Paul Jenkins - parte 2 - Pagina 122
Torna l’ottimismo e gli investitori fanno il pieno dei pesi massimi di Piazza Affari, +3% Intesa Sanpaolo ed Enel
Gli investitori tornano ad acquistare massicciamente l’azionario con un convinto rimbalzo a inizio settimana. Piazza Affari si accoda all’ottimismo di Wall Street con le confortanti indicazioni circa il tasso di …
Per Musk scoppia la grana pannelli solari, SEC indaga e titolo Tesla esce dal $1 Trillion Club
Tesla è sotto indagine normativa della SEC dopo che un informatore ha affermato che la società di Elon Musk non ha informato adeguatamente i suoi azionisti e il pubblico circa …
Fare shopping in Bitcoin, Crypto Smart Market apre l’era dell’utilizzo delle criptovalute per i pagamenti di tutti i giorni
Bitcoin come mezzo di pagamento nella vita di tutti i giorni. Prende corpo la possibilità di effettuare pagamenti in criptovalute grazie allo sviluppo di meccanismi disintermediati. A muoversi in questa …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1211
    L'avatar di dvdnavas
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    5,518
    Mentioned
    69 Post(s)
    Quoted
    1861 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da non.so.te Visualizza Messaggio
    A cosa ti riferisci con 18 mila euro scusa?
    perché ad esempio i lotto 1 ha fatto 22.000 dollari + diritti del 25%. Sono 27.500 dollari americani, ossia 22.500 euro, senza contare eventuali costi di trasporto o di diritti doganali. Mi sembra un ottimo risultato per un'opera di quel periodo e di quella dimensione (circa 50x70). Assolutamente in linea con quanto visto nelle aste anche migliori in precedenza per opere di questa tipologia.
    A cosa mi rifersco?
    Ho scritto e ribadisco ha fatto 18 mila eur più diritti, che è la stessa cosa che hai scritto tu.
    La tela era un metro circa per 80 cm.
    I costi di trasporto lo hanno tutte le opere....

    18 mila eur +diritti +preventivo DHL

  2. #1212

    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    56
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    21 Post(s)
    Potenza rep
    2915281
    Bene, stiamo parlando almeno della stessa cosa. Il termine che hai usato "mediocre" è pertanto improprio.
    L'aggiudicazione è in linea con l'ottimo momento che sta vivendo il mercato dell'artista, e tu lo sai bene perché ti intendi di queste cose. L'opera, pur partendo da zero, pur essendo presentata in un'asta piccola e disordinata, ha raggiunto un prezzo di acquisto in euro con coefficiente di circa 180, pari se non oltre i risultati di assoluto prestigio ottenuti nelle recenti aggiudicazioni all'estero di opere ben documentate, di ottima provenienza e di questa tipologia/periodo (ad esempio: la splendida collezione proposta da Freeman's a ottobre 2020).
    Tu resti nella tua posizione e rimani non convinto. Il che è più che legittimo. Ma almeno pensa che potresti essere tu in torto e aver fatto male le tue valutazioni.
    Tengo a precisare che non ho comprato nulla in asta, quindi non devo difendere la bontà di un mio acquisto.
    Non ho comprato perché non me l'hanno permesso rispetto ai limiti di spesa che mi ero prefissato.

  3. #1213

    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    56
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    21 Post(s)
    Potenza rep
    2915281
    Citazione Originariamente Scritto da dvdnavas Visualizza Messaggio
    A cosa mi rifersco?
    Ho scritto e ribadisco ha fatto 18 mila eur più diritti, che è la stessa cosa che hai scritto tu.
    La tela era un metro circa per 80 cm.
    I costi di trasporto lo hanno tutte le opere....

    18 mila eur +diritti +preventivo DHL
    Davvero non riuscivo a capire dove stava il tuo errore che ti porta a ragionare in modo sbagliato.
    Adesso l'ho capito e me lo spiego.
    Pensi che la tela del primo lotto fosse 100x80 cm. Ti sbagli, le sue misure erano esattamente 54x73 cm.
    Le misuri a cui ti riferisci sono del quadro con cornice, vai a leggere bene e troverai riscontro.
    Ecco il perché dei tuoi ragionamenti sbagliati sull'esito dell'aggiudicazione.
    Ciao e forza Jenkins!

  4. #1214
    L'avatar di arte2011
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    9,642
    Mentioned
    126 Post(s)
    Quoted
    1943 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da dvdnavas Visualizza Messaggio
    hummm
    Nota bene che chi certifica l'opera da la sentenza non certo il mercato... la storia ce lo insegna.
    Inoltre un risultato mediocre 18mila eur più diritti per un'opera storica di Jenkins si porta dietro tutti i dubbi evidenziati nelle pagine precedenti. (dittico a parte)
    Incrocio le dita per chi ha preso queste opere in una piccola casa d'aste.
    Sono d'accordo con te sullo studio, in questo forum è pieno di persone che studiano con passione.
    Mi piacerebbe vedere tanti professionisti mettere la stessa passione nello studio e meno nel soldo. Anche se ben capisco la difefrenza tra passione e lavoro!
    Non è sicuro il tuo caso ma ho visto per fiere galleristi fare figure imbarazzanti davanti a forumisti 100 volte più preparati!

    ciao
    assolutamente anzi ben pochi galleristi studiano e si aggiornano

  5. #1215
    L'avatar di dvdnavas
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    5,518
    Mentioned
    69 Post(s)
    Quoted
    1861 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    [QUOTE=non.so.te;56175551]
    Tu resti nella tua posizione e rimani non convinto. Il che è più che legittimo. Ma almeno pensa che potresti essere tu in torto e aver fatto male le tue valutazioni.
    /QUOTE]

    E' vero ti do ragione potrei avere torto!
    Solo una certificazione toglierebbe il dubbio non un risultato di mercato.
    Ti faccio notare che non sono stato ne il primo ne l'unico a notare l'anomalia di questi quadri.
    Se il dubbio viene a 1 collezionista su due consentimi, ci potrebbe essere un problema....

  6. #1216

    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    56
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    21 Post(s)
    Potenza rep
    2915281
    [QUOTE=dvdnavas;56175686]
    Citazione Originariamente Scritto da non.so.te Visualizza Messaggio
    Tu resti nella tua posizione e rimani non convinto. Il che è più che legittimo. Ma almeno pensa che potresti essere tu in torto e aver fatto male le tue valutazioni.
    /QUOTE]

    E' vero ti do ragione potrei avere torto!
    Solo una certificazione toglierebbe il dubbio non un risultato di mercato.
    Ti faccio notare che non sono stato ne il primo ne l'unico a notare l'anomalia di questi quadri.
    Se il dubbio viene a 1 collezionista su due consentimi, ci potrebbe essere un problema....
    Scrivo l'ultimo poi smetto di tediarti, promesso
    Mi parli della necessità di una certificazione quando sai benissimo che su questo artista non esiste un archivio di riferimento a cui chiedere e la stessa Estate Paul Jenkins non rilascia certificati di autenticità né rilascia pareri (al momento), né autorizza nessuna galleria al rilascio di certificati di autenticità.
    Per quanto mi riguarda è proprio questo aspetto che mi affascina ulteriormente nel suo studio.
    Non abbiamo una carta in mano che ci trasmetta alcuna sicurezza. Quella sicurezza dobbiamo trovarla noi.
    Questo problema, quindi, non c'è solo per questo (o questi) quadri, ma probabilmente per qualsiasi quadro di Jenkins che venga esitato all'asta. Conta solo la credibilità dell'opera, che è fatta sicuramente da un insieme di aspetti: gli aspetti estetici, compostivi e conservativi, che possono essere confrontati per analogia con altre opere realizzate nello stesso periodo; la presenza o assenza di scritte che ancora una volta devono essere confrontate con opere coeve. Inutile confrontare la scrittura degli anni cinquanta con quella che acquisirà soltanto in seguito. Infine l'ultimo aspetto, per me il più caro, la documentabilità della sua esistenza nel passato e dal prestigio di tali apparizioni e pubblicazioni, noché dai vari passaggi di proprietà e dalla sue provenienze documentate.

    Un risultato di mercato sicuramente non può e non potrà mai certificare la bontà di un'opera, sarebbe troppo semplice e di questo sono d'accordo con te. Ma sicuramente è un indizio che mi dovrebbe far pensare: "magari qualcuno sa qualcosa che io non so". Poi se le aggiudicazioni sono 4 allora abbiamo 4 indizi. Il che dovrebbe farci riflettere ancora di più. Il fatto che eravate in tanti a pensarla allo stesso modo (non tutti a dire il vero) non credo che dia più forza alla vostra tesi.

    Detto questo a mio avviso il primo quadro era un gran bel pezzo, con davvero nulla che non suonasse splendidamente (ma qui siamo nell'ambito dei pareri che sono comunque affetti da una certa soggettività). Oggettivo però che "alle spalle" avesse una storia ben documentata a corredo, certa e di grande, grandissimo prestigio. Era sotto gli occhi di tutti ma per vederlo servivano gli occhi della conoscenza.

  7. #1217

    Data Registrazione
    Feb 2018
    Messaggi
    157
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    86 Post(s)
    Potenza rep
    2797809
    ...mi inserisco nella diatriba per esprimere alcune mie considerazioni.
    Innanzitutto penso che , dati i presupposti ( casa d'aste minore e asta di bassissimo profilo, opere dell'autore di "dubbia" paternità e scarsa qualità mischiate con opere di assoluto rilievo ( il dittico) in modo da ingenerare scetticismo e scoraggiare i potenziali bidders ), l'asta ha suscitato molto interesse ed ha avuto un esito molto positivo.

    In particolare :
    il dittico 60cm x 90 cm, uno dei primissimi esemplari di Phenomena che io abbia visto, per me lavoro importante ed eccellente per qualità , datazione e provenienza, ha avuto un risultato in linea con le migliori aggiudicazioni recenti; anzi poteva andare anche meglio, visto che un mio conoscente diretto ( un mercante di professione ) ha rilanciato anche sui 23k ma la sua offerta di 24k, inspiegabilmente , non è passata, per cui il concorrente si è aggiudicata l'opera a 23k.....e il mio conoscente era disposto anche ad andare oltre in caso di eventuale successivo rilancio a 25k ( per cui è molto [email protected]@ato).

    L'opera per me "dubbia" di cui parlate ( ma evidentemente il dubbio era infondato ) ha avuto un ottimo risultato in linea con le ottime aggiudicazioni di Freemans...spero per lui ( per l'aggiudicatario) che abbia avuto modo di procurarsi ulteriori informazioni e/o abbia potuto verificare di persona l'opera per fugare ogni dubbio.

    Le altre due opere , quelle che io ho definito "patacche" e che continuo a ritenere tali , hanno avuto un risultato "sorprendente" (12k) ; personalmente non le avrei comprate nemmeno a 1000$ , sia perchè sono orrende, sia perchè sembrano soltanto dei tentativi di imitazione, sia perchè le firme appaiano del tutto non corrispondenti. Per me gli acquirenti hanno compiuto il più classico dell'incauto acquisto e temo che si pentiranno.

  8. #1218

    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    56
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    21 Post(s)
    Potenza rep
    2915281
    Citazione Originariamente Scritto da ol€g the picker Visualizza Messaggio
    ...mi inserisco nella diatriba per esprimere alcune mie considerazioni.
    Innanzitutto penso che , dati i presupposti ( casa d'aste minore e asta di bassissimo profilo, opere dell'autore di "dubbia" paternità e scarsa qualità mischiate con opere di assoluto rilievo ( il dittico) in modo da ingenerare scetticismo e scoraggiare i potenziali bidders ), l'asta ha suscitato molto interesse ed ha avuto un esito molto positivo.

    In particolare :
    il dittico 60cm x 90 cm, uno dei primissimi esemplari di Phenomena che io abbia visto, per me lavoro importante ed eccellente per qualità , datazione e provenienza, ha avuto un risultato in linea con le migliori aggiudicazioni recenti; anzi poteva andare anche meglio, visto che un mio conoscente diretto ( un mercante di professione ) ha rilanciato anche sui 23k ma la sua offerta di 24k, inspiegabilmente , non è passata, per cui il concorrente si è aggiudicata l'opera a 23k.....e il mio conoscente era disposto anche ad andare oltre in caso di eventuale successivo rilancio a 25k ( per cui è molto [email protected]@ato).

    L'opera per me "dubbia" di cui parlate ( ma evidentemente il dubbio era infondato ) ha avuto un ottimo risultato in linea con le ottime aggiudicazioni di Freemans...spero per lui ( per l'aggiudicatario) che abbia avuto modo di procurarsi ulteriori informazioni e/o abbia potuto verificare di persona l'opera per fugare ogni dubbio.

    Le altre due opere , quelle che io ho definito "patacche" e che continuo a ritenere tali , hanno avuto un risultato "sorprendente" (12k) ; personalmente non le avrei comprate nemmeno a 1000$ , sia perchè sono orrende, sia perchè sembrano soltanto dei tentativi di imitazione, sia perchè le firme appaiano del tutto non corrispondenti. Per me gli acquirenti hanno compiuto il più classico dell'incauto acquisto e temo che si pentiranno.

    In merito alle due "patacche" da 12.000 dollari + diritti, se parliamo di un gusto personale posso darti ragione. Anche a me non piacciono particolarmente. Non sono riuscito a documentare queste due opere, ma non avrei esitato a prenderle ad una cifra più contenuta. E' vero non sono due capolavori, ma da qui a definirli patacche mi sembra eccessivo. Se fossero pubblicati su qualche catalogo della Arthur Tooths and Sons la penseresti sempre allo stesso modo? I retro di queste opere sono perfetti, così come devono essere. I cartigli sono di prestigio e sono invecchiati assieme alle tele. Non sono firmate, come spesso accade nelle opere di questo periodo. Unica cosa gli manca la prova del nove, ossia la documentazione storica. Ma non è detto che non salti fuori.
    In merito alle firme: nel 1957 Paul Jenkins stava cambiando firma e soprattuto stava studiando il modo di apporre una firma in rilievo. Non c'è ancora riuscito alla perfezione. E sai perché? Perché questi quadri sono ad olio e quindi la scritta con gocciolatura in rilievo impiega molto tempo ad asciugare. Anche perché chiaramente deve essere apposta sul quadro già asciutto (il che raddoppia i tempi di attesa dell'opera). A mio avviso non sono firme non accettabili. Io ci vedo la firma giusta di quel periodo. Piuttosto parlerei di firme danneggiate. Si vede la dilatazione del colore e mi sembra chiaro che prima che fossero ben asciugate qualcuno ci ha messo sopra la mano o appoggiato qualche superficie al quadro.
    Per me erano buoni tutti e quattro.

  9. #1219
    L'avatar di dvdnavas
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    5,518
    Mentioned
    69 Post(s)
    Quoted
    1861 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    [QUOTE=non.so.te;56175955]
    Citazione Originariamente Scritto da dvdnavas Visualizza Messaggio

    Scrivo l'ultimo poi smetto di tediarti, promesso
    Mi parli della necessità di una certificazione quando sai benissimo che su questo artista non esiste un archivio di riferimento a cui chiedere e la stessa Estate Paul Jenkins non rilascia certificati di autenticità né rilascia pareri (al momento), né autorizza nessuna galleria al rilascio di certificati di autenticità.
    Per quanto mi riguarda è proprio questo aspetto che mi affascina ulteriormente nel suo studio.
    Non abbiamo una carta in mano che ci trasmetta alcuna sicurezza. Quella sicurezza dobbiamo trovarla noi.
    Questo problema, quindi, non c'è solo per questo (o questi) quadri, ma probabilmente per qualsiasi quadro di Jenkins che venga esitato all'asta. Conta solo la credibilità dell'opera, che è fatta sicuramente da un insieme di aspetti: gli aspetti estetici, compostivi e conservativi, che possono essere confrontati per analogia con altre opere realizzate nello stesso periodo; la presenza o assenza di scritte che ancora una volta devono essere confrontate con opere coeve. Inutile confrontare la scrittura degli anni cinquanta con quella che acquisirà soltanto in seguito. Infine l'ultimo aspetto, per me il più caro, la documentabilità della sua esistenza nel passato e dal prestigio di tali apparizioni e pubblicazioni, noché dai vari passaggi di proprietà e dalla sue provenienze documentate.

    Un risultato di mercato sicuramente non può e non potrà mai certificare la bontà di un'opera, sarebbe troppo semplice e di questo sono d'accordo con te. Ma sicuramente è un indizio che mi dovrebbe far pensare: "magari qualcuno sa qualcosa che io non so". Poi se le aggiudicazioni sono 4 allora abbiamo 4 indizi. Il che dovrebbe farci riflettere ancora di più. Il fatto che eravate in tanti a pensarla allo stesso modo (non tutti a dire il vero) non credo che dia più forza alla vostra tesi.

    Detto questo a mio avviso il primo quadro era un gran bel pezzo, con davvero nulla che non suonasse splendidamente (ma qui siamo nell'ambito dei pareri che sono comunque affetti da una certa soggettività). Oggettivo però che "alle spalle" avesse una storia ben documentata a corredo, certa e di grande, grandissimo prestigio. Era sotto gli occhi di tutti ma per vederlo servivano gli occhi della conoscenza.
    Non mi stai tediando anzi...

    Comunque le Major prima di mettere opere di livello in asta scrivono a Suzzane ed ottengono una conferma in forma privata.

    Anche a me rispose tempo fa poi basta, probabilmente iniziavano ad esser troppe le richieste!

  10. #1220
    L'avatar di arte2011
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    9,642
    Mentioned
    126 Post(s)
    Quoted
    1943 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    [QUOTE=dvdnavas;56176404]
    Citazione Originariamente Scritto da non.so.te Visualizza Messaggio

    Non mi stai tediando anzi...

    Comunque le Major prima di mettere opere di livello in asta scrivono a Suzzane ed ottengono una conferma in forma privata.

    Anche a me rispose tempo fa poi basta, probabilmente iniziavano ad esser troppe le richieste!

    Io si sa non me ne intendo, ma credo che chi ha comprato alcune di quelle opere si accorgerà ben presto di aver fatto un vero affare...

Accedi