Art Basel 2019 & 2020 - Pagina 8
Commissione Ue presenta il suo Recovery Fund. All’Italia la fetta della torta più grande, ma occhio al nodo prestiti
Un Recovery Fund che si chiamerà Next Generation EU: Nuova generazione Ue, di un valore di 750 miliardi di euro, superiore, dunque, al fondo della proposta franco-tedesca per 500 miliardi …
Oro a quota $3000? Validi assist da monetizzazione debito banche centrali ed helicopter money
Rally dell’oro negli ultimi due mesi, con i prezzi passati dai minimi di circa 1.460 dollari l’oncia di marzo, ai massimi di quasi 1.765 USD/Oz di fine maggio. Un’analoga azione …
Bce esclude Italexit e nuova crisi euro post pandemia. Lagarde minimizza su boom debiti ma c’è il paper che avverte sui conti pubblici
Italexit o Italia fuori dall’euro? Il numero due della Bce Luis de Guindos non ci crede e non condivide la preoccupazione di diversi analisti, che ammettono il rischio di un …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #71
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    8,714
    Blog Entries
    6
    Mentioned
    130 Post(s)
    Quoted
    3795 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    questa la dedico a te, se può illuminarti

    Art Basel 2019 & 2020-minini.jpg


    Massima stima per Minini. Uno dei più grandi galleristi in assoluto.

    Ma:
    se l'Arte "non è nata per far guadagnare soldi", allora perchè non vende i Paolini anni '60-'70 o gli altri Poveristi a prezzo di costo, tipo 1000-2000 euro?

  2. #72
    L'avatar di blackcity
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    3,819
    Mentioned
    95 Post(s)
    Quoted
    1721 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Qua Minini sbaglia la chiusa: ripartire dall'arte come cibo per la mente è un'occasione immensa e una nuova sfida, non una sconfitta.
    Tutto il resto sono sovrastrutture che qua dentro più volte abbiamo aspramente criticato e magari questo virus sarà l'occasione per liberarcene, magari non per sempre, ma almeno per un po'.

  3. #73
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    29,539
    Mentioned
    172 Post(s)
    Quoted
    6614 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Biagio.tv Visualizza Messaggio
    Ma:
    se l'Arte "non è nata per far guadagnare soldi", allora perchè non vende i Paolini anni '60-'70 o gli altri Poveristi a prezzo di costo, tipo 1000-2000 euro?
    gli è andata da dio a lui e a tutti loro per anni ed anni, ma finalmente sono consapevoli
    che non poteva essere per l'eternità.

  4. #74
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    8,714
    Blog Entries
    6
    Mentioned
    130 Post(s)
    Quoted
    3795 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    gli è andata da dio a lui e a tutti loro per anni ed anni, ma finalmente sono consapevoli che non poteva essere per l'eternità.
    Scusa Ale, cito lo stesso Minini: "stessa situazione nel 1979-80, poi 1991 e poi 2005".
    Faccio notare che ogni volta tutto di è ripreso ed è ripartito.
    Non si capisce perchè stavolta dovrebbe essere diverso. E infatti non lo sarà...

    Poi onestamente, sta cosa che "l'Arte non è nata per far guadagnare soldi" mi pare veramente una buttata a livello di provocazione e nulla più, visto che si parla di "Mercato dell'Arte".
    Hanno sempre guadagato gli Artisti, hanno sempre guadagnato le Gallerie, ora che c'è una pesante crisi ci dice che l'arte non è nata per far soldi.
    Dopo che hanno fatto soldi per decenni...

    Ripeto, nulla impedisce a chi ha queste convinzioni di proporre le proprie collezioni e magazzini di opere d'arte a prezzo di costo. Nessuno li obbliga a guadagnare... come hai detto tu, lo hanno fatto per anni. Ora chi la pensa così potrebbe anche regalare tutto allora

    Ma chissà perchè ho il vaghissimo sospetto che i Paolini, i Fabro, i Merz, i Pascali, i Boetti, i Kounellis e capolavori vari non li proporranno a prezzo di costo.
    Quindi, delle due l'una: o si vuole guadagnare con l'arte oppure no. Si decidano però

  5. #75
    L'avatar di blackcity
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    3,819
    Mentioned
    95 Post(s)
    Quoted
    1721 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Biagio tutti questi discorsi sono in linea teorica e non possiamo sapere come reagirà il mercato finchè non ci sarà la prima asta importante.
    Un primissimo banco di prova potrebbe essere Martini a fine aprile (se verrà confermata) dove capiremo subito la tenuta sui mercati ad esempio di Boetti, personalmente spero che l'asta si faccia e che non vengano ritirati i lotti più importanti per metterli al riparo...
    Sarà da seguire con grande interesse.

  6. #76
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    8,714
    Blog Entries
    6
    Mentioned
    130 Post(s)
    Quoted
    3795 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    @Black giustamente una cosa è quello che vedremo succedere sul mercato; un'altra è disqusire sul fatto che "l'Arte non sia fatta per guadagnare", quando evidentemente è sempre esistito e sempre esisterà un sistema per cui è vero l'esatto contrario (se poi uno non vuole fare parte di questo sistema, appunto nessuno lo obbliga a guadagnare: a me comperare i Paolini anni '60 a prezzo di costo andrebbe benissimo ).

    Per come vedo io il primo argomento, è del tutto normale attendersi una fase di mercato in calo sia nelle quotazioni che nei volumi di vendita.
    E' assolutamente normale, ed è sempre avvenuto in situazioni di crisi.
    Lo stesso Minini cita ben 3 crisi: 1979-80, poi 1991 e 2005.
    Io aggiungerei anche 2008 e 2011.

    E' chiaro che siamo in un tunnel buio, ma vedo qui gente che si lascia sopraffare dal pessimismo cosmico, come se questa terribile situazione dovesse perdurare in eterno.
    Invece arriverà il day after e ci risolleveremo così come è sempre stato.

    L'ho scritto anche in un altro 3D:
    Qui siamo chiusi in casa da un mese... certo, ci sono migliaia di vittime, persone in serie difficoltà, aziende chiuse e alcune che falliranno.
    Ma CI RISOLLEVEREMO!

    Ma nei primi 50 anni del XX secolo abbiamo avuto MILIONI DI VITTIME e GUERRE LUNGHE ANNI.
    I guerra mondiale 1915-1918
    Grande Depressione 1929
    II guerra mondiale 1939-1945

    L'importate ora è tenere duro, cercare di campare e guardare avanti. Abbiamo superato periodi tragici, e supereremo anche questo.

    PS. capisco che di questi tempi possa essere facile deprimersi, ma questo non impedirà al mondo di riprendersi. Bisogna cercare di guardare avanti, al dopo, alla ripartenza e alla "ricostruzione".

  7. #77
    L'avatar di blackcity
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    3,819
    Mentioned
    95 Post(s)
    Quoted
    1721 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Gli scenari che vedo possibili nel breve termine, semplificando molto per la sintesi, sono 3:

    il primo, non vedremo più niente di interessante perchè chi ha le opere non le immette sul mercato, o comunque non in asta ma privilegiando la trattativa privata.
    Era la tendenza del pre-covid e potrebbe continuare ora rafforzata, anche se le "3 d" (death-debts-divorce) cioè i motivi per cui il proprietario è costretto a liquidare permarranno, perciò qualcosa di importante sul mercato ci finirà lo stesso, tema che ci porta al

    secondo scenario: visto che qualcuno sarà costretto a vendere ci sarà una corsa alle riserve fantasma ma teniamo ben presente che nelle prime aste del 2020 stava già venendo meno la figura della terza parte che garantisce il prezzo minimo delle opere, il paracadute delle grandi aste di Londra e NY, lo abbiamo visto nelle ultime vendite pre-pandemia con un discreto numero di ritiri in pre-asta, quindi si torna in battuta al primo scenario o si passa direttamente al

    terzo scenario che è quello più ottimistico e prevede che una parte del mercato, spaventata dalla fluttuazione costante delle borse, si sposti sul segmento arte come bene rifugio / asset alternativo favorendone una stabilizzazione o addirittura una crescita.

  8. #78
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    29,539
    Mentioned
    172 Post(s)
    Quoted
    6614 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da blackcity Visualizza Messaggio
    Un primissimo banco di prova potrebbe essere Martini a fine aprile (se verrà confermata) dove capiremo subito la tenuta sui mercati ad esempio di Boetti,
    io non la seguirò con tanto interesse ... primo perché potrebbe essere loro, quindi una difesa ci sarà
    secondo perché è ancora presto per considerarci in una situazione di stallo del mercato, quello che intende Massimo
    sarà da settembre in poi
    (se vuoi dettagli della chiacchierata scrivimi)

    ciao

  9. #79
    L'avatar di techne
    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    775
    Mentioned
    48 Post(s)
    Quoted
    277 Post(s)
    Potenza rep
    13915686
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    questa la dedico a te, se può illuminarti
    Boh

    Massima stima per Minini anche per parte mia , però francamente non capisco molto l'ultima parte. Non esiste l'arte intesa come sistema unitario. Esistono artisti ed esistono collezionisti/investitori che all'evidenza non ameranno gettare via il proprio denaro. Poi ci si piglia, non ci si piglia probabilmente il più delle volte) ma tant'è. Non è che l'arte ha "prerogative" di lucro o al contrario di non-lucro.... Ci sono artisti più o meno apprezzati e collezionisti/investitori (nel mucchio ci metto pure quelli) più o meno portati, preparati... Tutte ste filosofie mi sembrano fuori luogo...

  10. #80
    L'avatar di smw85
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    1,781
    Mentioned
    58 Post(s)
    Quoted
    721 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    gli è andata da dio a lui e a tutti loro per anni ed anni, ma finalmente sono consapevoli
    che non poteva essere per l'eternità.
    Grazie per la dedica dell'articolo ma hai travisato il senso di quello che scrive Minini
    Ultima modifica di smw85; 29-03-20 alle 21:25

Accedi