Aste Christie's - Pagina 102
Banche e rialzi tassi Bce, JP Morgan indica Unicredit tra le più avvantaggiate e fa scattare doppia promozione sul titolo
Unicredit piace sempre più agli analisti che aspettano con crescente ottimismo i dettagli del nuovo piano targato Andrea Orcel in arrivo giovedì 9 dicembre. Dopo la rottura delle trattative con …
Webinars UniCredit: proteggersi dalle “varianti” presenti sui mercati
Si rinnova l?appuntamento mensile con i Webinars Trading & Investimenti di UniCredit, mercoledì 15 dicembre ore 17.30. Ospiti del Webinar Enrico Malverti, trader professionista membro del Comitato Direttivo di SIAT …
Apple e gli altri due: i tre titoli di Warren Buffett da tenere in portafoglio per battere l’inflazione. E c’è anche il Forever asset
Tre azioni di altrettanti tre giganti di Wall Street da tenere in portafoglio, in base alla regola di Warren Buffett, in tempi di paura inflazione: American Express, Coca Cola, Apple. …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1011
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,580
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    167 Post(s)
    Quoted
    4622 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Esistono pezzi unici e edizioni NON firmati per qualsiasi autore, inclusi Warhol, Picasso eccetera.
    Se sono originali, sono evidentemente delle opere d'arte anche se non firmate.

    Nel caso specifico, la presente edizione non è firmata, ma si presenta nel medesimo astuccio che accompagna le altre copie firmate.
    Non sono dei pezzi di carta stampati buttati lì.
    Hanno i medesimi materiali rispetto alle altre copie ed il medesimo contenitore originale in tela nera.
    La sola differenza è la mancanza della firma.
    Ma la mancanza della firma non le rende meno "opere d'arte" rispetto alle altre.
    Perchè allora questo concetto dovrebbe valere anche per i pezzi unici non firmati, ma evidentemente non è così.

    Per me la questione è estremamente semplice, al di là delle carenze informative della casa d'aste su cui tutti concordiamo: o l'opera è autentica o non lo è.
    A me viene da pensare che sia autentica e non nota al momento della stampa del Ruhe.
    Ma non certo perchè io sia un esperto (cosa che non sono), semplicemente perchè ritengo che una qualsiasi casa d'aste non si vada ad impelagare in situazioni di questo genere dovendone a tutti gli effetti rispondere al compratore. Non è che siano dei kamikaze.

    Viceversa, trovo piuttosto superficiale dare dei giudizi lapidari e sprezzanti sull'opera senza avere contattato nè la Christie's nè la Fondazione per avere informazioni in merito, anche perchè, non mi pare che qui nessuno abbia titoli riconosciuti per esprimere giudizi sull'autenticità o meno di opere.

    Se per ipotesi (per me piuttosto probabile) la Fondazione avesse invece esaminato l'opera e ritenuta originale, tutto quello che è stato scritto qui, su un forum pubblico, sarebbero a quel punto delle falsità che resterebbero online.
    E' che senso ha scrivere pubblicamente delle falsità?
    Ecco, io questo non lo so, ma è un atteggiamento che personalmente a me non piace, una macchina del fango gratuita, che vedo qui va molto in voga.
    Non lo trovo nè corretto nè etico, peggio ancora quando condotto da chi chiede agli altri correttezza ed etica. Piuttosto paradossale.

    In un mondo normale, le persone corrette prima si informano e poi si esprimono, in modo rispettoso e con la necessaria prudenza.

    Se poi invece, qui sul forum abbiamo la fortuna di trovarci in presenza di curatori di monografie, di mostre personali od esperti indiscussi di fama acclarata, tali da offuscare quella degli esperti unanimamente riconosciuti, degli archivi e delle fondazioni, allora ovviamente alzo le mani, mi cospargo il capo di cenere e pure mi genufletto.
    Ma temo non sia proprio così...

  2. #1012
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    7,285
    Mentioned
    330 Post(s)
    Quoted
    3423 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Non è proprio come la pensi tu Biagio.
    Qui stiamo parlando di una edizione multipla.
    L'autore, in questo caso Fontana, da un mandato ad uno stampatore fustellatore per la realizzazione di XX esemplari.
    Come fa a controllare che lo stampatore non stampi più copie e le venda senza informarlo?
    Le numera e le firma.
    Se non l'ha numerata e firmata ci troviamo di fronte ad un eccesso di produzione da non considerasi opera d'arte in quanto l'artista non l'ha mai vista
    ed approvata.
    Un multiplo senza firma e numerazione ha il valore commerciale corrispondente a zero.

    Dopo di che ci sono persone che comprano e vendono Warhol prodotti dopo la morte dell'artista, come fatto per le sculture in bronzo di De Chirico.
    Ma questo è un mercato di memorabilia, non è arte.

  3. #1013
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,580
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    167 Post(s)
    Quoted
    4622 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da mmt Visualizza Messaggio
    Non è proprio come la pensi tu Biagio.
    Qui stiamo parlando di una edizione multipla.
    L'autore, in questo caso Fontana, da un mandato ad uno stampatore fustellatore per la realizzazione di XX esemplari.
    Come fa a controllare che lo stampatore non stampi più copie e le venda senza informarlo?
    Le numera e le firma.
    Se non l'ha numerata e firmata ci troviamo di fronte ad un eccesso di produzione da non considerasi opera d'arte in quanto l'artista non l'ha mai vista
    ed approvata.
    Un multiplo senza firma e numerazione ha il valore commerciale corrispondente a zero.

    Dopo di che ci sono persone che comprano e vendono Warhol prodotti dopo la morte dell'artista, come fatto per le sculture in bronzo di De Chirico.
    Ma questo è un mercato di memorabilia, non è arte.
    Vedi, allo stesso modo in cui tu puoi sostenere che una copia in più possa non essere stata autorizzata, ci sta anche ad esempio che sia la prima prova di stampa autorizzata.
    Io non sono in grado di dirlo, ma apposta per questo esistono archivi e fondazioni. Enti composti da esperti che studiano ed approfondiscono, sia le opere uniche che i mutlipli.
    Di edizioni e mutlipi non firmati ce ne sono tanti e di tutti gli autori, non è per questo che, come hai scritto tu diventino delle "memorabilia" o abbiano valore pari a zero.

    Io vedo che qui spesso le stesse persone che chiedono i nomi dei componenti dei comitati scientifici e delle commissioni di archivi e fondazioni, poi non perdono occasione per sostituirsi agli esperti, avocandosi la facoltà di giudizio in merito alle opere che girano sul mercato, decretendone autenticità o falsità da una descrizione e un'immagine online.

    A questo punto, visto che le case d'asta e le fondazioni non li ritenete all'altezza della situazione, non si capisce perchè coloro che qui si ritengono più esperti degli esperti non siano loro a costituire un archivio/fondazione e ad emettere i certificati.
    O come minimo ad essere richiestissimi come esperti-consulenti presso gallerie, case d'asta e le stesse commissioni di archivio.
    O per lo meno a pubblicare monografie e curare importanti mostre retrospettive.

    O non sarà che forse forse un po' di modestia e prudenza nell'emettere dei giudizi sarebbe auspicabile?

  4. #1014
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    7,285
    Mentioned
    330 Post(s)
    Quoted
    3423 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Caro Biagio,

    Come ti dicevo sei in errore.
    Se fosse stata la prima copia, che autorizzava la produzione, Fontana avrebbe scritto "Visto si stampi" e firmava la copia.
    Leggi questa pagina del forum, era il 2016:
    Lucio Fontana II

  5. #1015
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    7,285
    Mentioned
    330 Post(s)
    Quoted
    3423 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Cosa diversa un pezzo unico non firmato.
    Se viene archiviato, oppure ha l'autentica dell'artista, è una opera d'arte in quanto fatta di pugno dall'artista.

  6. #1016
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,580
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    167 Post(s)
    Quoted
    4622 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da mmt Visualizza Messaggio
    Caro Biagio,

    Come ti dicevo sei in errore.
    Se fosse stata la prima copia, che autorizzava la produzione, Fontana avrebbe scritto "Visto si stampi" e firmava la copia.
    Leggi questa pagina del forum, era il 2016:
    Lucio Fontana II
    Il mio era solo un esempio per dire che ci può stare che sia una copia non firmata autorizzata.
    E che appunto non sta certo a noi qui decretare o non decretare.
    Invece, piace decretare.

  7. #1017
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    7,285
    Mentioned
    330 Post(s)
    Quoted
    3423 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    e chi può autorizzare, oggi, una copia di una tiratura del 1968, non firmata dall'artista?
    Magamagò?

  8. #1018
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,580
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    167 Post(s)
    Quoted
    4622 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Porto un altro esempio:
    lo stesso @Alessandro Celli sul 3d di Prini è intervenuto così (non l'anno scorso eh, ieri sera):

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro Celli Visualizza Messaggio
    Aste Christie's-screenshot-2021-10-06-12-27-37-standard.jpg

    L'opera è una serigrafia su carta. Non firmata, non datata, non numerata, non esposta.
    Come l'edizione di Fontana.

    Anzi, in descrizione si fa riferimento all'esposizione di un'altra opera dell'edizione. Ma edizione di quanti esemplari? Non c'è mica scritto. Si sa? Non si sa?

    Autorizzata? Non autorizzata? Memorabilia? eh...

    Però lì per Ale è "opera decisamente importante" (e nessuna tirata di orecchie a Finarte per mancanza info archivio/fondazione), qui "patacca" (e insulti a Christie's)

    Diciamo che la coerenza non è proprio all'ordine del giorno per il comitato tecnico-scientifico del forum...

  9. #1019
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,580
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    167 Post(s)
    Quoted
    4622 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da mmt Visualizza Messaggio
    e chi può autorizzare, oggi, una copia di una tiratura del 1968, non firmata dall'artista?
    Magamagò?
    Beh, chiaramente non è una riedizione ma un esemplare del 1968, che semplicemente può essere una copia non firmata che la Fondazione può ritenere originale.
    Ma se pensi di poter essere in grado tu a stabilirlo, non si sa a che titolo, forse a quel punto anche Magamagò può andare altrettanto bene...

  10. #1020

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    131
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    121 Post(s)
    Potenza rep
    8874872
    Cavolo Biagio hai le OO quadrate!
    Sei un grande! Non so quanto resisterai a fare il moderatore in questo guazzabuglio..!

    Ma con pazienza riesci sempre a spiegare le cose, a far vedere che l’impulisivita’ di un giudizio è spesso un errore e spesso porta a far delle figuracce..

    In effetti anche io pensavo che il multiplo non avesse valore però leggendo ho capito che molto probabilmente non sei in errore ma hai ragione.
    Poi viene da pensare che se è arrivata a 32.500 (sterline) ha fatto anche molta gara.. e non credo che a far gara fossero tutti dei polli...



    Citazione Originariamente Scritto da Biagio.tv Visualizza Messaggio
    Esistono pezzi unici e edizioni NON firmati per qualsiasi autore, inclusi Warhol, Picasso eccetera.
    Se sono originali, sono evidentemente delle opere d'arte anche se non firmate.

    Nel caso specifico, la presente edizione non è firmata, ma si presenta nel medesimo astuccio che accompagna le altre copie firmate.
    Non sono dei pezzi di carta stampati buttati lì.
    Hanno i medesimi materiali rispetto alle altre copie ed il medesimo contenitore originale in tela nera.
    La sola differenza è la mancanza della firma.
    Ma la mancanza della firma non le rende meno "opere d'arte" rispetto alle altre.
    Perchè allora questo concetto dovrebbe valere anche per i pezzi unici non firmati, ma evidentemente non è così.

    Per me la questione è estremamente semplice, al di là delle carenze informative della casa d'aste su cui tutti concordiamo: o l'opera è autentica o non lo è.
    A me viene da pensare che sia autentica e non nota al momento della stampa del Ruhe.
    Ma non certo perchè io sia un esperto (cosa che non sono), semplicemente perchè ritengo che una qualsiasi casa d'aste non si vada ad impelagare in situazioni di questo genere dovendone a tutti gli effetti rispondere al compratore. Non è che siano dei kamikaze.

    Viceversa, trovo piuttosto superficiale dare dei giudizi lapidari e sprezzanti sull'opera senza avere contattato nè la Christie's nè la Fondazione per avere informazioni in merito, anche perchè, non mi pare che qui nessuno abbia titoli riconosciuti per esprimere giudizi sull'autenticità o meno di opere.

    Se per ipotesi (per me piuttosto probabile) la Fondazione avesse invece esaminato l'opera e ritenuta originale, tutto quello che è stato scritto qui, su un forum pubblico, sarebbero a quel punto delle falsità che resterebbero online.
    E' che senso ha scrivere pubblicamente delle falsità?
    Ecco, io questo non lo so, ma è un atteggiamento che personalmente a me non piace, una macchina del fango gratuita, che vedo qui va molto in voga.
    Non lo trovo nè corretto nè etico, peggio ancora quando condotto da chi chiede agli altri correttezza ed etica. Piuttosto paradossale.

    In un mondo normale, le persone corrette prima si informano e poi si esprimono, in modo rispettoso e con la necessaria prudenza.

    Se poi invece, qui sul forum abbiamo la fortuna di trovarci in presenza di curatori di monografie, di mostre personali od esperti indiscussi di fama acclarata, tali da offuscare quella degli esperti unanimamente riconosciuti, degli archivi e delle fondazioni, allora ovviamente alzo le mani, mi cospargo il capo di cenere e pure mi genufletto.
    Ma temo non sia proprio così...

Accedi