Mario Schifano VII - Pagina 3
Grecia, New York o Maldive: quanto accantonare ogni mese per la vacanza dei sogni e quanto si risparmia investendo tali somme
Tento di vacanze per milioni di italiani chiamati a scontrarsi con il problema budget. Le ferie estive, qualunque sia la meta, rappresentano probabilmente la spesa extra più importante ogni anno. …
Piazza Affari archivia luglio con una giornata no, balzo PIL non basta. Debacle di Enel e Saipem dopo i conti
Finale di ottava sottotono per Piazza Affari in una giornata cadenzata dal newsflow legato ai conti trimestrali e al riaccendersi della miccia M&A tra le banche con l’avvio dei colloqui …
L’Italia di Draghi corre il doppio del previsto, PIL fa nettamente meglio di Germania e Francia. Rischio frenata in mesi autunnali con variante delta
Sorpresa positiva dal Pil dell'Italia che nel secondo trimestre ha accelerato più del previsto, dando un segnale incoraggiante riguardo la ripresa economica in atto dopo un inizio 2021 in lieve …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21
    L'avatar di Kiappo
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    6,185
    Mentioned
    208 Post(s)
    Quoted
    2107 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Penso che il mercato di Schifano sia un pò "schizofrenico" per i motivi che sono stati più volte qui illustrati, e legati alla sua personalita'. Personalmente guarderei al SINGOLO quadro, cercando di capirne la qualità e anche l'aspetto documentale ... i record price, per un Artista come lui penso siano molto relativi. Buona giornata.

  2. #22
    L'avatar di Klee
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    2,978
    Mentioned
    74 Post(s)
    Quoted
    617 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Kiappo Visualizza Messaggio
    Penso che il mercato di Schifano sia un pò "schizofrenico" per i motivi che sono stati più volte qui illustrati, e legati alla sua personalita'. Personalmente guarderei al SINGOLO quadro, cercando di capirne la qualità e anche l'aspetto documentale ... i record price, per un Artista come lui penso siano molto relativi. Buona giornata.
    Certo Kiappo , sulla qualità e importanza delle singole opere non si discute . Ritengo però che il mercato sia conseguente , nel caso di Mario Schifano , dell ' interesse che si va allargandosi a livello internazionale per il peso specifico dell ' Artista , inquadrandolo in un periodo temporale come figura rappresentativa di primissimo piano .
    Ultima modifica di Klee; 23-10-19 alle 10:48

  3. #23
    L'avatar di Kiappo
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    6,185
    Mentioned
    208 Post(s)
    Quoted
    2107 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Klee Visualizza Messaggio
    Certo Kiappo , sulla qualità e importanza delle singole opere non si discute . Ritengo però che il mercato sia conseguente , nel caso di Mario Schifano , dell ' interesse che si va allargandosi a livello internazionale per il peso specifico dell ' Artista , inquadrandolo in un periodo temporale come figura rappresentativa di primissimo piano . Concettualmente avanti con i suoi Monocromi anni '60 , capace di rinnovarsi sempre attraverso cicli pittorici di grande fascino e per cultura collegato come pochi al proprio tempo . 😉
    Certo...Hai espresso il concetto meglio di me. Ciao

  4. #24
    L'avatar di Klee
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    2,978
    Mentioned
    74 Post(s)
    Quoted
    617 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Kiappo Visualizza Messaggio
    Certo...Hai espresso il concetto meglio di me. Ciao
    Hai risposto prima che modificassi il mio post ... un po' ripetitivo in origine ma scrivevo di fretta in una breve pausa caffè 😉

  5. #25

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    186
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    135 Post(s)
    Potenza rep
    10862372
    Citazione Originariamente Scritto da arte povera Visualizza Messaggio
    non esiste un mercato inferiore o superiore riferito agli artisti, esiste un mercato che prescinde dalla bravura e storia, poi quando c'è bravura e storia, allora le gallerie più blasonate e serie iniziano ad operare, e comunque le leggi del mercato sono assai più complesse di quanto su un forum di disquisizioni si possa commentare.
    Gli analitici è probabile che troveranno il loro momento, dipende non dalla qualità degli artisti, ma da quante opere è possibile recuperare per far mercato (ad esempio) ma da tanti altri parametri...
    Per quanto Schifano ci sono delle regole nel mondo del mercato e delle aste, quando con una successione di tre battute consecutive (magari anche a distanza di 6 mesi ed in piazze diverse) si susseguono dei record uno diverso dal'altro, nel gergo del mercato e degli operatori significa che è iniziata un'operazione di mercato per l'appunto.
    La mia domanda è
    A questo punto del mercato di Schifano , bisognerebbe comprare o vendere?

  6. #26
    L'avatar di Marione_
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    2,536
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    1082 Post(s)
    Potenza rep
    42678873
    Citazione Originariamente Scritto da Oliosutela Visualizza Messaggio
    La mia domanda è
    A questo punto del mercato di Schifano , bisognerebbe comprare o vendere?
    se si ha un monocromo pagato poco 20 anni fa, si può venderlo a H&W...

    se interessa l'Artista c'è ancora il tempo per comprare le opere di qualità ancora "comprabili" come prezzo (rispetto alle centinaia di k delle tele anni 60 belle), che non sono le cartine di scarsa qualità degli anni 60 (una carta bella dei primi anni 60 di dimensione e con provenienza costa comunque svariate decine di k, io ne avevo visto una che mi piaceva da Marconi 20 anni fa e non era megagalattica e voleva 20 milioni di lire e non la vendeva..le opere belle comunque costano...) ma opere di dimensione e qualità ma più recenti ('80 e inizio '90), sapendo che comunque ormai ci vogliono denari per le opere belle


    le opere di dimensione e qualità fatte per il mercato (numerose e più facili da trovare) sono un altro segmento , che non può dare le soddisfazioni delle opere fatte da Mario "con anima"

    se si studia l'Artista e si entra in sintonia si può ancora scegliere...tra 5-10 anni secondo me certe opere di grande qualità e dimensione anche recenti non saranno più acquistabili...lo si vede dal trend dei prezzi in galleria... 5 anni fa l'albero di Tornabuoni a 180k che aveva a Verona era impensabile proporlo...lasciamo stare che quello è il limite superiore del range per quel quadro (e in asta si potrebbe trovare a meno) ma quando si analizza il prezzo di un'opera vanno confrontati dati omogenei: per quel quadro il limite superiore del range 5 anni fa in una galleria blasonata era intorno ai 100k...

    sta tutto shiftando in su...per le opere certe e di qualità ottima/buona e il trend ha una certa pendenza; mentre per le opere fatte per il mercato la curva ha pendenza molto inferiore...

    per quello, come per tutti gli artisti ma in particolare per quelli che hanno prodotto molto e con grande escursione di temi e di qualità, è meglio avere un'opera del segmento alto che 3-4-5 opere del segmento medio/basso: perchè si investe la stessa cifra ma la si posiziona su 2 curve a pendenza diversa...



    ma non volevo parlare di quotazioni... volevo parlare di arte e dire: forza Mario!!!! finalmente il mondo ti guarda...!!! (perchè il mondo del mercato condiziona il giudizio sull'artista visto che spesso si inverte il nesso causa effetto tra valore e prezzo... e quindi oggi "il mondo ti guarda" vuol dire gli operatori non solo culturali ma anche "commerciali" del mondo ti considerano) un po' in ritardo anche per scelta tua, ritroso e schivo e al tempo stesso sfrontato; mi collego alla osservazione di @franzberlin (che saluto!! ) che diceva in blu "Tradotto
    Mario non rispettò il contratto con la Sonnabend e si fece tagliare fuori dal giro che conta. Il pensiero di chi ci mette i soldi è semplice: meglio lavorare con gente meno talentuosa ma più seria, puntuale e che da più garanzie che il solito (italiano) che si crede più furbo e non rispetta gli impegni presi."



    sicuramente Mario era genio e sregolatezza e ciò rendeva complesso e dinamico il lavoro del gallerista... (per info citofonare es. Marconi...) ma con la Sonnabend credo sia stata più una questione di libertà artistica ed espressiva (non poteva accettare di fare monocromi per 10-20 anni, impensabile...Mario non era pittore/ragioniere...) e di orgoglio, forse anche un po' provinciale ed ideologico, nel rivendicare la non sudditanza con gli americani; tradotto: un grande e "folle" gesto di libertà

    qualcuno qualche anno dopo avrebbe detto "Stay hungry. Stay foolish", Mario lo era, forse troppo...

    grande Mario! avrei voluto conoscerti, ma in realtà un po' ti ho conosciuto...vedendo le tue opere, leggendo i tuoi scritti e la tua vita e parlando con chi ti ha conosciuto
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Mario Schifano VII-leptis-magna.jpg  

  7. #27

    Data Registrazione
    Jun 2019
    Messaggi
    518
    Mentioned
    24 Post(s)
    Quoted
    197 Post(s)
    Potenza rep
    21660956
    Citazione Originariamente Scritto da Marione_ Visualizza Messaggio
    se si ha un monocromo pagato poco 20 anni fa, si può venderlo a H&W...

    se interessa l'Artista c'è ancora il tempo per comprare le opere di qualità ancora "comprabili" come prezzo (rispetto alle centinaia di k delle tele anni 60 belle), che non sono le cartine di scarsa qualità degli anni 60 (una carta bella dei primi anni 60 di dimensione e con provenienza costa comunque svariate decine di k, io ne avevo visto una che mi piaceva da Marconi 20 anni fa e non era megagalattica e voleva 20 milioni di lire e non la vendeva..le opere belle comunque costano...) ma opere di dimensione e qualità ma più recenti ('80 e inizio '90), sapendo che comunque ormai ci vogliono denari per le opere belle


    le opere di dimensione e qualità fatte per il mercato (numerose e più facili da trovare) sono un altro segmento , che non può dare le soddisfazioni delle opere fatte da Mario "con anima"

    se si studia l'Artista e si entra in sintonia si può ancora scegliere...tra 5-10 anni secondo me certe opere di grande qualità e dimensione anche recenti non saranno più acquistabili...lo si vede dal trend dei prezzi in galleria... 5 anni fa l'albero di Tornabuoni a 180k che aveva a Verona era impensabile proporlo...lasciamo stare che quello è il limite superiore del range per quel quadro (e in asta si potrebbe trovare a meno) ma quando si analizza il prezzo di un'opera vanno confrontati dati omogenei: per quel quadro il limite superiore del range 5 anni fa in una galleria blasonata era intorno ai 100k...

    sta tutto shiftando in su...per le opere certe e di qualità ottima/buona e il trend ha una certa pendenza; mentre per le opere fatte per il mercato la curva ha pendenza molto inferiore...

    per quello, come per tutti gli artisti ma in particolare per quelli che hanno prodotto molto e con grande escursione di temi e di qualità, è meglio avere un'opera del segmento alto che 3-4-5 opere del segmento medio/basso: perchè si investe la stessa cifra ma la si posiziona su 2 curve a pendenza diversa...



    ma non volevo parlare di quotazioni... volevo parlare di arte e dire: forza Mario!!!! finalmente il mondo ti guarda...!!! (perchè il mondo del mercato condiziona il giudizio sull'artista visto che spesso si inverte il nesso causa effetto tra valore e prezzo... e quindi oggi "il mondo ti guarda" vuol dire gli operatori non solo culturali ma anche "commerciali" del mondo ti considerano) un po' in ritardo anche per scelta tua, ritroso e schivo e al tempo stesso sfrontato; mi collego alla osservazione di @franzberlin (che saluto!! ) che diceva in blu "Tradotto
    Mario non rispettò il contratto con la Sonnabend e si fece tagliare fuori dal giro che conta. Il pensiero di chi ci mette i soldi è semplice: meglio lavorare con gente meno talentuosa ma più seria, puntuale e che da più garanzie che il solito (italiano) che si crede più furbo e non rispetta gli impegni presi."



    sicuramente Mario era genio e sregolatezza e ciò rendeva complesso e dinamico il lavoro del gallerista... (per info citofonare es. Marconi...) ma con la Sonnabend credo sia stata più una questione di libertà artistica ed espressiva (non poteva accettare di fare monocromi per 10-20 anni, impensabile...Mario non era pittore/ragioniere...) e di orgoglio, forse anche un po' provinciale ed ideologico, nel rivendicare la non sudditanza con gli americani; tradotto: un grande e "folle" gesto di libertà

    qualcuno qualche anno dopo avrebbe detto "Stay hungry. Stay foolish", Mario lo era, forse troppo...

    grande Mario! avrei voluto conoscerti, ma in realtà un po' ti ho conosciuto...vedendo le tue opere, leggendo i tuoi scritti e la tua vita e parlando con chi ti ha conosciuto
    Grazie Marione ,i tuoi interventi arrivano sempre al momento giusto, so che finché ci saranno UOMINI come Te a scrivere qui sul fol Mario non ha niente da temere . Forza Mario sempre.

  8. #28
    L'avatar di arte povera
    Data Registrazione
    May 2014
    Messaggi
    2,087
    Mentioned
    34 Post(s)
    Quoted
    639 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Oliosutela Visualizza Messaggio
    La mia domanda è A questo punto del mercato di Schifano , bisognerebbe comprare o vendere?
    dal mio punto di vista il mercato ancora si sta formando, cioè i campanelli cosidetti d'allarme (i record d'asta che si sono susseguiti) significano che l'artista ancora dovrà salire, non è ancora esploso. I prezzi cioè salgono perché c'è interesse nell'acquisto, quando le grandi gallerie inizieranno a vendere allora a quel punto esploderanno i prezzi, se è vero come da documentario su Rai 5 che i nostri di Roma non son meno degli americani pop, il finale non sarà tanto diverso, o almeno c'è tanto margine di crescita ancora...

  9. #29
    L'avatar di Loryred
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    4,890
    Mentioned
    101 Post(s)
    Quoted
    2555 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    L'idea che anch'io mi sono fatta della "vicenda americana" coincide con quella di @marione, un mix di libertà ed irrequietezza e ad uno sfuggire alle briglie ed agli schem... sapevo di aver letto qcs a proposito che riporto almeno per completezza sul rapporto con Sonnabend/Castelli.

    Ma poi Schifano aveva avuto la sfrontatezza di non partecipare nemmeno all’inaugurazione della mostra dedicata a lui, Jasper Johns e Rauschemberg, e organizzata dalla stessa Sonnabend a Parigi nel 1963. Da quel momento crebbero per lui le difficoltà nel mercato internazionale, ma, come dice il suo amico, lo scrittore e filmmaker americano Anthony Foutz: “Era un uomo che voleva il mondo alle proprie condizioni. E ce l’ha quasi sempre fatta”.


    Ho chiesto lumi e voluto approfondire perchè rappresent un punto di snodo cruciale sia in termini di prospettive internazionali grazie all'ingresso nel mercato USA che per averne condizionato la percezione dai player come soggetto poco affidabile/gestibile.

    Ribadisco di essermi avvicinata a lui a partire dal FOL con curiosità di capire e mettere a fuoco una personalità complessa e contraddittoria, lo considero un innovatore e un visionario che ha anticipato tempi e mescolato linguaggi e proprio per questo elemento di originalità, riconoscibilità e grande sperimentazione merita un posto di primo piano e, nonostante i paragoni in genere non mi piacciano, una caratura a mio parere ben diversa dagli altri compagni di strada.

    Credo di essermi approcciata sempre a questo spazio con rispetto e curiosità ma osservo che qui i "diversamente schifaniani" sono sempre trattati come "corpo estraneo" quasi con insofferenza, altrimenti tirare fuori paragoni con l'Analitica non avrebbe alcun senso come utilizzare espressioni del tipo "finché ci saranno UOMINI come Te a scrivere qui sul fol Mario non ha niente da temere" come se fare qualche innocua considerazione, ma varrebbe lo stesso anche se fosse dissenso, potesse in qualche modo minare la credibilità o le prospettive di un grande artista. Poichè la tifoseria già nello sport non mi appartiene nell'arte dove non c'è una reale competizione dell'uno contro l'altro ma ognuno si gioca la propria partita la trovo addirittura demenziale, per questo d'ora in poi mi asterrò dall'intervenire in questo spazio "liberando il piatto" dando soddisfazione a più di qualcuno.

  10. #30
    L'avatar di Marione_
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    2,536
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    1082 Post(s)
    Potenza rep
    42678873
    ciao @Lory,

    sono di corsa...

    credo che in tanti ti riconoscano curiosità, acume , intelligenza, passione aggiunti a un po' di tipica "precisione" femminile...

    non credo di sbagliare se dico che "uomini" non era riferito in contrapposizione a donne e quindi potenzialmente a te...

    dai Giness se puoi chiarisci altrimenti poi sembra che gli schifaniani siano maleducati con le signore...e Mario non lo era...

    resta con noi Lory, sei onesta intellettualmente e quindi ovviamente puoi dire tutto quello che vuoi!!!!

    dal tread cerchiamo di tenere fuori solo i gli haters che criticano Mario per partito preso senza conoscere...

    un saluto, con stima

    PS: "Ma poi Schifano aveva avuto la sfrontatezza di non partecipare nemmeno all’inaugurazione della mostra dedicata a lui, Jasper Johns e Rauschemberg, e organizzata dalla stessa Sonnabend a Parigi nel 1963. " CVD...ciao!

Accedi