Auto d'epoca. Nuova serie. - Pagina 70
BCE lancia segnali di fumo, tassi ancora più giù? L’ago della bilancia sarà l’euro/dollaro
Giornata da dimenticare quella di ieri per i principali indici di Borsa che hanno registrato flessioni superiori al 2% a Wall Street e pesanti perdite hanno colpito anche l’Europa. La banca …
Da Unicredit una nuova emissione di Airbag Cash Collect Worst Of su panieri di azioni italiane e internazionali
È da oggi disponibile sul SeDeX e CertX di Borsa Italiana una nuova serie di 18 Airbag Cash Collect Worst Of Certificate firmata UniCredit che ha come sottostanti panieri di …
Tesla: per la prima volta in più di un anno utili deludono. Fatturato record per Apple, ma mercati vogliono di più
Tesla ed Apple sotto pressione a Wall Street dopo la diffusione dei risultati di bilancio relativi al quarto trimestre del 2020. Per la prima volta in più di un anno, …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #691
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,524
    Mentioned
    209 Post(s)
    Quoted
    1431 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    La Mangusta rappresenta per De Tomaso, la prima vera automobile stradale, fino al 1967, la casa aveva prodotto solamente auto di derivazione corsaiola come la Vallelunga.

    Alejandro De Tomaso in collaborazione con la carrozzeria Ghia e partendo da un progetto dell’americano Pete Brock, in quegli anni nello staff del team di Shelby, aveva approntato un prototipo che era la base della Mangusta.

    La carrozzeria disegnata da Giorgetto Giugiaro riciclava un progetto rifiutato dalla Iso Rivolta.
    Immagini Allegate Immagini Allegate Auto d'epoca. Nuova serie.-de-tomaso-675.jpg 

  2. #692
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,524
    Mentioned
    209 Post(s)
    Quoted
    1431 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Il motore era il Ford 289 da 4,7 litri che veniva elaborato dalla stessa De Tomaso per portarlo a raggiungere i 306 Cv.

    Ne produssero solamente 401 esemplari, dal 1967 al 1971.

    Auto d'epoca. Nuova serie.-cszlrkg.jpg

    Auto d'epoca. Nuova serie.-19932_rear_3-4_web.jpg

  3. #693
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,524
    Mentioned
    209 Post(s)
    Quoted
    1431 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Come abbiamo visto (e vediamo anche nella foto) la quasi totalità delle piccole case automobilistiche montava motori Ford V8 di grossa cilindrata, da 4.7 a salire.

    Considerando che erano ingombranti, pesanti, assetati di benzina e inferiori sotto quasi i tutti i punti di vista a quelli europei e soprattutto italiani perché tutti optavano per questo motore?

    Auto d'epoca. Nuova serie.-705185bade5b685a1e0c8593e911abbd.jpg

  4. #694
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,524
    Mentioned
    209 Post(s)
    Quoted
    1431 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    I motivi sono sostanzialmente 2:
    - La Ford poteva garantire e rispettare i tempi delle forniture richiesti e poche case automobilistiche a quel tempo potevano fare lo stesso.
    - I motori erano estremamente affidabili e semplici da manutenere, stessa cosa per il carburatore di solito unico.
    Questo perché non facendo giri (la grossa cilindrata consentiva di avere i cavalli necessari senza doverli aumentare) non andavano mai sotto sforzo.
    Non richiedevano le continue messe a punto dei più performanti, sofisticati e fragili motori italiani che con meno della metà della cilindrata sviluppavano in molti casi potenze maggiori (Ferrari Dino 206 S - Wikipedia).

    Auto d'epoca. Nuova serie.-unnamed-2-.jpg

  5. #695
    L'avatar di Kiappo
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    5,703
    Mentioned
    195 Post(s)
    Quoted
    1943 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Col coperchio del filtro dell'aria.. potevi cuocere una paella per 12 persone!!.. Ciao

  6. #696
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,524
    Mentioned
    209 Post(s)
    Quoted
    1431 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Sempre sui motori ricordo che manomettere il contachilometri è reato di truffa contrattuale e a confermarlo è stata una recente sentenza della Cassazione.
    Ciao!!


  7. #697
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,524
    Mentioned
    209 Post(s)
    Quoted
    1431 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Per l'autoradio non ci sono limitazioni, basta che funzioni...



  8. #698
    L'avatar di Kiappo
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    5,703
    Mentioned
    195 Post(s)
    Quoted
    1943 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Antipole Visualizza Messaggio
    Sempre sui motori ricordo che manomettere il contachilometri è reato di truffa contrattuale e a confermarlo è stata una recente sentenza della Cassazione.
    Ciao!!

    E io ti rispondo, per esperienza diretta, che basta portarlo a " riparare" con tanto di regolare fattura... purtroppo. Ciao

  9. #699

    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    1,426
    Mentioned
    65 Post(s)
    Quoted
    716 Post(s)
    Potenza rep
    21419400
    Citazione Originariamente Scritto da Antipole Visualizza Messaggio
    Sempre sui motori ricordo che manomettere il contachilometri è reato di truffa contrattuale e a confermarlo è stata una recente sentenza della Cassazione.
    Ciao!!

    Forse sarebbe da postarlo in un 3d molto in voga in questi giorni 😉

  10. #700
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    7,524
    Mentioned
    209 Post(s)
    Quoted
    1431 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    La Tuscan è la seconda auto costruita dalla TVR durante l'era di Martin Lilley a capo della casa automobilistica dal '67 al '71.

    Venne costruita in due versioni equipaggiate con motore Ford V8 e V6; durante gli anni di produzione furono costruiti un totale di 174 esemplari.

    Auto d'epoca. Nuova serie.-unnamed-3-.jpg

Accedi