Gualtiero Nativi, i vostri pareri in merito
Unicredit chiamata a reagire dopo settimana da -7%, gli short si accaniscono su Saipem. Situazione grafica ‘estrema’ per Tod’s
Al via una nuova settimana per i mercati, scossi venerdì scorso dalle parole di Bullard (Fed), che ha paventato la possibilità di un primo rialzo dei tassi già nel 2022, …
Da Leonteq nuovo certificato Phoenix Autocallable su Beyond Meat e Oatly Group con barriera profonda ed effetto memoria
I principali listini mondiali viaggiano sui massimi assoluti con gli operatori ancora incerti tra coloro pronti a scommettere su un?accelerazione transitoria dell?inflazione e chi ritiene che l?aumento dell?inflazione sarà persistente …
Piazza Affari alle prese con stacco dividendi e allerta tassi Fed. Male CNH dopo shopping negli Usa
I crescenti timori di una Federal Reserve più hawkinsh del previsto continuano a condizionare i mercati. A sesare sono soprattutto le parole del presidente della Federal Reserve di St. Louis, James …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Pragmatiko
    Data Registrazione
    Apr 2011
    Messaggi
    3,544
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    42949683

    Gualtiero Nativi, i vostri pareri in merito

    Ho notato nelle mie ricerche frenetiche questo astrattista italiano,
    e ne sono rimasto molto colpito, sembra ci siano molte opere in
    giro e anche a cifre terrene.

    Mi è parso uno dei grandi dell'astrattismo, voi che ne pensate?.
    Come lo vedete nel panorama internazionale?Esistono degli archivi,
    ci sono opere/cicli da tenere d'occhio?

    Ecco una breve biografia:
    Biografia

    Gualtiero Nativi (Pistoia 1921 – Greve in Chianti, Firenze, 1999)

    I suoi primi dipinti aniconici con inflessioni ancora neocubiste sono del 1947.
    L’anno successivo fonda con i pittori astratti di Firenze Berti, Monnini e Brunetti,
    il gruppo Arte d’Oggi, con il quale organizza una serie di mostre omonime.
    Nel febbraio del 1949 il gruppo espone alla Libreria Salto. Nel giugno dello
    stesso anno a La Strozzina di Firenze la Mostra Internazionale “Arte Oggi” vede
    riuniti i lavori di astrattisti fiorentini, romani (Forma1), e di elementi del MAC.
    Nel 1950 firma con Monnini, Berti, Brunetti, Nuti e il critico Migliorini il
    Manifesto dell’Astrattismo, in cui viene proposto un purismo geometrico
    rigoroso, da contrapporre a certi esiti lirici e matrici dell’astrazione.
    A partire dal 1950 le sue opere sono caratterizzate da una frammentazione in
    rettangoli che si accentra in vibrante contrasto. Nel 1951 con la mostra Arte
    astratta e concreta in Italia organizzata alla Galleria d’Arte Moderna entra a far
    parte dell’Art Club, partecipando a sei esposizioni. Nel 1953 divenne membro
    attivo del Groupe Espace. Nel 1958 espone alla Galleria La Salita di Roma.
    E’ presente a varie edizioni della Quadriennale di Roma. Negli anni Sessanta
    e Settanta le sue composizioni fondate su elementi geometrici cromatici si
    dispongono in un sospeso equilibrio.


    Fonte:
    Quadri di Gualtiero Nativi Pittori italiani Firenze Art Galleria d'arte contemporanea Vendita Arte

    Saluti,
    Prag.

  2. #2
    L'avatar di Brian78
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    599
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    68 Post(s)
    Potenza rep
    22618144
    Citazione Originariamente Scritto da Pragmatiko Visualizza Messaggio
    Ho notato nelle mie ricerche frenetiche questo astrattista italiano,
    e ne sono rimasto molto colpito, sembra ci siano molte opere in
    giro e anche a cifre terrene.

    Mi è parso uno dei grandi dell'astrattismo, voi che ne pensate?.
    Come lo vedete nel panorama internazionale?Esistono degli archivi,
    ci sono opere/cicli da tenere d'occhio?

    Ecco una breve biografia:
    Biografia

    Gualtiero Nativi (Pistoia 1921 – Greve in Chianti, Firenze, 1999)

    I suoi primi dipinti aniconici con inflessioni ancora neocubiste sono del 1947.
    L’anno successivo fonda con i pittori astratti di Firenze Berti, Monnini e Brunetti,
    il gruppo Arte d’Oggi, con il quale organizza una serie di mostre omonime.
    Nel febbraio del 1949 il gruppo espone alla Libreria Salto. Nel giugno dello
    stesso anno a La Strozzina di Firenze la Mostra Internazionale “Arte Oggi” vede
    riuniti i lavori di astrattisti fiorentini, romani (Forma1), e di elementi del MAC.
    Nel 1950 firma con Monnini, Berti, Brunetti, Nuti e il critico Migliorini il
    Manifesto dell’Astrattismo, in cui viene proposto un purismo geometrico
    rigoroso, da contrapporre a certi esiti lirici e matrici dell’astrazione.
    A partire dal 1950 le sue opere sono caratterizzate da una frammentazione in
    rettangoli che si accentra in vibrante contrasto. Nel 1951 con la mostra Arte
    astratta e concreta in Italia organizzata alla Galleria d’Arte Moderna entra a far
    parte dell’Art Club, partecipando a sei esposizioni. Nel 1953 divenne membro
    attivo del Groupe Espace. Nel 1958 espone alla Galleria La Salita di Roma.
    E’ presente a varie edizioni della Quadriennale di Roma. Negli anni Sessanta
    e Settanta le sue composizioni fondate su elementi geometrici cromatici si
    dispongono in un sospeso equilibrio.


    Fonte:
    Quadri di Gualtiero Nativi Pittori italiani Firenze Art Galleria d'arte contemporanea Vendita Arte

    Saluti,
    Prag.
    Diciamo che fra lui ed il Berti, Nativi è quello che è riuscito a mantenersi un rapporto con i mercanti, quindi con il mercato, più stabile e continuativo nel tempo.
    Sicuramente, in termini di investimento, sono da preferire le opere eseguite fra gli anni '50 e gli anni '70, dove si possono riconoscere i vari percorsi intrapresi dall'artista.
    Se poi uno volesse scegliere fra lui e Vinicio Berti, come ho scritto in altri thread, io darei, e continuo a dare, la mia preferenza a Vinicio Berti.

    Per quanto riguarda l'archivio, posso dirti che è gestito dal figlio di Gualtiero, ovvero Berto Nativi, che cura, con sapienza, l'autenticazione delle opere.

  3. #3
    L'avatar di arte2011
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    9,501
    Mentioned
    123 Post(s)
    Quoted
    1869 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Come lo vedete nel panorama internazionale?

    Nativi come Berti sono i classici esempi di buoni artisti nazionali, da comprare se piacciono, senza alcuna prospettiva internazionale.

  4. #4
    L'avatar di Bocklin
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    587
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    41 Post(s)
    Potenza rep
    11350635
    Citazione Originariamente Scritto da arte2011 Visualizza Messaggio
    Come lo vedete nel panorama internazionale?

    Nativi come Berti sono i classici esempi di buoni artisti nazionali, da comprare se piacciono, senza alcuna prospettiva internazionale.
    A me Nativi piace molto, e prediligo le opere geometriche degli anni 40, che si possono reperire soprattutto da Cardelli, anche se ogni tanto passa qualcosa anche in asta.
    Di certo è artista nazionale ed anche di seconda fascia rispetto ai geometrici comaschi.

  5. #5
    L'avatar di Pragmatiko
    Data Registrazione
    Apr 2011
    Messaggi
    3,544
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Grazie per i consigli, ne farò tesoro!

    Mi spiace solo di non potermi aspettare granchè dal panorama internazionale...

    Ma credo siano i pro ed i contro di artisti Italiani non noti forse al grande
    pubblico o con un rapporto non ottimo con il marketing dell'Arte.

    Conoscete nomi sulla stessa fascia di prezzo dello stesso "movimento"
    (astrattismo "geometrico") ma di più ampio respiro internazionale?

    Grazie!

  6. #6
    L'avatar di arte2011
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    9,501
    Mentioned
    123 Post(s)
    Quoted
    1869 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    beh con 1500/2000 euro compri una tela anni 80 di berti, non vedo cosa potresti comprare a livello internazionale di astrattismo geometrico.

  7. #7
    L'avatar di uno dei tanti
    Data Registrazione
    Sep 2004
    Messaggi
    12,057
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    5 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da arte2011 Visualizza Messaggio
    beh con 1500/2000 euro compri una tela anni 80 di berti, non vedo cosa potresti comprare a livello internazionale di astrattismo geometrico.
    Ferruccio Gard.































































  8. #8
    L'avatar di arte2011
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    9,501
    Mentioned
    123 Post(s)
    Quoted
    1869 Post(s)
    Potenza rep
    42949682

  9. #9

    Data Registrazione
    May 2011
    Messaggi
    1,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    8 Post(s)
    Potenza rep
    24553966
    Un nome interessante è secondo me Mario Davico,
    anche se forse non è ciò che cerchi.

  10. #10

    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    2,055
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    14 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da arte2011 Visualizza Messaggio
    Come lo vedete nel panorama internazionale?

    Nativi come Berti sono i classici esempi di buoni artisti nazionali, da comprare se piacciono, senza alcuna prospettiva internazionale.
    Ma secondo te chi sono gli artisti non viventi per i quali si può dire che abbiano prospettiva internazionale?
    Io vedo molto difficile stabilire in anticipo se mai qualche gallerista internazionale deciderà di fare un'operazione e sostenere un pittore italiano su chi cadrà la sua scelta.... sbaglio?

Accedi