Investire nel vino - Pagina 5
Beyond Meat: formidabile ascesa e tracollo dei burger vegetariani in Borsa. La storia dell’Ipo più pazza del 2019
Formidabile ascesa e formidabile tracollo a Wall Street per il titolo Beyond Meat, la migliore Ipo degli ultimi due decenni con valore in Borsa arrivato a oltre +800% in pochi …
Sei domande e risposte per far chiarezza sul caso Popolare Bari. Marattin: nessun vuole far fallire la banca
Il commissariamento della Popolare di Bari sta alimentando le tensioni in seno alla maggioranza di governo su come intervenire sulla banca pugliese. Ieri il Cdm non ha partorito alcun decreto …
Bufera Popolare di Bari si abbatte sul governo, Di Maio e Renzi dettano le condizioni per salvataggio
Il commissariamento della Popolare di Bari apre nuove crepe nel governo Conte bis con il cdm di ieri sera che ha visto le assenze pesanti di M5S e Italia Viva …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #41
    L'avatar di investart
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    14,992
    Mentioned
    35 Post(s)
    Quoted
    657 Post(s)
    Potenza rep
    42949686

    Investire nel vino

    Vista la competenza in materia dell' "Amico dell'Arte" Sestertius e certamente di tanti appassionati come lui, mi sembra doveroso aprire qui sul FOL un'apposita sezione dedicata a "Investire nel vino"

    Da non addetto ai lavori per rompere il ghiaccio riporto come primo messaggio un interessantissimo articolo preso da http://www.newsfood.com/q/1665/investire-nel-vino/

    Investire nel vino

    Emessi i titoli dal Banco di Sicilia su importanti aziende vinicole italiane


    Riproposto anche quest'anno per gli amanti del vino un investimento che unisce l'utile al dilettevole


    Riproposto anche quest'anno per gli amanti del vino un investimento che unisce l'utile al dilettevole, si tratta dei 4.000 nuovi certificati 'en primeur' per un valore complessivo di 700.000 euro messi a disposizione dal Banco di Sicilia ed emessi da quattro prestigiose aziende vitivinicole italiane: le siciliane Benanti e Donnafugata, la toscana Sette Ponti e la piemontese Viberti Fantino.

    Cosa si intende per 'en primeur'?


    È un'innovativa formula che consente ai consumatori la possibilità di acquistare bottiglie di vino alcuni anni o parecchi mesi prima che queste vengano immesse sul mercato. Tale forma di commercializzazione è normalmente riservata ai vini di alta o altissima qualità e funziona come un contratto future. L'en primeur nasce in Francia, nella regione di Bordeaux, dove da sempre i vini dei più famosi chateaux sono venduti con questa formula.

    Come funzionano i certificati ' en primeur'?


    Si tratta di certificati che danno la possibilità di acquistare 'a pronti' una determinata quantità di bottiglie al fine di poterle ricevere a termine (cioè alla scadenza indicata sul certificato). L'offerta del Banco di Sicilia riguarda nel dettaglio le seguenti cantine:

    Benanti (azienda catanese, alle falde dell'Etna, eletta 'Cantina dell'anno' 2006 dalla guida Gambero Rosso/Slow Food) collegherà i suoi mille certificati a due prestigiosi vini rossi Igt di Sicilia, ambedue dell'annata 2004: Il Drappo (3 bottiglie da 0,75) e Majora (3 bottiglie da 0,75).

    Donnafugata (azienda trapanese con vigneti fra Marsala, Contessa Entellina e Pantelleria), emette mille certificati collegati a due bottiglie magnum del Mille e una notte, un vino rosso Doc Contessa Entellina, Nero d'Avola 90%, annata 2005.

    Tenuta Sette Ponti (azienda ubicata tra Arezzo e Firenze, più volte segnalata dall'autorevole rivista 'Wine Spectator'): mille certificati collegati a sei bottiglie da 0,75 di Oreno, annata 2005.

    Viberti Fantino (nel cuore della Morra, in provincia di Cuneo, la cui produzione negli ultimi anni è stata particolarmente apprezzata nel mercato americano): mille certificati collegati a sei bottiglie da 0,75 del Barolo Riserva 2000, un Docg, nebiolo, prodotto con uve da vigneti coltivati con sistema Guyot a un'altitudine di 300 metri sul livello del mare.

    Requisiti dei vini a certificato


    Le produzioni devono rispondere a dei precisi criteri di produzione. Innanzitutto, devono essere limitate e devono riguardare vini sottoposti a un periodo di invecchiamento minimo di 18 mesi, di cui almeno una parte in barrique, con successivo affinamento in bottiglia. Inoltre, l'elevata qualità deve essere riconosciuta da un panel di esperti.
    Si tratta di certificati a doppia garanzia su cui il Banco di Sicilia offre il rimborso del valore nominale del certificato (performance bond) nel caso in cui l'azienda produttrice non dovesse consegnare il vino alla scadenza pattuita. I titoli sono trasferibili mediante girata.
    Privati, enoteche, grossisti e ristoratori potranno acquistare i nuovi certificati rappresentativi di vino pregiato in fase di invecchiamento, in uno dei 554 sportelli della banca

    Vantaggi


    Per quanto riguarda il produttore si tratta di incassare il corrispettivo prima della effettiva consegna della merce.
    L'acquirente ha invece la possibilità di acquistare le bottiglie ad un prezzo sicuramente più basso rispetto a quello che lo stesso vino avrà dopo due o tre anni ovvero il termine dopo il quale potrà essere commercializzato in base al disciplinare di produzione.
    Inoltre non è necessario che la persona che alla scadenza ritirerà la merce sia la stessa che ha sottoscritto il contratto.
    Il certificato del contratto a termine, infatti, può costituire oggetto di scambio ed in quanto tale può essere considerato anche come un puro investimento finanziario.

    Eno-investimenti


    L'investimento in vini d'annata non è certo nuova al mercato borsistico che ha già assistito alla nascita nel 1999 del Liv-Ex (London International Vintage Exchange) Fine Wine Index.
    Si tratta di un 'borsino' che riflette il valore medio di quello che dovrebbero essere i 100 migliori e più commercialmente ambiti vini del pianeta.
    Questi 100 vini che compongono il borsino possono variare ogni mese in base agli eventuali cambiamenti del mercato del vino, e anche in base alle opinioni dei membri del 'committee', il comitato direttivo del Liv-Ex, composta da grandi professionisti del più alto commercio vitivinicolo del pianeta. L'indice, decisamente sbilanciato sulle produzioni francesi, si compone al 93,58% di vini Bordeaux, al 1,56% di Champagne, al 1,56% di Borgogna, al 0,81% di Borgogna, allo 0,52% di vini italiani.

    Sempre in predominanza francese il vino che approda nelle contrattazioni di Borsa in Italia come nel caso del 'Winefex Bordeaux', lanciato nel 2001 da Euronext, che riguarda unicamente la produzione di Bordeaux. Sarà che in Francia il vino non è solo bene di consumo ma anche di investimento, nel 2001 nasce proprio a Parigi il primo fondo comune di investimento sui vini.

  2. #42

    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    332
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    14428746
    Citazione Originariamente Scritto da investart Visualizza Messaggio
    Vista la competenza in materia dell' "Amico dell'Arte" Sestertius
    L'entusiasmo del mitico investart, che ringrazio del pensiero, l'ha portato ad attribuirmi una competenza che non mi appartiene. Come produttore, che beve preferibilmente acqua , auspico che beviate (responsabilmente) anziché investire .
    Detto ciò, se qualcuno di veramente esperto si farà promotore di questa discussione, sarò il primo affezionato lettore.

  3. #43
    L'avatar di investart
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    14,992
    Mentioned
    35 Post(s)
    Quoted
    657 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da Sestertius Visualizza Messaggio
    L'entusiasmo del mitico investart, che ringrazio del pensiero, l'ha portato ad attribuirmi una competenza che non mi appartiene. Come produttore, che beve preferibilmente acqua , auspico che beviate (responsabilmente) anziché investire .
    Detto ciò, se qualcuno di veramente esperto si farà promotore di questa discussione, sarò il primo affezionato lettore.
    Nel campo del vino da collezione ( = investimento ??? ) io posso portare fino ad oggi solo questa personalissima esperienza.
    Qualche anno fà acquistai ad un asta ( per la compulsivitàdi dover com.que acquistare qualche cosa) ) due bottiglie di PORTO con 100 anni l'una di "anzianità".

    Ora fanno la loro bella figura in cantinetta.

  4. #44
    L'avatar di dura-lex sed-lex
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    4,752
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da investart Visualizza Messaggio
    Nel campo del vino da collezione ( = investimento ??? ) io posso portare fino ad oggi solo questa personalissima esperienza.
    Qualche anno fà acquistai ad un asta ( per la compulsivitàdi dover com.que acquistare qualche cosa) ) due bottiglie di PORTO con 100 anni l'una di "anzianità".

    Ora fanno la loro bella figura in cantinetta.
    Amo il vino da sempre
    e colleziono qualcosa
    (riservo i miei SASSICAIA per la nascita del mio primogenito) !

    e comunque (a prescindere dalla location):
    http://www.youtube.com/watch?v=KpHjpbRE1n4

  5. #45
    L'avatar di Ghigo_Fi
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    557
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    25 Post(s)
    Potenza rep
    12006742
    Personalmente, sono per berlo il vino, non per collezionarlo. Ho qualche bottiglia di 30-40 anni, ma so benissimo che al momento di aprirle, saranno una delusione...

  6. #46
    L'avatar di investart
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    14,992
    Mentioned
    35 Post(s)
    Quoted
    657 Post(s)
    Potenza rep
    42949686

    Cool Giacobazzi 8 e ½

    Citazione Originariamente Scritto da Ghigo_Fi Visualizza Messaggio
    Personalmente, sono per berlo il vino, non per collezionarlo. Ho qualche bottiglia di 30-40 anni, ma so benissimo che al momento di aprirle, saranno una delusione...
    Mio padre ha una "buona" collezione di quelle migno ( soprattutto di super-alcolici ) molto in voga negli anni '70, a mio avviso ha qualche "bottiglietta" molto "valida" economicamente parlando...

    E sempre rimanendo in tema di VINO & INVESTIMENTI è con estremo piacere che ho modo di ricordare l'indimenticabile GILLES VILLENEUVE "volto-immagine" del vino in lattina GIACOBAZZI 8 e 1/2 che è ad oggi una delle più grandi rarità tra i collezionisti di tutto il mondo che esprime oggi il nostro paese, parlando con amici americani, sembra che la quotazione ad oggi di quelli INTROVABILI lattine da 33 cc. sia di circa 3000 Euro

    Per altre info vi rimando a leggere qui:

    http://it.answers.yahoo.com/question...4053531AAx5lcG

  7. #47

  8. #48
    L'avatar di investart
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    14,992
    Mentioned
    35 Post(s)
    Quoted
    657 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da investart Visualizza Messaggio
    Mio padre ha una "buona" collezione di quelle migno ( soprattutto di super-alcolici ) molto in voga negli anni '70, a mio avviso ha qualche "bottiglietta" molto "valida" economicamente parlando...

    E sempre rimanendo in tema di VINO & INVESTIMENTI è con estremo piacere che ho modo di ricordare l'indimenticabile GILLES VILLENEUVE "volto-immagine" del vino in lattina GIACOBAZZI 8 e 1/2 che è ad oggi una delle più grandi rarità tra i collezionisti di tutto il mondo che esprime oggi il nostro paese, parlando con amici americani, sembra che la quotazione ad oggi di quelli INTROVABILI lattine da 33 cc. sia di circa 3000 Euro

    Per altre info vi rimando a leggere qui:

    http://it.answers.yahoo.com/question...4053531AAx5lcG
    Per darvi un ulteriore prova della assoluta rarità del Giacobazzi 8 e ½ basta dirvi che nel sito web ufficiale dell’azienda Giacobazzi ( http://www.ciwine.it/ )non vi è traccia nella sezione che parla della loro storia di questo “unico e primo” prodotto che è stato il vino in lattina. Anni fa, inizii anni 2000 scrissi anche una mail all’Azienda ( mai avuto risposta ) per invitarli a citare il vino in lattina, ma non so il perché ad oggi ancora non ne parlano.

  9. #49
    L'avatar di dura-lex sed-lex
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    4,752
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da investart Visualizza Messaggio
    Per darvi un ulteriore prova della assoluta rarità del Giacobazzi 8 e ½ basta dirvi che nel sito web ufficiale dell’azienda Giacobazzi ( http://www.ciwine.it/ )non vi è traccia nella sezione che parla della loro storia di questo “unico e primo” prodotto che è stato il vino in lattina. Anni fa, inizii anni 2000 scrissi anche una mail all’Azienda ( mai avuto risposta ) per invitarli a citare il vino in lattina, ma non so il perché ad oggi ancora non ne parlano.
    mmmhhh...
    Questo però non sembra deporre a favore dell'interesse su quella merce
    e dell'eventuale proficuo investimento sulla stessa...

  10. #50
    L'avatar di investart
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    14,992
    Mentioned
    35 Post(s)
    Quoted
    657 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da dura-lex sed-lex Visualizza Messaggio
    mmmhhh...
    Questo però non sembra deporre a favore dell'interesse su quella merce
    e dell'eventuale proficuo investimento sulla stessa...
    Forse in azienda hanno il rognone perchè non hanno nemmeno loro conservato nemmeno una lattina !!!

Accedi