Lettura di un'opera - Pagina 4
Magic Johnson e il patrimonio stellare costruito dopo il ritiro, ma rimpiange l’assist per un affare d’oro rifiutato a 19 anni
Leggenda vivente del basket, Earvin Johnson Jr, conosciuto come Magic Johnson, vanta un patrimonio netto di 600 milioni di dollari. L?ex stella dei Los Angeles Lakers ha vinto cinque titoli NBA, …
Tassi negativi, di chi è la colpa? La risposta in un grafico che mostra una correlazione sbalorditiva
Sono aumentati dai minimi registrati ad agosto i rendimenti delle obbligazioni sovrane della zona euro ma rimangono fermamente in territorio negativo. Di chi è la colpa? E’ opinione diffusa puntare …
Posizioni nette corte: UBI Banca è ancora il più shortato di Piazza Affari, esce Tenaris
Dall?aggiornamento di oggi di Consob sulle posizioni nette corte (PNC) si apprende che il titolo più shortato a Piazza Affari è UBI Banca con 7 posizioni short aperte per una …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

AA
  1. #31

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    933
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    436 Post(s)
    Potenza rep
    29434662
    Oramai scrivo in inglese, ma la differenza fra "a piece of news and a piece of fake news" sta nei dettagli e nell'ignorare l'arena in cui la battaglia culturale si combatteva in quei tempi di guerra fredda.
    Gli americani hanno combattuto finanziando l'avanguardia!
    Portami un altro esempio.

  2. #32
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    28,051
    Mentioned
    153 Post(s)
    Quoted
    5854 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    avanguardia? aria fritta, che peraltro impararono dai francesi, dai.

    Altro esempio, eccome

    me lo scrisse personalmente Pierpaolo Calzolari:

    "Guarda che è continuata con Kennedy Castelli e la pop . Anzi in quel momento si realizza in pieno il progetto iniziale
    messo a punto 4 anni prima della fatidica biennale veneziana .
    Chiariamo i meriti c'erano
    da parte di alcuni artisti americani e di critici come Rosemberg.
    ma la enorme spinta mediatica della macchina
    USA distrusse valori o mise in secondo piano artisti come Klein il giovane poeta Arman ( strano a dirsi ma la prima produzione di Arman era portatrice di grande poesia) o addirittura remasse contro e cercasse, con risultato! E con l'aiuto del carattere dell'artista stesso, di sotterrare Burri.
    Per finire il Kennedy - Castelli trip continuo' anche con il concettuale ,
    Distribuendo opere e acquisti in una realtà' culturale europea ormai colonizzata e provinciale !
    Laddove cultura di sinistra e ricca borghesia in comune stato domestico danzavano assieme."

  3. #33

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    933
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    436 Post(s)
    Potenza rep
    29434662
    Scusa, stavo leggendo l’unità d’Italia sul times :-)
    Dunque, Burri ...
    “But also there are at the extreme the collage of vari-textured burlap and glue by the Italian Alberto Burri who, we are told, was a prisoner of war in Texas and gave up surgery for art. Evidently he uses to the full his professional knowledge of sutures and seems to be philosophically the most indisputably solipsistic artisan in the group in his statement" Howard Devree NYT “Whitney acquisitions" 13 dicembre 1953.

    “Alberto Burri in his latest example has abandoned rag and burlap for a collage of oil tempera and thin slightly scorched wood!” Howard Devree NYT “The Guggenheim shows new acquisitions" 16 giugno 1957

    Per Arman, dal poco che ho letto, il giudizio è più o meno questo: piace nel 1962 “and new names such as Fernandez Arman, with two successes in three tries” (scrive Brian O’Doherty in riferimento a the new realists, ignoro quali siano le altre due occasioni*); nel 68 (sempre Janis gallery) il giudizio è ancora positivo ma il ricorso eccessivo alla parodia non convince “the parodist who ends in being seduced by the very practices he sets out to expose is no longer a parodist - he is a comic victim" conclude l’articolo Hilton Kramer il 19 maggio 68.
    * Forse si riferisce a due opere su tre.

  4. #34
    L'avatar di Loryred
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    4,029
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    2082 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da artebrixia Visualizza Messaggio
    Bene, allora questo critico che utilizza metodi scientifici perché non va ad analizzare artisti come Jackson Pollock o di William de Kooning?
    Forse perché impatterebbe nella CIA, e quindi si scotterebbe con le sue mani, ‘sto americano.
    Eggià, perché fu l' agenzia di spionaggio a promuovere durante la Guerra fredda l' Espressionismo astratto americano, per convincere il mondo che gli Stati Uniti erano la terra della libertà individuale e che i quadri del realismo socialista sovietico erano invece antichi e imbalsamati, come il regime che li esprimeva.

    I grandi pittori dell' Espressionismo astratto non se la passavano certamente bene prima che la Cia li scoprisse. Il loro movimento faceva fatica ad affermarsi e durante la guerra era entrato in uno stato di catalessi. Il risveglio, all' inizio degli Anni 50, fu però rapidissimo e impetuoso, grazie a esposizioni organizzate dalla Cia in numerose capitali del mondo. La mostra New American Painting toccò Berlino, Milano, Bruxelles, Parigi e Londra, mostrando le tele dei nuovi espressionisti contemporanei.

    Quindi, dietro a questa opera, io non ho nulla da dire, proprio NULLA

    per maggiori info : The indipendet: L'arte moderna è stata un'arma della CIA
    Ha comunque parlato in positivo di Lee Krasner, ma l'espressionismo astratto si presenta come un tantino "maschilista" e la poveretta si è parecchio sacrificata per prendersi cura del marito, compensata poi da lauti guadagini una volta raggiunta la fama.

    Che la componente CIA abbia avuto un ruolo importante nella promozione di questi artisti e con essi della "cultura americana" è un dato per le motivazioni che hai indicato, del resto credo che una delle ragioni fosse anche la formazione culturale dei suoi esponenti, una certa "intellighenzia" più evoluta ed aperta alle innovazioni dei relativi Presidenti made in USA/establishment dall'impostazione molto più tradizionale.

    Vorrei sottolineare due obiettivi per me che arrivano prima della contrapposizione al "modello sovietico", lo spostamento del baricentro culturale dall'Europa a New York e l'arginare con una sorta di "guinzaglio lungo" certi fermenti comunisti in terra americana promuovendo una libertà di espressione "controllata" da parte di artisti considerati vicini a quelle posizioni, per certi versi oggetto inconsapevole della "strumentalizzazione".

    Questo critico avrà anche il metodo "scientifico" dalla sua ma non riconosce alcun merito ad artisti di altre estrazioni/provenienze... certo che più "ortodosso" e meno aperto culturalmente di così, sarà forse uno a cui piace misurare l'arte solo a parametri ed indicatori!!
    Ultima modifica di Loryred; 18-08-18 alle 20:05

  5. #35
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    28,051
    Mentioned
    153 Post(s)
    Quoted
    5854 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Torno in argomento con il 3D.
    __________________________________________________________________

    Provo farVi leggere la pittura di Ettore Spalletti con le sue parole, io non sono tanto poetico.

    “Sì, il colore, come si sposta, occupa lo spazio e noi entriamo.
    Non v’è più la cornice che delimitava lo spazio.
    Togliendola il colore assume lo spazio e invade lo spazio.
    E quando questa cosa riesce, è miracolosa.”


    "Il quadro, la superficie e l’oggetto sono tutti elementi che richiedono un tempo di lavorazione molto lungo. Dopo aver dipinto per dieci giorni e aver controllato i tempi di essiccazione, si passa all’abrasione.
    In questa fase i pigmenti si rompono e viene fuori il colore.
    Prima non riuscivo a capire le tonalità che avrei ottenuto alla fine, ma ora, dopo quarant’anni di lavoro, so sempre cosa mi restituirà il processo.
    Di solito uso l’azzurro, il rosa e il grigio, colori che non esistono in natura. Il primo è un colore atmosferico.
    Uso sempre azzurri diversi e anche poche gocce di cobalto orientano il colore. Il rosa è il colore dell’incarnato e il grigio, infine, ha la capacità di accogliere tutti gli altri colori. Dentro tutti i miei colori si trova il bianco.
    La superficie restituisce una leggera polvere bianca che viene dall’interno."

    Ettore Spalletti.
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Lettura di un'opera-2g.jpg   Lettura di un'opera-2e.jpg   Lettura di un'opera-2d.jpg  

  6. #36
    L'avatar di Loryred
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    4,029
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    2082 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Mi piacciono i suoi colori impalpabili e la sua delicatezza eterea, una serenità quasi mistica, sensazione troppo "emotiva" che di sicuro mon amour non apprezzerebbe, anzi sul tema mi aspetterei un suo intervento ispirato! Lui di sicuro metterebbe in risalto la cura e il perfezionismo del processo per ottenere un risultato predeterminato.
    Ultima modifica di Loryred; 18-08-18 alle 22:19

  7. #37
    L'avatar di franzberlin
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    1,094
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    39 Post(s)
    Potenza rep
    42949678

    Ritratto di madame Cèzanne, 1962

    Tornando ad artisti seri Lichtenstein si è sempre interrogato su cosa fosse l’arte, il suo scopo e chi la creasse. Per fare ciò ha utilizzato allusioni e associazioni, come nel dipinto della ragazza che annega fra le onde di Hokusai. Oppure si è servito dell’ironia, come per esempio in “Capolavoro”. Una cosa è certa, Lichtenstein non ha mai guardato all’arte con quell’atteggiamento snob della media borghesia colta.
    Nel “Ritratto di madame Cèzanne “ Liechtenstein prese spunto da una riproduzione di un libro di Erle Loran che serviva per comprendere il lavoro di Cèzanne. La Loran aveva scomposto il ritratto di madame Cèzanne con l’aiuto di un diagramma analitico e con un metodo per l’analisi di un’opera d’arte considerato all’epoca scientificamente valido. La cosa che probabilmente diverti’ Liechtenstein fu che, per spiegare il ritratto, la Loran non avesse considerato affatto il ritratto vero e proprio e la predisposizione delle superfici pittoriche come unità strutturali, che diedero spunto ad esempio al cubismo. Inoltre, con quella sagoma, la Loran fece di un dipinto estremamente complesso un cartoon; si era quindi inconsapevolmente avvicinata al mondo di Liechtenstein.
    La forza di questo dipinto sta nell’aver chiamato “madame Cèzanne” una figura tratteggiata e nel fare un diagramma proprio il quadro di colui il quale dichiaro’:”I contorni mi sfuggivano”.

    P.s. Appena digerisco gli sciatt passo al 3d delle televendite, un Braulio per favore!
    Immagini Allegate Immagini Allegate Lettura di un'opera-76ff4506-4ba5-4a28-9a58-d5611efc7984.jpeg 
    Ultima modifica di franzberlin; 19-08-18 alle 04:46

  8. #38
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    28,051
    Mentioned
    153 Post(s)
    Quoted
    5854 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Immagini Allegate Immagini Allegate Lettura di un'opera-4.jpg 

  9. #39

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    8,244
    Mentioned
    91 Post(s)
    Quoted
    2726 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Loryred Visualizza Messaggio
    Mi piacciono i suoi colori impalpabili e la sua delicatezza eterea, una serenità quasi mistica, sensazione troppo "emotiva" che di sicuro mon amour non apprezzerebbe, anzi sul tema mi aspetterei un suo intervento ispirato! Lui di sicuro metterebbe in risalto la cura e il perfezionismo del processo per ottenere un risultato predeterminato.
    Hai già scritto perfettamente tu

  10. #40
    L'avatar di Loryred
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    4,029
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    2082 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da accipicchia Visualizza Messaggio
    Hai già scritto perfettamente tu

    Spero non si tratti di una risposta di comodo per non fare fatica e goderti gli ultimi scampoli di vacanza.

Accedi