Al Bar dell'arte ter - Pagina 2
Fuga dal progetto Libra, buona o cattiva notizia per il Bitcoin?
Prima PayPal e poi a seguire a ruota Visa, Mastercard, eBay, Stripe, Mercado Pago e da ultimo Booking.com. Sta collezionando una defezione dietro l?altra il progetto Libra, la moneta virtuale …
Carrellata bilanci dal colossi di Wall Street: JP Morgan vince prima battaglia contro virata dovish Fed
Il margine di interesse netto di JP Morgan ce la fa, e cresce a dispetto della virata dovish della Federal Reserve: è in questo parametro (sigla NNI: net interest income) …
Umiliazione per l’ex star dei gestori: fine dei giochi per il fondo flagship di Neil Woodford
All'apice della sua storia, il fondo Woodford Equity Income Fund contava asset per un valore superiore a 10 miliardi di sterline. Ora vale appena 3,1 miliardi di sterline, e gli …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #11

    Data Registrazione
    Feb 2016
    Messaggi
    1,374
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    663 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da AM-Art Visualizza Messaggio
    Bello l'arazzone di Boetti.
    ... e le sedie di Kosuth? ( ne vedo solo due però...)

  2. #12
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    1,437
    Mentioned
    32 Post(s)
    Quoted
    615 Post(s)
    Potenza rep
    26761868
    Cambiando un po' discorso volevo chiedervi una cosa, ma senza mettere nomi di artisti...
    Mi e' capitato di trovare alcuni artisti, non proprio pivellini, anzi, che non hanno passaggi in asta (o pochissimi), ma hanno quotazioni stabili nelle gallerie (o in leggera crescita) e comunque di un certo rilievo. Come detto, non si tratta di pivellini anzi... ne' d'eta' ne' direi come lavoro...
    La mia domanda e' perche' non passano in asta? Quindi in sostanza perche' mercato primario si', ma secondario no?

  3. #13
    L'avatar di schiavo
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    2,524
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    191 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    chi ha le loro opere non sono ....speculatori !!!
    ma collezionisti che comprano per amore dell'Arte

  4. #14

    Data Registrazione
    Feb 2016
    Messaggi
    1,374
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    663 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da eelle25 Visualizza Messaggio
    Cambiando un po' discorso volevo chiedervi una cosa, ma senza mettere nomi di artisti...
    Mi e' capitato di trovare alcuni artisti, non proprio pivellini, anzi, che non hanno passaggi in asta (o pochissimi), ma hanno quotazioni stabili nelle gallerie (o in leggera crescita) e comunque di un certo rilievo. Come detto, non si tratta di pivellini anzi... ne' d'eta' ne' direi come lavoro...
    La mia domanda e' perche' non passano in asta? Quindi in sostanza perche' mercato primario si', ma secondario no?
    A mio parere: no mercato secondario..? No party!
    .

  5. #15
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    7,314
    Mentioned
    82 Post(s)
    Quoted
    3134 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Bell'argomento @eelle25!

    Da un lato @schiavo dice una cosa vera ossia che tantissime persone comprano per non vendere mai (ma prima o poi inevitabilmente accadrà!).
    Dall'altro lato penso che la stragrande maggioranza dei collezionisti compri in ogni caso un'opera per amore, il che può anche includere chi dopo anni decide di cedere un'opera per fare una upgrade dello stesso autore o di un altro autore.
    Io non comprerei mai un'opera che non amo o che non mi appaghi, ma magari dopo x anni posso anche pensare di fare un ulteriore salto di qualità, se ne ho la possibilità.
    Poi c'è certamente anche chi specula comprando oggi per rivendere domani, che poi corrisponde all'attività dei mercanti (pur se è svolta da alcuni "collezionisti").

    Io preferisco gli artisti che abbiano un mercato secondario, come scrive @zong.

    Gli artisti a cui si riferisce @eelle25 sono in alcuni casi artisti già anche ben affermati e trattati anche da ottime gallerie. In questo caso spesso succede che queste gallerie vendano solo a collezionisti che si impegnano a non mettere in asta questi artisti. Se uno compra da loro e dopo un anno o due mette l'opera in asta, quella galleria non gli venderà mai più un'opera. In pratica la persona viene esclusa dal giro della galleria. Più la galleria è importante e più viene messo in atto questo meccanismo.
    E' un sistema per "difendere" gli artisti in esclusiva, il loro mercato e le loro quotazioni.

    Personalmente il problema che vedo è che dopo x anni uno potrebbe anche trovarsi nella situazione di dovere o volere vendere quella data opera e in questo schema la cosa diventa piuttosto delicata, e nemmeno semplice, perchè poi nella realtà il punto è che quel dato artista non ha un mercato secondario quindi non si sa nemmeno quanto si vada a realizzare...
    Insomma, è un sistema che tutela e protegge molto sia l'artista che la galleria che ci costruisce sopra un lavoro anche importante e di qualità, però a conti fatti l'anello più debole secondo me è un po' il collezionista, soprattutto nel momento in cui considerasse di vendere.

  6. #16
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    1,437
    Mentioned
    32 Post(s)
    Quoted
    615 Post(s)
    Potenza rep
    26761868
    Citazione Originariamente Scritto da Biagio.tv Visualizza Messaggio
    Bell'argomento @eelle25!

    Da un lato @schiavo dice una cosa vera ossia che tantissime persone comprano per non vendere mai (ma prima o poi inevitabilmente accadrà!).
    Dall'altro lato penso che la stragrande maggioranza dei collezionisti compri in ogni caso un'opera per amore, il che può anche includere chi dopo anni decide di cedere un'opera per fare una upgrade dello stesso autore o di un altro autore.
    Io non comprerei mai un'opera che non amo o che non mi appaghi, ma magari dopo x anni posso anche pensare di fare un ulteriore salto di qualità, se ne ho la possibilità.
    Poi c'è certamente anche chi specula comprando oggi per rivendere domani, che poi corrisponde all'attività dei mercanti (pur se è svolta da alcuni "collezionisti").

    Io preferisco gli artisti che abbiano un mercato secondario, come scrive @zong.

    Gli artisti a cui si riferisce @eelle25 sono in alcuni casi artisti già anche ben affermati e trattati anche da ottime gallerie. In questo caso spesso succede che queste gallerie vendano solo a collezionisti che si impegnano a non mettere in asta questi artisti. Se uno compra da loro e dopo un anno o due mette l'opera in asta, quella galleria non gli venderà mai più un'opera. In pratica la persona viene esclusa dal giro della galleria. Più la galleria è importante e più viene messo in atto questo meccanismo.
    E' un sistema per "difendere" gli artisti in esclusiva, il loro mercato e le loro quotazioni.

    Personalmente il problema che vedo è che dopo x anni uno potrebbe anche trovarsi nella situazione di dovere o volere vendere quella data opera e in questo schema la cosa diventa piuttosto delicata, e nemmeno semplice, perchè poi nella realtà il punto è che quel dato artista non ha un mercato secondario quindi non si sa nemmeno quanto si vada a realizzare...
    Insomma, è un sistema che tutela e protegge molto sia l'artista che la galleria che ci costruisce sopra un lavoro anche importante e di qualità, però a conti fatti l'anello più debole secondo me è un po' il collezionista, soprattutto nel momento in cui considerasse di vendere.
    Ecco, questa estesa spiegazione mi piace molto. Lo terrò presente perché per esempio (ed ora faccio i nomi) Antonella Zazzera pur essendo meritevole ed avendo prodotto abbastanza non ha che pochissimi passaggi in asta. Questo mi fa pensare da un lato che chi la compra lo faccia mosso da vero interesse ma, allo stesso tempo, che non ha quella notorietà per cui si possa essere sviluppato un mercato secondario.
    Questo personalmente mi frena un po’ ad acquistare altre sue opere (per quanto ci pensi spesso). È questa la fase in cui buttereste il cuore oltre l’ostacolo? Perché ad aspettare consacrazioni museali tipo Documenta sono bravi tutti... Qual’è il vostro punto imprescindibile per il secondo acquisto o l’upgrade?

  7. #17
    L'avatar di Adriano.Meis
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    2,451
    Blog Entries
    2
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    637 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da eelle25 Visualizza Messaggio
    Ecco, questa estesa spiegazione mi piace molto. Lo terrò presente perché per esempio (ed ora faccio i nomi) Antonella Zazzera pur essendo meritevole ed avendo prodotto abbastanza non ha che pochissimi passaggi in asta. Questo mi fa pensare da un lato che chi la compra lo faccia mosso da vero interesse ma, allo stesso tempo, che non ha quella notorietà per cui si possa essere sviluppato un mercato secondario.
    Questo personalmente mi frena un po’ ad acquistare altre sue opere (per quanto ci pensi spesso). È questa la fase in cui buttereste il cuore oltre l’ostacolo? Perché ad aspettare consacrazioni museali tipo Documenta sono bravi tutti... Qual’è il vostro punto imprescindibile per il secondo acquisto o l’upgrade?
    nella situazione che descrivi, comprare più opere di quello/a stesso/a artista,
    dipende molto dalla fiducia che tu hai nelle
    capacità e intenzioni del gallerista,
    insieme all’obiettivo economico che ti poni tu

    altrimenti una singola opera, di qualità,
    rappresentativa, dovrebbe bastare (e avanzare )
    Ciao

  8. #18

    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    900
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    374 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    C'è un errore di fondo in questo ragionamento, ovvero pensare che esistano solo gallerie e case d'asta.
    Moltissimi scambi di opere d'arte di qualità (dimensioni, anno, provenienza, ciclo, ecc..) avvengono quotidianamente tra privati.
    Per poterle intercettare tuttavia è necessario rimboccarsi le maniche, fare conoscenze e stringere amicizie.
    La questione è più articolata di quanto sembri.

  9. #19

    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    900
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    374 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Quattro esempi banalissimi di artisti che seguo:
    - Tirelli
    - Nunzio
    - Spalletti
    - Nannucci

    Pensi che quello che gira realmente passi solo dalle case d'asta?

    Spesso funziona che Tizio si presenti ad un galleria (più spesso ad un mercante) per chiedere una specifica opera di un certo artista.
    Appena il mercante sa che Caio vuole liberarsi di un' opera con quelle caratteristiche ricontatta Tizio.
    Nel frattempo il mercante che qualche mese/anno prima aveva venduto quel pezzo a Caio glielo ricompra un prezzo "onesto" per rivenderla a Tizio con prezzo maggiorato, comunque sotto il prezzo di listino.
    Il mercante comunque ci guadagna evitando che le somme di denaro vadano ad una casa d'aste piuttosto che a lui.
    Il gallerista ci guadagna perché, se tratta proprio quell'artista, evita di "bruciare" un opera sul grande mercato con tutti i rischi connessi.
    Il venditore incassa e l'acquirente viene soddisfatto per la richiesta.

    In altri casi Tizio e Caio se la risolvono da soli con qualche incontro.

    Nelle case d'asta vanno le opere che nessuno richiede.
    Ultima modifica di Doctor83; 27-01-19 alle 03:39

  10. #20
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    7,314
    Mentioned
    82 Post(s)
    Quoted
    3134 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    @doc stai facendo un discorso giustissimo e di situazioni che avvengono continuamente.

    Però il tema sollevato da @eelle25 era relativo ad artisti sostanzialmente assenti dal mercato secondario. Mentre quelli che citi tu sono artisti già ampiamente storicizzati e che hanno una circolazione sul mercato secondario e anche dei passaggi nelle aste, magari con scambi limitati ma anche a fronte di produzioni limitate.

    Gli artisti a cui si riferisce @eelle25 sono tendenzialmente giovani emergenti con qualche grado di affermazione, con gallerie che li trattano in esclusiva le quali non li "distribuiscono" presso altri mercanti e non vogliono che le opere finiscano in asta, perchè in ogni caso non andrebbero a difenderli/ricomprarli - come è giusto che sia - ma che non vogliono queste situazioni di turbamento/disturbo sui proprio artisti.

    Ci sono diverse gallerie che lavorano in questo modo, e se tu poi (per qualsiasi motivo) vuoi rivendere o mettere in asta, poi da quella galleria non compri più...

Accedi