Claudio Parmiggiani
Tutti in fila per il primo green bond UK, domanda supera i 100 miliardi di sterline
L'esordio inglese  Il debutto del green bond inglese è da record, con gli investitori che si sono letteralmente fiondati sulla vendita obbligazionaria più attesa dell’anno. L’Inghilterra ha collocato 10 miliardi …
Borsa Usa, per Morgan Stanley più probabile scenario ‘Ice’ che ‘Fire’. JP Morgan getta acqua sul fuoco
Le vendite che si sono abbattute su Wall Street dall’inizio di settembre sono per caso solo l’antipasto di ciò che accadrà alla borsa Usa da qui alla fine dell’anno? In …
Mps-UniCredit: per Letta non a tutti i costi, mentre Salvini sogna terzo polo con Pop Bari, Carige e Bper. Che farà il Mef?
Settembre 2020: Mps e Popolare di Bari insieme per creare un polo bancario molto forte al Sud. Carla Ruocco, presidente della commissione parlamentare d'inchiesta sul sistema bancario, 5 Stelle, suggerisce …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,243
    Mentioned
    198 Post(s)
    Quoted
    7933 Post(s)
    Potenza rep
    42949684

    Claudio Parmiggiani

    Tanto per continuare in una estenuante ricerca al di fuori delle logiche del mercato e per dare un senso a questo Forum volto a stimolare riflessioni vecchie, nuove o mescolate fra confusi e nostalgici

    mi va di trattare anche di Lui.
    Ed il motivo c'è
    spero.



    Claudio Parmiggiani è un artista raro.
    Il suo volontario “esilio” dalla scena artistica italiana, il suo ostinato silenzio, valgono, nel mondo artistico di oggi, come una presa di posizione di una radicalità pressoché unica.

    = ringrazio sanmicheli per avermelo ricordato in un suo post sulla biennale "

    In un contesto in cui la confusione dei valori è la regola, la sua è divenuta una presenza morale e il suo silenzio un’autorità critica. Volutamente lontano dall’“attualità” dell’arte contemporanea, lontano da gruppi o movimenti, Parmiggiani ha saputo sviluppare un linguaggio, innovativo, personale e allo stesso tempo profondamente universale.


    L’arte di Parmiggiani, pur movendosi fuori dal gruppo dell’arte povera ha una storia simile a quella dei poveristi.

    Stralcio di intervista:

    "Sembra che la tua sensibilità si sia formata più attraverso la frequentazione della poesia e della letteratura che attraverso la storia dell'arte.
    Claudio Parmiggiani -... Parola e immagine sono due mondi che si cercano, che hanno bisogno di stare vicini, anche se sono due mondi ed è bene così.
    Sì, c'è sempre stata, c'è una necessità degli artisti di avere accanto la parola dei poeti per far sentire l'arte meno sola."

    È del 1970 la prima delle sue Delocazioni: opere di polvere, ombre, fuoco, cenere. Raccolte di frammenti del mondo – farfalle, libri, campane, barche, carte geografiche – esprimono una consapevolezza tragica del tempo.

    La chiudo così, rapidamente.
    Opere di Lui non ne ho, treno perduto insieme a tanti altri.

    Troppe stazioni e troppe locomotive
    o forse ho capito troppo tardi.

    Pazienza, l'importante è partecipare
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Claudio Parmiggiani-3.jpg   Claudio Parmiggiani-2.jpg   Claudio Parmiggiani-1.jpg  

  2. #2
    L'avatar di sanmicheli
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    2,570
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    313 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da artebrixia Visualizza Messaggio
    Tanto per continuare in una estenuante ricerca al di fuori delle logiche del mercato e per dare un senso a questo Forum volto a stimolare riflessioni vecchie, nuove o mescolate fra confusi e nostalgici

    mi va di trattare anche di Lui.
    Ed il motivo c'è
    spero.



    Claudio Parmiggiani è un artista raro.
    Il suo volontario “esilio” dalla scena artistica italiana, il suo ostinato silenzio, valgono, nel mondo artistico di oggi, come una presa di posizione di una radicalità pressoché unica.

    = ringrazio sanmicheli per avermelo ricordato in un suo post sulla biennale "

    In un contesto in cui la confusione dei valori è la regola, la sua è divenuta una presenza morale e il suo silenzio un’autorità critica. Volutamente lontano dall’“attualità” dell’arte contemporanea, lontano da gruppi o movimenti, Parmiggiani ha saputo sviluppare un linguaggio, innovativo, personale e allo stesso tempo profondamente universale.


    L’arte di Parmiggiani, pur movendosi fuori dal gruppo dell’arte povera ha una storia simile a quella dei poveristi.

    Stralcio di intervista:

    "Sembra che la tua sensibilità si sia formata più attraverso la frequentazione della poesia e della letteratura che attraverso la storia dell'arte.
    Claudio Parmiggiani -... Parola e immagine sono due mondi che si cercano, che hanno bisogno di stare vicini, anche se sono due mondi ed è bene così.
    Sì, c'è sempre stata, c'è una necessità degli artisti di avere accanto la parola dei poeti per far sentire l'arte meno sola."

    È del 1970 la prima delle sue Delocazioni: opere di polvere, ombre, fuoco, cenere. Raccolte di frammenti del mondo – farfalle, libri, campane, barche, carte geografiche – esprimono una consapevolezza tragica del tempo.

    La chiudo così, rapidamente.
    Opere di Lui non ne ho, treno perduto insieme a tanti altri.

    Troppe stazioni e troppe locomotive
    o forse ho capito troppo tardi.

    Pazienza, l'importante è partecipare
    Grazie a te caro che mi citi

    Comunque l'ancora l'ha presentata simile anche a Venezia insieme ai vetri rotti, una costante immancabile di tutte le biennali. Mi piace l'incudine con la bruciatura dietro, suggestiva installazione. Non capisco se vuole fare più il verso a Pistoletto, Aubertin o Calzolari ma comunque gira nei paraggi.

  3. #3
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,906
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    :Amico mio oggi ci stiamo sbizzarrendo.
    Grandissimo il Parmiggiani, vicino a diverse correnti artistiche ma vero grande outsider!
    Ecco, adesso mi godo i tuoi preziosi e fondamentali interventi!

    GRAZIE CON TUTTO IL CUORE!

    Ps e grazie anche a sanmicheli

  4. #4
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,243
    Mentioned
    198 Post(s)
    Quoted
    7933 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Interessante contributo:

    La realtà delle cose - Dettaglio articolo - Flash Art

    e già che ci siamo lo condiamo con altre immagini, se gradite
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Claudio Parmiggiani-4.jpg   Claudio Parmiggiani-2.jpg   Claudio Parmiggiani-1.jpg  
    Immagini Allegate Immagini Allegate Claudio Parmiggiani-3.jpg 

  5. #5
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,243
    Mentioned
    198 Post(s)
    Quoted
    7933 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Un pò di letteratura sparsa......

    "il nodo di confluenza e di scambio in cui vengono oggi a muoversi l'ormai consolidata riappropriazione di tutta la storia dell'arte, o meglio della totalità, e la recente e non meno diffusa ripresa dell'esercizio della metafora."(Trini, 1985, p.76).

    Anch'egli mette in atto una fenomenologia della visione in cui vi sono chiari riferimenti alla cultura ermetica - esoterica. La natura del rapporto tra l'artista e l'alchimia fonda il suo principio sul desiderio, attraverso l'archetipicità dell'opera, "di trasformare l'individuo per ricreare il mondo a misura dei propri sogni."(Schwarz, 1985, p.152).

    E' una ricerca che induce nell'osservatore un atteggiamento di profonda riflessione: l'opera vuole essere rivelazione, illuminazione, e in quanto tale presuppone l'unità del tutto. Daedalus, 1977 Calvesi sottolinea come Parmiggiani valuti da artista "soprattutto le strutture interne, e nel chiuso di questo protettivo interno, così simile ad un ideale grembo materno, è conseguente che i valori costanti assurgano a suggestiva immagine di una essenzialità metastorica, convergendo nel circolo dell'Identità assoluta."(Calvesi, 1985, p.106).

    La complessità della sua arte deriva da una materia espressiva che assume in sé una forte concentrazione di significati, fermentando dalla sede concettuale (l'idea) a quella spaziale (la pittura). L'opera assurge dunque a itinerario mentale e Parmiggiani "è tra gli artisti contemporanei uno dei più decisi alle partenze, uno dei più pronti a doppiare la funzione di costruttore di forme in quella di viaggiatore mentale."(Diacono, 1978, p.3).

    La sua opera, tuttavia, è l'immagine plastica e astratta di un pensiero, di una figura mentale che non dà immediatamente un responso, che "non traduce subito la propria presenza in risposta."(Fossati, 1985, p.73). Essa mostra "ciò che ogni cosa virtualmente è: un enigma."(Guidieri, 1985, p.92).

    Al mistero e al silenzio corrispondente è però sottesa la possibilità di svelamento dell'ineffabile attraverso "quel sospetto che nell'occhio si carica di una puntigliosa quantità di riferimenti, di addizioni e sottrazioni, di spessori e densità."(Fossati, 1985, p.73). E' come entrare in un labirinto di continui rimandi, contraddizioni, e conferire loro un assetto ordinato.

    Ecco allora l'emblematico lavoro denominato Daedalus (1977) collocarsi in quel progetto nel quale l'idea si fa tangibile, reale, ed il mito la possibilità di una pratica quotidiana. Si tratta di una porta in legno sopra la quale sono tracciati due labirinti in rilievo. Ai piedi della porta, simbolo di una soglia da varcare al fine di superare la prova del labirinto, la messa in posa di una grossa sfera, di marmo nera. E' come se all'ordine disorientante del labirinto fosse "da poco uscita la perfezione opaca della sfera", la ricomposizione di una totalità perduta, autentica: "immagino che dalla caverna e dal caos si sia appena formato il cosmo, con un evento che ha sì un'aria tragica, ma è anche un gioco, una probabilità, un divertimento d'abilità."(Trini, 1985, p.79).

    In ultima analisi c'è chi, come Schwarz, vede nella porta anche l'allegoria della solitudine dell'artista in generale e qui in particolare quella di Parmiggiani che ha sempre vissuto appartato. Solitudine che rimanderebbe a quella distanza tra l'artista e la società.

    La porta, che non è né aperta né chiusa, "ha anche un valore simbolico androgino, così come ce l'hanno tutti gli altri elementi della composizione. Il labirinto superiore rimanda al principio maschile uranico, ma l'apertura per raggiungere il cuore è situata in basso, come a dire che la via per arrivare passa dal principio ctonio femminile. Identica situazione, ma ovviamente rovesciata, nel labirinto inferiore, dove l'apertura è situata in alto. La sfera sta per la perfezione della totalità androgina, e, nella tradizione alchemica, per la Pietra filosofica, il Rebis. Coerentemente con il suo valore simbolico, e dato che la Pietra è raggiungibile uscendo dal labirinto, la sfera qui è posta proprio davanti e fuori dei due labirinti, mentre nell'iconografia esoterica tradizionale la sfera (o più frequentemente l'albero, il cui simbolismo si sovrappone a quello della sfera) è situata nel cuore del labirinto. Questo allontanamento dall'iconografia tradizionale", prosegue Schwarz, "ci permette di verificare come Parmiggiani, anche se si accosta a un tema archetipo, riesca a reinventare il mito."(Schwarz, 1985, pp.154-155).

    Porta del 1968
    Titolo : Luce, luce, luce
    Immagini Allegate Immagini Allegate Claudio Parmiggiani-1.jpg 

  6. #6
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,243
    Mentioned
    198 Post(s)
    Quoted
    7933 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da sanmicheli Visualizza Messaggio
    Grazie a te caro che mi citi

    Non capisco se vuole fare più il verso a Pistoletto, Aubertin o Calzolari ma comunque gira nei paraggi.
    dovere citarti
    Aubertiiiiiiiin
    mapercarità

  7. #7
    L'avatar di sanmicheli
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    2,570
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    313 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da artebrixia Visualizza Messaggio
    dovere citarti
    Aubertiiiiiiiin
    mapercarità


    La riflessione che faccio riguarda il linguaggio. E cioè che l'arte povera, nostra invenzione, ha cambiato il linguaggio dell'arte. Gli artisti che hanno e che stanno calcando questa scena hanno e stanno tuttora rivoluzionando il modo di comunicare arte. A mio modo di vedere questo movimento verrà ricordato tanto e forse più del futurismo come importanza storica. Una vera e propria sfida all'arte americana con cui si confronta e a volte si interseca. Speriamo che anche nel futuro saremo all'altezza e sforneremo nuove generazioni di artisti in grado di essere protagonisti della scena mondiale.

  8. #8
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,906
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Claudio Parmiggiani presente in due importanti mostre:

    Brief History of the Future - Musée du Louvre, Paris

    2050 - Brief History of the Future - Royal Museums of Fine Arts of Belgium, Brussels

  9. #9
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    32,243
    Mentioned
    198 Post(s)
    Quoted
    7933 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    mi hanno segnalato questo ad artissima....
    bello
    Immagini Allegate Immagini Allegate Claudio Parmiggiani-12115642_1489508604687465_8035904709613916688_n.jpg 

  10. #10
    L'avatar di marcdeni
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Messaggi
    2,705
    Mentioned
    36 Post(s)
    Quoted
    661 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Esatto , da de' Foscherari , ieri da loro tra Piacentino e Parmiggiani ci ho lasciato il cuore
    Ultima modifica di marcdeni; 06-11-15 alle 23:56

Accedi