Victor Vasarely - Pagina 59
Unicredit e Mps a braccetto al test conti: Orcel atteso al varco su M&A, Siena verso ennesimo trimestre tinto di rosso
Mentre il governo Draghi sta perfezionando il Decreto Sostegni Bis, che contiene una serie di modifiche alla normativa sulle Dta (Deferred tax asset) che potenzialmente renderanno più appetibile per Unicredit …
Jamie Dimon stufo di Zoom e smartworking. Sul bitcoin il ceo di JP Morgan continua a storcere il naso
Il telelavoro e gli strumenti di videoconferenza come Zoom sono stati cruciali nel permettere ai traders e ai banchieri di Wall Street di continuare a lavorare durante la pandemia. Ma …
Conti correnti: ecco cosa rischia chi ha troppi risparmi fermi in banca e come può proteggere il proprio gruzzolo
Da Fineco a UniCredit, le banche hanno iniziato a ad applicare alcune modifiche unilaterali ai contratti per scoraggiare i clienti a lasciare liquidità ferma sul proprio conto corrente. E se …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #581
    L'avatar di Galak
    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    547
    Mentioned
    30 Post(s)
    Quoted
    303 Post(s)
    Potenza rep
    11295681
    Citazione Originariamente Scritto da artepassion Visualizza Messaggio
    Chi identifica Vasarely solo negli optical ad uscire dalla tela ha una visione miope ed ignorante del suo lavoro.
    Caro arte passion, se non hai l’elasticità mentale per capire l’ironia,mi dispiace per te,ma allora il mio non era un post x le tue capacità.
    Credo di conoscere “un filino” l’autore
    per sapere che nel suo percorso ha battuto anche delle strade anticipatorie dell’optical
    “ classico” che lo ha reso famoso nel mondo.
    Pensare che io abbia voluto intendere che non fosse davvero un Vasarely , e non capire che volevo solo stigmatizzare,in modo ironico,un lavoro (ahimè) non all’altezza della fama di Vasarely,( del quale ho la fortuna di avere una sua opera in collezione), ribadisco è davvero un problema esclusivamente tuo.
    Senza alcuna acrimonia,eh!?

    P.s. Ecco per esempio due opere di quel periodo all’altezza dell’autore padre dell’optical

    Victor Vasarely-f158cafd-3cd4-4029-892c-8f1ef7de47f5.jpeg

    Victor Vasarely-efe295ae-a9e5-4c71-be1e-d543b5952a90.jpeg

  2. #582
    L'avatar di artepassion
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Messaggi
    4,652
    Mentioned
    90 Post(s)
    Quoted
    1094 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Galak Visualizza Messaggio
    Caro arte passion, se non hai l’elasticità mentale per capire l’ironia,mi dispiace per te,ma allora il mio non era un post x le tue capacità.
    Credo di conoscere “un filino” l’autore
    per sapere che nel suo percorso ha battuto anche delle strade anticipatorie dell’optical
    “ classico” che lo ha reso famoso nel mondo.
    Pensare che io abbia voluto intendere che non fosse davvero un Vasarely , e non capire che volevo solo stigmatizzare,in modo ironico,un lavoro (ahimè) non all’altezza della fama di Vasarely,( del quale ho la fortuna di avere una sua opera in collezione), ribadisco è davvero un problema esclusivamente tuo.
    Senza alcuna acrimonia,eh!?

    P.s. Ecco per esempio due opere di quel periodo all’altezza dell’autore padre dell’optical

    Victor Vasarely-f158cafd-3cd4-4029-892c-8f1ef7de47f5.jpeg

    Victor Vasarely-efe295ae-a9e5-4c71-be1e-d543b5952a90.jpeg
    Gentilissimo Galak non voglio far polemica ma si vede che hai la coda di paglia .
    Precedentemente ti avevo risposto citando il tuo intervento così :

    "Con tutto il rispetto si vede che non conosci per niente a 360° il lavoro di Vasarely.
    L'Artista ha fatto molto altro rispetto agli optical spinti da te citati, molto ma molto di più, compresi i lavori della tipologia presentati in trasmissione da Orler".
    A seguire ed a fattor generale, visto che ho letto sul forum a più riprese molte imprecisioni conseguenti ad ignoranza sul complessivo dei lavori di Vasarely, ho aggiunto non citandoti :
    "Chi identifica Vasarely solo negli optical ad uscire dalla tela ha una visione miope ed ignorante del suo lavoro".
    Bene di questo ne sono ancora pienamente convinto.
    Saluti
    Ultima modifica di artepassion; 11-04-21 alle 23:04

  3. #583
    L'avatar di artepassion
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Messaggi
    4,652
    Mentioned
    90 Post(s)
    Quoted
    1094 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    del resto caro Galak sull'argomento televendite quanto a seguire lo hai scritto tu:

    "L’opera presentata dal Brilla era assolutamente piatta e sciapa per essere un Vasarely : l’unico pregio
    ( sec teorie correnti che osannano gli anni 60 e 70 sempre e comunque, per dogma ) poteva essere l’anno (1968 se non ricordo male...).
    Non metterei in allarme il buon Biagio col raffronto Boettiano,in quanto decisamente fuorviante.
    Al limite ricordava quei dipinti della Accardi che negli ultimi tempi intasano svariate aste,con quegli accostamenti cromatici fastidiosi che mettono in fila rossi, violetti,rosa accanto a verdini ed azzurrini.
    ( forse erano i coni ed i bastoncelli retinici del prof che, insultati da quelle cromie imbarazzanti , gli causavano quei disturbi dell’equilibrio sotto forma di vertigini... )

    Altri sono, a mio avviso, i dipinti da sballo del grande caposcuola della OP."

    A seguire hai postato uno zebra ed i soliti optical spinti ruffiani che i più malevoli indicano come fatti e rifatti fino allo stufo anche dai suoi collaboratori di studio fino alla fine dei suoi giorni perchè richiesti dalla massa.
    Vasarely non è solo questo o meglio è stato anche ben altro....e meno male.

  4. #584
    L'avatar di artepassion
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Messaggi
    4,652
    Mentioned
    90 Post(s)
    Quoted
    1094 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Ricordo per chiudere che i dipinti optical spinti di Vasarely tipo Vega e similari, negli anni settanta e ottanta erano molto richiesti da gente sicuramente ignorante per utilizzarli come componenti di arredo svilendo così il lavoro del Grande Maestro che per molti anni a seguire fu etichettato ingiustamente come un freddo decoratore di ambienti.
    Ricordo ancora un bellissimo articolo sul giornale dell'Arte in abbinata ad un Arte fiera di Bologna di qualche anno fa che approfondiva proprio l'argomento.
    Quindi chi conosce Vasarely sa bene che Vasarely è partito da altro ed è anche altro.
    In definitiva qualora non dovesse essere stato chiaro per me gli optical tipo Vega e similari vengo dopo tutto il resto, sempre a parità di lavori per qualità, pertanto non posso rimanere indifferente quando qui sul forum si enfatizza azzardatamente su certi dipinti.
    Saluti

  5. #585
    L'avatar di blackcity
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    4,170
    Mentioned
    108 Post(s)
    Quoted
    1961 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Per rendere ancor meglio l’idea si stava parlando di questa roba qua...
    Ora scusate ma mi allontano un attimo dallo schermo perché l’effetto ottico mi sta dando dei capogiri.

    Victor Vasarely-c0fb31c1-a41f-42b2-8c4f-2fcc68f32f9e.jpeg

  6. #586
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    6,758
    Mentioned
    310 Post(s)
    Quoted
    3158 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da artepassion Visualizza Messaggio
    Ricordo per chiudere che i dipinti optical spinti di Vasarely tipo Vega e similari, negli anni settanta e ottanta erano molto richiesti da gente sicuramente ignorante per utilizzarli come componenti di arredo svilendo così il lavoro del Grande Maestro che per molti anni a seguire fu etichettato ingiustamente come un freddo decoratore di ambienti.
    Ricordo ancora un bellissimo articolo sul giornale dell'Arte in abbinata ad un Arte fiera di Bologna di qualche anno fa che approfondiva proprio l'argomento.
    Quindi chi conosce Vasarely sa bene che Vasarely è partito da altro ed è anche altro.
    In definitiva qualora non dovesse essere stato chiaro per me gli optical tipo Vega e similari vengo dopo tutto il resto, sempre a parità di lavori per qualità, pertanto non posso rimanere indifferente quando qui sul forum si enfatizza azzardatamente su certi dipinti.
    Saluti
    Ancora oggi tutti voglio i Vega, l'ignoranza e l'arredo persiste.

  7. #587
    L'avatar di dvdnavas
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    5,302
    Mentioned
    62 Post(s)
    Quoted
    1771 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da blackcity Visualizza Messaggio
    Per rendere ancor meglio l’idea si stava parlando di questa roba qua...
    Ora scusate ma mi allontano un attimo dallo schermo perché l’effetto ottico mi sta dando dei capogiri.

    Victor Vasarely-c0fb31c1-a41f-42b2-8c4f-2fcc68f32f9e.jpeg
    è proprio brutto

  8. #588
    L'avatar di Galak
    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    547
    Mentioned
    30 Post(s)
    Quoted
    303 Post(s)
    Potenza rep
    11295681

    Vasarely va studiato

    Derogando ad un mio ferreo principio che mi sono imposto nel frequentare il fol, e cioè non dare importanza o seguito a polemiche fini a se stesse, cerco di
    “ rispondere” ad alcuni interventi che su Vasarely hanno dato una visione dello stesso assolutamente falsa e fuorviante.
    Affermare che le opere mature di Vasarely come i VEGA siano meno importanti delle opere degli “anni sessanta” è una sciocchezza sesquipedale
    Questa storia degli anni sessanta è un luogo comune tirato in ballo,molto spesso a sproposito , basandosi sulla legge dei grandi numeri: siccome è vero per diversi artisti, lo si utilizza anche per l’artista di turno in modo da darsi un tono ed ergersi a ...
    “ studioso dell’arte” che la sa lunga!
    Orbene,in questo caso, mi dispiace , ma avete preso una topica colossale!
    I Vega di Vasarely , che conquistano il mercato tardivamente, nascono proprio negli anni sessanta!
    anzi, ad essere pignoli,ancor prima: già fine anni 30 ed inizi anni 40!
    Lo dice lui stesso quando parla dell’ètude en multicolor del 1940 e dell’Arlecchino 1936/1952 che già presagivano l’utilizzo della scacchiera come forma base per il periodo VEGAche seguirà!!
    Per cui prima di dare degli ignoranti a persone che neppure conoscete , cari soloni dell’arte, leggete almeno qualche libro prima, è mooolto meglio!

    P.s. Siccome quando affermo qlsa mi piace anche argomentarla, a beneficio dei più “ distratti” posto qualche foto chiarificatrice.

    Victor Vasarely-2c94474f-6b8e-4acf-a7e0-2943da99f4b8.jpg

    V.Vasarely,Ètude en multicolor
    (part.)1940

    Victor Vasarely-a25cc254-8162-4dc8-aadf-f9de7828afbf.jpg

    V. Vasarely,Arlecchino 1936/52

    Victor Vasarely-f16c1afc-85fa-4b80-8ad3-9de68d0aa8fa.jpg

    V.Vasarely,Vega 1957

  9. #589
    L'avatar di eelle25
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    2,348
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    1006 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Galak Visualizza Messaggio
    Derogando ad un mio ferreo principio che mi sono imposto nel frequentare il fol, e cioè non dare importanza o seguito a polemiche fini a se stesse, cerco di
    “ rispondere” ad alcuni interventi che su Vasarely hanno dato una visione dello stesso assolutamente falsa e fuorviante.
    Affermare che le opere mature di Vasarely come i VEGA siano meno importanti delle opere degli “anni sessanta” è una sciocchezza sesquipedale
    Questa storia degli anni sessanta è un luogo comune tirato in ballo,molto spesso a sproposito , basandosi sulla legge dei grandi numeri: siccome è vero per diversi artisti, lo si utilizza anche per l’artista di turno in modo da darsi un tono ed ergersi a ...
    “ studioso dell’arte” che la sa lunga!
    Orbene,in questo caso, mi dispiace , ma avete preso una topica colossale!
    I Vega di Vasarely , che conquistano il mercato tardivamente, nascono proprio negli anni sessanta!
    anzi, ad essere pignoli,ancor prima: già fine anni 30 ed inizi anni 40!
    Lo dice lui stesso quando parla dell’ètude en multicolor del 1940 e dell’Arlecchino 1936/1952 che già presagivano l’utilizzo della scacchiera come forma base per il periodo VEGAche seguirà!!
    Per cui prima di dare degli ignoranti a persone che neppure conoscete , cari soloni dell’arte, leggete almeno qualche libro prima, è mooolto meglio!

    P.s. Siccome quando affermo qlsa mi piace anche argomentarla, a beneficio dei più “ distratti” posto qualche foto chiarificatrice.

    Victor Vasarely-2c94474f-6b8e-4acf-a7e0-2943da99f4b8.jpg

    V.Vasarely,Ètude en multicolor
    (part.)1940

    Victor Vasarely-a25cc254-8162-4dc8-aadf-f9de7828afbf.jpg

    V. Vasarely,Arlecchino 1936/52

    Victor Vasarely-f16c1afc-85fa-4b80-8ad3-9de68d0aa8fa.jpg

    V.Vasarely,Vega 1957
    Grazie @Galak, molto interessante!

  10. #590
    L'avatar di artepassion
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Messaggi
    4,652
    Mentioned
    90 Post(s)
    Quoted
    1094 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Galak Visualizza Messaggio
    Derogando ad un mio ferreo principio che mi sono imposto nel frequentare il fol, e cioè non dare importanza o seguito a polemiche fini a se stesse, cerco di
    “ rispondere” ad alcuni interventi che su Vasarely hanno dato una visione dello stesso assolutamente falsa e fuorviante.
    Affermare che le opere mature di Vasarely come i VEGA siano meno importanti delle opere degli “anni sessanta” è una sciocchezza sesquipedale
    Questa storia degli anni sessanta è un luogo comune tirato in ballo,molto spesso a sproposito , basandosi sulla legge dei grandi numeri: siccome è vero per diversi artisti, lo si utilizza anche per l’artista di turno in modo da darsi un tono ed ergersi a ...
    “ studioso dell’arte” che la sa lunga!
    Orbene,in questo caso, mi dispiace , ma avete preso una topica colossale!
    I Vega di Vasarely , che conquistano il mercato tardivamente, nascono proprio negli anni sessanta!
    anzi, ad essere pignoli,ancor prima: già fine anni 30 ed inizi anni 40!
    Lo dice lui stesso quando parla dell’ètude en multicolor del 1940 e dell’Arlecchino 1936/1952 che già presagivano l’utilizzo della scacchiera come forma base per il periodo VEGAche seguirà!!
    Per cui prima di dare degli ignoranti a persone che neppure conoscete , cari soloni dell’arte, leggete almeno qualche libro prima, è mooolto meglio!

    P.s. Siccome quando affermo qlsa mi piace anche argomentarla, a beneficio dei più “ distratti” posto qualche foto chiarificatrice.

    Victor Vasarely-2c94474f-6b8e-4acf-a7e0-2943da99f4b8.jpg

    V.Vasarely,Ètude en multicolor
    (part.)1940

    Victor Vasarely-a25cc254-8162-4dc8-aadf-f9de7828afbf.jpg

    V. Vasarely,Arlecchino 1936/52

    Victor Vasarely-f16c1afc-85fa-4b80-8ad3-9de68d0aa8fa.jpg

    V.Vasarely,Vega 1957
    Nulla di nuovo all'orizzonte. Quanto hai riportato è risaputo. Il lavoro postato del 57 è oggettivamente di grande qualità ed è un antesignano degli optical spinti Vega etc..che hanno tappezzato muri di mobilieri come componenti di arredo e set di film perchè scenografici ed ai quali io mi riferivo.
    A documenta Kassel II nel 1959 Ti ricordo che Vasarely con tanto di armamentario di critici porta ben altro in esposizione. Ripeto siamo nel 1959 più precisamente dall'11 luglio all'ottobre successivo.

Accedi