Alighiero Boetti II - Pagina 44
Borsa spinta in alto da balzi Eni, Poste e Atlantia. Tra le banche soffre ancora Unicredit
Piazza Affari torna a salire dopo il passo falso della vigilia. Il Ftse Mib ha chiuso oggi a +1,75% a quota 16.834 punti. Il driver principale sui mercati oggi è …
Utilities UE: scovare i titoli più sottovalutati con il price/book value (P/BV), un’italiana sul podio
Nel periodo compreso tra l?ultima settimana di febbraio e la metà di marzo il mercato azionario ha perso oltre il 30% del proprio valore. Quattro settimane da record. Mai, prima …
Sì ai coronabond, la carica italo-tedesca contro il virus del rigore. Tra i firmatari Letta, Monti, Boeri
Appello italo-tedesco alla Germania di Angela Merkel e alla presidente della Commissione europea Ursula von det Leyen affinché dicano di sì all'emissione dei coronabond, auspicata soprattutto dai paesi del Sud …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #431
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    8,312
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    123 Post(s)
    Quoted
    3595 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Sono parzialmente d'accordo Brix, nel senso che è normale che nella vita di ogni artista (come di ogni persona) ci siano dei periodi di maggiore energia/creatività/entusiasmi ecc, però non trovo che si possa fare una distinzione in base alle "annate".

    Tutti gli artisti hanno delle stagioni in cui la concetrazione qualitativa è maggiore rispetto ad altri momenti, ma è impossibile per qualsiasi artista - incluso Picasso! - che in una data annata siano tutti capolavori e in un'altra tutte cose andanti: in tutti i periodi ci sono le opere più riuscite e quelle meno riuscite.

    E questo vale anche per Boetti, che secondo me fino alla fine ha prodotto opere interessanti e anche dei capolavori, come è altrettanto vero che anche nei periodi migliori non tutte le opere possano definirsi tali, nemmeno negli anni '60 o '70.
    Poi, evidentemente i momenti difficili Boetti li ha passati, ed è anche superfluo immaginare che quando uno sta male è improbabile che possa dare il meglio di sè... ma d'altro canto, nessun artista realizza nella sua intera carriera unicamente capolavori e opere tutte significative. Quindi è fisiologico che ci siano opere anche meno riuscite, e non solo degli ultimi anni, come anche opere importanti, quasi fino alla fine.

    Per questo non vuol dire che negli ultimi periodi Boetti avesse esaurito la genialità, anzi, per me assolutamente no.
    Ricordiamoci che Alighiero è mancato prematuramente, quando potenzialmente avrebbe potuto continuare a svulippare ulteriori cose interessanti.

  2. #432
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    28,986
    Mentioned
    166 Post(s)
    Quoted
    6300 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Biagio.tv Visualizza Messaggio
    Sono parzialmente d'accordo Brix
    Incredibbile

    Grazie amico Mod.

  3. #433
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    28,986
    Mentioned
    166 Post(s)
    Quoted
    6300 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Biagio.tv Visualizza Messaggio
    .

    Per questo non vuol dire che negli ultimi periodi Boetti avesse esaurito la genialità, anzi, per me assolutamente no.
    Ricordiamoci che Alighiero è mancato prematuramente, quando potenzialmente avrebbe potuto continuare a svulippare ulteriori cose interessanti.
    d'accordo, certamente d'accordo

  4. #434

    Data Registrazione
    Jun 2018
    Messaggi
    13
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    18 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Red face Storia

    Asta 468 / Lotto ndeg 262 - Alighiero Boetti| Il Ponte Casa D'Aste

    Tutti a parlare degli anni 70 e 80...ma non dimentichiamoci le origini... Boetti è anche anni ‘60... e a chi vuole costruire una bella collezione monografica non devono sfuggire anche queste opere...

    Difatti...non mi è sfuggita!

  5. #435
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    8,312
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    123 Post(s)
    Quoted
    3595 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    d'accordo, certamente d'accordo
    Un'opera geniale su tutte: Autoritratto del 1993.
    E' certamente uno dei capolavori assoluti di Boetti.

    Alighiero Boetti II-boetti-autoritratto.jpg

  6. #436
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    8,312
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    123 Post(s)
    Quoted
    3595 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Chris70 Visualizza Messaggio
    Asta 468 / Lotto ndeg 262 - Alighiero Boetti| Il Ponte Casa D'Aste

    Tutti a parlare degli anni 70 e 80...ma non dimentichiamoci le origini... Boetti è anche anni ‘60... e a chi vuole costruire una bella collezione monografica non devono sfuggire anche queste opere...

    Difatti...non mi è sfuggita!
    Bravo @Cris, super complimenti
    Stai mettendo su un percorso antologico... inizia a venirmi un po' di sana invidia

    Quello è uno dei pezzi di Boetti più "antichi", e dei pochissimi "pittorici" e per quanto sia una sorta di informale, ha già degli elementi di collage il che lo rende secondo me interessante anche pensado agli sviluppi successivi.
    Qui si vedono molto gli influssi di De Stael e di Burri, artisti che Boetti ammirava molto.

  7. #437
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    28,986
    Mentioned
    166 Post(s)
    Quoted
    6300 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    scrisse artepassion di questo pezzo qualche giorno fa sul 3D Il Ponte:

    "Il Boetti da me segnalato ha fatto appena 3.8 k di martello, francamente mi aspettavo molto di più."

    detto ciò, l'opera è del 62, solo quattro anni dopo già arrivò qui.
    THE THIN THUMB, 1966
    Immagini Allegate Immagini Allegate Alighiero Boetti II-boetti_00038.jpg 

  8. #438
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    8,312
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    123 Post(s)
    Quoted
    3595 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    non voglio diventare stucchevole, già forse lo sono
    ma il collage del 1989 che rivisita opere del passato e fa il botto da 50 K
    si contrappone con quel San Bernardino che chiude a 18 K

    vabbè, viva il mercato, eh?
    Ripetiamo tutti insieme questo mantra: "le aste NON sono IL mercato... le aste NON sono IL mercato... OMM... OMM"

  9. #439

    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    1,932
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    485 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Biagio.tv Visualizza Messaggio
    Ripetiamo tutti insieme questo mantra: "le aste NON sono IL mercato... le aste NON sono IL mercato... OMM... OMM"
    OMM..quando va male..OMM..quando va male..

  10. #440
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    8,312
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    123 Post(s)
    Quoted
    3595 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da lavacheleone33 Visualizza Messaggio
    OMM..quando va male..OMM..quando va male..
    Mi sa che parliamo due lingue diverse... ommmm

    Se vai a vedere i miei post - qualora la cosa ti potesse interessare - ho SEMPRE detto che le aste NON sono IL mercato.
    Le Aste sono UNA PARTE del mercato, e le aggiudicazioni NON vanno prese nè come valori scolpiti nella pietra nè men che meno le singole aggiudicazioni (nè alte, nè basse, nè invenduti) hanno un qualche significato di tipo generale. Ogni aggiudicazione è semplicemente fine a se stessa. Un trend invece del "mercato delle aste" (che... ommm ripeto ... ommm "non è IL mercato" ma UNA PARTE del mercato ... omm" ) lo si può fare unicamente mettendo in fila una serie di risultati nel medio-lungo periodo.

    Per altro, mi spiace toglierti la soddisfazione che provi quando pensi qualcosa sia andata male , ma le aggiudicazioni sono in ogni caso andate bene.
    Le carte anni '70 potenzialmente potevano fare di più semplicemente perchè in diversi conveniamo sul fatto che siano una produzione ad oggi sottovalutata. D'altro canto una carta recente ha fatto nel suo genere addirittura un record price... quindi di che parliamo?

    Per tornare a fare un discorso generale, non so cosa tu abbia o non abbia in collezione o che artisti tu segua o non segua nell'ipotetica ottica di comprare qualcosa (questo ancora sinceramente non l'ho capito), ma per come ragiono io - e non è che sia una visione che debba valere per tutti - le aste sono una parte del mercato che in base a una serie di aggiudicazione nel medio/lungo periodo consente di ricavare un trend, ma allo stesso tempo sono anche un luogo dove potenzialmente comperare o vendere. Quindi - sempre per come sono abituato a ragionare io - quando capita che qualcosa vada a "poco" (soprattutto in proporzione ai valori medi o ad un trend), non solo a me non cambia assolutamente nulla, ma anzi, se posso COMPRO. E se non compro, sono contento per chi è riuscito a cogliere l'occasione, bravo lui.

    Tutto il resto lo lascio a chi è ossessionato dai singoli risultati, o a quelli che, vada come vada, provano invidia e in ogni caso tanto non comprano mai

Accedi