Fernandez Arman - Pagina 6
Manovra 2020, Commissione Ue più magnanime. Ma una lettera a Roma ci sarà
Così il premier Conte, intervenendo agli Stati generali della transizione energetica: "Quando ragiono di green new deal sollecito tutte le componenti a un patto per un uso sostenibile delle risorse …
Intesa Sanpaolo e Bper: ascesa inarrestabile in Borsa e segnali tecnici positivi
Bper Banca e Intesa Sanpaolo, come peraltro anche tutte le altre banche del Ftse Mib, sono state travolte dagli acquisti nelle ultime sedute. Il balzo dei bancari, iniziato a metà …
Banco BPM da pecora nera a star tra le banche, ma gli short non si placano. UBS vede nozze con UBI non vicine
Corre a più non posso in Borsa il titolo Banco  BPM che nelle ultime 5 sedute segna un sonante +15%, nessuno meglio di lei tra le banche. Il titolo con …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #51
    L'avatar di pa18
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    2,095
    Mentioned
    63 Post(s)
    Quoted
    116 Post(s)
    Potenza rep
    42800191
    Per i Collezionisti di Arman o semplici amanti dell’Arte:

    dato che nutro un grande interesse per Arman, controllo abbastanza il comportamento del “mercato” di questo grande Artista, ma, gli esiti sono spesso incomprensibili, almeno, per me … quindi ho deciso di porre la domanda ad altri collezionisti (spero, ma non è conditio sine qua non) per ottenere qualche risposta chiarificatrice.

    Ho esaminato l’esito delle aste - nei primi mesi del 2015 - di opere storiche, notando subito che Arman non è presente nei cataloghi americani (almeno io
    non l’ho trovato)mentre in Europa ha un andamento di difficile lettura; di seguito soltanto alcuni esempi, per non tediarvi:

    25 june, 2015 – Cornette de Saint Cyr – lot 102
    1971 – violons découpes in resin/plexi – 100x80x10,5 – 35/45.000 = unsold

    24 june, 2015 – Pierre Berge - lot 96
    1966 – violin broken in plexi – 87x27x10 – 30/40.000 = unsold

    10 june, 2015 – Matsart Jérusaem – lot 123
    1972 – colére de contrebasse (Ferrero/Nice) 200x160x21 – 80/120.000 = unsold

    26 april,2015 – Versailles – lot 160
    1969 – colére de mandolin – 125x,5x101x12 – 30/40.000 = unsold

    1 april,2015 – Art Curial – lot 188
    1972 – colére de contrebasse burntand smashed in resin/plexi – (Ferrero/Nice) 200x160x22 – 150.000 /250.000 = 174.160

    Considerazioni:

    a) il lot 188 è proprio bello!

    b) non serve mettere stime prudenziali, perché se l’opera non trova l’acquirente, anche se una ha stima ridicola, va invenduta lo stesso; si veda il lot 96!!!
    c) come spiegate la notevole differenza e, di stima e, di risultato tra il lot 188 ed il lot 123 entrambe p- per giunta - provenienti dalla stessa collezione e cioè Ferrero di Nizza??
    d) ritenete che possa cambiare il mercato di Arman, soprattutto quello delle opere degli anni 60/70 e soprattutto in America?
    g) cosa lo frena …, forse, dissidi all’interno degli eredi per la gestione dell’archivio? altro che neppure ho ipotizzato?

    Grazie per le eventuali opinioni che vorrete scrivere; spero di leggere anche coloro che non collezionano Arman e, soprattutto il Moderatore, così colgo l’occasione per congratularmi (per l’incarico) e per salutarlo.

    Pa18

  2. #52
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    27,617
    Mentioned
    149 Post(s)
    Quoted
    5660 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Eccomi qui
    caro mio

    Buona giornata

    PS: non colleziono Arman ma lo apprezzo

    Alessandro

    PS di PS:
    potresti aggiungere i link per vedere le opere?

  3. #53
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,906
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da pa18 Visualizza Messaggio
    Per i Collezionisti di Arman o semplici amanti dell’Arte:

    dato che nutro un grande interesse per Arman, controllo abbastanza il comportamento del “mercato” di questo grande Artista, ma, gli esiti sono spesso incomprensibili, almeno, per me … quindi ho deciso di porre la domanda ad altri collezionisti (spero, ma non è conditio sine qua non) per ottenere qualche risposta chiarificatrice.

    Ho esaminato l’esito delle aste - nei primi mesi del 2015 - di opere storiche, notando subito che Arman non è presente nei cataloghi americani (almeno io
    non l’ho trovato)mentre in Europa ha un andamento di difficile lettura; di seguito soltanto alcuni esempi, per non tediarvi:

    25 june, 2015 – Cornette de Saint Cyr – lot 102
    1971 – violons découpes in resin/plexi – 100x80x10,5 – 35/45.000 = unsold

    24 june, 2015 – Pierre Berge - lot 96
    1966 – violin broken in plexi – 87x27x10 – 30/40.000 = unsold

    10 june, 2015 – Matsart Jérusaem – lot 123
    1972 – colére de contrebasse (Ferrero/Nice) 200x160x21 – 80/120.000 = unsold

    26 april,2015 – Versailles – lot 160
    1969 – colére de mandolin – 125x,5x101x12 – 30/40.000 = unsold

    1 april,2015 – Art Curial – lot 188
    1972 – colére de contrebasse burntand smashed in resin/plexi – (Ferrero/Nice) 200x160x22 – 150.000 /250.000 = 174.160

    Considerazioni:

    a) il lot 188 è proprio bello!

    b) non serve mettere stime prudenziali, perché se l’opera non trova l’acquirente, anche se una ha stima ridicola, va invenduta lo stesso; si veda il lot 96!!!
    c) come spiegate la notevole differenza e, di stima e, di risultato tra il lot 188 ed il lot 123 entrambe p- per giunta - provenienti dalla stessa collezione e cioè Ferrero di Nizza??
    d) ritenete che possa cambiare il mercato di Arman, soprattutto quello delle opere degli anni 60/70 e soprattutto in America?
    g) cosa lo frena …, forse, dissidi all’interno degli eredi per la gestione dell’archivio? altro che neppure ho ipotizzato?

    Grazie per le eventuali opinioni che vorrete scrivere; spero di leggere anche coloro che non collezionano Arman e, soprattutto il Moderatore, così colgo l’occasione per congratularmi (per l’incarico) e per salutarlo.

    Pa18
    Arman, pur non avendo sue opere, lo considero un vero grande artista.
    Per cio che ha creato negli anni 60-70 e buona porta degli anni 80 merita di valere altre cifre.
    Cosa lo frena?
    Io penso che il freno è rappresentato dalla produzione ''industriale'' degli ani 90 e duemila.
    Non dico che non ci esistono capolavori creati nel periodo anni 90-2000, solo che la maggior parte delle tantissime opere create in questo periodo presenta una qualità drasticamente differente dalle opere dei decenni precedenti.

    Purtroppo adesso sta pagando le conseguenze dell'aversi affidato a canali che alla fine hanno dato poco lustro alla sua figura

    Ma per quanto riguarda le opere storiche e i capolavori peso che la situazione in futuro potrebbe cambiare nettamente in positivo perché Arman è un vero gigante.

  4. #54
    L'avatar di pa18
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    2,095
    Mentioned
    63 Post(s)
    Quoted
    116 Post(s)
    Potenza rep
    42800191

  5. #55
    L'avatar di pa18
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    2,095
    Mentioned
    63 Post(s)
    Quoted
    116 Post(s)
    Potenza rep
    42800191
    [...]Ma per quanto riguarda le opere storiche e i capolavori peso che la situazione in futuro potrebbe cambiare nettamente in positivo perché Arman è un vero gigante.

    Ovviamente condivido quest'opinione suffragata dal fatto che il maestro è presente nei più importanti Musei del Mondo e, soprattutto, nei testi di Storia dell'Arte.
    Tuttavia se esaminerai i lotti postati ti renderai conto che il mercato è almeno schizofrenico e, ripeto per me incomprensibile ed io se avessi avuto disponibilità alcuni pezzi - andati invenduti - li avrei portati a casa molto volentieri, perché oltre al resto, lo ritengo un ottimo investimento!
    Ultima modifica di pa18; 23-07-15 alle 13:10

  6. #56

  7. #57
    L'avatar di cap.Harlock
    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    207
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    87 Post(s)
    Potenza rep
    18079240
    Ho da poco iniziato a leggere il libro Biennials and Beyond ( ehxibition that made art history 1962-2002 ) dove si parla tra le varie della mostra alla Sidney Janis gallery: New Realists del '62 dove Arman è uno dei pochi artisti ( a parte gli americani ) a cui si fa cenno con la sua "accumulation of saber and anciets faucets" c'è anche la foto. Questo solo x dire che Arman è sempre stato ed e tuttora considerato dalla storia e dalla critica, sicuramente prima o poi farà il botto in qlke asta.
    Bisogna stare attenti che le resine delle sue accumulazioni si stanno degradando e spesso sono rovinate credo che questo freni un po' i prezzi ma non durerà ancora x molto.

    PS. Sugli italiani presenti alla mostra nenche una riga

  8. #58

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    8,082
    Mentioned
    81 Post(s)
    Quoted
    2639 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Io non ho in collezione Arman, no lo voglio e non sarò mai pentito di non averlo perchè non mi piace. Tuttavia riconosco che per alcuni decenni (anni 60, 70 e poco oltre) è stato un Artista vero. Alla fine per gli ultimi quindici anni è stato capace di distruggere completamente la sua immagine. Per avidità e scarsissima dignità artistica ha prodotto a comando opere bruttissime, tutte uguali, seriali a dir poco, fatte fare ai suoi operai con lo stampino, con i mercanti fuori che aspettavano in fila il loro turno di caricare i camion. Inoltre per essere sicuro di rovinarsi con cura il mercato ha scelto le strade più volgarmente commerciali (televendite varie e mercanti ancora peggiori, quelli che trattano le opere allo stesso modo delle patate). Ci sono stati periodi in cui i suoi violini segati e i suoi tubetti si trovavano a bizzeffe anche in ogni galleria di serie C e persino nei negozi di mobili ad arredare gli stand. Stando così le cose, qualcuno poteva davvero pensare che il suo mercato rimanesse bello solido?
    Infatti il suo mercato è letteralmente precipitato. Questo ha trascinato giù tutto, anche le opere storiche che comunque prima o poi si riprenderanno e rimarranno a rappresentarlo ad un certo livello. Tutto il resto, l'orrenda produzione industriale, le migliaia di strumentini spezzati, le migliaia di accumulazione di tubetti tutte uguali, rimarranno dove meritano: negli scantinati a coprirsi di polvere.
    Comunque, vista la banalità commerciale alla quale si è condannato da solo, come artista per me non è apprezzabile. Io non ci punterei mai. C'è tanto di meglio, di più serio e di più pregevole da mettere in collezione.

  9. #59

    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    2,055
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    13 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da accipicchia Visualizza Messaggio
    Io non ho in collezione Arman, no lo voglio e non sarò mai pentito di non averlo perchè non mi piace. Tuttavia riconosco che per alcuni decenni (anni 60, 70 e poco oltre) è stato un Artista vero. Alla fine per gli ultimi quindici anni è stato capace di distruggere completamente la sua immagine. Per avidità e scarsissima dignità artistica ha prodotto a comando opere bruttissime, tutte uguali, seriali a dir poco, fatte fare ai suoi operai con lo stampino, con i mercanti fuori che aspettavano in fila il loro turno di caricare i camion. Inoltre per essere sicuro di rovinarsi con cura il mercato ha scelto le strade più volgarmente commerciali (televendite varie e mercanti ancora peggiori, quelli che trattano le opere allo stesso modo delle patate). Ci sono stati periodi in cui i suoi violini segati e i suoi tubetti si trovavano a bizzeffe anche in ogni galleria di serie C e persino nei negozi di mobili ad arredare gli stand. Stando così le cose, qualcuno poteva davvero pensare che il suo mercato rimanesse bello solido?
    Infatti il suo mercato è letteralmente precipitato. Questo ha trascinato giù tutto, anche le opere storiche che comunque prima o poi si riprenderanno e rimarranno a rappresentarlo ad un certo livello. Tutto il resto, l'orrenda produzione industriale, le migliaia di strumentini spezzati, le migliaia di accumulazione di tubetti tutte uguali, rimarranno dove meritano: negli scantinati a coprirsi di polvere.
    Comunque, vista la banalità commerciale alla quale si è condannato da solo, come artista per me non è apprezzabile. Io non ci punterei mai. C'è tanto di meglio, di più serio e di più pregevole da mettere in collezione.
    Analisi perfetta. Aggiungerei che chi lo apprezza dovrebbe approfittare delle quotazioni "relativamente" depresse delle sue opere importanti perchè quando la pulizia sarà finita potrebbero ambire a ben altri livelli.
    Spero che quando pensi a qualcosa di più meritevole da mettere in collezione non pensi a Spalletti ...
    Al contrario di te però a me piace e ce l'ho.

  10. #60

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    8,082
    Mentioned
    81 Post(s)
    Quoted
    2639 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da zfrank Visualizza Messaggio
    Analisi perfetta. Aggiungerei che chi lo apprezza dovrebbe approfittare delle quotazioni "relativamente" depresse delle sue opere importanti perchè quando la pulizia sarà finita potrebbero ambire a ben altri livelli.
    Spero che quando pensi a qualcosa di più meritevole da mettere in collezione non pensi a Spalletti ...
    Al contrario di te però a me piace e ce l'ho.
    Ciaooooo z, che piacere dopo tanto tempo!
    Certo che penso anche a Spalletti, come sai benissimo. Ma anche a tanti altri che hanno seguito un percorso artistico nobile per serietà e qualità. E ce ne sono!

Accedi