Art Basel 2019 & 2020 & 2021 - Pagina 16
Le opportunità in Borsa: Caso Evergrande e stagione trimestrali
È da oggi disponibile il nuovo numero di ?Le opportunità in Borsa?, la quindicinale dedicata a consulenti finanziari ed esperti di Borsa. Torna il buonumore sulle principali borse internazionali, che …
Inflazione climatica: ecco quanto sarebbero schizzati in alto i prezzi considerando le emissioni di CO2
Se i prezzi al consumo negli ultimi 50 anni avessero incluso il costo delle nostre emissioni di CO2, avremmo dovuto assistere a un rialzo sui prezzi del 50%. La stima …
IG Italia presenta IG Trading Night con ospite speciale Mario Seminerio, l’evento dedicato alle strategie sui mercati azionari
IG Italia lancia l?evento digitale ?IG Trading Night? che si terrà il 16 novembre a partire dalle ore 17:30. L?obiettivo dell?evento, trasmesso in diretta streaming, sarà quello di approfondire le …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #151
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,705
    Mentioned
    220 Post(s)
    Quoted
    1486 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Segue dai messaggi precedenti.

    Se c'è da toccare mi dirigo sulle standiste (proprio perché sono un democratico anche senza minigonna).
    Ciao!! a tutti.

    Ps, sono anche un inguaribile romantico, quindi...

    Che cos'è l'amor
    È la Ramona che entra in campo
    E come una vaiassa a colpo grosso
    Te la muove e te la squassa

    Ha i tacchi alti e il c-u-l-o basso
    La panza n-u-d-a e si dimena
    Scuote la testa da invasata
    Col consesso dell'amica sua fidata

    Ahi, permette signorina
    Sono il re della cantina

    Ultima modifica di Antipole; 10-06-20 alle 16:57

  2. #152
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,403
    Mentioned
    199 Post(s)
    Quoted
    8023 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Biagio.tv Visualizza Messaggio
    Permettimi di non concordare Ale.

    Quindi, il ragionamento andrebbe del tutto rovesciato:
    1) senza gallerie non esiste l'aspetto di promoziona artistica e culturale dell'arte e degli artisti;
    2) per esistere le gallerie giustamente devono applicare un ricarico tra un prezzo di acquisto e uno di vendita.


    Quindi se il collezionista evitasse o avesse evitato di cadere in quella che tu chiami addirittura una "tagliola" o una "cresta", tutti gli artisti che tu hai in collezione non sarebbero nemmeno esistiti.

    1. Minini è caro mazzato come si dice dalle mie parti
    2. il tuo ragionamento va benissimo per gli emergenti, ma per gli storicizzati i galleristi (non tutti, eh?) hanno un ricarico che rasenta la follia
    e spero con questa crisi in atto se ne possano rendere conto e ridimensionare i loro margini, a favore dei collezionisti

    3. non aggiungo altro anche se confermo : in certi stand la cosa migliore da vedere sono le standiste

  3. #153
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,405
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    162 Post(s)
    Quoted
    4552 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    1. Minini è caro mazzato come si dice dalle mie parti
    2. il tuo ragionamento va benissimo per gli emergenti, ma per gli storicizzati i galleristi (non tutti, eh?) hanno un ricarico che rasenta la follia
    e spero con questa crisi in atto se ne possano rendere conto e ridimensionare i loro margini, a favore dei collezionisti

    3. non aggiungo altro anche se confermo : in certi stand la cosa migliore da vedere sono le standiste

    Tu ridimensioneresti i tuoi guadagni se qualcuno sostenesse che i tuoi margini sono troppo alti, rimodulandoli a favore di chi ti paga?

    Sai, qualcuno potrebbe pensare che se puoi permetterti di collezionare, allora guadagni troppo...

    Ecco, io su questo modo di ragionare in cui si va a fare i conti su quanto guadagnano gli altri o quanto ricaricano in base a ciò che fanno, non sono proprio d'accordo, perchè allora dovrebbe valere per tutti.
    A quel punto facciamo reddito "x" fisso per tutti e addio arte, collezionismo, solo 1litro di latte, 1kg di pasta e uno di farina e torniamo al comunismo sovietico... ma anche no...

    Il prezzo al quale tu compri in asta è solo il frutto di quanto non vorresti pagare in galleria. Qualunque prezzo sia!
    Non è una questione di margini o altro.
    Quindi quello che dici è del tutto aleatorio perchè se le gallerie abbassassero i prezzi, tu nuovamente abbasseresti il tuo prezzo di acquisto in asta... il meccanismo è questo Ale: non andresti a comperare mai in galleria a prescindere, perchè cercheresti sempre di pagare meno altrove!

    E io questo lo posso capire e lo posso anche condividere, perchè anche a me naturalmente piace comprare al meglio.
    Quello che invece contesto è la continua critica alle gallerie, al loro lavoro, ai loro leciti ricarichi e ai loro giusti parametri di listini. E anche al fatto che - per fortuna - ci sia chi invece in galleria compra e sostiene la loro attività, sia questa sui giovani o sugli storici.

  4. #154
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    2,509
    Mentioned
    60 Post(s)
    Quoted
    1070 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Beh dai le cose vanno sempre fatte "cum grano salis", senza contare che in taluni casi alcune opere potrebbero non passare mai in asta (per qualità, tipologia e non necessariamente per mancanza di mercato secondario). Quindi più che altro la bussola dovrebbe essere la ricerca della qualità (dando per scontato che non si tratti di falsi, etc etc..).
    Altrimenti pace, si aspetta e ogni tanto si gioca il minimo al superenalotto o al gratta e vinci sperando di aver un gran colpo di c..o e poter andare anche dal più "mazzato" con serenità.

    "Il denaro non può comprare la felicità, ma può comprare uno yacht. E non so voi, ma una yacht mi rende maledettamente felice."

  5. #155
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,403
    Mentioned
    199 Post(s)
    Quoted
    8023 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Biagio.tv Visualizza Messaggio

    Tu ridimensioneresti i tuoi guadagni se qualcuno sostenesse che i tuoi margini sono troppo alti, rimodulandoli a favore di chi ti paga?
    l'ho dovuto fare un casino di volte:
    1. quando la concorrenza aumentava e la qualità dei concorrenti era valida quanto la mia
    2. quando ci sono stati periodi di crisi e se non volevi perdere il cliente dovevi fare la piega. Mica li sposo i clienti e loro non sposano me. Comunque il divorzio è lecito
    3. quando mancava il lavoro e pur di non dovermi indebitare con le banche dovevo ridurre i margini
    4. quando un lavoro particolarmente interessante ti invoglia ad abbassare le quotazioni perchè rappresenta un valore aggiunto prendere una commessa ricca di ricerca;
    5. quando un incarico è prestigioso ed arricchisce un CV
    6. quando il commercialista ti dice che sei entrato in una fascia più maledetta per le imposte e hai due alternative : o riduci il fatturato (follia) o cerchi di alzarlo fono alla soglia della fascia maledetta

    gli anni ottanta sono finiti da tempo non solo negli ambiti imprenditoriali (mi riferisco alla piccola impresa), ma dovrebbero finire (con un certo ritardo) pure per molti mercanti di arte, non credi?


  6. #156
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,405
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    162 Post(s)
    Quoted
    4552 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    l'ho dovuto fare un casino di volte:
    1. quando la concorrenza aumentava e la qualità dei concorrenti era valida quanto la mia
    2. quando ci sono stati periodi di crisi e se non volevi perdere il cliente dovevi fare la piega. Mica li sposo i clienti e loro non sposano me. Comunque il divorzio è lecito
    3. quando mancava il lavoro e pur di non dovermi indebitare con le banche dovevo ridurre i margini
    4. quando un lavoro particolarmente interessante ti invoglia ad abbassare le quotazioni perchè rappresenta un valore aggiunto prendere una commessa ricca di ricerca;
    5. quando un incarico è prestigioso ed arricchisce un CV
    6. quando il commercialista ti dice che sei entrato in una fascia più maledetta per le imposte e hai due alternative : o riduci il fatturato (follia) o cerchi di alzarlo fono alla soglia della fascia maledetta

    gli anni ottanta sono finiti da tempo non solo negli ambiti imprenditoriali (mi riferisco alla piccola impresa), ma dovrebbero finire (con un certo ritardo) pure per molti mercanti di arte, non credi?

    Quindi a seconda del prestigio di un incarico sei disposto ad abbassare il tuo compenso... quindi altri pagano di più... e questo mi puzza un po' di favoritismi eh
    Immagino tu abbia una sorta di tariffario/listino per le tue prestazioni che in base a quanto scrivi modifichi in base a chi ti sta davanti...
    Secondo te se metti all'asta su ebay una tua prestazione, prenderesti più o meno rispetto a quella che accordi ai tuoi clienti? Direi decisamente meno. Come tutto.

    Non ti chiedo di rispondere, ma solo di prendere in considerazione che se uno inizia, qualsiasi attività e qualsiasi lavoro è criticabile visto dall'esterno, e che il fatto che tu autonomamente adegui nel tempo i tuoi compensi è una attività che deriva da tue decisioni e non da qualcuno che ti critica e scrive su un forum che i tuoi margini operativi sono folli.
    Oltretutto i margini andrebbero anche visti nel quadro dei costi operativi, cosa che evidentemente nessuno va a valutare.
    Ma in ogni caso il punto è che ogni privato o ogni attività liberamente cerca di portare avanti il proprio lavoro come meglio crede e trovo veramente assurdo leggere continue critiche ad una categoria (o meglio, a qualsiasi attività imprenditoriale) relativamente ai prezzi che liberamente formulano in base anche ai propri costi.

    Il punto che rimane, e che penso ti sfugga o magari non ho espresso in modo sufficientemente chiaro, è che la materia non è il ricarico ma il prezzo finale di galleria, che tu ritieni caro, addirittura folle, perchè lo paragoni sempre e solo alle aste.

    Ma il meccanismo di mercato comporta che tra i due prezzi ci sia sempre e per forza un'inevitabile forbice, per cui anche se il le gallerie dimezzassero i listini, tu non compreresti in ogni caso in galleria, perchè vorresti comperare sempre a meno in asta.
    E ti lamenteresti cmq anche a prezzo dimezzato che il prezzo di galleria sarebbe sempre e comunque troppo caro.

    Non so se riesci o meno ad afferrare questa mia lettura di un fenomeno di mercato che giocoforza mantiene due prezzi mediamente differenti.

    Faccio nuovamente un esempio concreto con numeri e proporzioni semplificate:
    1) La galleria X propone un'opera 100x70 di Pinco Pallino a 10.000 euro.
    2) Tu dici, sono matti hanno dei prezzi esorbitanti, io la compro in asta a 5.000
    3) Il tuo ragionamento prosegue: la Galleria X dovrebbe abbassare i suoi margini folli e vendere a 5.000 come in asta
    4) In ipotesi la Galleria X esaudisce i tuoi desideri e ora propone l'opera a 5.000
    5) Allora, benissimo, la compro alla Galleria X a 5K? Ma nemmeno per sogno, perchè adesso la voglio pagare in asta 2.500
    6) Quindi ora in asta spendi al massimo 2.500 e nuovamente dici alla Galleria X che è esosta e ha prezzi folli perchè in asta la trovi a meno. E via all'infinito.
    7) Se viceversa la Galleria X iniza a chiedere 20.000 euro al posto dei 10k iniziali, tu le dirai sempre che è cara, ma sarai disposto a spendere 10k in asta, per la stessa opera che prima pagavi 5 e che a 10 in Galleria ti sembrava un furto.

    Finale: siccome ci sarà sempre un divario fisiologico di prezzi - salvo per opere di particolare qualità che in asta possono finire per costare più che in galleria - sarai sempre e comunque portato a criticare i prezzi di galleria perchè se questa anche ritoccasse i prezzi, le aggiudicazioni d'asta rifletterebbero in su o in giù il medesimo adeguamento.


    Per questo trovo che sia poco sensato criticare i margini, i listini o i prezzi di galleria, perchè appunto il meccanismo prevede in modo insito che il rapporto tra quei prezzi e quelli di asta si mantenga in automatico una proporzione di distacco.

    Uno poi è sempre libero di scegliere dove comperare, anche senza che sia necessario demolire le attività degli operatori del settore, che senz'altro faranno di tutto per cercare di stare in piedi con le stesse difficoltà di tante altre costose attività commerciali.

  7. #157
    L'avatar di Cris70
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    4,902
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    38 Post(s)
    Quoted
    836 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Proseguiamo con le preview
    Galleria Tega
    File Allegati File Allegati

  8. #158
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,403
    Mentioned
    199 Post(s)
    Quoted
    8023 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    grazie Cris70

  9. #159
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    2,509
    Mentioned
    60 Post(s)
    Quoted
    1070 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Aspettando settembre intanto ci si può gustare Art Basel OVR... non proprio per tutte le tasche, ma una bella panoramica sugli artisti che girano nei mercati internazionali!!

    Art Basel

    Viewing Rooms

    Ultima modifica di eelle25; 25-03-21 alle 16:21

  10. #160
    L'avatar di Axelart
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    859
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    112 Post(s)
    Potenza rep
    29788608
    Citazione Originariamente Scritto da eelle25 Visualizza Messaggio
    Aspettando settembre intanto ci si può gustare Art Basel OVR... non proprio per tutte le tasche, ma una bella panoramica sugli artisti che girano nei mercati internazionali!!

    Art Basel

    Viewing Rooms

    Grazie sempre interessante

Accedi