Toti Scialoja
Dividendi 2020 da record: ben 8 titoli del Ftse Mib con rendimenti oltre il 5%, banche al top
L’assaggio di dividendi arrivato a inizio settimana, con i ricchi acconti cedola staccati da Enel e Snam, ha acceso i riflettori sulle interessanti opportunità di rendimento offerte dai titoli di …
I tre scenari per lo spread dopo test Emilia. Ing: elezioni anticipate un bene per i Btp (nel lungo periodo)
Il conto alla rovescia in vista delle elezioni regionali in Emilia Romagna è ormai prossimo alla fine e lunedì mattina, risultati alla mano, i mercati daranno il loro giudizio. Una …
Piazza Affari raddrizza la settimana: +1,1% con chiusura sui massimi di sempre per Enel, Terna ed Hera
Colpo di reni a fine ottava per Piazza Affari che ritrova il sorriso dopo che le precedenti 4 sedute erano state avare di soddisfazioni complici principalmente i timori legati al …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    54
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    18 Post(s)
    Potenza rep
    1424433

    Toti Scialoja

    Credo che Toti Scialoja meriti un 3d dedicato, cosa ne pensate?

    Abbandonato il pennello, l’artista imprime direttamente il colore sulla tela con fogli o stracci intrisi di pigmento alla maniera degli action painters statunitensi; tuttavia Scialoja sfugge all’automatismo assoluto di matrice surrealista, dei colleghi d’oltreoceano e riconduce la violenza anarchica del “gesto” all’interno della forma. Il gesto ribelle, infatti, trova un «freno» nella chiusura dell’“impronta”. A partire dal 1958 le “impronte” si moltiplicano sulla tela e si susseguono sulla superficie, con ritmo cadenzato.
    È proprio nell’ossessiva ricerca del ritmo – che in pittura significa riprodurre, attraverso la ripetizione dell’immagine stampata, l’assolutezza temporale dell’“evento” – che si riscontra una perfetta consonanza tra Scialoja pittore astrattista e Scialoja poeta, che negli anni Sessanta scrive molte delle sue poesie nonsensiche. Il ritmo, che sulla superficie della tela è ottenuto con la sequenza seriale delle “impronte” impresse secondo una precisa scansione temporale, è ricercato e ottenuto in poesia attraverso la sonorità martellante delle parole scomposte e anagrammate e il gioco insistito delle allitterazioni e delle rime. Il «metodo puramente linguistico automatico» che sorregge il gioco delle sillabe in poesia, corrisponde in pittura all’automatismo psichico delle “impronte" che si rincorrono e sfumano sulla tela. In entrambi i casi il dato naturalistico-referenziale è cancellato e si procede – con i colori così come con le parole – verso la creazione di una realtà altra, astratta, nonsensica, e dunque profondamente eversiva rispetto a quella data.
    Negli anni Settanta giungono i primi riconoscimenti autorevoli che “sdoganano” Scialoja poeta, ma sono anche gli anni più difficili per Scialoja pittore, segnati dalla ripresa dei moduli geometrici da tempo abbandonati e dal ritorno all’uso del pennello. Ma un viaggio a Madrid nel 1982 e la conseguente scoperta della forza espressiva della pittura di Goya inducono Scialoja a compiere la sua ultima, e definitiva, “metamorfosi”, da intendersi non come “strappo” rispetto alle esperienze passate, ma come naturale evoluzione e approfondimento delle precedenti “incarnazioni”. Nei dipinti della metà degli anni ’80 Toti ritrova, infatti, l’immediatezza e la spontaneità del “gesto” approdando definitivamente ad un espressionismo
    astratto in cui la superficie della tela (nuovamente di grandi dimensioni) viene “aggredita” fisicamente dalla mano, dal braccio del pittore, riempiendosi di macchie, di segni e colature di colore (secondo la tecnica del dripping). Le opere di Scialoja, ora, esprimono un’ansia di emancipazione totale da ogni forma di rappresentazione naturalistica, un desiderio di astrazione e di sintesi, un bisogno irrefrenabile di libertà espressiva che esploderà con ancora maggiore vitalismo nelle ultime tele degli anni ’90.

  2. #2
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    4,369
    Mentioned
    131 Post(s)
    Quoted
    903 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Aggiungo che è stato il maestro di Kounellis...
    Ciao!!

    Kounellis lascia la Grecia e si trasferisce a Roma per studiare presso l’Accademia di Belle Arti sotto la guida di Toti Scialoja (nelle immagini) al quale deve l’influenza dell’espressionismo astratto che insieme all’arte informale costituisce il binomio fondamentale dal quale prende le mosse il suo percorso creativo.

    Toti Scialoja |

    Toti Scialoja-toti-scialoja-1991.jpg

    Toti Scialoja-07-696x350.jpg

  3. #3
    L'avatar di Klee
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    2,630
    Mentioned
    44 Post(s)
    Quoted
    420 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Antipole Visualizza Messaggio
    Aggiungo che è stato il maestro di Kounellis...
    Ciao!!

    Kounellis lascia la Grecia e si trasferisce a Roma per studiare presso l’Accademia di Belle Arti sotto la guida di Toti Scialoja (nelle immagini) al quale deve l’influenza dell’espressionismo astratto che insieme all’arte informale costituisce il binomio fondamentale dal quale prende le mosse il suo percorso creativo.

    Toti Scialoja |

    Toti Scialoja-toti-scialoja-1991.jpg

    Toti Scialoja-07-696x350.jpg
    ..... azzarola , che quadro dietro l' artista ...👍👍

  4. #4

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    54
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    18 Post(s)
    Potenza rep
    1424433
    Un breve estratto di un' intervista per evidenziare anche lo spessore intellettuale di questo artista.

    La superficie è il ridursi delle illusioni. L'antica prospettiva illudeva sulla lontananza, ovvero sulla favola, sulla storia immersa e vagante in un aldilà. La lontananza era il primo passo verso l'infinito. La superficie, al contrario, la fa finita con tutte queste illusioni, nega la trascendenza, riporta ad un presente spaziale, a un oggi spaziale: ovvero all'unica verità, all'unica misera certezza rimasta all'uomo. Su questo muro unico concesso all'espressione, la pittura è il segno, l'intrico, il labirinto, lo sgorgare della povertà umana nel suo tragico limite. I segni disperati di una ricerca che è un puro sofisma, un convulso mordersi la coda. La superficie è la sede esatta della tautologia del nostro esserci, del nostro vederci ed esistere. Tutto finisce lì. Naturalmente lo sforzo della pittura è in questo vedersi, che deve essere chiaro, dolcissimo, addirittura inebriante.

  5. #5
    L'avatar di Kiappo
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    4,596
    Mentioned
    164 Post(s)
    Quoted
    1498 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Direi che è un ottimo 3d ... Complimenti!!!

  6. #6

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    54
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    18 Post(s)
    Potenza rep
    1424433
    Citazione Originariamente Scritto da Kiappo Visualizza Messaggio
    Direi che è un ottimo 3d ... Complimenti!!!

  7. #7

    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    1,030
    Mentioned
    31 Post(s)
    Quoted
    439 Post(s)
    Potenza rep
    42949677

  8. #8

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    54
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    18 Post(s)
    Potenza rep
    1424433
    Ne parla davvero con grande ammirazione!!

  9. #9
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    4,369
    Mentioned
    131 Post(s)
    Quoted
    903 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    "Conoscere il modo del gesto, non il significato del gesto."
    Toti Scialoja.
    Ciao!!

    Ps, continua per la gioia del Mod giovedì prossimo.

    Dalla metà degli anni Cinquanta abbandona progressivamente la figurazione per l’astrazione, realizzata però senza il pennello.

    «Dipingere con lo straccio mi permetteva una comunicazione più diretta e impulsiva», scriverà.

    Abbandona anche il cavalletto, posizionando la tela, ora di canapa grezza e spessa, in orizzontale e inchiodata al suolo.
    La medesima cosa fa con l’olio e la tempera, sostituiti da un pigmento materico rafforzato da un collante vinilico.

    La mutazione artistica di Scialoja però non è solo limitata alla concretezza del dipingere ma è anche concettuale e teorica, tanto che l’artista finisce per abbinare al suo gesto pittorico la nozione di automatismo del gesto stesso.

    Toti Scialoja-toti-scialoja-opere-inedite-york-1960-56f6f362-4a2d-4388-a52f-23a96c2513cd.jpeg

  10. #10
    L'avatar di cicala69
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    4,694
    Mentioned
    34 Post(s)
    Quoted
    1183 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    un gigante vero, tranquillamente accostabile a rauschenberg...poi si sa potenza dei soldi.....

Accedi