Fernandez Arman - Pagina 100
Volatilità da elezioni Usa come opportunità, il ‘buy the dip’ suggerito da Morgan Stanley a prescindere dall’esito
Come muoversi sui mercati prima e dopo le elezioni Usa? Wall Street al momento non sembra dare segnali di eccessivo nervosismo, anzi gli incidi si mantengono a ridosso dei massimi …
Dieci idee d’investimento da cavalcare del 2021. Spazio a oro, Alibaba e rinnovabili
Dalle rinnovabili in Europa ai mercati emergenti con focus particolare sulla Corea, passando per l?Oro e la Difesa sono alcune delle dieci idee di investimento indicate da Credit Suisse. Le …
Sorpresa S&P per l’Italia: outlook alzato, tre motivi dietro ottimismo su risalita post-Covid
Rating confermato e outlook rivisto al rialzo. E' il responso arrivato ieri sera da S&P Global Ratings per l'Italia. L'agenzia di rating ha rivisto l'outlook sull'Italia portandolo a stabile da …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #991
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    6,621
    Mentioned
    190 Post(s)
    Quoted
    1255 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    A mio parere per due motivi principali, mi riferisco all'apertura di nuove case d'asta e crescita delle altre medio piccole:
    1 La diminuzione della disponibilità economica, soprattutto in certe aree geografiche, ha diminuito i frequentatori nelle gallerie.
    2 L'utilizzo sempre più massivo di strumenti telematici per avere notizie, informazioni (dove scriviamo è un esempio) ha cambiato il modo degli stessi di valutare e acquistare arte.
    Questo ha spinto il gallerista ha ripararsi sotto l'ombrello della casa d'aste affidandogli il compito di creare l'evento, produrre un catalogo e raccogliere potenziali clienti, cosa che in tempi passati riuscivano benissimo a gestire.
    Le case d'asta a loro volta si sono spostate in sedi più appetibili per seguire la clientela, faccio un esempio, quasi tutte le case d'asta hanno una sede a Milano e in molti casi le battute d'asta sono meneghine nonostante la sede sia altrove.
    Per lo stesso motivo, cambiando i parametri, le Major a Milano battono poco e niente rispetto al passato e dirottano tutto su Londra.
    Ovviamente non è un dato assoluto ma credo che in generale i motivi siano questi.
    Ciao!!
    Ultima modifica di Antipole; 30-11-18 alle 18:20

  2. #992
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    9,122
    Blog Entries
    15
    Mentioned
    139 Post(s)
    Quoted
    3977 Post(s)
    Potenza rep
    42949679

    Cool

    Citazione Originariamente Scritto da pa18 Visualizza Messaggio
    @Biagio ... perché l'opera di Paul Feiler (pace all'anima sua - chiedo venia, ma l'ho scelta solo come esempio, dato che fino ad oggi ne ignoravo l'esistenza) mi dici cosa concede all'estetica?

    Vi/Ti faccio una domanda: come mai nascono Case d'asta come dopo le piogge primaverili?
    Non conosco Felier, ma ho visto so google che è uno che ha fatto pittura. La pittura esteticamente concede il fatto di essere pittura, bella o brutta che sia... e già non è poco rispetto ad una scatola nera che contiene dei rubinetti.
    Io trovo che quell'opera avesse la dignità di un'opera museale, e se l'avessi vista al Pompidou l'avrei trovata del tutto appropriata.
    Ma capisco anche che - SOPRATTUTTO quando un artista ha un mercato da anni in declino - le opere significative ma "dure" facciano fatica a trovare un compratore.

    Per dire: se fanno fatica le opere con gli strumenti musicali... figuriamoci quelle con rubinetti o componenti meccaniche.

    Arman non è mai stato un artista facile nè mai lo diventerà. E' stato un artista immenso, ma mai facile. Se vogliamo, dalla metà degli anni '80 è stato un artista più "commerciale", questo è un dato di fatto. Ma anche se le tele con i tubetti, gli strumenti e i dripping sono esteticamente più appaganti, parliamo pur sempre di oggetti accumulati su un supporto. Non cose per tutti... E i rubinetti quindi men che meno, come d'altro canto altri oggetti di scarto e immondizie varie.

    Certamente ci sono anche altri artisti con estetiche che concedono poco. Alcuni hanno un mercato che funziona di più e altri di meno, anche in a base a come sono gestiti e a come sono percepiti.
    Arman purtroppo è percepito come un artista il cui mercato è crollato, e conseguentemente tutto il suo mercato è penalizzato, soprattutto le opere più dure.

    PS. Le case d'asta che spuntano come funghi sono secondo me dovute a due principali motivi: la digitalizzazione e il fatto che in galleria si entri poco e si venda poco (quindi diversi mercanti si sono "trasformati").

    pps.vedo ora che @anti ha scritto cose simili alle mie

  3. #993
    L'avatar di pa18
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    2,563
    Mentioned
    73 Post(s)
    Quoted
    265 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    @Biagio, ma è possibile che l'unico ******* in Europa - ma esageriamo nel Mondo intero, dato che siamo tutti interconnessi - che non ha 30.000 euro e spicci da buttare in una "scatola nera che contiene dei rubinetti" sono Io??????????

    Perché se li avessi avuti mi sarei comperato detta scatola e, se poi, ne avessi avuto il doppio mi sarei comprato anche quel cemento della scorsa settimana; forse ho lo spirito del muratore e dell'idraulico

  4. #994
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    9,122
    Blog Entries
    15
    Mentioned
    139 Post(s)
    Quoted
    3977 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Ma @pa18
    Hai iniziato il post parlando di spendere 30.000 euro e rotti e nel giro di due righe hai già raddoppiato spendendo virtualmente quasi 70.000...
    Andando avanti di questo passo, tra qualche post sfori il milioncino in una settimana

    PS. Tra un po' dovrai ampliare la ditta di idraulca e quella di edilizia anche all'industria degli strumenti musicali

  5. #995
    L'avatar di pa18
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    2,563
    Mentioned
    73 Post(s)
    Quoted
    265 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    @Biagio, hai ragione! …, purtroppo, quando vedo certe “date” unite a provenienze e referenze, l’acquisto compulsivo ha il sopravvento .

    Tuttavia il senso del mio post era questo:

    concesse tutte le causa che hanno determinato la situazione del mercato di Arman, possibile che non ci sia un collezionista nel Mondo che, ribellandosi alle logiche di mercato compri quando gli altri vendono? Non è la stessa strategia che in Borsa gli stessi operatori che oggi muovono il Mercato dell’Arte (Banche e grandi gruppi d’investimento) utilizzano per muovere grafici che, se statici, non sarebbero per nulla attrattivi?

    L’oggetto della discussione era un “pezzo storico” – che, pertanto, esula dal concetto di bellezza ( orinatoio docet) - proposto ad un prezzo che per Investitori abituati a spendere centinaia di migliaia di euro, era veramente ben poca cosa.

    Allora mi si obietta: < perché occorre la conoscenza, per apprezzare un “orinatoio”, come una scatola di rubinetti > da cui discende, incontrovertìbile, la seguente affermazione:

    < non esiste – nel Mondo – un collezionista che possiede 30.000 da investire in un’opera storica di Arman >.

    … oppure, forse, ne esiste UNO un po’ sfigato (si fa per dire) che avendo poco più di 100.000 euro ha puntato tutto sul Lot. 31 di lunedì prossimo, e, così il Lot. 45 del 1964 - che ha partecipato alla retrospettiva del 2010, al Centre Pompidou di Parigi - non verrà neppure preso in considerazione per mancanza di Collezionisti!

  6. #996
    L'avatar di Antipole
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    6,621
    Mentioned
    190 Post(s)
    Quoted
    1255 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Ricollegandomi all'opera in oggetto e al 3D Aggiudicato! oltre alle recenti battute d'asta credo che i collezionisti ci siano, quello che scarseggia sono i "liquidi".
    Ciao!!

    Ps, sotto altra opera del 1961.

    Fernandez Arman-6e291a9817c077e32206626d73f3283d.jpg

    Allegato 2559033

  7. #997
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    9,122
    Blog Entries
    15
    Mentioned
    139 Post(s)
    Quoted
    3977 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    @pa18 avevo capito il senso del tuo discorso.
    Ma bisogna guardare tutto in un contesto più ampio e continuo: ogni mese e ogni anno vengono offerte in asta migliaia di opere di tantissimi artisti. La maggior parte va venduta, ma tante vanno in ogni caso INvendute. Quindi non è che non ci sia UN collezionista che non compra un'opera d 30k, ma la situazione è continua asta dopo asta e inveenduto dopo invenduto, ogni giorno.

    Il paragone che hai fatto con la borsa è secondo me calzante, ma alla rovescia, nel senso che in entrambi i mercati varrebbe la regola "compra quando gli altri vendono e vendi quanto gli altri comprano", ma questa "regola" è un suggerimento per pochi. E' una minoranza chi usa questa "tecnica", forse il 5%.

    In borsa, come in arte, le persone comprano quello che sta salendo di prezzo. Ad esempio, il bitcoin lo volevano tutti quando era a 10.000 USD, 12k, 14, 16 ecc, poi appena inizia a scendere la maggior parte lo vende e ora che è a 4.000 sono in pochissimi a comprarlo perchè si teme continui a scendere.

    In arte ci dovrebbe essere un punto fermo che è la "storia dell'arte", sulla quale ci si dovrebbe poter appoggiare, ma spesso sembra che questo rappresenti un canone secondario, al quale vengono preferite le mode.
    Gli artisti i cui mercati sono crollati e che non sono di moda sono quindi psicologicamente molto difficili da comperare perchè le persone pensano che non si risolleveranno più, continueranno a crollare e finiranno nel dimenticatoio, senza risollevarsi mai più. Attenzione: questa è in ogni caso una possibilità reale e concreta!

    Quindi, al di là dei propri gusti, visioni e convinzioni, è un dato di fatto che nessuno può sapere fino a che punto un artista può scendere.
    Magari i "rubinetti" finiranno per essere comperati tra qualche asta a 15 o 20.000 euro. O 10.000... oppure tra due anni andranno a 50.000 . Chi può dirlo.

    Il mercato si basa sostanzialmente sulla somma dei desideri di possedere una data cosa. Al momento su Arman questo è un desiderio di nicchia.

    Lo ho scritto in un altro 3D ma lo riporto anche qui: La gente fa fatica a pagare poco quello che si pagava molto, mentre invece trova più rassicurante pagare tanto quello che poteva comperare a meno

    PS. vedremo come vanno le due opere di cui abbiamo parlato... io i miei timori li ho già espressi.

    ps. bellissima opera @anti! Ecco, per dire, esteticamente questa la preferisco alla "durezza" dei rubinetti, seppur museali.

  8. #998
    L'avatar di tzn.7
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    1,532
    Mentioned
    24 Post(s)
    Quoted
    605 Post(s)
    Potenza rep
    39539212
    Citazione Originariamente Scritto da Antipole Visualizza Messaggio
    Ricollegandomi all'opera in oggetto e al 3D Aggiudicato! oltre alle recenti battute d'asta credo che i collezionisti ci siano, quello che scarseggia sono i "liquidi".
    Ciao!!

    Ps, sotto altra opera del 1961.

    Fernandez Arman-6e291a9817c077e32206626d73f3283d.jpg

    Allegato 2559033
    Mi hai anticipato.. guardando anche i risultati di altri artisti nelle varie aste mi sembra che a prescindere dall artista ci sia un aumento di invenduti..
    Concordo con @pa.. se avessi liquidità quedto sarebbe per me il miglior periodo per acquistare..

  9. #999
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    9,122
    Blog Entries
    15
    Mentioned
    139 Post(s)
    Quoted
    3977 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Cmq, tra un invenduto e l'atro c'è anche qualche segnale da captare:
    Tubetti su tela, 1988, 92 x 73 cm, 21.250 inclusi i diritti. Non poco...

    Fernandez Arman-screenshot_2018-11-30-post-war-e-arte-contemporanea-ii-29-11-2018-dorotheum-1-.jpg

  10. #1000
    L'avatar di pa18
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    2,563
    Mentioned
    73 Post(s)
    Quoted
    265 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    @Biagio, < i "rubinetti" finiranno per essere comperati tra qualche asta a 15 o 20.000 euro. O 10.000... >


    ... a 5.000 li comprerò io, te lo scrivo dove vuoi

Accedi