da vedere poi come ci si arriva..hehe) non significa avere un mercato forte e quotazioni elevate. Lo stesso dicasi per CV brillanti e ricchi di mostre importanti.
    Se vogliamo sono condizioni necessarie ma non sufficienti per costare tanto sul mercato.
    Il contesto socio culturale attuale esige le seguenti condizioni aggiuntive, imprescindibili:
    - avere uno stile riconoscibile anche al variare dei periodi o ciclo di produzione (esempio Lichtenstein, Buffet, Rainer).
    - avere un'estetica ed un linguaggio almeno all'apparenza di facile comprensione e con almeno un pizzico di piacioneria (esempio ricami di Boetti e la pop americana in genere).
    - aver prodotto un numero di opere sufficienti per sostenere il mercato nel lungo periodo (esempio Warhol, lo stesso Boetti).
    - essere disponibili, nel caso di artisti passati a miglior vita i relativi archivi, ad assecondare le logiche e le regole del mercato incarnato da certe gallerie (esempio Gagosian o Zwirner) senza troppi se o troppi ma.
    - mercato pulito o comunque certificato da qualche autorità (critici, esperti, gallerie) od archivio autorevole (tipo Paolini).

  3. #3
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    4,322
    Mentioned
    131 Post(s)
    Quoted
    898 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Posto un out-sider vero...
    Le sue opere sono quasi tutte esposte all'aperto...
    Ciao!!

    Ha lavorato come agricoltore lavorando fuori Leeds dall'età di tredici anni e ha fatto la sua prima costruzione alla fine degli anni '70. Ha lavorato negli ultimi venticinque anni, creando sculture, pietre, neve, ghiaccio, canna, foglie, fiori, sabbia e fango.

    Le sculture permanenti di Goldsworthy negli Stati Uniti includono Storm King Wall, 1997-98, presso lo Storm King Art Center (Mountainville, New York); Stone River, 2001, Stanford University (Stanford, CA); Three Cairns, 2001-2, al San Diego Museum of Contemporary Art, al Des Moines Art Center e al Neuberger Museum of Art (Acquisto, New York); e Garden of Stones, 2003, presso il Museum of Jewish Heritage (New York, NY).

    Goldsworthy ha prodotto numerose opere e commissioni site specific negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Francia e in Asia; ha tenuto mostre personali nei musei di Stati Uniti, Europa, Canada e Giappone; e il soggetto di un film documentario, Rivers and Tides: Andy Goldsworthy Working with Time, uscito nel 2001.

    Registrare le opere effimere nelle fotografie è una parte importante del processo di Goldsworthy. Harry N. Abrams, Inc.; Andy Goldsworthy Sculpture, 1976-1990 (1990), Andy Goldsworthy: A Collaboration with Nature (1990), Stone / Andy Goldsworthy (1994), Wood / Andy Goldsworthy (1996), Wall (2000), e Time (2000).

    https://www.metmuseum.org/exhibition...dy-goldsworthy

    https://www.metmuseum.org/exhibition.../photo-gallery

    opere da major o da museo?-a7c510510197409dba369f4f0c469eac06jpg.jpg

  4. #4
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    28,413
    Mentioned
    161 Post(s)
    Quoted
    6013 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da toni77 Visualizza Messaggio
    B
    - essere disponibili, nel caso di artisti passati a miglior vita i relativi archivi, ad assecondare le logiche e le regole del mercato incarnato da certe gallerie (esempio Gagosian o Zwirner) senza troppi se o troppi ma.
    Ottimo,

    allora con mio immenso piacere dimentichiamoci che Prini entri nel mondo dei balocchi natalizi di Soth's e Christieeeees
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate opere da major o da museo?-77412808_10218980009244369_3833797312895778816_o.jpg  

  5. #5
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    28,413
    Mentioned
    161 Post(s)
    Quoted
    6013 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    sotto la sede Soth's
    mi riconoscete in prima fila?

    Immagini Allegate Immagini Allegate opere da major o da museo?-79199439_10221922230107136_7981101812193165312_n.jpg 

  6. #6

    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    422
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    144 Post(s)
    Potenza rep
    14695052
    Citazione Originariamente Scritto da alessandro celli Visualizza Messaggio
    sotto la sede soth's
    mi riconoscete in prima fila?


  7. #7

    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    422
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    144 Post(s)
    Potenza rep
    14695052
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    Ottimo,

    allora con mio immenso piacere dimentichiamoci che Prini entri nel mondo dei balocchi natalizi di Soth's e Christieeeees
    Suvvia dai, ogni punto dei 5 elencati non soddisfatto implica uno zero in meno nelle quotazioni

  8. #8
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    28,413
    Mentioned
    161 Post(s)
    Quoted
    6013 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    mah

    Anche gli investitori amano l’arte?
    Immagini Allegate Immagini Allegate opere da major o da museo?-78480780_947262909001182_8343562816791248896_n.jpg 

  9. #9

    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    2,002
    Mentioned
    89 Post(s)
    Quoted
    896 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Questi grandi Artisti dimenticati dal mercato rappresentano certamente delle opportunità se acquistati al loro reale prezzo, si possono acquisire opere storiche a cifre ridicole con rischio minimo. Oppenheim ha innumerevoli opere anche al Moma….

  10. #10
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    7,902
    Mentioned
    110 Post(s)
    Quoted
    3389 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Domanda (retorica), ma gli artisti che passano in asta dalla Major - parlo dei classici, non delle new entries - non sono forse anche presenti nei musei?

    Quindi ci sono tantissime "opere da major E da museo" (più che opere sarebbe meglio parlare di artisti, perchè "opera da museo" mi pare un filino un tiro altino rispetto alle nostre ambizioni collezionistiche.
    Parlo almeno per me

    Poi ci sono tanti artisti che passano poco in asta ma che hanno un loro percorso storico-artistico di grande rilievo. Ma se non passano dalla major che vuol dire?
    Le case d'asta sono banalmente un luogo dove comperare, non è che se un artista c'è o non c'è cambia qualcosa...

Accedi