j'accuse...! - Pagina 53
Target delude ancora Wall Street, super sconti innescano crollo del 90% dell’utile
I super sconti per ridurre le scorte record di alcune merci hanno pesato e non poco sui conti di Target. Il rivenditore statunitense ha riportato profitti in calo di quasi il 90%. L?utile netto del secondo trimestre risulta di soli 183 milioni di dollari, o 39 centesimi per azione, per il periodo di tre mesi
Il miliardario Druckenmiller si disfa di altre azioni big tech in attesa recessione, ecco le due big di Wall Street scaricate lo scorso trimestre
Il miliardario Stanley Druckenmiller ha voltato le spalle alle Big Tech di Wall Street lo scorso trimestre, ossia poco prima che le varie Apple e Amazon ritrovassero slancio in Borsa nel corso di questa estate di risk-on sui mercati.L?ex lead portfolio manager del Quantum Fund di George Soros, che ha un patrimonio netto di $
Inflazione UK vola oltre 10%, il picco non ancora raggiunto. Si prospetta un caldo autunno dei prezzi  
  I venti di crisi economica continuano a soffiare sul Regno Unito che ha visto ancora una volta surriscaldarsi l'inflazione sui massimi da oltre 40 a
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #521
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    33,269
    Mentioned
    205 Post(s)
    Quoted
    8263 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Loryred Visualizza Messaggio
    Mi domando se esiste un'avanguardia attualmente in Italia nel senso della condivisione di temi, di ideali anche politici, del ruolo dell'intellettuale, di motivazioni che fanno da collante e creano una "massa critica", importanti a maggior ragione quando un Paese è piccolo e un'economia fragile. I movimenti nascevano su una matrice comune, a volte non nascondo anche con qualche forzatura, ma hanno garantito a diversi artisti un'affermazione duratura e riconosciuta. Ora tutto appare improntato ad un estremo individualismo, al privilegiare il marketing rispetto ai contenuti con qualche fenomeno isolato ma all'interno di una realtà frammentaria, per carità può essere proprio questo un segno dei tempi.
    gli anni settanta e i movimenti radicali o di avanguardia sono scomparsi da 50 anni.
    Non vedo alcun segnale che possa far nascere situazioni analoghe anche perché - come giustamente hai fatto notare - il marketing spinge l'arte come forma di investimento, che ben poco ha a che fare con cultura e creazione di massa critica.

    L'individualismo è ormai la regola su cui regge tutta 'sta grande menzogna, sia dell'artista e sia del collezionista

    Sono in una giornata da pessimista, eh?

  2. #522

    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    970
    Mentioned
    23 Post(s)
    Quoted
    394 Post(s)
    Potenza rep
    26339949
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    gli anni settanta e i movimenti radicali o di avanguardia sono scomparsi da 50 anni.
    Non vedo alcun segnale che possa far nascere situazioni analoghe anche perché - come giustamente hai fatto notare - il marketing spinge l'arte come forma di investimento, che ben poco ha a che fare con cultura e creazione di massa critica.

    L'individualismo è ormai la regola su cui regge tutta 'sta grande menzogna, sia dell'artista e sia del collezionista

    Sono in una giornata da pessimista, eh?
    No, dici come stanno le cose.
    La società contemporanea si sta spostando sempre più verso forme sociali individualistiche dove anche il contatto umano è sempre più mediato da mezzi virtuali.
    Una società per certi versi 'disumanizzata'.
    E la questione covid ha accelerato tutto questo.
    Personalmente trovo sia una condizione tristissima, ma ciò che penso poco conta.

  3. #523

    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    6,587
    Mentioned
    215 Post(s)
    Quoted
    2204 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Alessandro.. partendo dal bel post di Lory.. hai espresso molto meglio di quanto avrei fatto io quello che è, anche, il mio pensiero.. non è questione di pessimismo cosmico.. è che le cose, non solo nell'Arte, sono peggiorate.. ci siamo incattiviti come esseri umani. Capisco benissimo se un Gallerista " signore"... si rinchiude un po' in se stesso, nauseato da quel che gli sta attorno... Buona serata

  4. #524
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    33,269
    Mentioned
    205 Post(s)
    Quoted
    8263 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da toni77 Visualizza Messaggio
    Una società per certi versi 'disumanizzata'.
    .
    Citazione Originariamente Scritto da Kiappo Visualizza Messaggio
    .. è che le cose, non solo nell'Arte, sono peggiorate.. ci siamo incattiviti come esseri umani.

    triste ma è la realtà,
    un gallerista (in chat perchè ormai manco con quelli riesci a farci una telefonata)
    mi ha confessato che ha trattato per anni degli artisti emergenti stranieri senza mai conoscerli di persona.

    diosanto, ma come si fa?

  5. #525

    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    970
    Mentioned
    23 Post(s)
    Quoted
    394 Post(s)
    Potenza rep
    26339949
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    triste ma è la realtà,
    un gallerista (in chat perchè ormai manco con quelli riesci a farci una telefonata)
    mi ha confessato che ha trattato per anni degli artisti emergenti stranieri senza mai conoscerli di persona.

    diosanto, ma come si fa?
    Chiedilo ai colossi del big tech (ed ora doveroso aggiungere anche big pharma) che stanno ancora brindando
    Il resto è una inevitabile conseguenza.
    Chi non comprende come stanno radicalmente cambiando le cose (quindi anche l'arte) in maniera irreversibile, è in una sorta di lockdown cognitivo

  6. #526

    Data Registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2,282
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    992 Post(s)
    Potenza rep
    35400241
    Citazione Originariamente Scritto da Kiappo Visualizza Messaggio
    Alessandro.. partendo dal bel post di Lory.. hai espresso molto meglio di quanto avrei fatto io quello che è, anche, il mio pensiero.. non è questione di pessimismo cosmico.. è che le cose, non solo nell'Arte, sono peggiorate.. ci siamo incattiviti come esseri umani. Capisco benissimo se un Gallerista " signore"... si rinchiude un po' in se stesso, nauseato da quel che gli sta attorno... Buona serata
    D'accordo con Kiappo.

  7. #527
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    33,269
    Mentioned
    205 Post(s)
    Quoted
    8263 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    dall'intervista non pare un j'accuse
    ma dal titolo direi di sì

    «Ieri puntavano sull'arte, oggi vogliono far mercato»

    <<Ieri puntavano sull'arte, oggi vogliono far mercato>> - Ticinonline

  8. #528
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    33,269
    Mentioned
    205 Post(s)
    Quoted
    8263 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    certamente avrei potuto postarlo nel 3D di Claudio Parmiggiani, ma ho preferito qui

    Queste Sue parole sintetizzano i motivi per cui prendo le distanze da tanti gettonatissimi artisti

    "Il silenzio lo considero una presenza ed un gesto estetico oggi necessari all’interno di un discorso sull’arte e, anche se potrà sembrare un paradosso, un modo di assumere una posizione, una reazione a quel linguaggio che fa del clamore, del gratuito e della superficialità il suo obbiettivo artistico. Il silenzio lo considero quindi un segno di fermezza perché silenzio non significa solo silenzio ma significa anche non concedersi e non concedere nulla.
    C’è l’esigenza che l’arte di oggi, in gran parte asservita alla moda e al mercato , esca da molte ambiguità e compromessi.

    Invece di attardarsi attorno a obsolete formule stilistiche, a mode da rincorrere, si dovrebbe prendere coscienza di una nostra globale condizione tragica e sentirci piuttosto come condannati al rogo che chiamano attraverso le fiamme.

    Questo asservimento credo sia principalmente alla base della demoralizzazione attuale e riguarda, appunto, una forma di cultura che si sottrae al preciso dovere di essere tale. Una cultura che non coincide con la vita e che è fatta per dettare legge alla vita.
    Per un artista l’arte, quando é vissuta con veritá, è l’unica, anche se silenziosa, forma di esistenza e di resistenza.
    Per la società, per quella cultura dell’ effimero di cui parlavo, l’arte che amiamo, che difendiamo e attraverso la quale ci opponiamo, cosi come la letteratura o la poesia, sono parole spesso dimenticate. Sono problematiche, pongono domande, non danno risposte, offrono solo dubbi. Per chi ha una responsabilità politica e quindi etica, tenerne conto, difenderle come un dovere e sentirle come un bene, significa accettare un rischio, nella consapevolezza che un bene spirituale è ricchezza, che “cultura” è essenza di benessere.
    Noi abbiamo bisogno di questa arte.
    L’arte deve ritornare ad essere arte, tornare a parlare al cuore dell’uomo.

    Nell’infanzia del tempo l’arte fu preghiera. Poco è rimasto di quella infinita bellezza.
    Ora non siamo più capaci nemmeno di pregare.
    Camminiamo come ciechi erranti tra la rovine."
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: 1.jpg‎ 
Visualizzazioni: 4 
Dimensione: 113.6 KB 
ID: 2787063  

  9. #529
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    33,269
    Mentioned
    205 Post(s)
    Quoted
    8263 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    questa merita di stare anche qui

    La tanto stimata casa d'asta propone una porcata colossale:
    LUCIO FONTANA (1899-1968), Concetto Spaziale (Teatrini) | Christie’s

    ma non si vergognano?

  10. #530

    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    6,587
    Mentioned
    215 Post(s)
    Quoted
    2204 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    questa merita di stare anche qui

    La tanto stimata casa d'asta propone una porcata colossale:
    LUCIO FONTANA (1899-1968), Concetto Spaziale (Teatrini) | Christie’s

    ma non si vergognano?
    No firma, no autentica, no buono...

Accedi