Christo Parte II - Pagina 198
Le opportunità in Borsa: Caso Evergrande e stagione trimestrali
È da oggi disponibile il nuovo numero di ?Le opportunità in Borsa?, la quindicinale dedicata a consulenti finanziari ed esperti di Borsa. Torna il buonumore sulle principali borse internazionali, che …
Inflazione climatica: ecco quanto sarebbero schizzati in alto i prezzi considerando le emissioni di CO2
Se i prezzi al consumo negli ultimi 50 anni avessero incluso il costo delle nostre emissioni di CO2, avremmo dovuto assistere a un rialzo sui prezzi del 50%. La stima …
IG Italia presenta IG Trading Night con ospite speciale Mario Seminerio, l’evento dedicato alle strategie sui mercati azionari
IG Italia lancia l?evento digitale ?IG Trading Night? che si terrà il 16 novembre a partire dalle ore 17:30. L?obiettivo dell?evento, trasmesso in diretta streaming, sarà quello di approfondire le …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1971
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,394
    Mentioned
    199 Post(s)
    Quoted
    8023 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Biagio.tv Visualizza Messaggio
    Ma questo chi l'ha scritto la signora Mariuccia della Latteria allora?

    Quale sarebbe l'archivio a cui ti riferisci, quello che non esiste?

    .
    perché hai omesso quanto ho scritto?

    la versione mia era :
    "ho sempre pensato che un archivio, fondazione, artisti & "studi" gestiti dagli eredi
    non dovrebbero occuparsi di commercializzare le opere e di mescolarsi nel mercato"

    quindi mi riferivo sia allo studio che all'artista stesso, suvvia.

    vabbè, vedrò anche io di fare copia incolla dei tuoi interventi rimuovendone parte di essi.

    Ultima modifica di Alessandro Celli; 13-09-21 alle 22:08

  2. #1972

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    126
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    117 Post(s)
    Potenza rep
    8015877
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    perché hai omesso quanto ho scritto?

    la versione mia era :
    "ho sempre pensato che un archivio, fondazione, artisti & "studi" gestiti dagli eredi
    non dovrebbero occuparsi di commercializzare le opere e di mescolarsi nel mercato"

    quindi mi riferivo sia allo studio che all'artista stesso, suvvia.

    vabbè, vedrò anche io di fare copia incolla dei tuoi interventi rimuovendone parte di essi.


    BASTAAAAAAAA!

    Ti prego torna a scrivere di Paolini.

    Non ne possiamo più.

    Grazie

  3. #1973

    Data Registrazione
    Aug 2020
    Messaggi
    260
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    131 Post(s)
    Potenza rep
    4284113
    Citazione Originariamente Scritto da IlCastigatore Visualizza Messaggio
    BASTAAAAAAAA!

    Ti prego torna a scrivere di Paolini.

    Non ne possiamo più.

    Grazie
    TI PREGO ALESSANDRO CONTINUA A SCRIVERE QUELLO CHE VUOI,SONO SICURO CHE NEL FORUM OLTRE A ME CI SONO TANTE ALTRE PERSONE CHE APPREZZANO.

  4. #1974
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    7,153
    Mentioned
    325 Post(s)
    Quoted
    3352 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    ragazzi, Christo ha sempre avuto poca fiducia in tutte le operazioni collegate con la sua arte.
    Ha sempre avuto il suo listino e vendeva le sue opere anche hai privati.
    Il contatto era artista, collezionista.
    La mancanza di fiducia deriva dall'esperienza a Kassel.
    Non ha mai voluto sponsorizzazioni pubbliche.
    Quindi non ha mai voluto avere una galleria di riferimento.
    Non ha mai avuto un mercante con un canale preferenziale.
    Il suo listino è sempre stato più alto delle battute medie in asta.

  5. #1975
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,405
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    162 Post(s)
    Quoted
    4552 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    perché hai omesso quanto ho scritto?

    la versione mia era :
    "ho sempre pensato che un archivio, fondazione, artisti & "studi" gestiti dagli eredi
    non dovrebbero occuparsi di commercializzare le opere e di mescolarsi nel mercato"

    quindi mi riferivo sia allo studio che all'artista stesso, suvvia.

    vabbè, vedrò anche io di fare copia incolla dei tuoi interventi rimuovendone parte di essi.

    Non sarei più intervenuto, ma farmi passare per uno che ha omesso quanto avresti scritto, caro Ale, anche no...

    Il post qui sotto lo hai scritto tu, non un alieno.

    Christo Parte II-christo-brixia.jpg

    Questo post contiene una abnorbe falsità: non esiste nessun "ente - archivio Christo", che pertanto non può gestire alcunchè.
    Non è dunque un tema di "confronto di opinioni o punti di vista", semplicemente una tendenziosa falsità.

    E, per aggiungere ulteriore confusione e polemica hai scritto anche questo:

    Christo Parte II-christo-brixia-2.jpg

    Ecco, io sono convinto che, prima del mio intervento chiarificatore del funzionamento delle strutture legate a Christo tu ignorassi completamente le modalità di gestione e "chi facesse cosa", e ti fossi fatto un'idea del tutto errata su cui poggiare i soliti teoremi anti-archivi/fondazioni, ma se invece tu ne fossi stato a conoscenza (come ora sostieni) sarebbe addirittura peggio, perchè se sapevi che il proprietario delle opere sono gli eredi e che quindi sono loro che vendono tramite lo studio, ed eri quindi ben consapevole dell'estraneità di archivio (inesistente) e fondazione (nemmeno ancora operativa), allora volere a tutti i costi sollevare insinuazioni su gestioni mirabolanti da parte di attori che sapevi del tutto estranei è veramente a quel punto puramente denigratorio.
    O l'una o l'altra.

    In ogni caso entrambe basate su affermazioni false, come del resto quella riportata qui sotto nel post #1950

    Christo Parte II-christo-brixia-3.png

    Qui hai scritto testualmente "se il listino cosiddetto "ufficiale" è dettato da Matthias Koddenberg": ma anche questa è una cosa del tutto campata in aria e priva di senso. E nuovamente si pongono le due alternative sopra, ossia o ignori e scrivi strafalcioni, o sai che ciò che scrivi non è vero ma lo scrivi ugualmente.

    Matthias Koddenberg è uno storico COLLABORATORE che fin da giovane ha partecipato all'attività dello Studio Christo, fino a diventare una persona di fiducia di Christo, forse addirittura quasi uno di famiglia.
    Ha organizzato esposizioni, scritto testi, curato cataloghi importanti - incluso quello generale sulle edizioni - è stato uno dei referenti per le archiviazioni ed è anche una delle persone che seguivano le vendite dirette a collezionisti / galleristi / musei.
    Personalmente mi sono interfacciato con Matthias in più occasioni (e come me altri forumisti), non per comperare ma per avere dei chiarimenti su alcune opere anche sotto il profilo del pensiero di Christo, e all'interno dello Studio è sempre stato un punto di riferimento estramamente preciso, gentile e competente.
    E' chiaro che in ogni caso è pur sempre un collaboratore.
    E i "listini" non li "detta" un collaboratore, come nemmeno gli altri membri dello Studio.
    Sarebbe come se in un'azienda i prezzi li potessero stabilire e variare o "dettare" i dipendenti. Evidentemente non funziona così.
    Ma per qualche motivo incomprensibile, sempre teso a svilire gratuitamente, si vuole far passare l'idea che Matthias "detti" un listino.

    Ora, è bello e va benissimo confrontarsi su temi in cui si possano giustamente contrapporre opinioni diverse. Una cosa piace a uno a un altro no, uno la comprende l'altro la detesta ecc.
    Ma una cosa sono le opinioni, un'altra le cose obiettivamente false.
    Una differenza abissale.

    Siccome siamo su un forum, che attualmente è ancora considerato un punto di riferimento nel settore dell'arte contemporanea, scrivere cose false è deligittimante non solo degli artisti ma del forum stesso.
    Scrivere cose false - che sia per mancanza di conoscenza o in cattiva fede - non si dovrebbe fare.
    Questo mi pare piuttosto semplice da capire.

    E onestamente non è nemmeno per niente bello vedere leggere o frequentare un forum dove una costante è la denigrazione tramite presunta moralizzazione di artisti che non piacciono o che non si è fatto a tempo a comperare.
    C'è chi detesta alcuni artisti e non manca di dedicare il suo tempo ad ogni occasione a cercare di sminuirli piuttosto che contribuire in positivo sui propri.
    Ma questo è un dato di predisposizione caratteriale che - evidentemente - tocca accetterare, ma per lo meno, visto che lo si deve sopportare e ciò impedisce agli appassionati di intervenire perchè si generano sempre polemiche, che questi attacchi siano basati su cose vere e non su insinuazioni gratuite o cose non false.
    In tempi recenti è stato pure scritto a discredito della Fondazione Manzoni che avrebbe venduto l'Archivio ad Hauser & Wirth e che fosse la galleria a gestirlo... ma fino a che punto può arrivare questo tipo di discredito su un forum pubblico?

    Un po' di responsabilità ci vuole, e a maggior ragione da parte di chi frequenta il forum da tanti anni e dovrebbe ben capire che ciò che si scrive rimane su internet ed ha un suo peso e che chi legge non sempre ha gli strumenti per distinguere una cosa vera da una falsa.
    Se non mi fossi preso io la briga e il tempo di rettificare a tutti questi interventi contenenti disinformazione pura, ora su Christo e prima su Manzoni e quante volte su Boetti, ora sarebbero rimasti lì senza contraddittorio e presi per buoni da chi legge.

    Tutto questo, al di là di tutto, togliendo tempo e spazio alla condivisione di informazioni, immagini, aggiornamenti, scambi di opinione su opere, avvenimenti, notizie tra appassionati, che chiaramente leggono ma non mettono nemmeno la mano sulla tastiera perchè comprensibilmente viene meno ogni voglia di intervenire.
    Cosa per altro, venuta meno anche al sottoscritto (lo so che qui ci sarà chi di questo si sentirà anche sollevato, e va benissimo anche questo).

    Stamattina volevo scrivere qualcosa sulla mostra di Boetti da Tornabuoni che inaugura oggi, volevo condividere due iniziative su Christo, invece tocca dibattere su polemiche buttando via il proprio tempo su cose deleterie. Perchè poi, anche quando uno condivide, finisce che sotto si ritrova la polemicuccia, la faccina di riprovazione, il commentino ecc e gli appassionati e collezionisti - che sul Fol ci sono - giustamente perdono stimolo a scrivere, e in parte anche a leggere.

    Quindi, detto questo, e avendo buttato fin troppo tempo dalla finestra, auguro una buona giornata a tutti e me ne torno in campagna.

  6. #1976
    L'avatar di techne
    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    2,120
    Mentioned
    101 Post(s)
    Quoted
    750 Post(s)
    Potenza rep
    36135046
    Citazione Originariamente Scritto da IlCastigatore Visualizza Messaggio
    BASTAAAAAAAA!

    Ti prego torna a scrivere di Paolini.

    Non ne possiamo più.

    Grazie
    Hai evidenziato quello che, almeno per me, è uno dei più grossi ostacoli rispetto alla voglia di scrivere. Il fatto che sia abbastanza evidente che la cointeressenza finanziaria sia di impulso a situazioni, per dire, dove ad un dialogo sereno, basato sul confronto, sulla volontà di capire (visto che nessuno degli interlocutori è messo "sotto accusa", per dire) si sostituisce una roba che mi suona in modo così simile "Mi stai dando fastidio, vai a (s)parlare del tuo Artista....
    Peccato si sia arrivati a tanto

    Comunque, nel merito del discorso, sarò ignorante anch'io , ma non è che poi mi sia tutto sto gran chiaro il concetto per cui esisterebbero listini che contemplerebbero "margini".... per galleristi che, sulla carta, neppure esistono, eh....
    Poi se se ne vuole parlare civilmente è un conto, altrimenti (come ho visto che il discorso viene vissuto solo come un "affronto" ) la mia è e resta una mera constatazione

    Credo che già quando si senta il bisogno di mettersi sulla difensiva, qualsivoglia opinione o pare espresso manchi di quel disinteresse da cui scaturiscono i confronti da cui ci si può arricchire

  7. #1977
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,394
    Mentioned
    199 Post(s)
    Quoted
    8023 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da e già Visualizza Messaggio
    TI PREGO ALESSANDRO CONTINUA A SCRIVERE QUELLO CHE VUOI,SONO SICURO CHE NEL FORUM OLTRE A ME CI SONO TANTE ALTRE PERSONE CHE APPREZZANO.
    Citazione Originariamente Scritto da techne Visualizza Messaggio
    Credo che già quando si senta il bisogno di mettersi sulla difensiva, qualsivoglia opinione o pare espresso manchi di quel disinteresse da cui scaturiscono i confronti da cui ci si può arricchire
    Ringrazio e consiglio al resto del gruppo di fare un bell'abbonamento ad Arte Mondadori se non a qualsivoglia di rivista patinata e pettinata dagli sponsor del mercato dove non rischierete di leggere boiate e nemmeno contraddizioni del mercato.

    Io, finché non mi banneranno a vita, continuerò a rompere le balle, pure su Lucio Fontana, Ugo La Pietra, Baruchello, Paolini od azionismo viennese, qualora avessi perplessità da esprimere.


  8. #1978
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,394
    Mentioned
    199 Post(s)
    Quoted
    8023 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Ieri per testare il mercato sono entrato in una concessionaria e ho chiesto il costo di una Bmw X6.
    Il rivenditore mi ha detto elegantemente che di listino ufficiale sono circa 106 mila euro, poi dipende dagli optional, vabbè.

    Allora gli ho chiesto se volessi comprala direttamente alla “fabbrica bavarese di motori" di Monaco di Baviera, mi farebbero uno sconto?

    Non riesco ancora a comprendere per quale motivo mi ha dato un calcio nel sedere e mi ha fatto accompagnare elegantemente alla porta.
    ‘sti listini ufficiali …

    si scherza dai
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Christo Parte II-1.jpg  
    Immagini Allegate Immagini Allegate Christo Parte II-aiuto.jpg 

  9. #1979
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,405
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    162 Post(s)
    Quoted
    4552 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da techne Visualizza Messaggio
    Hai evidenziato quello che, almeno per me, è uno dei più grossi ostacoli rispetto alla voglia di scrivere. Il fatto che sia abbastanza evidente che la cointeressenza finanziaria sia di impulso a situazioni, per dire, dove ad un dialogo sereno, basato sul confronto, sulla volontà di capire (visto che nessuno degli interlocutori è messo "sotto accusa", per dire) si sostituisce una roba che mi suona in modo così simile "Mi stai dando fastidio, vai a (s)parlare del tuo Artista....
    Peccato si sia arrivati a tanto

    Comunque, nel merito del discorso, sarò ignorante anch'io , ma non è che poi mi sia tutto sto gran chiaro il concetto per cui esisterebbero listini che contemplerebbero "margini".... per galleristi che, sulla carta, neppure esistono, eh....
    Poi se se ne vuole parlare civilmente è un conto, altrimenti (come ho visto che il discorso viene vissuto solo come un "affronto" ) la mia è e resta una mera constatazione

    Credo che già quando si senta il bisogno di mettersi sulla difensiva, qualsivoglia opinione o pare espresso manchi di quel disinteresse da cui scaturiscono i confronti da cui ci si può arricchire
    Cara Techne, molto serenamente e pacatamente, dissento da buona parte di quanto hai scritto. Ma pacamentissimamente!
    Perdonami, ma anche questa cosa della "conteressenza finanziaria" è tutta un film, se uno ha un'opera di un artista o nessuna non cambia nulla in una conversazione, a prescindere che uno scrivendo dei post non diventa nè più ricco nè più povero. Ma nemmeno se ne ha dieci. Il forum è molto seguito ma non determina nulla in termini di mercato. ZERO.
    Non cambia nulla di nulla, altrimenti basterebbe scrivere dei post e diventeremmo tutti ricchi e tutti gli artisti di cui scriviamo sarebbero alle stelle.

    Il punto è che un confronto lo si può avere, e lo si è avuto tante volte a partire da temi. E' invece evidente che se uno scriva delle cose false (purtroppo è così, che ti devo dire) che confronto vuoi fare? Uno fa notare che sono false, e si chiede il perchè di tali affermazioni denigratorie.
    A maggior ragione è piuttosto "curioso" che tale disinformazione venga fatta su artisti di cui non si è appassionati e non si hanno in collezione.
    Per te invece se uno scrive che il sole è verde ed è gestito da un archivio che non esiste, dovremmo forse aprire un dibattito? Ma anche no...
    E se uno fa notare che è giallo e che non è gestito da archivi questo sarebbe "mettersi sulla difensiva"? Ma no Techne, è fare chiarezza conoscendo le cose. Semplicemente.

    Vedi, uno dei punti centrali di un forum è che tendenzialmente ci sono persone "specializzate" su qualcosa e che ne sanno più degli altri, e queste dovrebbero essere una risorsa in quel determinato ambito per l'altra parte dei partecipanti, ossia per quella che ne sa meno e teoricamente dovrebbe partecipare nell'ottica di capire qualcosa in più.

    Invece per qualche inspiegabile motivo - e faccio un ragionamento generico - spesso accade il contrario, ossia che chi ne sa meno su un artista o su un meccanismo, non solo non sia minimamente interessato ad ampliare le proprie conoscenze ma addirittura pensi di poterne sapere di più, magari non avendo nemmeno letto un libro in merito, non collezionando in generale, non collezionando uno specifico artista o non essendone appassionato.

    Per fare un esempio invece "specifico" rispetto a quanto tu scrivi, non c'è nulla di male a dirsi ignoranti, perchè vuol dire semplicemente non sapere delle cose. E nello specifico appunto, non le sai, pacatamente e serenamente.
    Se provo a spiagarti delle cose, lo interpreti come "mettersi sulla difensiva"? Boh, ci provo comunque.

    Partiamo da un concetto base, che evidentemente si dà per scontato: tutti gli artisti che si definiscono tali hanno un listino ufficiale. Tutti. Ormai anche quelli appena usciti dall'Accademia.
    Faccio un esempio: un'opera 50x50 costa 1000 euro, una 100x100 2.000 euro ecc.
    Questo vale sia per gli artisti che hanno delle gallerie che artisti che non ne hanno. Anche i "nostri" artisti forumisti hanno certamente dei parametri di vendita che hanno stabilito.
    Quindi abbiamo un primo concetto: ogni artista ha un listino.
    Spero che fino a qui ci siamo.

    Passo successivo: gli artisti che lavorano con delle gallerie hanno dei "listini al pubblico" e dei "listini per le gallerie".
    Forse è un po' più complesso da afferrare ma basta considerare che un gallerista non può ovviamente comprare e vendere al medesimo prezzo.
    Ergo, a fronte del lavoro che svolgono nei confronti dell'artista e a fronte di un accordo economico prestabilito (es. "ti compro tot quadri l'anno e ti faccio una mostra l'anno e un catalogo" ecc), hanno un margine (variabile in base all'accordo) rispetto al listino al pubblico.
    Questo funziona per tutti gli artisti e per le gallerie con cui hanno rapporto diretto.
    Esempio: listino ufficiale al pubblico di Jeff Koons per una scultura è 1 milione di dollari, Gagosian la proporrà a 1 milione ma la pagherà ovviamente meno in base agli accordi.
    Il prezzo di listino per quella scultura sarà sempre di 1 milione in tutte le gallerie che lavorano direttamente con Koons.
    Ci siamo? Sono riuscito a spiegarmi?

    Interessa approfondire ulteriormente nello specifico per quanto riguarda Christo?
    Ecco qui:
    Come tutti gli artisti (ripeto: tutti...) Christo ha da sempre avuto dei listini ufficiali.
    Non capisco di cosa ci si meravigli visto che è una cosa che dovrebbe essere ovvia, visto che un listino ce l'ha chiunque esca dall'Accademia.
    Ci siamo?

    L'errore piuttosto comune che fa chi non conosce Christo, e che fai anche tu, è pensare che non esistano dei galleristi.
    Invece, Christo ha SEMPRE lavorato con delle gallerie. Sempre. Appunto, come tutti gli artisti.
    La differenza è semplicemente che Christo non ha mai firmato contratti di esclusiva con nessuna galleria.
    Ma questo concetto è completamente diverso dal pensare che non abbia avuto delle gallerie, perchè in effetti ha lavorato e collaborato con decine di gallerie negli anni.
    Ma nessuna di queste ha mai potuto gestire il suo lavoro perchè era lui a volerlo fare: voleva essere libero di scegliere che tipo di opere fare, quante farne, di che soggetti ecc.
    Invece, per quanto riguarda il normale percorso di tutti gli artisti affermati, un contratto comporta forti decisioni da parte della gallerie, con un numero di opere e formati stabiliti, impegni costanti e tutte le altre scadenze e rapporti tipici di un contratto.
    Sono riuscito a spiegare questo passaggio?

    Riassumendolo: Christo ha sempre avuto collaborazioni - anche lunghe decenni - con alcune gallerie ma con cui non ha mai avuto contratti gestionali.
    Se gli proponevano una mostra, o una partecipazione ad una fiera, la valutava e decideva lui come impostarla, altrimenti passava oltre.
    Queste gallerie proponevano le opere di Christo in base ai listini ufficiali.
    E ai medesimi listini ufficiali Christo dava la possibilità anche a privati collezionisti e musei di acquistare direttamente presso lo Studio (non per rintuzzare la precedente polemica, ma: senza alcun tramite di "enti archivio" o "enti fondazioni", esattamente come è tutt'ora. IDENTICO).
    In questo modo, un'opera 50x70 costava "tot" sia da Christo che presso le gallerie con cui collaborava (che ovviamente compravano ad un listino scontato, vedi esempio Koons / Gagosian di poco sopra).

    Esattamente come tutti gli artisti, Christo ha sempre avuto un listino al pubblico (da scontare per le gallerie con cui collaborava), la differenza è che lui NON voleva avere rapporti contrattuali e gestionali con nessuno, quindi per essere libero non ha mai voluto avere una galleria che lo gestisse, e ha scelto di poter proporre lui direttamente le sue opere a collezionisti e musei, a parità di listino ufficiale.

    Forse quest'ultimo è il pezzo un po' più complicato da afferrare allora lo sintetizzo:
    - No contratti con gallerie per gestione.
    - Si collaborazioni con gallerie (mostre, fiere ecc)
    - Si listino ufficiale al pubblico con vendita opere tramite alcune gallerie
    - Si listino ufficiale al pubblico (medesimo listino!) anche con vendita diretta
    - Si evidentemente a sconto sul listino per le gallerie con cui collaborava, come è normale per tutti gli artisti.

    - I proventi della vendita dei collages di Christo veniva utilizzata per finanziare le Grandi Opere oltre chiaramente al mantenimento dello Studio.

    In tutto questo, parliamo di un uomo e una donna che con le sole loro forze sono riusciti a mettere in piedi un sistema libero, con un flusso di denaro più che rilevante, che ha consentito loro di gestire direttamente la loro Arte come meglio credevano. Se decidevano di impacchettare qualcosa di monumentale e non ci riuscivano o non ne avevamo più desiderio, passavano ad altro.
    Il loro mercato lo hanno fatto loro.

    Ultimo passaggio, sperando gli altri siano stati metabolizzati:
    ora che Christo e JC non ci sono più, evidentemente l'eredità non solo artistica / storica ma anche l'eredità materiale (tra cui le opere) confluiscono nell'Estate e sono altrettanto evidentemente gestite da chi questo patrimonio ha ereditato.
    Le opere sono pertanto degli Eredi - non di fondazioni o archivi inesistenti... - che, nel caso specifico della vendita, stanno replicando in copia carbone nè più nè meno il metodo di Christo e JC.
    Ripeto a scanso di equivoci: STESSO METODO DI CHRISTO E JC.
    Cambia solo il proprietario, ma la vendita è al momento identica a prima: si può passare tramite lo Studio (come prima!) o contattare le gallerie che hanno rapporto diretto. In entrambi i casi il listino al pubblico sarà il medesimo.


    ***integrazione post pubblicazione:
    Altro tassello importante è che, non essendoci più Christo e JC ed essendo venuta meno conseguentemente quella libertà creativa e quella gestionale, tenuta fino a poco fa "in proprio", ossia ora che - purtroppo! - non ci saranno più collages da realizzare nè ulteriori Grandi Installazioni (se non oltre l'Arco, ipoteticamente la Mastaba di Abu Dhabi), ma piuttosto c'è da un lato la valorizzazione del percorso storico-artistico e dell'altro quella del patrimonio di opere, d'ora in avanti l'ulteriore possibilità è che è pensabile una gestione delle opere in accordo con degli operatori di mercato.
    Non evidentemente perchè "ora che loro non ci sono, facciamo come vogliamo", ma perchè appunto essendo ahimè il percorso conchiuso e non essendoci più i due artisti, viene meno anche la loro necessità di libertà creativa e gestionale.
    Inizia una fase nuova.
    Ripeto, è una possibilità, non è detto se o quando ciò possa accadere.
    Personalmente auspico che ciò accada, perchè questo sarebbe finalmente anche un riconoscimento in termini di collocazione di mercato che potrebbe contribuire ad avvicinare il famoso rapporto "costo - valore".
    E una gestione continuativa da parte di una o più gallerie con importanti investimenti darebbe anche una visibilità chiaramente differente.
    Ad ogni modo queste sono cose che si vedranno nel tempo.


    Si capirà quindi che quando uno che tutte queste cose le sa, e si trova a leggeggere delle baggianate - perchè ahimè di questo si tratta, nè più nè meno - tipo fantomatiche gestioni o vendite tramite archivi (che non esistono) o fondazioni (appena costituite e che non gestiscono alcuna vendita), c'è poco da fare un confronto trattandosi di falsità.
    E a me caratterialmente dà estremamente fastidio che si scrivano falsità. Sarò io particolare, può essere, ma sono fatto così.
    E tornando al tuo incipit, nulla c'entrano soldi o mettersi sulla difensiva o altro: se fossi appassionato di Teomondo Scrofalo e costasse 1 euro e qualcuno scrivesse analoghe falsità, la mia modalità di intervento sarebbe la medesima, ossia riaffermare la verità.
    Non la "mia verità" o quella che può forse emergere su certi temi in un dibattito, ma la "verità oggettiva". Se un ente archivio non esiste, non c'è.
    Nelle cose della vita ci sono cose su cui dibattere e poi cose o vere o false. Non è che se uno sostiene che i sassi hanno le ali uno per dire che è falso debba prevedere un dibattito. Se poi è un esperto di quel settore, magari un geologo o un appassionato di pietre, forse di sassi ne capirà di più di uno che pensa che i sassi abbiano le ali.
    Eppure cose così semplici qui diventano oggetto di dietrologie. Eh, ma è una difesa, chissà che intetresse avrà a dire che è falso che i sassi hanno le ali, probabilmente un interesse finanziario... si apra il confronto. Mah. (faccina di costatazione).

    A questo aggiungo che - e sarà un ulteriore mio deficit caratteriale - ma non riesco a capire il senso di una partecipazione volta perentoriamente a porre insinuazioni o a denigrare o a polemizzare, o a fare disinformazione nei 3D di artisti che uno non ama, e non colleziona.
    Ormai queste cose le sopporto con estrama fatica. Ma proprio estrama.

    Io scrivo con passione di artisti di cui sono appassionato. Non necessariamente prendendo tutto per buono, nè mi piacciono nemmeno tutte le opere realizzate dai miei artisti preferiti. Ma quando scrivo qualcosa, sinceramente oltre alla passione ci metto anche la competenza.
    E oltre a quella, studio, mi informo, mi documento su tutto quello che succede.
    Poi arrivo qui, ho desiderio di condividere con la community alcune cose di cui sono venuto a conoscenza - che sia un listino o una mostra o altro - e arriva l'ennesima polimica, in questo caso di Ale, che non è appassionato di Christo (anzi), e in risposta di un incremento del listino, ottimi segnali collezionistici, Arco di Trionfo in fase di completamento, nuove mostre eccetera e tocca leggere analogie tra Christo e la Latteria della signora Maria, più tutto il resto.

    Capisci -o forse no, non so- che è parecchio sconfortante. Ed è ogni volta così.
    Su Boetti e Christo, Christo e Boetti. Mai una volta che succedesse su Prini o Paolini.
    O magari su Schifano...
    No, invece di prendere ad esempio le cose gestite bene, si va a rintuzzare proprio lì. E la faccina, e la battutina, e la frecciatina, e la dinsinformazione, e il "detto non detto". Fosse per ridere, naturalmente ci starebbe, ma c'è sempre quella puntina di veleno che a piccole dosi quotidiane ricorda quella del film Notorious.
    Per me è un atteggiamento incomprensibile. Per altri sarà normale, ma per me non è normale.

    Del resto, se gli appassionati di Christo - e ce ne sono diversi sul forum, tra cui anche dei collezionsti che le opere le hanno, e con cui per lo meno ho il piacere di sentirmi in privato - sono spariti da queste pagine e non intervengono più proprio nel momento di massimo climax con l'Impacchettamento dell'Arco di Trionfo, è perchè in questo modo viene proprio meno la voglia, e siamo rimasti in pochi a dedicare del tempo o spesso a buttarlo.

    Anche questo 3D, che ho scritto con impegno, sarà stato tempo ben speso o più probabilmente buttato?
    Forse, e me lo augurerei, ben speso per quelli che non sapevano esattamente come funzionasse il sistema Christo e che avevano desiderio di approfondire.
    Buttato certamente per quelli a cui di Christo non interessa nulla, a cui entra da un'orecchia ed esce dall'altra.

    Del resto, in quanti saranno a leggere tutta questa pappardella? Pochi o nessuno.

    E dunque: avanti con la prossima polemica dei non appassionati o di quelli a cui dà addirittura fastidio che un artista abbia successo, o che lo abbiano dei collezionisti.
    Tic toc, tic toc...

  10. #1980

    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    363
    Mentioned
    37 Post(s)
    Quoted
    190 Post(s)
    Potenza rep
    9119018
    Qualcuno sa se sia possibile conoscere i lavori, con le relative stime, dell'asta di Sotheby's sui lavori di Christo che parte il 17 settembre? sul sito dell'asta vi è solo una presentazione generica..

Accedi