Riccardo Guarneri
Grande abbuffata per Piazza Affari: Banco BPM (+7%) guida rush banche, FCA all’attacco dei 10 euro
Martedì euforico per Piazza Affari sulle aspettative di un accordo al Congresso Usa su un nuovo piano di stimoli e le parole di Trump che ha prospettato la possibilità di …
Dollaro vittima sacrificale, ma ci sono tre ragioni per puntare su una ripresa (solo nel breve). I target di Ubs su eur/usd e usd/chf
Riprende la discesa del dollaro Usa rispetto alle altre principali valute, euro in primis. Oggi il biglietto verde aveva inizialmente tentato di risollevare la testa, ma la lettura ben oltre …
Oro: folle corsa verso 3mila o addirittura 4mila$? I fattori rialzisti restano, ma ci sono due incognite  
L'oro si prende oggi una pausa di riflessione e si muove in territorio negativo, dopo i recenti record che l'hanno spinto a superare il massimo del 2011. Il lingotto nelle …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,906
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    42949679

    Arrow Riccardo Guarneri

    Dedico questo 3D ad uno degli artisti che reputo uno dei veri "grandi signori" della Pittura.
    Guarneri è un raffinatissimo poeta del colore,artista colto che ha sempre dimostrato la sua esistenza di artista attraverso la pittura, una pittura che col tempo si interroga per attivare sempre più vicina alla luce.


    «Mi lasciai conquistare dallo schema geometrico di rombi o quadrati ripetuti in impercettibile asimmetria, che si svolge attraverso successioni calcolate attentamente. Si ottiene un effetto di euritmia con l'aiuto di colori, anzi luci colorate, che vanno a sostituire il vecchio colore timbrico determinando effetti di poesia attraverso il ricorso agli elementi primari di luce e ritmo dello spazio. [...] Avevo in mente anche l'omaggio al quadrato di Josef Albers, con quegli effetti di tensione dinamica, di compressione che nascevano dallo schema di quadrati organizzati non attorno allo stesso centro; anche per Albers il quadrato significava purezza della forma e fuga dalle implicazioni emotive, alla ricerca di un modulo base in rapporto ai suoi multipli. Ma per me Albers era troppo logico, geometrico, io preferivo essere più ambiguo, non avevo la sua fede nella forma pura, venivo dell'esistenzialismo».
    Dal 1969 la pittura «continuava a raffinarsi. Nascevano quadri quasi bianchi, leggibili solo mediante una osservazione prolungatache provocava un raffinamento percettivo. [...] i colori erano il risultato di trasparenze luminose e mutevoli e si trasformavano in colore-luce. I segni si erano trasformati e, da individuali e significanti, erano divenuti più leggeri, più fitti e regolari, mera trascrizione di un impercettibile movimento del polso. [...] Ma alla fine la struttura deve continuamente fare i conti con una luce che la consuma e la disfa».

    Fonte:Guarneri Riccardo
    Ultima modifica di -artpop-; 25-08-15 alle 01:04

  2. #2
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,906
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Ma per me Albers era troppo logico, geometrico, io preferivo essere più ambiguo, non avevo la sua fede nella forma pura, venivo dall'esistenzialismo

    Venivo dall'esistenzialismo.
    Questa frase è un manifesto.
    Manifesto della raffinatezza pittorica di Guarneri.

    Le domande fondamentali dell'esistenzialismo, "che cos'è l'essere?" e "che cosa vuol dire esistere?" affiorano pacatamente nella velata pittura di Guarneri e la sua pittura sembra quasi voler dire:

    "che cos'è la pittura?" e "che cosa vuol dire dipingere?"

    La risposta è data dal colore, un colore che trasporta il peso della storia dell'arte e che affiora con tinte delicate sulla tela per dire ''ci sono e dunque esisto''.

  3. #3
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,906
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Ma alla fine la struttura deve continuamente fare i conti con una luce che la consuma e la disfa

    Ecco la frase che inquadra il Guarnieri Analitico: la struttura che tanto era stata osannata negli anni Settanta dalla Pittura Oggettuale adesso viene disfatta e consumata dalla pittura che è luce, perché l'analisi del colore effettuata da Guarneri è una continua ricerca della luce attraverso la pittura.

    Pittura che si evolve ma non si rinnega.

  4. #4
    L'avatar di dura-lex sed-lex
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    4,752
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Artista che mi è sempre piaciuto, serio ed umile come persona, rigoroso e delicato al tempo stesso nello stile, uno dei più penalizzati quando viene mostrato in tv o su internet (anche per questo penso che se vogliono farci un bel lavoro le gallerie non devono puntare su quei media).

  5. #5

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    8,890
    Mentioned
    127 Post(s)
    Quoted
    3165 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Bravo artpop! Hai centrato in pieno il senso del lavoro di Guarneri!

    Un dipingere talmente raffinato che non ha bisogno di altro. Il colore che è esso stesso tutta luce, tanto che appare piano piano solo osservando il quadro, emergendo a poco a poco come per trasparenza.

  6. #6
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,906
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da dura-lex sed-lex Visualizza Messaggio
    Artista che mi è sempre piaciuto, serio ed umile come persona, rigoroso e delicato al tempo stesso nello stile, uno dei più penalizzati quando viene mostrato in tv o su internet (anche per questo penso che se vogliono farci un bel lavoro le gallerie non devono puntare su quei media).
    Esattamente.
    Per capire e leggere la sua pittura bisogna ''vivere'' le sue opere.

  7. #7
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,906
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da accipicchia Visualizza Messaggio
    Bravo artpop! Hai centrato in pieno il senso del lavoro di Guarneri!

    Un dipingere talmente raffinato che non ha bisogno di altro. Il colore che è esso stesso tutta luce, tanto che appare piano piano solo osservando il quadro, emergendo a poco a poco come per trasparenza.
    Grazie accipicchia.

    Pittore raffinatissimo e soprattutto pilastro della pittura italiana.

    Da sempre ho apprezzato la sua pittura e mi sembrava doveroso dedicare a lui un 3D

  8. #8
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,906
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Di Guarneri apprezzo due ''tipi'' di opere: quelle nelle quali affiorano le ''geometrie'' attraverso i colori e quelle che sono impreziosite da pensieri scritti dall'artista.

  9. #9
    L'avatar di dvdnavas
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    4,910
    Mentioned
    50 Post(s)
    Quoted
    1614 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da dura-lex sed-lex Visualizza Messaggio
    Artista che mi è sempre piaciuto, serio ed umile come persona, rigoroso e delicato al tempo stesso nello stile, uno dei più penalizzati quando viene mostrato in tv o su internet (anche per questo penso che se vogliono farci un bel lavoro le gallerie non devono puntare su quei media).
    L'ho conosciuto di persona quest'anno a Mi art e non posso far altro che confermare le tue impressioni. S'è soffermato ad illustrarmi un suo quadro!!!

  10. #10

    Data Registrazione
    May 2011
    Messaggi
    1,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    8 Post(s)
    Potenza rep
    24553965
    Artista di grande spessore e persona squisita.
    Ho sempre apprezzato i suoi lavori così lievi ed eleganti. Tuttavia, l'unica sua opera che ho avuto, dei primi anni 70, aveva in questa caratteristica anche la sua debolezza. Davvero poco godibile in casa, sembrava quasi cancellarsi giorno per giorno. Difficile da illuminare, difficile da fruire se non con grande concentrazione.
    Data questa difficoltà, spero di vederlo sempre più spesso in esposizioni museali!

Accedi