Azionismo Viennese
Corsa al cashback di Natale senza App IO e Spid. Le alternative per attivarlo con Satispay, Nexi e altre app
Mancano ormai pochi giorni al via del Cashback di Stato e sono sempre più numerose le alternative a disposizione dei consumatori per partecipare all?operazione che permetterà di recuperare fino a …
Liquidità del mercato sempre più fattore chiave: i problemi del portafoglio 60/40 e come proteggersi al meglio
articolo a cura di articolo a cura di  Gianluca De Stefano* I mercati sono sempre stati un susseguirsi di alti e bassi. Il primo crollo documentato é stato il quello del …
Per Nio brusca retromarcia del 25% dai massimi, Li Auto fa peggio. Si sgonfia entusiasmo sulle aspiranti Tesla cinesi
Ennesimo calo a Wall Street per Li Auto, startup cinese di veicoli elettrici, le cui azioni sono in calo ormai da sette sedute consecutive. Oggi la flessione è nell’ordine del …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,596
    Mentioned
    186 Post(s)
    Quoted
    7113 Post(s)
    Potenza rep
    42949684

    Cool Azionismo Viennese

    Azionismo viennese

    Questa volta, cari miei, ho fatto veramente molta fatica a reperire immagini che non possano turbare la vostra nottata, ma visto che di tale movimento si è raramente trattato in questo luogo ed è ben più facile parlare ed osservare le opere di Marina Abramović, Gilbert & George, Dennis Oppenheim, Urs Lüthi, Vito Acconci, Gina Pane, Hermann Nitsch (ma andate a vedere anche fino a dove si spinsero) e parzialmente anche quelle di Arnulf Rainer

    Vi chiedo se avete mai approfondito tale corrente, visto che il 7 giugno del 1968 all’università di Vienna gli azionisti realizzarono la performance «Kunst und Revolution» ed è innegabile che abbia lasciato un segno indelebile nelle culture artistiche successive, provate a fare qualche ricerca in autonomia per vedere dove Vi portano e rimarrete forse sorpresiritrovando riferimenti anche nel vostro amato Luigi Ontani.

    E mi riferisco ad Artisti del calibro di
    • Günter Brus
    • Rudolf Schwarzkogler
    • Otto Mühl


    Lo scrittore Paolo Tonini disse :
    “In fondo in quei favolosi anni Sessanta del boom economico la felicità si comprava a rate, per la prima volta nella storia la grande massa dei produttori poteva soddisfare bisogni non più legati alla necessità di sopravvivere.
    Nasceva la società dei consumi e con essa l’uomo medio, l’uomo della strada: a lui si rivolgevano la pubblicità e le ricerche sociologiche, per sondarne i più segreti desideri e crearne di nuovi.
    Un uomo senza cultura e senza memoria, protagonista di quella mutazione antropologica che per Pasolini costituiva un processo irreversibile.
    Una mutazione che si fondava prima di tutto sulla rimozione del corpo.”

    Se vi va proseguiamo, diversamente la chiudo qui.
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Azionismo Viennese-3.jpg   Azionismo Viennese-4.jpg  
    Immagini Allegate Immagini Allegate Azionismo Viennese-1.jpg Azionismo Viennese-2.jpg 

  2. #2
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,596
    Mentioned
    186 Post(s)
    Quoted
    7113 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    ah
    scordavo.


    Eventuali approfondimenti fateli domattina, datemi retta
    Immagini Allegate Immagini Allegate Azionismo Viennese-schastrommel-08b-5.jpg 

  3. #3
    L'avatar di Heimat
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    1,957
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    306 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Hai fatto bene Ale a creare un thread specifico sull'azionismo viennese. E'stato un movimento artisticamente importante. Non è nelle mie corde ma non lo escludo aprioristicamente. Dei vari artisti facenti parte di quel gruppo mi intriga Arnulf Rainer.

  4. #4
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,596
    Mentioned
    186 Post(s)
    Quoted
    7113 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Grazie caro heimat.

    Confido nella partecipazione di altri utenti, forse distolti da una sorta di indifferenza o di timore.

    Del resto come non rammentare quell’8 giugno 1972, all’inaugurazione della Biennale veneziana, Gino De Dominicis espone tre oggetti sotto il titolo Seconda soluzione di immortalità (l’universo è immobile). Sono tre opere già esposte precedentemente: il Cubo invisibile (1967), rappresentato da un quadrato disegnato per terra; la “Palla di gomma (caduta da 2 metri) nell’attimo immediatamente precedente il rimbalzo (1968) e una pietra “Attesa di un casuale movimento molecolare generale in una sola direzione, tale da generare un movimento spontaneo della pietra“. Paolo Rosa, un giovane Down, osserva i tre oggetti seduto su una sedia, di fronte (in opposizione) agli spettatori. E’ subito scandalo, e nei giorni successivi al posto di Paolo c’è una bambina. Questo non ferma la Procura di Venezia: la sala viene definitivamente chiusa e l’artista viene accusato di sottrazione di incapace. Verrà assolto “perché il fatto non sussiste” soltanto nell’aprile del 1973.

    E molti anni dopo, nel 1986, De Dominicis progetta una scultura che raffiguri il personaggio della sua opera seduto come a Venezia. L’idea ritorna tra il 1996 e il 1998 quando l’artista pensa di collocare la statua in uno dei belvedere lungo la strada tra Firenze e Fiesole, a fronteggiare idealmente il David di Michelangelo: in una grande civiltà c’è spazio per tutti, c’è bellezza per tutti.
    Però quel che rimane è una fotografia che documenta l’azione veneziana. Nella foto una signora fissa il ragazzo incredula togliendosi gli occhiali – e al di là di qualunque interpretazione si impone con la sua verità l’immagine di quel gesto maleducato.


    Temo che ancor oggi, a distanza di quasi cinquant'anni, forse Pasolini avesse davvero ragione.
    Immagini Allegate Immagini Allegate Azionismo Viennese-02.jpg 

  5. #5

    Data Registrazione
    Jul 2013
    Messaggi
    5,077
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    254 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Bisogna dire che non è un tipo di arte che piace a tutti.
    A me non piace.
    Ho letto qualcosa in alcuni libri dove si accennava, ma non ho mai approfondito.
    Può anche contenere un messaggio che personalmente mi giunge a fatica, se per comprenderlo devo vedere qualcosa che mi disturba.

  6. #6
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,596
    Mentioned
    186 Post(s)
    Quoted
    7113 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da arcange Visualizza Messaggio
    Bisogna dire che non è un tipo di arte che piace a tutti.
    A me non piace.
    Ho letto qualcosa in alcuni libri dove si accennava, ma non ho mai approfondito.
    Può anche contenere un messaggio che personalmente mi giunge a fatica, se per comprenderlo devo vedere qualcosa che mi disturba.
    Grazie.
    Non piace nemmeno a me, difficile da digerire
    ma interessante per ciò che hanno lasciato in eredità a molti artisti
    molto noti.

    Bene,
    la chiudo qui, rammentando che Rudolf Schwarzkogler si suicidò nel 1969.

  7. #7

    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    430
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    92 Post(s)
    Potenza rep
    8977643
    Una decina di anni fa ho visto una mostra di Otto Muhl a Porto. Tra tutti gli artisti dell'azionismo é quello che provabilmente si è fermato a un livello piú ragionevole ...opere molto potenti, famose per essere dipente con tutte le parti del corpo, tra le quali, anche le parti intime...

  8. #8

    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    153
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    16 Post(s)
    Potenza rep
    5555928
    Grazie Brixia,
    contributo molto interessante,
    Io trovo la body art molto intrigante,
    artisti complessi che attraverso il dolore
    e autolesionismo esprimono la loro arte.
    Qualche anno fa non li avrei mai considerati....
    ora sto cominciando a vederli sotto un'altra luce!

  9. #9
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,596
    Mentioned
    186 Post(s)
    Quoted
    7113 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Grazie Loomax e grazie Pancaldi.

    Considerando che mi è difficile postare lavori di Günter Brus, Rudolf Schwarzkogler e Otto Mühl
    senza rischiare di essere espulso dal FOL

    posso però iniziare "moderatamente" da Arnulf Rainer, il più pacato.

    Dal 1981 al 1995 è stato professore di pittura all’Accademia di Belle Arti di Vienna. Nominato membro dell’Accademia delle Arti di Berlino e dell’Österreichische Kunstsenat, nel 1966 riceve il Premio nazionale austriaco per la grafica; nel 1978 il Premio nazionale austriaco Grosser; nel 1981 il Premio Max Beckmann della Città di Francoforte; nel 1989 il Premio Grosser del Centro internazionale di fotografia di New York.

    In seguito alla scoperta precoce dell’espressionismo, tra il 1951 e il 1954, produce una prima serie di composizioni automatiche, realizzate ad occhi chiusi (“Disegni in cecità”), in virtù delle quali diviene uno degli artisti più importanti dell’astrattismo viennese del dopoguerra.

    Nel 1953, distrugge gran parte delle sue opere
    Tra il 1962 e il 1968 assieme aNitsch, Muehl, Brus e Rudolf Schwarzkogler partecipa alle esperienze dell’“Actionismus” austriaco. I componenti di questo importante movimento artistico adottano un atteggiamento
    deliberatamente provocatorio e aggressivo rispetto ai valori dominanti in Austria negli anni sessanta e rinnegano le categorie estetiche tradizionali...

    Non si contano le partecipazioni di Rainer a prestigiose mostre personali e collettive in spazi pubblici e privati di tutto il mondo.
    Ricordiamo le personali del 1989 al Guggenheim di New York e al Museum of Contemporary Art di Chicago, quella nel Museo di Arte Moderna di Bolzano del 1995, oltre alla mostra speciale in occasione della 23a Biennale di San Paolo (1996), fino alla grande esposizione presso lo Stedelijk Museum di Amsterdam per celebrare il suo settantesimo compleanno.


    Piaccia o non piaccia in tale movimento
    Vi assicuro ragazzi miei
    che troverete molti riferimenti ad altri artisti, per questo lo reputo interessante (qualche spunto qui)
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Azionismo Viennese-1.jpg   Azionismo Viennese-2.jpg  

  10. #10
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,596
    Mentioned
    186 Post(s)
    Quoted
    7113 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Per farvi un esempio andate a vedere
    la Action di Otto Muehl, “Oh Sensibillity”
    del 1970 e troverete l'ispirazione a molti lavori di Ontani

    e se approfondite l'operato di Arnulf Rainer ed Rudolf Schwarzkogler
    vi ritroverete in alcuni primi cicli di Michele Zaza

Accedi