Consigli per gli acquisti
Triboo: ricavi ed ebitda in forte crescita nei primi 9 mesi 2021
Primi nove mesi dell’anno con ricavi e margini in crescita a doppia cifra per Triboo, gruppo attivo nel settore digitale e quotato sul mercato MTA di Borsa Italiana. I ricavi …
Piazza Affari apre dicembre avanti tutta: sprint di Stellantis e Unicredit, il risk-on penalizza Diasorin
Avvio di dicembre a spron battuto per Piazza Affari dopo le tensioni della vigilia dettate dalle parole di Jerome Powell che ha anticipato la possibilità di un tapering accelerato da …
Tavares (Stellantis) lancia allarme elettrificazione forzata e indica due scenari possibili
Ferma presa di posizione dell'amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares, sulla spinta in atto verso l'elettrificazione del mercato automobilistico. Il ceo di Stellantis ritiene che le pressioni esterne sulle case …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    988
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    69 Post(s)
    Potenza rep
    18319642

    Consigli per gli acquisti

    Buongiorno,

    desidero aprire questa nuova discussione par raccogliere e condividere, con coloro che lo riterranno utile, consigli, esperienze e suggerimenti sul modo in cui i vari artisti/archivi si rapportano al mondo del collezionismo e alle sue esigenze (rilascio di pareri di autenticità, dichiarazioni di autenticità, archiviazioni, costi, tempistiche, modalità per ottenere tali certificazioni).*

    Il mio vuole essere solamente un vademecum per i collezionisti che si approcciano a un determinato artista per sapere, prima di un eventuale acquisto, cosa comporta acquisire un'opera sprovvista di autentica o ancora cosa occorre mettere in conto in caso di tentata vendita.

    Il mio scopo non è quello di giudicare se le pratiche di un archivio siano giuste o sbagliate, così come non mi importa di essere giudicato per parlare di aspetti che esulano dall'arte e dalla creatività intese in senso stretto.

    Inizio con alcune mie esperienze personali:

    - Paolo Maggis: l'artista ha più volte vietato che sue opere fossero riprodotte all'interno di cataloghi d'asta, sia nei cataloghi cartacei che nelle versioni online. La tentata vendita di un'opera dell'artista deve quindi tenere conto dell'eventualità di non poter presentare l'immagine dell'opera.
    L'artista non è più trattato dalla casa d'aste Meeting Art

    - Gina Pane: alcuni lavori provenienti dalla galleria Luciano Inga Pin, pur presentando etichette della stessa al retro, non sono ritenuti autentici dalla compagna-vedova dell'artista che ne cura l'archivio. Nel mio caso la vendita mi è stata impedita, informandomi che l'opera, acquisita e descritta dal cartiglio di Inga Pin come pezzo unico, era in realtà parte di un installazione e di una tiratura, non vendibile singolarmente.

    - Michelangelo Pistoletto: la fondazione non rilascia archivi sulla serie di opere denominata 'Frattali'. Tali opere non sono più trattate dalla casa d'aste Meeting Art.

    - Tino Stefanoni: dopo aver acquistato sul mercato un'opera sprovvista di autentica, una volta contattato, l'artista non solo ha risposto via mail con estrema celerità ma mi ha anche inviato autentica via posta senza alcun costo.

    - Nunzio: l'artista, contattato per verificare lo stato di conservazione di un'opera, non solo ha risposto ma si è anche adoperato in prima persona per riportarla allo stato iniziale, il tutto gratuitamente.

    - Hsiao Chin: l'artista, contattato per verificare l'autenticità di un'opera, ha risposto celermente e ha manifestato disponibilità a redigere certificato di autenticità al costo di € 500. Penso trattasi del nuovo listino prezzi visto che fino a poco tempo fa mi risultava una richiesta inferiore.

    - Maurizio Galimberti: l'artista ha recentemente pubblicato un avviso in cui dichiara che molte opere sono state da lui regalate a terzi ed altre ancora rubate da un suo ex assistente. Tali opere, tra cui tutte quelle presentate attraverso la piattaforma 'ebay' non verranno mai autenticate.
    Qualsiasi opera acquistata senza autentica deve dunque tener conto dell'eventualità di rientrare in una delle condizioni sopra citate.
    Il costo di ciascuna autentica è di € 300.

    - Gianfranco Baruchello: la fondazione, contatta in merito ad un'opera e alle procedure per ottenere l'archiviazione, non mi ha mai risposto.

  2. #2

    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    16,705
    Mentioned
    48 Post(s)
    Quoted
    2205 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da gubellina Visualizza Messaggio
    Buongiorno,

    desidero aprire questa nuova discussione par raccogliere e condividere, con coloro che lo riterranno utile, consigli, esperienze e suggerimenti sul modo in cui i vari artisti/archivi si rapportano al mondo del collezionismo e alle sue esigenze (rilascio di pareri di autenticità, dichiarazioni di autenticità, archiviazioni, costi, tempistiche, modalità per ottenere tali certificazioni).*

    Il mio vuole essere solamente un vademecum per i collezionisti che si approcciano a un determinato artista per sapere, prima di un eventuale acquisto, cosa comporta acquisire un'opera sprovvista di autentica o ancora cosa occorre mettere in conto in caso di tentata vendita.

    Il mio scopo non è quello di giudicare se le pratiche di un archivio siano giuste o sbagliate, così come non mi importa di essere giudicato per parlare di aspetti che esulano dall'arte e dalla creatività intese in senso stretto.

    Inizio con alcune mie esperienze personali:

    - Paolo Maggis: l'artista ha più volte vietato che sue opere fossero riprodotte all'interno di cataloghi d'asta, sia nei cataloghi cartacei che nelle versioni online. La tentata vendita di un'opera dell'artista deve quindi tenere conto dell'eventualità di non poter presentare l'immagine dell'opera.
    L'artista non è più trattato dalla casa d'aste Meeting Art

    - Gina Pane: alcuni lavori provenienti dalla galleria Luciano Inga Pin, pur presentando etichette della stessa al retro, non sono ritenuti autentici dalla compagna-vedova dell'artista che ne cura l'archivio. Nel mio caso la vendita mi è stata impedita, informandomi che l'opera, acquisita e descritta dal cartiglio di Inga Pin come pezzo unico, era in realtà parte di un installazione e di una tiratura, non vendibile singolarmente.

    - Michelangelo Pistoletto: la fondazione non rilascia archivi sulla serie di opere denominata 'Frattali'. Tali opere non sono più trattate dalla casa d'aste Meeting Art.

    - Tino Stefanoni: dopo aver acquistato sul mercato un'opera sprovvista di autentica, una volta contattato, l'artista non solo ha risposto via mail con estrema celerità ma mi ha anche inviato autentica via posta senza alcun costo.

    - Nunzio: l'artista, contattato per verificare lo stato di conservazione di un'opera, non solo ha risposto ma si è anche adoperato in prima persona per riportarla allo stato iniziale, il tutto gratuitamente.

    - Hsiao Chin: l'artista, contattato per verificare l'autenticità di un'opera, ha risposto celermente e ha manifestato disponibilità a redigere certificato di autenticità al costo di € 500. Penso trattasi del nuovo listino prezzi visto che fino a poco tempo fa mi risultava una richiesta inferiore.

    - Maurizio Galimberti: l'artista ha recentemente pubblicato un avviso in cui dichiara che molte opere sono state da lui regalate a terzi ed altre ancora rubate da un suo ex assistente. Tali opere, tra cui tutte quelle presentate attraverso la piattaforma 'ebay' non verranno mai autenticate.
    Qualsiasi opera acquistata senza autentica deve dunque tener conto dell'eventualità di rientrare in una delle condizioni sopra citate.
    Il costo di ciascuna autentica è di € 300.

    - Gianfranco Baruchello: la fondazione, contatta in merito ad un'opera e alle procedure per ottenere l'archiviazione, non mi ha mai risposto.
    Solo per ricordare, filosoficamente, che di tutte queste isteriche volubilità, proibizioni, complicazioni, tra cento anni non rimarrà memoria alcuna e il tempo passerà su tutto ciò come uno schiacciasassi sulle arance.
    Detto ciò, fai benissimo a promuovere questo 3d.

  3. #3
    L'avatar di sanmicheli
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    2,570
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    313 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Della serie spendi un sacco di soldi e poi ti prendono anche per i fondelli, salvo rare eccezioni. Poi se un artista cresce i condor ti portano via anche quel poco che ti rimane. E' proprio vero che il collezionismo non paga

  4. #4

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    9,122
    Mentioned
    146 Post(s)
    Quoted
    3340 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Altro ottimo motivo per fare acquisti solo presso i canali più "in chiaro": Gallerie e distributori ufficiali, Mostre ufficiali, Aste di buon livello che provvedono alle necessarie verifiche. Tutti gli acquisti "avventurosi" (trafficanti, mercanti arruffoni, confusionisti vari, galleristi bottegai, aste che non verificano un bel niente) presentano margini di rischio anche riguardo la corretta (ahimè sempre più necessaria) documentazione.

  5. #5
    L'avatar di marcocaroli
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    81
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    3726988
    Citazione Originariamente Scritto da gubellina Visualizza Messaggio
    Buongiorno,

    desidero aprire questa nuova discussione par raccogliere e condividere, con coloro che lo riterranno utile, consigli, esperienze e suggerimenti sul modo in cui i vari artisti/archivi si rapportano al mondo del collezionismo e alle sue esigenze (rilascio di pareri di autenticità, dichiarazioni di autenticità, archiviazioni, costi, tempistiche, modalità per ottenere tali certificazioni).*
    Ciao Gubellina
    proprio oggi ad una fiera ho chiesto informazioni su 2 stampe: una di C. Mattioli e l'altra di Scanavino. In risposta ad una mia richiesta di certificazione o autentica, entrambi i venditori ( trattasi di commercianti occasionali) mi hanno detto che la certificazione l'avrebbero sottoscritta loro e, in risposta ad una mia obiezione sul valore di un tale documento, che non potevo pretendere che ogni multiplo di 100 o più esemplari possa essere accompagnato da certificazione. E' così? vorrei un tuo parere. grazie

  6. #6
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,906
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da marcocaroli Visualizza Messaggio
    Ciao Gubellina
    proprio oggi ad una fiera ho chiesto informazioni su 2 stampe: una di C. Mattioli e l'altra di Scanavino. In risposta ad una mia richiesta di certificazione o autentica, entrambi i venditori ( trattasi di commercianti occasionali) mi hanno detto che la certificazione l'avrebbero sottoscritta loro e, in risposta ad una mia obiezione sul valore di un tale documento, che non potevo pretendere che ogni multiplo di 100 o più esemplari possa essere accompagnato da certificazione. E' così? vorrei un tuo parere. grazie
    Beh certo, mica i multipli a più esemplari possono essere archiviati.
    Se vengono acquistati in galleria rilasciano un certificato di autenticità e molte volte la stessa fattura rappresenta un certificato di ''garanzia''

  7. #7

    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    988
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    69 Post(s)
    Potenza rep
    18319642
    Citazione Originariamente Scritto da marcocaroli Visualizza Messaggio
    Ciao Gubellina
    proprio oggi ad una fiera ho chiesto informazioni su 2 stampe: una di C. Mattioli e l'altra di Scanavino. In risposta ad una mia richiesta di certificazione o autentica, entrambi i venditori ( trattasi di commercianti occasionali) mi hanno detto che la certificazione l'avrebbero sottoscritta loro e, in risposta ad una mia obiezione sul valore di un tale documento, che non potevo pretendere che ogni multiplo di 100 o più esemplari possa essere accompagnato da certificazione. E' così? vorrei un tuo parere. grazie
    Guarda questo credo sia il centro del problema.. Da quel che so la legge stabilisce che ogni opera debba essere corredata da certificato di autenticità ma non indica, anche in caso di artisti viventi, se questo debba essere prodotto dell'artista o dalla galleria. Nel caso delle grafiche penso che la fattura e eventualmente la certificazione del venditore vada più che bene.. Ma più in generale il discorso diventa relativo perchè ciò che conta è poi la credibilità e la reputazione di cui gode quel determinato venditore.

  8. #8

    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    3,829
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Nel caso di grafica e multipli la cosa molto importante ( in caso non si riesca a far risalire la provenienza certificata con fattura o altro dello stampatore) e' che sia catalogata e pubblicata in modo serio.

Accedi