Piero Manzoni - Pagina 92
BTP: tassi sui minimi sia nel secondario che in asta. Bce avanti tutta con i buy, pronta a fare incetta anche di questi bond ENEL
I BTP continuano a confermarsi tra i principali beneficiari, tra i bond sovrani dell’Eurozona, dell’effetto combinato del bazooka PEPP della Bce e delle aspettative sull’impatto che il Recovery Fund avrà …
Plastic tax e Piazza Affari: guerra a plastica monouso sarà driver positivo per questi titoli
Torna in auge l'argomento plastic tax che aveva tenuto a lungo banco lo scorso autunno. La plastic tax italiana partirà a gennaio 2021 prevede il pagamento di 45 centesimi ogni …
Maxi Premio: premi tra il 10 e il 18% e barriera a scadenza profonda
BNP Paribas lancia la nuova gamma di Maxi Premio Cash Collect su basket di titoli azionari, con Maxi Premio compreso tra il 10% e il 18% e successivi del 1%. …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #911
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    6,369
    Mentioned
    182 Post(s)
    Quoted
    1197 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    La prima delle tre versioni delle Basi Magiche: con sopra le sagome dei piedi a indicare dove si deve posizionare colui che salendovi sarà da considerare e potrà considerarsi un’opera d’arte per tutto il tempo che vi resterà.

    La Base magica è un parallelepipedo, al contrario della scatola, espone invece di nascondere, ma solo sulla prima versione appaiono le sagome dei piedi, difatti già nella seconda (nell'immagine sotto) le impronte non vi sono più perché non saranno solo le persone invitate a salire ma anche tutto ciò che vi sarà posto sopra diventerà arte, in questo modo la base magica diventa la realizzazione della profezia duchampiana secondo cui ogni oggetto si trasformerà in un ready made.

    La terza Base Magica è il Socle du monde, capovolto nel sostenere il mondo, la scritta, capovolta anch’essa.

    Piero Manzoni-magisk-sokklen.jpg

  2. #912
    L'avatar di techne
    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    1,339
    Mentioned
    58 Post(s)
    Quoted
    420 Post(s)
    Potenza rep
    17773905
    Citazione Originariamente Scritto da Antipole Visualizza Messaggio
    La prima delle tre versioni delle Basi Magiche: con sopra le sagome dei piedi a indicare dove si deve posizionare colui che salendovi sarà da considerare e potrà considerarsi un’opera d’arte per tutto il tempo che vi resterà.

    La Base magica è un parallelepipedo, al contrario della scatola, espone invece di nascondere, ma solo sulla prima versione appaiono le sagome dei piedi, difatti già nella seconda (nell'immagine sotto) le impronte non vi sono più perché non saranno solo le persone invitate a salire ma anche tutto ciò che vi sarà posto sopra diventerà arte, in questo modo la base magica diventa la realizzazione della profezia duchampiana secondo cui ogni oggetto si trasformerà in un ready made.

    La terza Base Magica è il Socle du monde, capovolto nel sostenere il mondo, la scritta, capovolta anch’essa.
    Capovolto, ma (a quanto mi pare) sostenuto da quattro zoccolini alla base. Come te la spieghi questa cosa?

  3. #913
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    6,369
    Mentioned
    182 Post(s)
    Quoted
    1197 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Il mondo è tondo, la base piatta...
    Sono dei fermi per evitare che rotoli in giro...
    Ciao!!

    Ps, probabilmente li hanno fatti per poter inserire delle barre sotto per facilitarne lo spostamento.

  4. #914
    L'avatar di techne
    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    1,339
    Mentioned
    58 Post(s)
    Quoted
    420 Post(s)
    Potenza rep
    17773905
    Citazione Originariamente Scritto da Antipole Visualizza Messaggio
    Il mondo è tondo, la base piatta...
    Sono dei fermi per evitare che rotoli in giro...
    Ciao!!

    Ps, probabilmente li hanno fatti per poter inserire delle barre sotto per facilitarne lo spostamento.
    Il trionfo del senso pratico, insomma....

  5. #915
    L'avatar di sans souci
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    340
    Mentioned
    39 Post(s)
    Quoted
    245 Post(s)
    Potenza rep
    25990900
    Senza tante elucubrazioni cervellotiche che in fondo rappresentano soltanto delle sovrastrutture non pertinenti al personaggio, io sintetizzerei Piero Manzoni nell'immagine del "ragazzo che si è divertito tanto" nei pochi anni che la vita gli ha concesso.
    Esattamente come l'altro italiano del XX secolo cui confrontarlo, Alighiero Boetti.

    Di famiglia molto abbiente, quindi senza la "fame" che ha contraddistinto tanti artisti suoi coetanei, Piero ha avuto la fortuna di passare gli anni della formazione nella Milano del dopoguerra e proprio in quell'ambiente in cui giganteggiava Lucio Fontana che lo ha aperto ad un'arte nuova, insieme più tardi a Castellani, Bonalumi, Baj. Insomma al meglio che la produzione artistica dell'epoca consentiva, per di più in una atmosfera divertente, di caldo cameratismo con il gruppo di Brera che gli ha offerto proprio il destro per divertirsi creando.

    Non sono divertissements i palloncini col fiato d'artista, le uova scultura, le basi magiche con le sculture viventi e il prodotto per cui è maggiormente conosciuto nel mondo, ossia le scatolette con i suoi escrementi?

    Tutto questo in soli sette anni dal 1956 al 1963, quando è mancato ventinovenne.

  6. #916
    L'avatar di techne
    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    1,339
    Mentioned
    58 Post(s)
    Quoted
    420 Post(s)
    Potenza rep
    17773905
    .

  7. #917
    L'avatar di techne
    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    1,339
    Mentioned
    58 Post(s)
    Quoted
    420 Post(s)
    Potenza rep
    17773905
    Citazione Originariamente Scritto da sans souci Visualizza Messaggio
    Hai perfettamente ragione, con evidenza non sono forte in aritmetica.
    E invece ho cancellato, perché avevi ragione tu

    Piero Manzoni (Soncino, 13 luglio 1933 – Milano, 6 febbraio 1963)

  8. #918
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    6,369
    Mentioned
    182 Post(s)
    Quoted
    1197 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Concordo sull'analisi e aggiungo un dato, sia il fiato d'artista e prima il corpo d'aria (nelle foto in ordine inverso) che la base magica che le uova (mangiate o con l'impronta) sono evoluzioni di una stessa idea iniziale...

    Questo è indice di un'urgenza di comunicare (in alcuni casi l'urgenza é di arrivare prima degli altri nella realizzazione dell'opera ) e sperimentare tipica dell'epoca.

    Non si studiava tutto a tavolino ma le cose nascevano attorno al tavolino di un bar dalle discussioni e dal confronto e poi venivano rimodellare fino ad una struttura più matura e definitiva...
    Ciao!!

    Piero Manzoni-manzoni1.jpg

    Piero Manzoni-download.jpeg

  9. #919

    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    1,254
    Mentioned
    61 Post(s)
    Quoted
    641 Post(s)
    Potenza rep
    17260851
    Citazione Originariamente Scritto da sans souci Visualizza Messaggio
    Senza tante elucubrazioni cervellotiche che in fondo rappresentano soltanto delle sovrastrutture non pertinenti al personaggio, io sintetizzerei Piero Manzoni nell'immagine del "ragazzo che si è divertito tanto" nei pochi anni che la vita gli ha concesso.
    Esattamente come l'altro italiano del XX secolo cui confrontarlo, Alighiero Boetti.

    Di famiglia molto abbiente, quindi senza la "fame" che ha contraddistinto tanti artisti suoi coetanei, Piero ha avuto la fortuna di passare gli anni della formazione nella Milano del dopoguerra e proprio in quell'ambiente in cui giganteggiava Lucio Fontana che lo ha aperto ad un'arte nuova, insieme più tardi a Castellani, Bonalumi, Baj. Insomma al meglio che la produzione artistica dell'epoca consentiva, per di più in una atmosfera divertente, di caldo cameratismo con il gruppo di Brera che gli ha offerto proprio il destro per divertirsi creando.

    Non sono divertissements i palloncini col fiato d'artista, le uova scultura, le basi magiche con le sculture viventi e il prodotto per cui è maggiormente conosciuto nel mondo, ossia le scatolette con i suoi escrementi?

    Tutto questo in soli sette anni dal 1956 al 1963, quando è mancato ventinovenne.
    Dopo questo post, che so che trova l’approvazione di qualcuno, sei ancora in “vita”?!?!!??

  10. #920
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    30,232
    Mentioned
    181 Post(s)
    Quoted
    6974 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da sans souci Visualizza Messaggio
    Senza tante elucubrazioni cervellotiche che in fondo rappresentano soltanto delle sovrastrutture non pertinenti al personaggio, io sintetizzerei Piero Manzoni nell'immagine del "ragazzo che si è divertito tanto" nei pochi anni che la vita gli ha concesso.
    .
    Immagini Allegate Immagini Allegate Piero Manzoni-15493334_1242237819198255_8466707311425773251_o.jpg 

Accedi