Televendite V - Pagina 122
Tassi di interesse negativi ci dicono che il futuro vale più del presente in un mondo dove sovrabbonda il risparmio
Cosa si nasconde dietro questa grossa ondata di tassi d?interesse negativi? Da Francoforte  a Zurigo passando per Tokio, più di un terzo dei bond presenti sul mercato offrono ormai ritorni …
Calendario conti 3° trimestre 2019 Ftse Mib: apre Saipem, banche e FCA le più attese
Dopo un inizio poco fortunato, il mese di ottobre ha visto un forte rialzo dei mercati azionari internazionali. Gli indici USA sono tornati sui massimi storici, mentre quelli europei (Ftse …
Descalzi a tutto campo: Eni non sarà preda M&A, dividendo può salire
Eni è diventata la compagnia più efficiente tra le grandi con riserve proprie che sono state scoperte e non comprate, con costi per i nuovi barili molto bassi, a meno …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1211
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    5,110
    Mentioned
    217 Post(s)
    Quoted
    2289 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Adriano.Meis Visualizza Messaggio
    Boni Francesco,
    pochi minuti fa:
    “...quando alla gente dici una massa di balle, sei stimatissimo dalla gente !”

    una verità assoluta, applausi a scena aperta per l’onesta’ intellettuale
    infatti lui da 30 anni è stimatissimo!

  2. #1212

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    8,086
    Mentioned
    81 Post(s)
    Quoted
    2640 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Scusami Biagio ma... che palle gigantesche queste continue precisazioni che ogni argomento prevede tutte le sfumature possibili del grigio. E' chiaro, è evidente, è l'acqua calda.
    Detto con affetto, eh... ma sei proprio fissato con queste "diluizioni" del pensiero. Le "categorie" servono per solo chiarire schemi e separazioni. Sono una grande comodità per andare avanti con il ragionamento, non sono delle verità assolute. Eddaiii

    Comunque in Italia, mercato da ridere, anche i Galleristi con la G maiuscola si trovano a fare i mercanti per far quadrare i conti. Nelle grandi capitali dell'arte, la figura del Gallerista competente, propositivo e capace di lavorare con profitto nel rispetto dei contratti con i suoi Artisti, esiste eccome. L'ho già detto tante volte: la nostra è una realtà misera e in piena decadenza: bisogna vendere l'arte come sulle bancarelle, con gli sconti, le promozioni, i 3x2, le promesse ridicole. Le nostre gallerie sono per lo più delle botteghe che come merce vendono quadri e i relativi galleristi non sono che dei gestori di un'attività per la quale non hanno alcuna passione, in gran parte impreparati e incompetenti, che loro stessi per primi non comprerebbero mai un quadro per tenerlo. Raramente tra le loro qualità principali si trovano managerialità e preparazione culturale. Naturalmente però ci sono almeno trentotto sfumature e sedici diversi gradi di attenzione

  3. #1213
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    5,110
    Mentioned
    217 Post(s)
    Quoted
    2289 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    un abbraccio ad acci.

  4. #1214

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    8,086
    Mentioned
    81 Post(s)
    Quoted
    2640 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da mmt Visualizza Messaggio
    un abbraccio ad acci.

  5. #1215
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    27,626
    Mentioned
    149 Post(s)
    Quoted
    5669 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    ... vero, caro accipicchia, che in Italia lo scenario passione & cultura è in una miseria abissale,
    ma qualche Galleria gestita ancora con dovizia c'è.

    a trovarne con il lanternino, però

  6. #1216
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    7,349
    Mentioned
    82 Post(s)
    Quoted
    3146 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da accipicchia Visualizza Messaggio
    Scusami Biagio ma... che palle gigantesche queste continue precisazioni che ogni argomento prevede tutte le sfumature possibili del grigio. E' chiaro, è evidente, è l'acqua calda.
    Detto con affetto, eh... ma sei proprio fissato con queste "diluizioni" del pensiero. Le "categorie" servono per solo chiarire schemi e separazioni. Sono una grande comodità per andare avanti con il ragionamento, non sono delle verità assolute. Eddaiii

    Comunque in Italia, mercato da ridere, anche i Galleristi con la G maiuscola si trovano a fare i mercanti per far quadrare i conti. Nelle grandi capitali dell'arte, la figura del Gallerista competente, propositivo e capace di lavorare con profitto nel rispetto dei contratti con i suoi Artisti, esiste eccome. L'ho già detto tante volte: la nostra è una realtà misera e in piena decadenza: bisogna vendere l'arte come sulle bancarelle, con gli sconti, le promozioni, i 3x2, le promesse ridicole. Le nostre gallerie sono per lo più delle botteghe che come merce vendono quadri e i relativi galleristi non sono che dei gestori di un'attività per la quale non hanno alcuna passione, in gran parte impreparati e incompetenti, che loro stessi per primi non comprerebbero mai un quadro per tenerlo. Raramente tra le loro qualità principali si trovano managerialità e preparazione culturale. Naturalmente però ci sono almeno trentotto sfumature e sedici diversi gradi di attenzione
    Ciao Acci!
    Quello che non capisco è per quale motivo si debba continuare a dire che esiste una distinzione dicotomica tra "Gallerie e gallerie" o tra "Galleristi e Mercanti", quando è del tutto evidente che queste distinzioni esistono unicmente in astratto sulla carta mentre nella realtà esistono principalmente delle realtà intermedie tra queste definizioni.
    Avrai pure ragione tu a dire "du palle gigantesche", ma se nella realtà in Italia abbiamo circa 5-10 Gallerie, il 99,9% del panorama è evidentemente un ibrido assoluto. Quindi che senso ha continuare a fare queste suddivisioni incorrispondenti? Esenza nemmeno contemplare le sfumature (che in realta quelle si che sarebbero la sola reale categoria...).

    Allora facciamo un 3D includendo nome per nome queste 10 Gallerie, e il rimanente 99,9% mettiamolo tranquillamente tutto nel calderone dell'ibrido.
    Abbia pazienza ma non ha molto senso impuntarsi su definizioni di concetti astratti che poi concretamente non si riflettono nel panorama nostrano (perchè qui è di questo che stiamo parlando, soprattutto legandolo al tema televendite che anche questo è argomento sostanzialmente locale).

    Ad ogni modo io non vedo nè nella sfumabile definizione di galleristi o di mercanti l'accezione così riduttiva e drammatica che vedi tu di "bottegai", che pare tu loro attribuisca, salvando solo il "Gallerista competente delle capitali straniere".

    Oltretutto non so qui dentro quanti siano quelli che hanno i Jekk Koons o i Richter o gli Hirst comprati da Gagosian o da White Cube (penso nessuno), quindi tutti noi bene o male ci confrontiamo con galleristi/mercanti italiani ed artisti principalmente italiani o anche stranieri trattati anche in Italia.

    E visto che è esattamente questa la situazione, ossia che questo è il nostro mercato di riferimento, a questo punto se seguissimo il tuo ragionamento a ribasso potremmo anche chiudere tutti baracca e burattini (o bottega ).

    Secondo me l'impietoso ritratto che hai fatto del nostro mercato corrisponde solo in parte, e ci sono degli ottimi professionisti in questo settore, anche in Italia.
    Se uno prende la fascia dalle gallerie medie in su, il panorama è ben diverso qualitativamente da quanto tu hai appena rappresentato. E in questo caso non in termini di poche sfumature.
    Altrimenti veramente saremmo tutti una marmaglia di trogloditi se andiamo tutti dietro a gente incompetente, impreparata, bottegai senza passione. Fatte salve 10 Gallerie e le Gallerie delle capitali estere.
    Eddai...
    Altro che sfumature: praticamente hai ridotto il panorama italiano ad una scatoletta di Manzoni...
    Non è questo il panorma, dai Acci... mi pare che tu abbia davvero esagerato in negativo.

    PS. nella foto, il ritratto di Acci del mercato italiano dell'arte

    Televendite V-manzoni.jpg

  7. #1217
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    1,440
    Mentioned
    32 Post(s)
    Quoted
    616 Post(s)
    Potenza rep
    26761868
    Beh, francamente non mi dispiacerebbe avere una di quelle scatolette in salotto...

    L'unica cosa che mi viene da aggiungere e' che l'attitudine all'acquisto d'arte fuori dai confini nazionali, almeno in Germania da quello che so', e' molto piu' diffuso che in Italia. E per acquisto d'arte intendo aver piacere di mettere in casa cose belle non necessariamente come atto speculativo.
    Ci sara' pur una ragione per cui i giovani se vogliono davvero essere visibili devono spesso considerare il passaggio in Germania. Prendete Raw Kunsthalle Koeln... ecco cosi' si rendono visibili i nuovi talenti. Trovatemi in Italia qualcosa di paragonabile.
    Quindi forse non bastano 10 gallerie serie (fuori i nomi, tanto saranno carissime ).

    Fine dell'OT e torniamo alle nostre amate Televendite che se non altro hanno il pregio di farci parlare d'arte nel bene e nel male.
    Vi segnalo per chi e' a Milano che Carlo Vanoni sara' al Festival "Il Tempo delle donne" alle 19:30 in Triennale con un itervento dal titolo "Ho scritto t’amo sulla tela".

  8. #1218
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    3,605
    Mentioned
    110 Post(s)
    Quoted
    796 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Preview...
    Ciao!!

    Ps, resto anche in tema multipli...


  9. #1219
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    3,605
    Mentioned
    110 Post(s)
    Quoted
    796 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Aggiungo...
    Altrimenti dicono che siamo provinciali...
    Ciao!! a tutti.


  10. #1220

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    8,086
    Mentioned
    81 Post(s)
    Quoted
    2640 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    La mia è una visione molto prevenuta? Va bene. Invito chiunque a fare una prova: alla prossima fiera provate a chiedere a tutti i galleristi che trovate di darvi qualche notiziola (notiziola, non approfondimento) sui principali Artisti italiani. Boetti, Burri, Castellani, Fontana, Manzoni... Non sapranno raccontarvi un bel niente. Nessun aneddoto, nessun impianto teorico, nessun nesso culturale. Zero. Provate. Al massimo vi diranno le solite cosette dette e ridette che sanno tutti sentite in televendita. Figuriamoci se sono in grado di parlarvi di movimenti, manifesti, intenzioni, collegamenti internazionali. Provate.

    P.S. Per le televendite mi pare si faccia una grave confusione tra la preparazione dei televenditori (solo in qualche caso apprezzabile, perché molti dei minori sono degli ignoranti capaci solo di raccontare banalità e presentare i quadri come delle pentole), ed i mercanti che gestiscono lo spazio. Sulla preparazione culturale di costoro non esprimo il mio giudizio. Sarebbe impietoso. Sono bottegai che per lo più non hanno mai letto un libro di Arte.
    Questo è il mercato nostrano. La passione per l’arte è introvabile. Quella per i soldi... quella c’è
    Ultima modifica di accipicchia; 13-09-19 alle 10:18

Accedi