Mauro Reggiani - Pagina 25
Btp? Mattone? No grazie. Italiani ora sono più propensi a investire nei prodotti del risparmio gestito
I BTP non hanno l’appeal di una volta e il mattone non è più ritenuto l?investimento sempre e comunque sicuro e remunerativo. Questo il cambio della percezione degli italiani emerso …
L’identikit dell’investitore italiano in criptovalute e cosa pianifica di fare nei prossimi 12 mesi
Agli italiani le criptovalute piacciono e sono molto fiduciosi tanto che il 33% è convinto che avranno un impatto positivo sulla società, il 61% di chi le possiede sta pianificando di aumentare …
La California apre al mondo crypto
Le criptovalute sono diventate un argomento caldo in California. Lo Stato sta esaminando come adattarsi alle criptovalute e alle tecnologie correlate, seguendo un percorso tracciato dal presidente Biden a marzo. …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #241

    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    331
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    157 Post(s)
    Potenza rep
    4171280
    Giungono voci sempre più persistenti che le operazioni di archiviazione presso la nuova associazione siano "meravigliose".
    Opere con autentica Caramel (a cui fu demandato proprio dalla nipote tale compito) riconosciute come false, stessa fine opere con a corredo l'archivio della figlia Virginia; alcune opere con a corredo anche i certificati di autenticità delle più note case d'asta italiana.........ma non finisce qui, meraviglia delle meraviglie tutte le opere ritenute false sono state sequestrate dal nucleo a tutela del patrimonio cultura e tutto questo in assenza di qualsivoglia reato visto che i poveri proprietari volevano "solo" archiviare.........
    P.s. questa non è una favola. Qualcuno li fermi!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. #242
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    7,799
    Mentioned
    330 Post(s)
    Quoted
    3558 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    e questo diritto d'autore, mi sa che la legge è da modificare.
    Parlane con Biagio, vedrai che per lui è tutto sotto controllo, l'archivio fa bene il suo lavoro, etc.

  3. #243
    L'avatar di dvdnavas
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    5,663
    Mentioned
    69 Post(s)
    Quoted
    1882 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Macho678 che ha iniziato questo 3d se ben ricordo è figlio o nipote comunque parente!
    Provate a rivolgervi a lui o vediamo se vi risponde

  4. #244

  5. #245
    L'avatar di pikebishop
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    1,506
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    21 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Arrivatomi oggi dalla Cardelli e Fontana:


    In qualità di membro dell'Associazione per la tutela delle opere di Mauro Reggiani vi segnalo la seguente notizia:

    I Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari, a conclusione di una lunga e complessa attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Lecce, ha accertato l’esistenza di un gruppo criminale, composto da mercanti d’arte, collezionisti e speculatori occasionali, avente ramificazioni in tutta Italia, che aveva creato una pervasiva rete commerciale di ricettazione e commercializzazione di opere d’arte false e/o contraffatte, attribuite al maestro Mauro Reggiani (Nonantola 1897 – Milano 1980), uno dei massimi esponenti dell’astrattismo in Italia.

    Le investigazioni, iniziate nel 2019, grazie alla segnalazione dell’Associazione per la tutela delle opere di Mauro Reggiani che denunciava un’insolita e continua richiesta di verifica di autentiche di dipinti, hanno permesso di accertare che opere falsamente attribuite all’artista venivano immesse sul mercato nazionale grazie alla complicità di gallerie, collezionisti privati e mercanti d’arte, prevalentemente attraverso l’utilizzo di piattaforme “e-commerce”, eludendo così le norme vigenti sull’esercizio del commercio. Il ruolo fondamentale della compagine criminale, veniva svolto da un mercante abruzzese che, attraverso una serie di intermediari su tutto il territorio nazionale, aveva messo in circolazione un numero indefinito di beni d’arte falsi.
    Le opere, risultate copie di dipinti autentici, erano riproduzioni estrapolate dal catalogo generale delle opere di Mauro Reggiani, pubblicato in bianco e nero negli anni ’90 geometricamente identiche a quelle catalogate, ma con colorazioni diverse da quelle originali. Determinante ausilio alle indagini è stato fornito dall’Associazione Reggiani, costituitasi nel 2019, che eseguiva expertise su tutte le opere sequestrate, accertandone la non autenticità.
    Le opere sequestrate, proposte in commercio a prezzi compresi tra 15.000 e 70.000 euro, avrebbero fruttato oltre un milione di euro. Moltissime le vittime del raggiro che si sono ritrovate in casa dipinti falsi pagati migliaia di euro.
    Le opere sono state sequestrate in varie provincie di tutto il territorio nazionale con la collaborazione dell’Arma territoriale e dei Nuclei TPC territorialmente competenti.
    Sono state deferite all’Autorità Giudiziaria complessivamente 23 persone coinvolte a vario titolo nella ricettazione (648 C.P.) e per aver posto in circolazione opere d’arte false/contraffate (178 D.lgs. 42/2004).

    Michele Fuoco, della Gazzetta di Modena, ha sentito Maura Simion, nipote di Mauro Reggiani:

    Sono stata contattata nel 2018 dai Carabinieri Tutela Belle Arti di Roma, Bari e altre città, perché c’erano in giro dei falsi. Mi ha chiamato anche il gallerista Cesare Cardelli di Sarzana che mi ha segnalato parecchi falsi. A quel punto ho fondato nel gennaio 2019 a Milano, con la critica d’arte Elena Pontiggia, l’Associazione per la tutela delle opere di Mauro Reggiani. E della commissione scientifica, addetta alla perizia dei dipinti, facciamo parte io, la studiosa Pontiggia, grande esperta di tutto il lavoro di mio nonno, e Cardelli anche lui qualificato conoscitore dell’arte astratta del Novecento, con alle spalle una lunga attività di gallerista.
    Cosa è accaduto?
    All’Associazione mi sono arrivate mail, foto di quadri che volevano essere autenticati. Gente che li ha comprati e cercavano di conoscere se l’opera era originale. Così quando trovavo i falsi, tramite le mail che mi inviavano o nelle aste, li segnalavo ai Carabinieri.
    Ma anche nelle aste vendevano quadri falsi?
    E’ possibile, perché i quadri sono spesso accompagnati da “autentiche” anch’esse false. E quindi i responsabili delle aste li prendono per opere buone.
    E’ un lavoro non facile il vostro, nel momento di decidere sull’autenticità o falsità dell’opera?
    Abbiamo un archivio, ben organizzato. Mia madre Virgilia era estremamente precisa, teneva tutto, molto aggiornato, scopriva immediatamente i falsi. Alcuni falsi erano copie di quadri già esistenti, altri del tutto inventati.
    Sua madre che, tra l’altro, aveva lasciato la professione di medico, per occuparsi di ciò che il padre aveva lasciato, ha voluto pubblicare, nel 1990, un monumentale volume, a cura di Luciano Caramel, che costituisse tutta l’attività del genitore e, quindi un “antidoto” contro i falsari…
    E’ il catalogo generale delle pitture. Essendo stato pubblicato nel 1990, alcune opere importanti sono saltate fuori, dopo questa data.
    E i danni ricevuti dai collezionisti?
    Quelli venduti dalle aste vengono rimborsati, per altri ci sono delle difficoltà, soprattutto se qualcuno ha comprato l’opera senza ricevuta. Bisogna poi vedere se tutti faranno denuncia ai carabinieri.
    Pare che i falsari prendano dai cataloghi le strutture geometriche delle opere e poi intervengano con il colore…
    I fattori della non autenticità sono tanti, come l’esecuzione, Ma il rischio maggiore è sempre quello di copiare un quadro esistente. Copiano non solo dal catalogo generale, ma anche da altri cataloghi, in quanto mio nonno ha fatto molte mostre di rilievo internazionale. Talvolta copiano un pezzetto del quadro e poi fanno delle piccole modifiche.
    Allora cosa può fare l’Associazione?
    Segnaliamo tutto ai Carabinieri che sequestrano le opere. Visto che di quadri di Mauro Reggiani ce ne sono parecchi in giro, consigliamo ai collezionisti, prima di acquistare un’opera, di rivolgersi all’Associazione.


    Ci auguriamo che questo possa essere un passo decisivo per la tutela dell'artista e del mercato delle sue opere.
    Un cordiale saluto
    Cesare Cardelli

  6. #246
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    33,269
    Mentioned
    205 Post(s)
    Quoted
    8262 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da pikebishop Visualizza Messaggio
    E i danni ricevuti dai collezionisti?
    Quelli venduti dalle aste vengono rimborsati...

    e da parte di chi?

  7. #247
    L'avatar di pikebishop
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    1,506
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    21 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Bisognerebbe chiederlo alla nipote di Reggiani. Credo (ma in questo non sono molto ferrato) che alcuni anni fa sia stata modificata la legge che regolava la responsabilità sulla vendita di opere false da parte di operatori di mercato. Così, a naso, non vedo molte possibilità di rimborso. Spero di sbagliarmi per chi ha subito le varie truffe.

  8. #248
    L'avatar di mmt
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    7,799
    Mentioned
    330 Post(s)
    Quoted
    3558 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    mi sembra che l'archivio stia facendo un gran lavoro, bravi continuate!

  9. #249

    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    183
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    66 Post(s)
    Potenza rep
    12554089
    Ringraziamo sentitamente i mercanti che si sono prestati a questa operazione distruggendo ancora una volta un pezzo di credibilità del mercato dei nostri artisti del 900.

    Complimenti.

  10. #250
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    33,269
    Mentioned
    205 Post(s)
    Quoted
    8262 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da mmt Visualizza Messaggio
    mi sembra che l'archivio stia facendo un gran lavoro, bravi continuate!
    certamente, poi vediamo se mantengono anche la parola di rimborsare, come hanno scritto

Accedi