Michelangelo Pistoletto, frattali Vs. Fondazione ed altro - Pagina 96
Stangata bollette Gas: la classifica delle Regioni dove si paga di più e il segreto per risparmiare
Il boom del prezzo del gas naturale mette le famiglie italiane alle strette con il rischio di una nuova stangata bollette. Secondo il nuovo Osservatorio di Tariffe.Segugio.it e SOStariffe.it, in …
Tesla nel $1 Trillion Dollar Club. Ecco la prossima che entrerà nell’Olimpo dove siedono già Apple e Amazon
Dopo Tesla, chi sarà la prossima a entrare nel 1 Trillion Dollar Club made in Usa? Tesla si conferma indubbiamente grande protagonista a Wall Street: il colosso di auto elettriche …
Sfruttare tutto il potenziale del settore energetico con un certificato Maxi Cash Collect
Un tema attualmente molto discusso è quello dell?energia. La ripresa dell?economia mondiale dovuta alle campagne vaccinali contro il coronavirus ha provocato delle crisi energetiche in diversi paesi come Italia, Regno …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #951

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    9,122
    Mentioned
    146 Post(s)
    Quoted
    3340 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Riporto anche qua:
    Arte Moderna e Contemporanea - Calendario aste - Casa d'Aste Arcadia

    Involontariamente tempestivi direi: ai lotti 486 e 487 due frattali di (ehm...) Pistoletto. Entrambi senza la mitica autentica di Pescara. Allora questi vanno bene?? La fattura mi sembra a dir poco grossolana, almeno rispetto a quelli con provenienza Pescara (guardare i bordi colorati e come è steso il colore). Vediamo se l'ArchivIo Pistoletto ora agirà per iniziare a fare chiarezza: a questo punto dovrebbe avere gli elementi e la voglia di intervenire, o no?

  2. #952
    L'avatar di Brunobruno
    Data Registrazione
    May 2014
    Messaggi
    1,729
    Mentioned
    58 Post(s)
    Quoted
    363 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da -artpop- Visualizza Messaggio
    Giusto il tempo di realizzare la realtà di essere padre e sono tornato
    La gioia più grande!!

  3. #953
    L'avatar di cicala69
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    5,524
    Mentioned
    37 Post(s)
    Quoted
    1662 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    ancora

  4. #954
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,906
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Grazie a tutti! Artpop Baby ringrazia

    Per quanto riguarda i Frattali, dopo quello che è successo in questi giorni, mi piacerebbe leggere qualche commento di uno di quei collezionisti che anni fa deridevano me e altri collezionisti che la pensavano come me.
    Forse chiedo tanto

  5. #955

    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    496
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    257 Post(s)
    Potenza rep
    19834932
    Citazione Originariamente Scritto da samodoc1 Visualizza Messaggio
    I frattali, un tipo a sé di “portale”. (diversi quindi dalla finestra di Duchamp, o da quelle di Festa o dai paesaggi interrotti di Schifano) ovvero il portale per la quarta dimensione.
    Lieto dell’interesse. Ora, vediamo se riesco a spiegarmi………abbiate pazienza ….e chiedo scusa se non sarò chiaro.
    La terza dimensione in pittura: come passare dalla bidimensione della rappresentazione figurativa della arte Bizantina alla tridimensionalità dei quadri rinascimentali.

    Michelangelo recupera la prospettiva con una descrizione così minuziosa del corpo che l'occhio (e la ricostruzione delle immagini nella mente) non fatica a capire la disposizione spaziale tridimensionale delle immagini. Allo stesso modo fecero i pittori fiamminghi con i paesaggi e le vesti e gli ornamenti. Leonardo descrive tre prospettive: 1) la lineare (quella più usata con i punti di fuga per le rappresentazioni architettoniche); 2) la prospettiva aerea (che si basa rappresentando in maniera più nitida le immagini in primo piano e più sfumata
    quelle sulla sfondo (vedi Gioconda); 3) la prospettiva del chiaro scuro o della luce e dell'ombra con la quale le immagini che hanno una maggior luce appaiono in primo piano rispetto alle immagini in ombra.

    I frattali di Pistoletto e la espansione della profondità: la quarta dimensione

    https://upload.wikimedia.org/wikiped...e_reversal.svg

    Definiamo: lo specchio piano, la immagine virtuale, la luce come onda elettromagnetica e la percezione visiva che si realizza grazie alla elaborazione nella corteccia cerebrale visiva degli impulsi elettrici ricevuti dai coni della retina, dell'occhio, elicitati dalla luce (in linguaggio da PC: i pixel della retina sono elaborati dai programmi del computer.. cerebrale).
    La immagine vista attraverso uno specchio è detta virtuale, in quanto sembra provenire da una direzione diversa rispetto all'oggetto e non può essere proiettata su uno schermo. L’immagine riflessa si trova “dietro” allo specchio stesso ad una distanza pari a quella che separa l’oggetto reale e la lastra di vetro.
    In uno specchio piano un fascio di raggi luminosi paralleli viene deviato ma mantiene il parallelismo. Ciascun raggio che colpisce lo specchio viene riflesso di un angolo identico a quello di incidenza. Per esempio se un raggio giunge con una angolazione di 45° rispetto alla verticale del punto di incidenza, esce con un angolo di 45° dalla parte opposta alla verticale.
    Inversione sinistra-destra
    Funzionamento dello specchio:
    1.Oggetto osservato
    2.Raggi di luce
    3.Superficie riflettente
    4.Osservatore
    5.Immagine virtuale
    Contrariamente a quanto creduto comunemente, lo specchio non capovolge le immagini da destra a sinistra e viceversa, ma tra fronte e retro. I raggi di luce riflessi sono capovolti nella loro direzione ma il loro moto verso destra o sinistra oppure verso l'alto o il basso rimane inalterato.
    Il motivo per cui percepiamo l'inversione destra-sinistra è che l'immagine virtuale essendo un enantiomero dell'immagine reale differisce da essa per l'inversione di uno qualsiasi degli assi. Anche se nel caso particolare dello specchio l'asse invertito è quello fronte-retro, la nostra struttura fisica grossolanamente simmetrica rispetto all'asse destra-sinistra ci porta ad associare l'inversione all'asse sbagliato.
    È possibile uscire dall'illusione, rompendo la grossolana simmetria destra-sinistra, tenendo due oggetti diversi nelle mani destra e sinistra, ad esempio un cubo nella destra e una sfera nella sinistra; ora, mettendosi davanti a uno specchio apparirà chiaro come gli assi cubo-sfera e piedi-testa non vengano variati dalla riflessione, e come sia l'asse fronte-retro a essere invertito.
    Gli specchi consistono in una lastra di vetro su cui è deposto un sottile strato di argento o alluminio, fissato al vetro per elettrolisi. Lo strato metallico è deposto sul lato opposto a quello riflettente ed è ricoperto da una vernice a scopo protettivo.
    Si noti la differenza di riflessione tra uno specchio normale (tipo i frattali di Pistoletto) ed uno alluminato (tipo le lastre di acciaio di Pistoletto). Nel secondo caso, non vi è lo spazio tra l'oggetto posto sulla superficie della lastra riflettente (dove nel caso delle lastre di acciaio di Pistoletto insiste la serigrafia su lastra di acciaio) e la sua immagine riflessa. L’immagine riflessa, invece, nello specchio normale se posta a contatto con il vetro (come la sequenza numerica dei frattali di Pistoletto) dista dalla immagine reale due volte lo spessore del vetro .
    La luce è quella porzione di onde elettromagnetiche che noi umani possiamo catturare con gli occhi (la retina) e percepire come luci, ombre e colori con la corteccia cerebrale visiva. Questo gruppo di onde elettromagnetiche ci preme di vedere tutto quello che ci sta intorno (immagine virtuale compresa).
    Quest’onda rappresenta il fenomeno di propagazione energetica (nello spazio e nel tempo) associata all’interazione fra campo elettrico (E) e campo magnetico (B). La loro direzione di propagazione è perpendicolare ai rispettivi piani di oscillazione, anch’essi fra di loro perpendicolari.
    Lo specchio ci sputa fuori in direzione opposta un campo elettrico ed un campo magnetico che oscillano nel tempo come oscillavano nell’onda incidente. Tutto questo grazie agli elettroni liberi nel materiale conduttore posto sul retro de vetro (il sottile film di argento).
    La percezione visiva é una simulazione ricostruttiva generata dal cervello, delle interazioni tra noi e l’ambiente materiale che ci circonda e in base alle nostre conoscenze e alle nostre esperienze precedenti: cio' che e' percepito (fenomeno) e' diverso dall'oggetto esterno che rappresenta (numen). Con una bella espressione della Programmazione NeuroLinguistica possiamo dire: la mappa non e' il territorio, e ognuno di noi costruisce mappe diverse dello stesso territorio e anche mappe diverse da momento a momento, in base al nostro grado di attenzione, ai nostri bisogni, alle nostre motivazioni.
    Lo specchio è il primo elemento che aiuta il bambino nella formazione dell'Io. Prima dei sei mesi il bambino, posto di fronte allo specchio, non si identifica con il riflesso, pensa che sia un altro. Tra i sei ed i diciotto mesi, nel periodo definito fase dello specchio, il bambino elabora un abbozzo dell'Io, fino a identificare l'altro (ovvero ciò che vede nello specchio) come propria immagine
    La percezione visiva dipende dalla capacità di formare e memorizzare immagini cerebrali, tramite le informazioni ricevute dall'occhio. Le parti più periferiche della retina contengono solo bastoncelli e non distinguono né la forma, né i colori degli oggetti, ma quando un oggetto entra nel campo visivo dell'occhio, determinano il movimento istintivo della testa e dell'occhio stesso al fine di portare l'immagine nella zona centrale della retina, ove si ha la massima capacità di "vedere". Man mano che ci si sposta verso la zona centrale della retina si ha una visione sempre più nitida, sino a raggiungere il massimo nella fovea, al centro della macchia lutea, dove sono presenti solo coni.
    Se la visione totale dell'occhio fermo abbraccia un campo di 140° in senso orizzontale e di circa 120° in senso verticale, la visione della macchia lutea abbraccia un campo rispettivamente di 8 e 6 gradi, mentre quello della fovea poco più di 1 grado.
    L'analisi di una scena visiva, come l'osservazione di un quadro o di un panorama, e' strettamente associata alla visione foveale. Pertanto quando si osserva una scena stazionaria, gli occhi eseguono una scansione del campo visivo con movimenti rapidi - detti movimenti saccadici - alternati a fissazioni. In generale la scansione del campo visivo non e' regolare, tranne casi particolari come la lettura, in cui c'e' un'organizzazione seriale dell'informazione visiva. Cosi', in generale, le fissazioni non sono distribuite uniformemente sulla figura osservata: alcune zone sono ignorate e altre sono visitate (fissate) frequentemente.
    L'informazione visiva può essere acquisita dal sistema nervoso centrale solo durante le fissazioni, dato che durante i movimenti saccadici sono attivi meccanismi inibitori.
    Bene! Dopo la necessaria introduzione arrivo al dunque:
    a) nei frattali di Pistoletto le sequenze numeriche sono scritte sul vetro che si trova in un piano anteriore di circa 2 mm rispetto alla superficie riflettente in argento dello specchio (spessore del vetro).
    b) La corteccia cerebrale riceve gli impulsi elettrici generati dalla elicitazione dei coni retinici da parte delle onde elettromagnetiche della luce relativa alla immagine riflessa dalla lastra di argento dello specchio, immagine riflessa che contiene anche la riflessione dei numeri scritti anteriormente sul vetro. Ok? Ma,
    c) la corteccia riceve anche le onde elettromagnetiche relative alla immagine reale della sequenza numerica dei frattali scritta sul vetro (questa è la immagine reale non la riflessa). Ok?
    d) La corteccia cerebrale nel ricostruire la immagine, la mappa il fenomeno di ciò che percepisce dall’esterno, nella nostra mente, sulla base delle esperienze passate, non sà dove porre esattamente la immagine riflessa: 1) sul piano della immagine riflessa che giace sullo stesso piano della sequenza numerica dei frattali riflessa oppure 2) sul piano della immagine reale della sequenza numerica scritta sul vetro? Ok? In questo continuo bombardamento di segnali, di immagini, mentalmente posizionate o ricostruite pochi millimetri avanti o pochi millimetri dietro l’un l’altra, da parte della corteccia, si genera una continua oscillazione, o ondulazione della immagine e l’ immagine nel nostro schema cerebrale entra, in maniera inconscia, in risonanza.
    Questo gioco o trucco ottico, che inganna la nostra corteccia cerebrale visiva, amplia o sdoppia la profondità, la percezione della terza dimensione e ci porta in quella che non trovo altro termine per definirla una ..quarta dimensione…. . Questo è l’altro messaggio artistico dei frattali, meno noto, che si collega al generico termine di portali ma che differisce da tutti i precedenti portali di Duchamp Festa, Schifano e Berlingeri.
    Ovviamente la discussione è aperta a 360 gradi.
    Che storia . Rimane la quarta dimensione, e cioè il tempo che è sempre l'unico vero signore. La oscillazione della immagine nel frattale riproduce su un solo asse, in modo più semplice quindi, l'ipercubo Quarta dimensione - Wikipedia o meglio l'iperpiano o la ipersuperficie. La quarta dimensione è : IL TEMPO.

  6. #956

    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    496
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    257 Post(s)
    Potenza rep
    19834932
    Recuperate e sequestrate 115 opere false del maestro Michelangelo Pistoletto - La Stampa

    Il tempo risponde a tutto......se sono dei frattali potevano farlo nel 2010....9 anni or sono..........sarebbe stato molto meglio.

    vedo che sono opere di grafica.....mah i frattali continuano a oscillare tra autentici o no, perpetrando negli anni il fenomeno culturale e anche commerciale, globalizzato, dei frattali, vuoi di Pistoletto, vuoi di arte nova fuoriuso...
    Comunque ce ne ricorderemo come uno dei piu' grandi e famosi fenomeni del mercato dell'arte contemporanea mondiale. Sotto questo punto di vista: vuoi autentici, vuoi copie di autore, con tanto di copia di autore di autentica (grande Italia.....solo noi..) sono e rimarranno famosi per sempre, oggetti CULT, anche se tutto questo sembra incredibile...ma vero...

    Torino, sequestrati oltre 100 quadri falsi attribuiti a Michelangelo Pistoletto - Repubblica.it

    A questo punto ottima la idea di Giorgio Gost di includerli in resina e tramandarli ai posteri tra mille anni....li hanno fatti diventare oggetti Cult in tutto il mondo...amen... Questo sono diventati ma non per scelta dei tanti piccoli collezionisti che in buona fede li hanno presi come se fossero tutti buoni come dei panini caldi appena sfornati dal fornaio.....fenomeno di arte e commerciale che ripeto e' incredibile ma vero..
    Ultima modifica di samodoc1; 29-05-19 alle 11:29

  7. #957
    L'avatar di cicala69
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    5,524
    Mentioned
    37 Post(s)
    Quoted
    1662 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    ancora co sti biscotti

  8. #958

    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    915
    Mentioned
    43 Post(s)
    Quoted
    314 Post(s)
    Potenza rep
    39411696
    Al TG1 delle 13,30 servizio sulla storia dei frattali, del sequestro, della condanna di Manzo, ecc.
    Dice che i frattali falsi sarebbero 350...
    Certo che il "maestro" poteva accorgersene un pò prima (i primi sono del 1999/2000)

    Michelangelo Pistoletto, frattali Vs. Fondazione ed altro-20190529_141624.jpg

    Michelangelo Pistoletto, frattali Vs. Fondazione ed altro-20190529_141749.jpg

  9. #959

    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    496
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    257 Post(s)
    Potenza rep
    19834932
    Mah, non sono un esperto ma queste due chiamiamole autentiche si vede lontano 10 chilometri che sono false.....
    Comunque come detto da nonnafra e ripetuto piu' volte su questo forum dal 2014 ..... il maestro doveva stoppare il fenomeno tra il 2000 e il 2010 massimo 2013. Gravissimo errore del C Manzo che ha fatto dei falsi.... ma il ritardo .... eccessivo ....della fondazione ... ha indotto troppi piccoli collezionisti, tutti in buona fede, a ..mordere la mela ....di Pistoletto.... dal 2000 a oggi.....
    Mah

  10. #960
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,412
    Blog Entries
    17
    Mentioned
    162 Post(s)
    Quoted
    4556 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    @nonnafra grazie mille per la condivisione e per le utilissime immagini.
    Purtroppo oggi in tanti si faranno una brutta doccia fredda...

    L'autentica è esattamente la classica che girava in accompagnamento ai Frattali, e chi ha opere con questo tipo di "autentica" può fare 2 + 2.

    Illo tempore anche io sollevai sul Fol perplessità oltre che sulle opere anche "sull'autenticità di queste autentiche", mentre diversi si sentivano tutelati da questa "certificazione".

    Direi che ora (FINALMENTE! e purtroppo...) s'è capito che è meglio lasciar stare del tutto questa tipologia di opere. E personalmente lascerei stare anche quelle che Pistoletto ritiene autentiche perchè rimarranno penalizzate da questa vicenda.

    A me dà l'idea che possano essere ben più di 350 i finti Frattali, ma stando su questo numero, si può fare un'ipotetica valutazione di un giro ben oltre 350.000 euro. Perchè gli ultimi giravano anche sotto i 1000 euro, ma a suo tempo si vendevano a oltre 5.000 euro e in certe aste sono arrivati vicini ai 10.000 euro.
    Bruttissima vicenda.

Accedi