Richieste di informazioni "one shot" su artisti poco noti, quotazioni e altro. II - Pagina 197
Titoli FAANG e i tanti rischi non riflessi nei prezzi, solo uno è ‘invincibile’ nel lungo periodo
Amazon questa settimana è entrata nel gotha dei titoli da 1,5 trilioni di dollari e non si è fermata con il balzo ieri fino a 1,6 trilioni, tallonando Apple (1,66 …
Programma Biden incombe su Wall Street, rischio listini giù fino a -20%. Gli scenari con lui alla Casa Bianca
Entra nel vivo la campagna elettorale per le presidenziali 2020 negli Stati Uniti con l?annuncio da parte del candidato democratico, l’ex vicepresidente Joe Biden, delle misure da adottare per far …
BTP Futura troppo avaro e complesso per essere amato dagli italiani bramosi di rendimenti. I motivi del mancato boom del bond anti-MES
Gli italiani non hanno fatto la fila per accaparrarsi il nuovo BTP Futura, destinato ai soli risparmiatori retail e che sarà interamente destinato a finanziare misure quali il rafforzamento del …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1961
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    5,671
    Mentioned
    160 Post(s)
    Quoted
    1099 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da Alberto3776 Visualizza Messaggio
    Scusate ma non riesco ad allegare immagine
    Come posos fare?
    Grazie
    Per essere abilitato ad allegare le immagini devi scrivere più di 30 messaggi.
    Ciao!!

  2. #1962
    L'avatar di Jumpfree
    Data Registrazione
    Sep 2019
    Messaggi
    541
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    266 Post(s)
    Potenza rep
    7811313

    Ricerca informazioni su Bruna Pecciarini

    Oggi mi sono imbattuto su un'opera di Bruna Pecciarini A Emilio Prampolini | Bruna Pecciarini – Geometricae e stavo cercando informazioni su quest'artista ma su internet non ho trovato granchè, non sembra che sia stato mai pubblicato un qualche catalogo di una sua mostra... Avete delle infoemazioni a riguardo? Grazie

  3. #1963

    Data Registrazione
    Aug 2015
    Messaggi
    1,189
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    503 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Boh! Forse sbaglierò, ma non mi sembra il caso di dedicargli un thread.

    Solitamente questo tipo di richieste vengono trattate qui : Richieste di informazioni "one shot" su artisti poco noti, quotazioni e altro. II

    Mai sentita nominare! Comunque, se proprio ti interessa avere informazioni su di lei e sul suo lavoro, in questa intervista di Claudia Cavalieri trovi molte risposte:

    Intervista a Bruna Pecciarini


    Intervista a Bruna Pecciarini
    L’intervista che segue è una piccola testimonianza di una grande artista, che ha interpretato e fatto proprie alcune delle idee del Movimento di Arte Concreta, proponendo una propria sensibilità di immagine astratta. Il lavoro di Bruna Pecciarini si accosta a quello di altri artisti liguri (Giuseppe Allosia, Silvio Bisio, Gianfranco Fasce, Plinio Msciulam e Martino Oberto) che all’inizio degli anni Cinquanta sono entrati a far parte del MAC, nato a Milano nel 1948. All’interno delle molteplici e plurali ricerche espressive del Movimento, la forma dei genovesi è caratterizzata da un colore più denso e da una composizione più agitata e intricata rispetto alla stesura composta dei concretisti milanesi. Con il desiderio di incuriosire il lettore, le domande e le risposte che seguono sono solo delle tracce di quello che è stato un importante momento dell’arte italiana e presentano il punto di vista di un artista vivente. Di seguito un modesto contributo per chiunque volesse intraprendere lo studio e l’approfondimento di un periodo storico su cui forse, troppo raramente, cade l’attenzione di noi studenti di arte contemporanea.
    Bruna Pecciarini è nata a Agliana (provincia di Pistoia) nel 1926, vive a Roma.
    1.D: Come è nata la sua passione per l’arte?
    R: Non è stato facile; quando ho cominciato a dipingere -prima a scuola e poi all’Accademia Ligustica di Belle Arti a Genova, che fu bombardata durante la guerra- iniziavo a capire che la mia strada era la pittura. I primi contatti con artisti e con l’ambiente dell’arte li ricordo al tempo di una serie di mostre, che dal 1949 circa erano organizzate annualmente dal sindacato regionale degli artisti a Genova; partecipai con una Natura morta. Qui ho avuto contatti con altri artisti.
    2.D: La sua ricerca artistica evolve dal figurativo e arriva all’astratto, come?
    R: Cominci a “scaricare” di più, poi a farti una cultura, a conoscere altri artisti ed ambienti. Quando avevo 22 anni, la mia prima personale presentava opere figurative; dopo ho cominciato a scomporre il soggetto, reinterpretando la lezione cubista. Negli anni Cinquanta, ho iniziato facendo della pittura dal vero nel porto di Genova, di cui ho sempre subito il fascino per le sue forme e i suoi colori. Esposi il Rimorchiatore, un quadro che ebbe molta fortuna, dove avevo inserito sia elementi figurativi che non, poi di li arrivare all’astratto è stato facile. Inizialmente ho fatto un astratto di tipo un po’ pittorico.
    3.D: Cosa ha significato fare arte da DONNA? C’era solidarietà tra le artiste?
    R: Ai miei tempi non era facile dipingere per una donna e contrastare i pregiudizi degli uomini, prevenuti e assolutamente distanti dall’apprezzare una ricerca elaborata da artiste. La “solidarietà” non c’era perché, a Genova, c’erano solo artiste figurative mentre a Torino lavoravano anche donne indirizzate verso una ricerca più “concreta”, ricordo Paola Levi Montalcini e Carol Rama. Io non le ho mai conosciute.
    4.D: E non c’era voglia, curiosità di incontrarle? R: Da parte mia per niente, non mi interessava, non so, non si usava. In tutta Italia erano poche le donne che dipingevano con una mentalità d’avanguardia e di ricerca, con l’obiettivo di dire qualcosa che non fosse il semplice soggetto figurativo.
    5.D: Dunque il cubismo come influenza maggiore, è stato il gradino che le ha permesso di passare dal figurativo all’astratto?
    R: Certamente, la visione scomposta degli oggetti. Ad un certo punto ho eliminato le curve, dopo il 1953.
    6.D: Se in un primo momento, che vedeva la ricerca artistica aniconica tesa alla negazione di qualsiasi figurazione, è possibile accostare l’ espressività “informale” a quella astratto-concreta, dopo, come si pone Bruna Pecciarini?
    R: Sicuramente il rifiuto della rappresentazione iconica è alle base di entrambe le ricerche artistiche, anche se a noi non piaceva l’informale (ne essere definiti come informali), eravamo un piccolo gruppo di pittori astratti concreti (il MAC nasce nel 1948 a Milano, Bruna ci entra nel 1952). Nel 1953 la famosa mostra del MAC presso la Galleria San Matteo che al centro di Genova, si dedicava a mostre d’arte d’avanguardia, presentava adeguatamente le linee della nostra ricerca artistica; in questa occasione furono presentate le opere di Bruno Munari, Atanasio Soldati, Plinio Mesciulam e pittori di altre città italiane facenti parte del gruppo MAC.
    6.A.D: La vostra ricerca era in rapporto con i Romani?
    R: Non c’è stato un rapporto diretto con gli artisti romani (Accardi, Perilli); Il MAC esigeva una purezza di colore, che non seguiva alcuna regola ed era completamente connesso ad una scelta interiore del pittore.
    7.D: Una volta raggiunta l’astrazione, si arriva ad un punto; la ricerca tesa verso il raggiungimento di un qualcosa si ferma.. e dopo?
    R: E dopo.. non sarei capace di adeguarmi al gusto del momento, potrei solo dipingere, forse ritornando al figurativo.
    8.D: Dipinge ancora?
    R: Quando vado in Germania da mia figlia dipingo, ora sto lavorando a dei soggetti figurativi (come un frutto, o un ortaggio con uno o due insetti) inseriti in grandi spazi: oggetti reali ma decontestualizzati, resi con colori molto vivaci. Per fortuna so dipingere … so come trattare l’olio.
    9.D: Colgo un tono critico, è rivolto ai pittori di oggi?
    R: Oggi non sanno dipingere, poi gli acrilici sono coś facili. I miei quadri mi costavano fatica, soprattutto pensare nello spazio la collocazione delle forme, avevo individuato il mio stile che era caratterizzato da forme che finivano in punte ed angoli.
    10.D: Chi ha lasciato qualcosa nel suo lavoro tra le persone che ha conosciuto?
    R: Tra le persone che ho conosciuto, Enrico Prampolini è stata una figura importante. Gli ho dedicato un mio quadro (Dedicato Prampolini. Composizione astratta. 1954). Una volta andai nel suo studio con i miei bozzetti e lui ne scelse uno suggerendomi di farne un quadro grande; quel quadro glielo ho dedicato. In quell’occasione gli mostrai anche i bozzetti di costumi disegnati per alcune rappresentazioni teatrali, le apprezẓò e mi chiese se avessi collaborato con lui nel caso avesse accettato di realizzare una scenografia per il Teatro dell’Opera di Roma.
    11.D: E ora si interessa dell’arte contemporanea?
    R: Leggo i giornali, mi informo, ma vado raramente a vedere mostre; non mi sento attirata, non mi sembra ci sia più niente di nuovo. La prima volta che ho visto una installazione stavo a Berlino, era un’opera di Mario Merz, mi ha molto impressionata, ma io non sarei in grado di realizzare qualcosa del genere.
    12.D: Quando si è trasferita a Roma e perché? Nel 1954 arrivo a Roma, dove ho partecipato a qualche collettiva, ma la mia carriera artistica si è conclusa qui senza pentimenti.
    Claudia Cavalieri


  4. #1964
    L'avatar di Jumpfree
    Data Registrazione
    Sep 2019
    Messaggi
    541
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    266 Post(s)
    Potenza rep
    7811313
    Citazione Originariamente Scritto da tra-fuocoeferro Visualizza Messaggio
    Boh! Forse sbaglierò, ma non mi sembra il caso di dedicargli un thread.

    Solitamente questo tipo di richieste vengono trattate qui : Richieste di informazioni "one shot" su artisti poco noti, quotazioni e altro. II

    Mai sentita nominare! Comunque, se proprio ti interessa avere informazioni su di lei e sul suo lavoro, in questa intervista di Claudia Cavalieri trovi molte risposte:

    Intervista a Bruna Pecciarini
    Grazie, no problem per il trasferimento, e grazie per l'intervista: mi era sfuggita... Comunque se qualcuno ha altre informazioni, soprattutto immagini: ben vengano...

  5. #1965

    Data Registrazione
    May 2019
    Messaggi
    10
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    9 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Salve a tutti,
    Ho circa 30 quadri di Remo Brindisi - Pastorali e Venezia 70x50 e 40x30 - e due Alberto Sughi che vorrei vendere. Mio padre conosceva entrambe gli artisti e li comprò direttamente da loro tra gli anni 80 e 90.

    Non ho esperienza nella vendita di quadri e non sono a conoscenza delle quotazioni.
    A chi posso rivolgermi per una idea del valore e per la vendita stessa?
    Quanto tempo può richiedere?

    Grazie

  6. #1966
    L'avatar di Cris70
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    4,232
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    470 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Ian Schrager Visualizza Messaggio
    Salve a tutti,
    Ho circa 30 quadri di Remo Brindisi - Pastorali e Venezia 70x50 e 40x30 - e due Alberto Sughi che vorrei vendere. Mio padre conosceva entrambe gli artisti e li comprò direttamente da loro tra gli anni 80 e 90.

    Non ho esperienza nella vendita di quadri e non sono a conoscenza delle quotazioni.
    A chi posso rivolgermi per una idea del valore e per la vendita stessa?
    Quanto tempo può richiedere?

    Grazie
    Dalli in blocco alla Meeting Art e ringrazia se ogni tanto ti bonificano qualcosa

  7. #1967

    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    89
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    60 Post(s)
    Potenza rep
    1717988
    Qualcuno conosce e/o ha visto dal vivo qualche opera di Davide Foschi? io l'ho conosciuto prima che diventasse pittore e mai mi sarei immaginato di vederlo fondare un movimento artistico...
    In ogni caso cerco qualcuno che abbia visto la sua misteriosa "Pietà"...

  8. #1968

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    176
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    105 Post(s)
    Potenza rep
    10107922
    Per curiosità conoscete l'artista gualdese Piergiuseppe Pesce e se si pensate che in futuro le sue opere possano acquistare maggior valore?
    Fa queste cose per intenderci

    Richieste di informazioni "one shot" su artisti poco noti, quotazioni e altro. II-unnamed.jpg

  9. #1969

    Data Registrazione
    Jul 2018
    Messaggi
    200
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    150 Post(s)
    Potenza rep
    3702137
    Qualcuno ha informazioni sulle opere di Cianci o di Mistral?

  10. #1970
    L'avatar di Kiappo
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    5,128
    Mentioned
    180 Post(s)
    Quoted
    1719 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Se per Mistral, intendi Kino Mistral.. lo vedo spesso su Catawiki.. con risultati diciamo dai 70/80€ fino ai 250/300. Fa quadri dai colori molto accesi " Mediterranei" paesaggi e qualche figura... l'altro nome non mi dice nulla. Ciao

Accedi